La pelle dell'orso

Film 2016 | Commedia +13 92 min.

Anno2016
GenereCommedia
ProduzioneItalia
Durata92 minuti
Regia diMarco Segato
AttoriMarco Paolini, Leonardo Mason, Lucia Mascino, Paolo Pierobon, Maria Paiato Mirko Artuso, Valerio Mazzuccato.
Uscitagiovedì 3 novembre 2016
TagDa vedere 2016
DistribuzioneParthénos
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,40 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Marco Segato. Un film Da vedere 2016 con Marco Paolini, Leonardo Mason, Lucia Mascino, Paolo Pierobon, Maria Paiato. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2016, durata 92 minuti. Uscita cinema giovedì 3 novembre 2016 distribuito da Parthénos. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,40 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La pelle dell'orso tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il racconto segue la storia di Domenico e di suo padre Pietro che, per sbarcare il lunario, accetta una pericolosa scommessa con il suo datore di lavoro. Il film ha ottenuto 1 candidatura a David di Donatello. In Italia al Box Office La pelle dell'orso ha incassato 88,8 mila euro .

La pelle dell'orso è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,40/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,29
CONSIGLIATO SÌ
Un film solido e coeso che riesce a raccontate con nitore e parsimonia il passaggio di potere e competenze che deve avvenire fra un padre e un figlio.
Recensione di Paola Casella
venerdì 28 ottobre 2016
Recensione di Paola Casella
venerdì 28 ottobre 2016

Anni Cinquanta. Domenico ha 14 anni e vive da solo con il padre Pietro da quando la madre è morta in circostanze misteriose. Pietro, uscito di galera, è il bersaglio della piccola comunità montana che lo considera "una bestia". Quando in paese si ripresenta el Diàol, il diavolo, un orso che ha già mietuto vittime in passato, Pietro intuisce la possibilità del suo riscatto: dunque scommette con il padrone della cava di pietra locale, Crepaz, che ucciderà l'orso. Se riuscirà nell'impresa guadagnerà una somma enorme per l'epoca e la zona. Se invece fallirà, regalerà un anno del suo lavoro di spaccapietre a Crepaz. Anche per Domenico la caccia all'orso è un'occasione: per riavvicinarsi al padre, mettere alla prova la propria abilità con il fucile, e dimostrare che non è un bocia, ma un giovane uomo pronto ad affacciarsi alla vita adulta.
Marco Segato, autore di documentari e regista teatrale formatosi all'Università di Padova e alla factory delle Scuole Civiche di Cinema di Milano, debutta al lungometraggio con una storia narrata in purezza, tratta dal romanzo di formazione "La pelle dell'orso" di Matteo Righetto. E fa una serie di scelte di grande saggezza e umiltà: scrive la sceneggiatura insieme a Marco Paolini, protagonista del film nei panni di Pietro (e soggetto di alcune regie teatrali di Segato), ed Enzo Monteleone; sceglie come direttrice della fotografia Daria D'Antonio, eccezionale nel far emergere le figure dal buio e nel dosare il fuoco fra primo piano e sfondo; affida i ruoli principali a Paolini e al giovanissimo ma efficace Leonardo Mason, e affianca loro un cast di interpreti di spessore, da Lucia Mascino a Paolo Pierobon a Maria Paiato; abbina al montaggio il "veterano" Paolo Cottignola (David di Donatello per Il mestiere delle armi) e la pluripremiata Esmeralda Calabria; infine costruisce un manto sonoro che riequilibra silenzi della montagna e dialoghi limati all'osso con le musiche di Andrea Felli (il suono è di Remo Ugolinelli e Alessandro Palmerini).
Vale la pena fare tanti nomi perché La pelle dell'orso è un lavoro di squadra capitanato con mano salda da un regista tanto abile nel delegare alle eccellenze quanto nel dare loro la linea da seguire: il risultato è un film solido e coeso che riesce a raccontate con nitore e parsimonia il passaggio di potere e competenze che deve avvenire fra un padre e un figlio, costruito attraverso reciproci appostamenti che occasionalmente coinvolgono anche un orso (assai ben filmato), funzionale alla formazione di un uomo, o forse anche di due.
La durezza dei personaggi e dei paesaggi è ben servita da una regia che rifiuta la spettacolarizzazione senza per questo rinunciare all'accessibilità narrativa, e i volti intagliati nel legno dei protagonisti contribuiscono al racconto più delle loro parole scarne e schive. A poco a poco ognuno svelerà i propri segreti, con pudore e sollievo: perché i macigni sulla coscienza non si spaccano con la vanga, ma con la capacità di ascolto.

Sei d'accordo con Paola Casella?
LA PELLE DELL'ORSO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 5 novembre 2016
angelo umana

 La locandina del film è promettente, con Marco Paolini e la sua immagine immane sulla natura dolomitica, certi poster e certi nomi promettono già buoni film. Vi è riportata la frase dello scalatore americano Royal Robbins: Le montagne restano immobili, siamo noi che dopo un’avventura non siamo più gli stessi. La frase completa era preceduta da Scalare non serve [...] Vai alla recensione »

sabato 29 ottobre 2016
gaiart

Le montagne restano immobili, siamo noi che dopo un’avventura non siamo più gli stessi. R. Robbins   La saggezza popolare dice che non bisogna vendere la pelle dell’orso prima di ucciderla. In realtà, La pelle dell’orso, con la regia di Marco Segato e Marco Paolini, in uscita il 3 novembre, rappresenta un’antitesi al detto e funge anche da metafora della [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 novembre 2016
Eugenio

Quando il film raggiunge un livello pari a quello del libro, non solo l’intento dell’autore è stato centrato in pieno in fase di sceneggiatura ma l’animo dello spettatore al termine della pellicola si sente appagato, contento e finalmente soddisfatto. Nel film La pelle dell’orso c’è tutto questo. C’è un riferimento letterario, il bel romanzo di formazione del (prof.

giovedì 13 luglio 2017
vanessa zarastro

L’opera prima di Marco Paolini risente del taglio documentarista del suo regista. Segato, infatti, è un regista teatrale padovano già autore di documentari. Tratto dal libro omonimo di Matteo Righetti, di cui il regista ha tagliato delle parti importanti (come la tragedia del Vajont) il film, presentato al concorso Annecy Cinéma Italien del 2016, mi sembra essere un po’ [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 novembre 2016
catcarlo

Per il suo esordio nel cinema di finzione, il documentarista Segato prende il romanzo del suo conterraneo e quasi coetaneo Matteo Righetto – entrambi sono padovani poco più che quarantenni – e lo fa suo in un film dedicato a Carlo Mazzacurati che, giocando per sottrazione con il racconto di genere, si rivela a sorpresa un’opera tanto affascinante da conquistare nel profondo.

martedì 8 novembre 2016
Flyanto

 Dopo un lungo sodalizio con Marco Paolini  nella sua attività teatrale, il regista Marco Segato dirige il suo primo lungometraggio intitolato "La Pelle dell'Orso". Dal titolo si evince già chiaramente che la vicenda ruota tutta intorno alla caccia spietata che viene condotta da un uomo (Marco Paolini) al fine di uccidere un temibile orso che da lungo tempo ormai [...] Vai alla recensione »

sabato 29 ottobre 2016
gaiart

LA PELLE DELL’ORSO       Le montagne restano immobili, siamo noi che dopo un avventura non siamo più gli stessi. R. Robbins   La saggezza popolare dice che non bisogna vendere la pelle dell’orso prima di ucciderla. In realtà, La pelle dell’orso, con la regia di Marco Segato e Marco Paolini, in uscita il 3 novembre, rappresenta un’antitesi [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 settembre 2017
enciclopediavera

Un film intenso con una interpretazione della Mascino eccellente. Rimani in silenzio insieme alle immagini che scorrono. Fermo. E' un film fatto di respiri e sguardi. Una visione diversa del cinema romano che sta spopolando

FOCUS
INCONTRI
giovedì 3 novembre 2016
Olivia Fanfani

L'attore Marco Paolini e il regista Marco Segato parlano del film La pelle dell'orso, una storia sul passaggio di potere e competenze che deve avvenire fra un padre e un figlio. Sugli echi della seconda guerra mondiale, un leggendario orso bruno si aggira tra i boschi delle vette più impervie delle Dolomiti. Pietro, uomo dai tratti rudi e freddi, in paese è considerato un reietto da tenere alla larga a causa di un passato turbolento, segnato dalla precoce morte della moglie e dalla violenza della galera. La caccia al "Diavolo" sarà il suo riscatto agli occhi di tutti, specialmente di quel figlio, Domenico, con cui non riesce a stringere un legame sincero, intrappolato dietro un muro di silenzi e profonda commiserazione. Scacciando lo scetticismo dei compaesani, Pietro parte solo, col suo fucile, per vendicare e vendicarsi di quell'orso mitologico considerato invincibile, nemesi ultima di un uomo/bestia da sempre respinto.
Raggiunto dal figlio, desideroso di riscattare il rugginoso rapporto col padre, Pietro investirà forza d'animo e assoluta determinazione nel cammino di redenzione che lo avvicinerà una volta per tutte al giovane Domenico, disposto a sacrificare ogni cosa.

Quando lavori con un regista e condividi con lui il progetto del film fino in fondo, il compito dell'attore è di accompagnarlo.

Quali sono state le difficoltà maggiori incontrate nell'adattare un romanzo a opera cinematografica, rispettando gli stilemi del racconto originale?
Marco Segato: Il lavoro di scrittura appartiene, da una parte, alla scrittura di Marco Paolini, dall'altra alla mia esperienza di documentarista, che cerca nei posti e nei volti delle persone la storia che vuole raccontare. Per questo, mentre costruivamo il film, contemporaneamente facevamo dei sopralluoghi. Attingendo ai personaggi incontrati, abbiamo lavorato all'interno del paesaggio affidandoci ai consigli di Enzo Monteleone (Mediterraneo, Marrakech Express) che ha fatto un po' da mediatore per la stesura di una sceneggiatura complessa. Anche perché il libro aveva un vantaggio e uno svantaggio: il vantaggio era quello di essere una sorta di romanzo breve, senza una struttura troppo ampia, che ha garantito un ampio margine per ripensare elementi nuovi; lo svantaggio è stato che, affidandosi alla fantasia, il rischio fosse quello di snaturare il racconto.
Marco Paolini: La risposta più sensata è: quando lavori con un regista e condividi con lui il progetto del film fino in fondo, il compito dell'attore è di accompagnarlo e al massimo consigliarlo nel prendere decisioni. Io ho partecipato alla stesura della sceneggiatura ma la mia è stata una scrittura funzionale, nella misura in cui l'ultima parola è sempre stata di Marco e non mia o di Enzo. Tutto ciò che è stata la scrittura, il romanzo, dal primo giorno di riprese me lo sono dimenticato.

NEWS
[LINK] FESTIVAL
lunedì 28 agosto 2017
 

La decima edizione del Mantova Film Fest si è conclusa domenica 27 agosto con la cerimonia di premiazione e la proiezione in anteprima nazionale del film Gli asteroidi, quest'anno in concorso al Locarno Film Festival, introdotto e presentato dal regista [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati