A Ghost Story

Film 2017 | Drammatico, Fantasy, Sentimentale +13 87 min.

Titolo originaleA Ghost Story
Anno2017
GenereDrammatico, Fantasy, Sentimentale
ProduzioneUSA
Durata87 minuti
Regia diDavid Lowery
AttoriCasey Affleck, Rooney Mara, Will Oldham, Sonia Acevedo, Rob Zabrecky, Liz Franke Carlos Bermudez, McColm Cephas Jr., Grover Coulson, Daniel Escudero, Kimberly Fiddes, Augustine Frizzell, Brea Grant.
TagDa vedere 2017
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,84 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di David Lowery. Un film Da vedere 2017 con Casey Affleck, Rooney Mara, Will Oldham, Sonia Acevedo, Rob Zabrecky, Liz Franke. Cast completo Titolo originale: A Ghost Story. Genere Drammatico, Fantasy, Sentimentale - USA, 2017, durata 87 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,84 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi A Ghost Story tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un fantasma torna in quella che era stata la sua casa e dove ora c'è la sua amante, sola con il suo dolore. Al Box Office Usa A Ghost Story ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 1,5 milioni di dollari e 108 mila dollari nel primo weekend.

A Ghost Story è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,84/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,67
CONSIGLIATO SÌ
Il vagabondare di un fantasma, tra oppressione e aura sospesa, come in un cerchio dantesco.
Recensione di Diana Cardani
lunedì 25 giugno 2018
Recensione di Diana Cardani
lunedì 25 giugno 2018

Un fantasma vaga per campi e strade fino ad arrivare ad una casa di periferia: è qui che, in vita, abitava l'anima sotto a quel telo candido, insieme alla moglie. Una vita ordinaria, piena di tenerezza, consumata quotidianamente all'interno di quell'abitazione a cui lui era molto affezionato ma che lei, inutilmente, voleva cambiare. Fino alla morte, improvvisa, del marito proprio nella strada che costeggia la stessa casa: da quel momento in poi il suo spirito sarà destinato a vagare per sempre (o forse no?) all'interno di quelle mura: nella teoria di un universo ciclico che nasce, muore e rinasce dovrà fare i conti con il suo futuro che sarà, contemporaneamente, anche il suo passato.

Un ritmo lento e inesorabile, lunghi e statici piani sequenza e il tempo che scorre rapido, in modo quasi impercettibile.

Come in un cerchio, cornice o cielo dantesco: non è, forse, un caso che la ratio scelta dal regista sia un 4:3 (o 1.33:1) e l'intero film sia girato a 33 fotogrammi al secondo - eccola qui, la reiterazione del numero tanto caro al poeta fiorentino -, scelta stilistica che, indubbiamente, conferisce al film un generale clima di oppressione e un'aura sospesa, quasi immateriale, sottolineata dall'opacità dei colori, dai toni prevalentemente freddi.

Inoltre, a livello costruttivo, la narrazione è divisa perfettamente in tre parti da due immobili piani sequenza; il vagabondare del fantasma viene interrotto da questi momenti cruciali che rallentano ulteriormente il tempo inglobandolo in un'atmosfera ovattata: nel primo troviamo, accovacciata a terra, la moglie che ingoia forzatamente dei bocconi di torta al cioccolato cercando di reprimere quelle lacrime che non vedremo mai scendere sul suo volto. Successivamente, in quella casa ormai abbandonata da tempo dalla vedova, compare un personaggio decisamente inutile ai fini della storia ma il cui monologo (nuovamente un motivo per sospendere la narrazione nell'unica sequenza vivace del film) presenta degli spunti di riflessione non indifferenti: l'idea pessimistica di un universo che, prima o poi, è destinato a scomparire e quella di destino come disegno precostituito, sono i concetti attorno ai quali il film stesso si costruisce.

Quella casa "piena di storia" tanto apprezzata nella vita terrena si trasforma in una prigione nella vita celeste. Tale costrizione è resa, figurativamente, proprio dal formato dell'immagine: piccola e quasi quadrata, come la base di una casa disegnata da un bambino; dai bordi arrotondati, come qualsiasi oggetto che un bambino può maneggiare affinché non sia pericoloso. Attraverso questa cornice seguiamo (come un'ombra) il fantasma che è, essenzialmente, un lenzuolo bianco con due buchi neri al posto degli occhi.

Le forme fanciullesche che sagomano il film si combinano ad un'anima decisamente densa, quasi inenarrabile (tanto che il silenzio è, in alcuni momenti, imperante): più il candore del telo che ricopre lo spirito si sporca, più siamo consapevoli di giungere ad una fine che, però, sembra non arrivare mai, almeno finché una traccia del passato, un intimo desiderio nascosto con cura, verrà riportata alla luce ricordando il vero motivo della permanenza.

A l'alta fantasia qui mancò possa;
ma già volgeva il mio disio e 'l velle,
sì come rota ch'igualmente è mossa,
l'amor che move il sole e l'altre stelle.

Sei d'accordo con Diana Cardani?
A GHOST STORY
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99 €14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 4 ottobre 2017
tmpsvita

 Poche, pochissime parole che lasciano spazio alle lunghe, alle volte quasi interminabili, inquadrature dal silenzio assordante che catturano delle splendide immagini, colorate da un impeccabile e fredda fotografia e incorniciate da un formato schermo vintage molto originale. Il film sembra parlare di nulla, visti i dialoghi quasi assenti, ma dalle immagini, vere e proprie poesie per gli occhi, [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 marzo 2018
Peer Gynt

Con un coraggio sconcertante, questo film ci racconta la solitaria vita di un fantasma mostrandocelo nella sua iconografia più semplice e ironicamente scarnificata: quella di un lungo lenzuolo bianco con due buchi per gli occhi. Bisogna accettare senza ridere questo fatto per entrare in questo piccolo film e farsene affascinare. Scegliendo un curioso formato di schermo (quadrato e con gli angoli [...] Vai alla recensione »

sabato 14 aprile 2018
Giovannastory

  Con questo film, i produttori di BIDONI a livello interstellare si sono superati. Forse raggiungendo vette ineguagliabili. Il regista e gli autori, di certo hanno inventato un nuovo genere: il Thruller  Trama commentata Una figura spettrale (un imbecille col lenzuolone che sembra un Bacio Perugina al negativo oppure un Caciocavallo in abito da sposa) - che un tempo era stata un [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 novembre 2018
Fenics

Questo film è noioso... Non ho potuto apprezzarlo assolutamente... È più interessante stare seduti su una panchina al parco e vedere cosa succede...

NEWS
TRAILER
mercoledì 29 marzo 2017
 

Una figura spettrale - che un tempo era stata un uomo - si fa strada verso la sua ex casa, dove sarà destinata a rimanere per sempre. L'uomo è morto qualche tempo prima in un incidente stradale proprio davanti a casa sua.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati