Loveless

Film 2017 | Drammatico +13 128 min.

Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneRussia
Durata128 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diAndrey Zvyagintsev
AttoriMaryana Spivak, Aleksey Rozin, Matvey Novikov, Marina Vasilyeva, Andris Keiss Aleksey Fateev, Varvara Shmykova, Daria Pisareva, Yanina Hope, Maxim Stoianov.
Uscitamercoledì 6 dicembre 2017
TagDa vedere 2017
DistribuzioneAcademy Two
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,76 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Andrey Zvyagintsev. Un film Da vedere 2017 con Maryana Spivak, Aleksey Rozin, Matvey Novikov, Marina Vasilyeva, Andris Keiss. Cast completo Genere Drammatico - Russia, 2017, durata 128 minuti. Uscita cinema mercoledì 6 dicembre 2017 distribuito da Academy Two. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,76 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Loveless tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una coppia di genitori divorziati deve fare i conti con la scomparsa improvvisa del figlio dodicenne. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Cannes, 1 candidatura a Golden Globes e 1 candidatura a BAFTA. In Italia al Box Office Loveless ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 289 mila euro e 59 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,76/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 4,20
PUBBLICO 3,57
CONSIGLIATO SÌ
Zvyagintsev conferma il suo straordinario potenziale in un dramma familiare che si fa opera di denuncia di un'intera società.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 18 maggio 2017
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 18 maggio 2017

Zhenya e Boris hanno deciso di divorziare. Non si tratta però di una separazione pacifica, carica com'è di rancori, risentimenti e recriminazioni. Entrambi hanno già un nuovo partner con cui iniziare una nuova fase della loro vita. C'è però un ostacolo difficile da superare: il futuro di Alyosha, il loro figlio dodicenne, che nessuno dei due ha mai veramente amato. Il bambino un giorno scompare.
Andrey Zvyagintsev fin dalla sua prima comparsa sugli schermi internazionali con Il ritorno ha avuto modo di farsi notare. Quel film gli valse il Leone d'Oro alla Mostra di Venezia anche se aveva qualche debito di troppo con Maestri come Tarkovsky e Sokurov.

La giuria aveva però colto il grande potenziale di un regista che ha saputo dispiegarlo originalmente nei film successivi non nascondendo comunque le sue fonti di ispirazione. Come in questo caso in cui afferma di aver pensato a uno Scene da un matrimonio di bergmaniana memoria trasferendolo nella Russia odierna.

Rispetto al suo modello ha mostrato grandi doti di sintesi e, soprattutto, il desiderio di proseguire una lettura della condizione attuale del proprio Paese filtrata attraverso le vicende di persone comuni.

Il suo è uno sguardo privo di qualsiasi pietà nei confronti di una nuova generazione parentale che ha perso qualsiasi senso di appartenenza. Alyosha non 'appartiene' a nessuno. Non al padre che, non contento di avere un figlio di cui non si è mai occupato, ha già messo incinta la propria giovane nuova compagna con la quale ha intrecciato un legame che lo sta avviluppando mentre lui crede possa aprirgli nuovi orizzonti di vitalità. Lo stesso accade alla madre, Zhenya, la quale si è sposata per sfuggire al controllo oppressivo di una madre amata/odiata e ha vissuto la gravidanza come un peso che tuttora si trova davanti nell'aspetto di un bambino che non ama e da cui non si sente amata.

Anche lei è convinta che la propria nuova storia cambierà totalmente la sua vita in quanto per la prima volta ama ed è riamata. Il problema risiede nel fatto che nessuno dei due ha compreso il senso del sentimento di cui parlano e, soprattutto, manca loro l'idea della responsabilità che si sono assunta. Ci pensa Alyosha a ricordargliela scomparendo e quindi costringendoli a ripensare alle loro pseudo scelte. Il che non significa che ciò sia sufficiente per due adulti (in senso strettamente anagrafico) per i quali la vera preoccupazione è stata, fino ad allora, come potersi liberare di lui addossandolo all'altro. Qui però non siamo nel clima di commedia esasperata alla Mamma o papà? e non solo perché il tono della narrazione è totalmente differente. Siamo distanti perché viene messa in discussione l'intera società, senza per questo giustificare i singoli grazie alle sue 'colpe'.

Era indubbiamente facile mostrare Zhenya in metropolitana impegnata, come diversi altri passeggeri, con il proprio telefono cellulare. Lo era meno mostrare come nell'attuale laica Russia sia tornato a giocare un ruolo non secondario l'appartenenza alla chiesa ortodossa. La vera e unica remora di Boris dinanzi al divorzio è costituita dal fatto che nell'azienda in cui lavora si deve essere regolarmente sposati salvo perdere il posto. L'apparato della sicurezza interna non è migliore (il poliziotto 'buono' chiarisce sin da subito che il bambino non verrà ritrovato a meno che non faccia ritorno da solo). In una società così disfunzionale resta un'unica speranza: il volontariato. La presenza di uomini e donne che, senza alcun compenso e con elevata preparazione, si impegnano nella ricerca di Alyosha, è l'unica fonte di calore in un panorama algido.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?

LOVELESS disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 11 dicembre 2017
Zarar

Opera in nero, per così dire. Immaginate una storia gelida e senza speranza, su di uno sfondo gelido e senza speranza. A Mosca Boris e Zhenya, in procinto di divorziare, carichi di rancori, frustrazioni e insofferenza reciproca, già legati a partner diversi altrettanto improbabili quanto quello che si lasciano alle spalle, già impegnati a vendere la casa comune, non sanno letteralmente [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 dicembre 2017
Nanni

Loveless o la disgregazione della famiglia tradizionale nel primo mondo all'inzio del terzo millennio. La famiglia è storicamente e strutturalmente un soggetto economico fondato su una rigida divisione dei ruoli uomo/donna la cui stabilità e solidità dipende esclusivamente dalla subalternità femminile e mai dall'affettività che semmai è accessoria. Vai alla recensione »

martedì 19 dicembre 2017
angelo umana

 Loveless, ovvero ciò che non si dovrebbe mai dire e fare nei confronti dei bambini. Si provi a chiedere a un bambino come è sentirsi rifiutato o senza importanza. Due genitori nel fiore degli anni, che ancora sentono forti i sintomi di innamoramenti facili per altri partner, presi dalle loro rispettive storie segrete ma “poveri” di sentimenti, vite modeste: l'una [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 dicembre 2017
vanessa zarastro

La borghesia dei paesi nordici è spesso rappresentata in un modo spietato. Così in molti film di Susanne Bier (Dopo il matrimonio del 2006) in tanti di Bergman (Scene da un matrimonio del 1973) e in quelli Thomas Vinterberg (Festen - Festa in famiglia del 1998). Siamo a Mosca nel 2012. Genia e Boris sono una coppia sull’orlo del divorzio.

giovedì 31 maggio 2018
mareincrespato70

Loveless è un film che mi ha entusiasmato,  da non perdere, una perla cinematografica che,  grazie ad una solida sceneggiatura e un’indimenticabile perfezione formale, ci parla della Russia contemporanea, ma anche di umanità universale,  attraverso le peripezie (eufemismo) familiari di una coppia borghese, alle prese con una crisi personale ed esistenziale ingestibile  [...] Vai alla recensione »

domenica 7 gennaio 2018
Francesco Izzo

Già nelle stupende inquadrature iniziali, il freddo e il silenzio in riva al fiume russo esprimono bene ciò che poi il film ci racconterà: fondamentalmente chiusura egoistica ,freddezza di rapporti e indifferenza  verso il bambino dodicenne, frutto innocente di una relazione finita nel risentimento e nell'odio reciproci.

mercoledì 20 dicembre 2017
rickyantolini

Il film è un aspra e amara critica alla società moderna persa nella superficialità dell'amore delle relazioni, della fede, accecata dal banale, che pone la domanda -che cosa cerchiamo? Ma è soprattutto una società che rischia di perdere un futuro (o forse lo ha già perso) - tema centrale secondo me - dove la speranza è affidata a pochi baluardi coraggiosi (anche se spinti da un moto quasi asettico [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 agosto 2018
ralphscott

Dò due stelle perchè si vede che dietro la cinepresa c'è un professionista,ma la noia e la rabbia per l'ennesimo prodotto pretenzioso e sopravvalutato mi farebbero scendere col voto. Ma è possibile girare due ore abbondanti di prodotto insipido,piatto e squilibrato per trasmettere la solita crisi coniugale,lo squasso familiare,rancori,figlio travolto dagli eventi,ecc.? [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 gennaio 2018
iconologo

Quando Z. esce  dalla simbologia che gli era riiuscita potente in leviathan pasticcia. A parte lentezze e calligrafismo di alberi piegati dalla neve e falansteri, ci vuole un pò di grammatica ( e di montaggio) per fare il noir. alla russa Se tutti i personaggi sono egoisti e aggressivi (e neppure il nuovo fidanzato di lei mostra delle qualità, se lei va fuori casa a fare cyclette [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 dicembre 2017
FabioFeli

Nella periferia di una metropoli russa (Mosca? Novosibirsk? Chissà? Però gli zombi con gli smartphone e i fanatici dei selfie sono identici a quelli delle nostre città) una coppia visita una casa in vendita, ma ancora abitata da Zhenya (Maryana Spivak) e Aliosha (Matvey Novikow), il figlio dodicenne. Il marito della donna, Boris (Aleksey Rozin) è al lavoro e quando torna [...] Vai alla recensione »

martedì 12 dicembre 2017
Flyanto

 Andrey Zvyagintsev ritorna felicemente nelle sale cinematografiche con il suo ultimo film "Loveless". Dal titolo stesso si evince che la totale mancanza di amore e di una qualsiasi manifestazione di affetto non reca nulla di buono ed è ciò che puntualmente avviene nel corso della storia qui presentata. Una giovane coppia sta per divorziare e la loro separazione [...] Vai alla recensione »

martedì 8 maggio 2018
marton

Un insieme di condanna, commiserazione, resa, a volte quasi elogio all’egoismo, file rouge comune a tutti i personaggi. Film crudo, lento, triste, costruito su un neorealismo dei giorni nostri, a tratti ovvio. Da cineforum. Avendo altro da fare si può  anche evitare di andare a vederlo, specie se avete già il morale basso.

mercoledì 25 aprile 2018
Ennio

Mentre sullo schermo scorrono le vite normalmente problematiche dei protagonisti, il vero protagonista è lui, il bambino assente, il bambino non amato, il frutto ultimo degli errori, dell'anaffettività, dell'indifferenza di chi lo doveva amare e sostenere. A partire da lontano, da una nonna acida e arcigna, che per una volta si sente assurdamente, e ingiustamente, accusa [...] Vai alla recensione »

martedì 27 febbraio 2018
LBavassano

Affonda il coltello nella piaga, Andrey Zvyagintsev, dell'egoismo e del rancore, e ne estrae tutta la materia sgradevole che preferiremmo non vedere, ma di cui per gran parte siamo fatti. Ce la sbatte in faccia, narrando una storia di scomparsa, di vuoto, quotidiana eppur fortemente simbolica. Senza alcuna forma di retorica, ma come su di un tavolo autoptico, facendo parlare soprattutto i corpi, [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 febbraio 2018
mafalda59

nessuno è riuscito a rappresentare l'infelicità come in questo film!

sabato 6 gennaio 2018
dontacc

Loveless: non ha un città, una paese, una nazione, un luogo geografico definito. E' lo stile di vita di chi non ama! E' lo stile di vita di chi non è mai stato amato. Si può vivere senza amore? SI! Ma come? Andando sempre alla ricerca di altro che possa riempirci. La mamma del film fugge dai toni accusatori della sua mamma cercando l'amore in un uomo che non ha mai [...] Vai alla recensione »

sabato 6 gennaio 2018
Leonardo2018

Bella la fotografia e la musica, ma la regia e il montaggio lasciano a desiderare. Un film lento, molto scontato nella sua evoluzione, che al termine finisce di punto in bianco senza che si possa capire cosa è successo. Anche i sentimenti dei personaggi potrebbero essere esplicitati e raccontati meglio. Così si esce dalla sala con l'amaro in bocca.

giovedì 14 dicembre 2017
Manuela Zarattini

Un groviglio di relazioni senza amore dove il dramma della fuga piccolo Aliosha è solo la punta dell'iceberg. Un film che scava dentro l'animo in profondità. L'incapacità di amare viene rappresentata non solo mediante l'ottima interpretazione dei protagonisti ma anche con le immagini: interni sempre in penombra o bui, un clima freddo e ostile, inquadrature spesso cristallizzate e ferme.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 7 dicembre 2017
Roberto Nepoti
La Repubblica

Vincitore del Leone d'oro nel 2003 col suo film d'esordio, II ritorno, il russo Andrey Zvyagintsev pare aver contratto il morbo del capolavoro. Tre anni fa ha diretto il sublime Leviathan, parabola di potenza biblica, e ora torna con Loveless, premio della giuria di Cannes: un film che s'installa nella mente e ci resta a lungo. Una coppia in fase di divorzio elabora il lutto dell'amore finito tra continui [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 dicembre 2017
Giona A. Nazzaro
Il Manifesto

È in equilibrio perfetto in quanto a misoginia, pietas, violenza e rapporto sulla società russa contemporanea, Nelyubov di Andrey Zvyagintsev, ribattezzato Loveless (mancanza d'amore), premio della giuria al festival di Cannes e candidato all'Oscar per la Russia come miglior film straniero. Se non fosse abbastanza chiaro, si aprono finestre sullo stato delle cose attraverso i bollettini che trasmette [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 dicembre 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Non dovete farci caso. Né che sia russo, né, tanto meno, che abbia vinto il Premio della Giuria all'ultimo Festival di Cannes. È la crudele storia di una separazione tra due giovani coniugi benestanti, che pensano solo a rinfacciarsi colpe e a sfogare rancori. Entrambi cercano conforto nel nuovo compagno, infischiandosene della sofferenza del figlio dodicenne.

giovedì 7 dicembre 2017
Fulvia Caprara
La Stampa

Immersi nel gorgo gelido del loro egoismo, due genitori in via di separazione si ritrovano a fare i conti con la scomparsa del figlio dodicenne. Un bambino che, in fondo, non hanno mai amato e che adesso, alle soglie dei loro nuovi inizi, «diventa uno straccio che si lanciano con rancore uno in faccia all'altro». Sia Zhenya (Maryana Spivak) che Boris (Aleksey Rozin) sono protesi verso un nuovo futuro, [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 dicembre 2017
Claudio Trionfera
Il Messaggero

Zero sole. Soltanto neve, poltiglia e fumi. Quartiere Juznoe Tusino, distretto nord-occidentale nell'ultra-periferia di Mosca e forse del mondo. È qua che si consuma l'apoteosi dell'anaffettività e della dissoluzione famigliare tra Zhenya e Boris, moglie e marito che si scambiano silenzi, veleni e ferocia incuranti di Alyosha, figlio dodicenne disperato, piangente e solo davanti agli stracci che volano. [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
sabato 2 dicembre 2017
 

Zhenya e Boris hanno deciso di divorziare. Non si tratta però di una separazione pacifica, carica com'è di rancori, risentimenti e recriminazioni. Entrambi hanno già un nuovo partner con cui iniziare una nuova fase della loro vita.

VIDEO RECENSIONE
mercoledì 22 novembre 2017
 

Zhenya e Boris hanno deciso di divorziare. Non si tratta però di una separazione pacifica, carica com'è di rancori, risentimenti e recriminazioni. Entrambi hanno già un nuovo partner con cui iniziare una nuova fase della loro vita.

POSTER
mercoledì 15 novembre 2017
 

Zhenya e Boris hanno deciso di divorziare. Non si tratta però di una separazione pacifica, carica com'è di rancori, risentimenti e recriminazioni. Entrambi hanno già un nuovo partner con cui iniziare una nuova fase della loro vita.

winner
premio della giuria
Festival di Cannes
2017
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati