Almeno tu nell'universo

Film 2011 | Drammatico,

Regia di Andrea Biglione. Un film con Giuseppe Maggio, Andrea Roncato, Agnese Nano, Mauro Meconi, Chiara Gensini. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2011, Uscita cinema venerdì 12 agosto 2011 distribuito da Lucky Red. - MYmonetro 2,25 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Almeno tu nell'universo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Marco dovrà raccogliere tutte le proprie forze per regalare a Giulia i sogni che il destino vuole negarle. In Italia al Box Office Almeno tu nell'universo ha incassato 53,3 mila euro .

Consigliato nì!
2,25/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO NÌ
Love Story struggente e schematica, vittima di una versione edulcorata delle pulsioni di vita e di morte.
Recensione di Edoardo Becattini
mercoledì 10 agosto 2011
Recensione di Edoardo Becattini
mercoledì 10 agosto 2011

Marco ha vent'anni ed è un ragazzo schivo e solitario, afflitto da un brutto rapporto con un padre che gli ha sempre concesso case e viaggi, ma mai alcuna attenzione. Anziché vivere in uno dei lussuosi immobili di sua proprietà, Marco preferisce condividere un appartamento con Andrea, un ragazzo un po' più grande di lui ma decisamente più estroverso, interessato a dare voti alle ragazze o vendere bambole gonfiabili su internet piuttosto che a cercarsi un lavoro. Le prospettive di entrambi cambiano nel momento in cui entrano nella loro vita due ragazze. Durante una sessione di free style in motocross, Marco incontra infatti Giulia, una ragazza piena di vita e di curiosità nei confronti del mondo. Al parco, Andrea perde invece la testa per Dafne, un'insegnante di ballo greca con la passione per i cani. Ma i fili dell'amore, molto spesso, vengono mossi dal polso di un crudele destino.
In un paese per vecchi, per i giovani non c'è paradiso. Quando non hanno problemi con il precariato o con una società anti-meritocratica, sono vittime di un fatalismo sentimentale che li porta ad essere amanti troppo immaturi o troppo sfortunati. Almeno tu nell'universo sembra comprovare questo andamento, non solo per il fatto di raccontare un'infausta storia d'amore, quanto perché vede nell'esordio più unico che raro di un giovane regista ventenne un film attempato e raffermo, prima ancora che ingenuo o irrisolto come si dice sia la maggior parte delle opere prime.
Le intenzioni di Andrea Biglione sono quelle di chi cerca di fare del suo esordio una storia romantica e struggente, malinconica e senza tempo quanto le parole della canzone scritta da Bruno Lauzi e resa un successo popolare da Mia Martini che danno titolo al film. Ma se nel complesso il giovane regista punta a modelli alti come Love Story, nel dettaglio sembra più accomodarsi sulle mode giovanili del decennio passato, dalla drammaturgia patinata dei fotoromanzi delle riviste per teenager all'universo edulcorato e stilizzato dei romanzi di Federico Moccia. Lo scarto è evidente e non ci sono lacrime o fazzoletti capaci di riempire questo vuoto fra il desiderio di una storia d'amore che faccia riverberare i palpiti amorosi fin dentro al diaframma e un esile racconto dove singhiozzano solo le amanti nostalgiche di Step e di Tre metri sopra il cielo.
Non è tanto una questione di verosimiglianza o di mancanza di originalità. Ben venga che questi film vivano all'interno di un mondo alternativo e tipicamente adolescenziale che porta il titolo di qualche canzone famosa, dove non esistono problemi che vadano oltre la sfera personale e sentimentale. Il vero ammanco fatale sta nell'eccessivo schematismo di questi Romei e queste Giuliette della Roma bene, incapaci di creare un coinvolgimento empatico se non riccorendo a una versione edulcorata delle pulsioni di vita e di morte. Forse bisognerebbe cominciare ad avere un po' più stima nella sensibilità e nell'intelligenza degli adolescenti. Almeno loro, nell'universo.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Poco più che 20enne, come i suoi protagonisti, Biglione esordisce, su una sceneggiatura scritta con il fratello Luca, con un film di dolenti sentimenti. È una storia d'amore vecchio stampo "aggiornata con poca convinzione a un presente senza tecnologia, tutto guide turistiche, motociclette e scuole di ballo" (A. Preziosi). Si raccontano ragazze troppo magre con occhi tristi, giovani rimasti bambini, socialmente privilegiati ma spaesati nel mondo senza sogni né desideri. Una love story in forma di pastrocchio patetico, inzeppata di momenti così felici che devono per forza preludere a un finale triste. Interpreti dilettanti. Prodotto da Dania/Surf/Rai Cinema. Distribuisce Key/Lucky Red.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 27 agosto 2011
Yellow

Qualcuno può aiutarmi nel trovare il titolo di TUTTE le canzoni che fanno da colonna sonora al film? Mi interessa quella che fa da sottofondo a Giulia e Marco quando sono a scuola di lei, nel campetto di basket, al mattino . . . GRAZIE a chi mi risponderà!

domenica 13 ottobre 2013
maristella

Mi riferisco a quelle radure, alture, sabbia, acqua dove lui (sia all'inizio che alla fine del film) è lì da solo con la moto. Mi sembra un posto magico, deduco si trovi vicino Roma. Se qualcuno sa indicarmi dove si trova, gliene sarei particolarmente grata.

martedì 25 ottobre 2011
astromelia

insipido,monocorde,incolore, inespressivo....che altro? recitato da ragazzini che dell'attore non hanno niente,e quelli adulti inutili a cominciare da roncato che non è mai credibile,sequenze troppo veloci,colonna sonora assordante e ripetitiva atta a coprire e sovrastare una sceneggiatura che scade completamente nel finale,inserendo la già stravista carta della tragedia che qui stona parecchio ,trattare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 settembre 2011
fraluglio

un film che inizialmente sembra banale, ma che poi si trasforma in un film drammatico e coinvolgente lasciando, usciti dalla sala, un brivido e un pensiero in ognuno di noi. un film che fa riflettere sulla vita e su come affrontarla. Eccezionale la regia di Andrea Biglione. Spero in un suo prossimo film. Cleo.

venerdì 26 agosto 2011
fraluglio

Durante la prima parte del film pensavo fosse un film banale, la solita commedia italiana, ma dalla seconda parte il film ha una svolta drammatica inaspettata e sorprendente. E' un film che ti lascia un qualcosa dentro quando esci dalla sala, che ti fa pensare e che ti fa apprezzare maggiormente le persone che abbiamo accanto nella vita. La regia di Andrea Biglione mi è piaciuta davvero [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 agosto 2011
andreaaa

vi prego fermate questo stillicidio del cinema trash, non se può piu', non è vero che il cinema italiano è in crisi sono gli spettatori ad esserlo, ci sono molti autori giovani, validi come pietro marcello, vittorio moroni, alice rohrwacher e tanti altri che rimangono sempre in questo limbo degli illustri sconosciuti schiacciati dal potere delle solite case produttrici, dall'immondizia digital\import, [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 agosto 2011
michelignolo

QUESTO FILM SEMPRA NIENTE PIÙ DI UN CORTOMETRAGGIO LUNGHISSIMO E AGONIZZANTE CHE I PROFESSORI DI CINEMA DANNO AI LORO ALLIEVI COME COMPITO DI FINE ANNO,DOVE SI FAN RECITARE GLI AMICI,I PARENTI,COMPRESA LA NONNA CHE UNA PARTICINA LA DEVE AVERE PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI. IO RISPETTO IL LAVORO DI TUTTI,MA LE RECITINE DI FINE ANNO SON BELLE SOLO PER MAMMA E PAPÀ!!

martedì 16 agosto 2011
pippochecorre

OK il film è veramente pessimo mal recitato, pessima trama e attori peró quello che mi ha fatto arrabbiare é che lo danno come commedia e invece é una tragedia, ma dico io va bene tutto peró non puó essere che il primo si sbaglia con il genere e tutti gl´altri dietro.

FOCUS
INCONTRI
lunedì 8 agosto 2011
Letizia Rogolino

Il 12 Agosto arriva al cinema un nuovo film di Andrea Biglione, intitolato Almeno tu nell’universo, con una sceneggiatura firmata dal padre Luca Biglione. Protagonista insieme a Marco Meconi, è Giulia Elettra Gorietti, una giovane attrice che sta collezionando diversi successi in ambito cinematografico e televisivo. Marco è un ragazzo di venti anni solitario e arrabbiato con il mondo, soprattutto a causa del suo cattivo rapporto con il padre.

Frasi
"È normale avere paura di morire!"
"Se hai qualcosa da perdere sì"
Dialogo tra Giulia (Giulia Elettra Gorietti) - Marco (Giuseppe Maggio)
dal film Almeno tu nell'universo - a cura di cucciolettasemprebellaconilsoleeconlastella
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paola Casella
Europa

Oh mamma mia come è messo male il giovane cinema italiano, si pensa dopo aver visto questo melodramma adolescenziale girato dal ventiduenne Biglione alla sua opera prima. Ma è leggendo i titoli di coda che si capisce qual è la fonte dei problemi del film: il soggetto è del padre di Andrea, Luca Biglione, che ha al suo attivo infinite e stucchevoli miniserie tv.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati