Dragged Across Concrete

Film 2018 | Azione +16 159 min.

Titolo originaleDragged Across Concrete
Anno2018
GenereAzione
ProduzioneUSA, Canada
Durata159 minuti
Regia diS. Craig Zahler
AttoriMel Gibson, Vince Vaughn, Jennifer Carpenter, Laurie Holden, Udo Kier, Fred Melamed Primo Allon, Justine Warrington, Jenn Griffin, Myles Truitt.
DistribuzioneAdler Entertainment
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di S. Craig Zahler. Un film con Mel Gibson, Vince Vaughn, Jennifer Carpenter, Laurie Holden, Udo Kier, Fred Melamed. Cast completo Titolo originale: Dragged Across Concrete. Genere Azione - USA, Canada, 2018, durata 159 minuti. distribuito da Adler Entertainment. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Dragged Across Concrete tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dopo uno scandalo, due poliziotti devono unire le forze ad un gruppo di criminali per risolvere la situazione.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
Critica
Cinema
Trailer
La tensione c'é, Mel Gibson non delude, ma il poliziesco di Zahler è meno brillante di quanto vorrebbe far credere.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 5 settembre 2018
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 5 settembre 2018

C'è un poliziotto di lunga esperienza di nome Ridgeman e c'è il suo partner più giovane, più goloso e chiacchierone: Anthony. Durante l'arresto di uno spacciatore latinoamericano, i due ci vanno giù poco leggeri e vengono ripresi dalla videocamera di un vicino indignato e sbattuti al telegiornale. Dovranno starsene a riposo, da bravi civili, per sei settimane non pagate. Peccato che abbiano urgente bisogno di soldi e che le loro ragioni siano nobili ma le intenzioni molto meno.

S. Craig Zahler aveva scritto questa sceneggiatura ben prima di avere accesso al genere di budget che l'avrebbe resa producibile e intanto si è fatto le ossa su altri due film, durante i quali ha messo in opera il suo interesse per il genere e per i personaggi sfaccettati, che scuotono lo stereotipo dall'interno.

Si intuisce molto presto, anche per le disgrazie famigliari che li accomunano, che c'è un filo che lega Ridgeman, detective capace ma consumato dalla fedeltà ad un sistema che non premierà mai quelli come lui (quelli senza la giacca di un Don Johnson), a Henry, il giovane nero appena uscito di prigione, il quale non si fa illusioni sul mestiere che gli tocca nella vita, essendo molto più intelligente di quello che può apparire a prima vista.

Si intuisce che si arriverà ad un confronto tra i due, così come non è difficile raccontarsi la sorte di Kelly Summer, neomamma in crisi d'ansia, prima che bussi alla porta. Ma non è un problema. Non è in questo genere di cose che il film ci tiene a scartarsi dalla norma, e poi ci sono degli step da onorare nel racconto di genere e qui non sono pochi, perché l'affresco è ricco, popolato e tutto fuorché sbrigativo. C'è invece un interesse in più nelle pieghe del rapporto tipico del buddy cop movie tra Ridgeman e Anthony, così come in quello tra il poliziotto e il giovane criminale, ed è la questione razziale. Più che nelle caratterizzazioni spiritose dei personaggi, con Mel Gibson specializzato in stime percentuali su qualsiasi scelta da fare e Vince Vaughn uso ad esclamare "Acciughe!", è su quel terreno, infatti, che il film abbozza una dinamica più complessa.

Una sottotraccia che prende le mosse dall'accusa di razzismo rivolte ai metodi di Ridgeman e passa dall'umana e comprensibile esasperazione della moglie per il quartiere in cui vive, dall'apparenza ultra white del feroce Vogelmann, ma anche, visivamente, dal cerone bianco che i due criminali neri indossano come travestimento, quando devono guidare il furgone della rapina lungo il tragitto predeterminato, e che li fa sembrare ispanici. L'intrattenimento resta il faro principale ma su di esso il film innesta una riflessione pessimista sulle diverse comunità che vivono nello stesso luogo ma non convivono mai, se non nelle eccezioni alla regola.

Il terzo lungometraggio di S. Craig Zahler, in definitiva, è però un poliziesco meno originale e brillante di quello che vorrebbe far credere, sempre una spanna al di sotto delle proprie ambizioni, ma può contare su una buona tensione nella maxi sequenza principale e sulla solida performance di Mel Gibson, nel ruolo che da sempre gli calza meglio di tutti.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 3 settembre 2018
ROBERT EROICA

#Venezia75 - DRAGGED ACROSS CONCRETE - Fuori Concorso - Due poliziotti vengono "sospesi" dal servizio per i loro metodi poco ortodossi. Tenteranno di rifarsi rubando un ingente carico d'oro ad una banda di feroci malviventi. Un poliziesco brutto, sporco e cattivo, politicamente scorrettissimo, adattissimo per un Mel Gibson in gran forma, bena coadiuvato da Vince Vaughn.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati