Martyrs

Film 2008 | Horror, V.M. 18 97 min.

Anno2008
GenereHorror,
ProduzioneFrancia, Canada
Durata97 minuti
Regia diPascal Laugier
AttoriMorjana Alaoui, Mylène Jampanoï, Catherine Bégin, Robert Toupin, Patricia Tulasne Juliette Gosselin, Xavier Dolan.
Uscitavenerdì 12 giugno 2009
DistribuzioneVidea
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18
MYmonetro 2,47 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Pascal Laugier. Un film con Morjana Alaoui, Mylène Jampanoï, Catherine Bégin, Robert Toupin, Patricia Tulasne. Cast completo Genere Horror, - Francia, Canada, 2008, durata 97 minuti. Uscita cinema venerdì 12 giugno 2009 distribuito da Videa. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18 - MYmonetro 2,47 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Martyrs tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 26 novembre 2014

Lucie è scomparsa da un anno, viene ritrovata mentre cammina lungo una strada, in stato catatonico, confusa, non ricorda nulla. La polizia scopre che è stata rinchiusa in un mattatoio. In Italia al Box Office Martyrs ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 77,4 mila euro e 27,7 mila euro nel primo weekend.

Martyrs è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,47/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA 2,90
PUBBLICO 3,02
CONSIGLIATO NÌ
Thriller contemporaneo che sfocia nel mistico.
Recensione di Matteo Treleani
martedì 2 settembre 2008
Recensione di Matteo Treleani
martedì 2 settembre 2008

Prima del divieto ai minori in Francia, rivisto e ritirato tra mille dibattiti, c'era stato persino il rifiuto della sceneggiatura da parte del produttore Richard Grandpierre, pur avvezzo alle censure vista l'esperienza con Irreversible di Noé. Anche Grandpierre aveva considerato Martyrs ai limiti della sopportabilità, per poi decidersi a investire comunque su una pellicola dallo scandalo assicurato.
E nella polemica generale il regista, Pascal Laugier, credendosi paladino della libertà d'espressione, sembra essersi convinto di aver girato un inaccettabile film di denuncia. Tutt'altro, Martyrs è solo un horror congegnato per irritare gratuitamente, per nulla rivoluzionario e affatto in linea con la perversione degenerata e di dubbio gusto del thriller contemporaneo. Saint Ange perlomeno si contestualizzava nella Francia occupata e citava i classici italiani degli anni '70. Martyrs è invece una carneficina, compiaciuta della propria perversione in un ormai patologico, per il genere horror, eccesso del mostrare (pensiamo naturalmente ai vari Saw e in particolare a Saw IV). Perso nei suoi stessi ingranaggi, non racconta e non si fa tramite di un mondo in decadimento attraverso le regole di genere (cosa in cui eccelleva lo straordinario Cargo 200), né, d'altra parte, riflette sul suo stesso punto di vista cinematografico, argomento su cui la scuola di horror d'oltralpe riesce bene persino nei casi di macelleria più espliciti.
Martyrs inizia in medias res, senza alcun preavviso né attimo di tregua. Ci presenta subito mostri inventati e ruoli scambiati, riprendendo un po' goffamente marche tipiche di certo horror asiatico. Degenera poi nell'escatologico, quasi mistico, in sostanza demente. Ci porta all'interno di un imbarazzante trattato sul tema del martirio, inaspettatamente pretenzioso e ascetico. Della bravura delle due belle protagoniste, Morhana Aloui e Mylene Jampanoi è difficile parlare, intente come sono a gridare insanguinate per buona parte del film.
Resta poco, dalla messa in scena inelegante, alle pretese da nuovo Salò pasoliniano. Martyrs sembra piuttosto uno scandalo ben progettato, una "boucherie" senza alcun limite (se non quello, coerentemente col tema passionale, erotico) rivestita da misticheggianti motivi religiosi.

Sei d'accordo con Matteo Treleani?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Comincia con una ragazza, armata di un fucile da caccia, che stermina una famiglia piccoloborghese: madre, padre, 2 bambini. Finisce con un'interminabile mezz'ora di torture cui un'altra ragazza è sottoposta da parte di una famiglia di paranoici. La 2ª spiega e, forse, giustifica la strage dell'inizio. Quando non si scatena nella violenza, il film procede per episodi opachi che rivelano una lettura frettolosa di George Bataille ( Les larmes d'Eros ), classico della narrativa francese del '900 sull'accoppiata erotismo/violenza come strumento di un'esperienza mistica "senza Dio". Laugier è un regista in collera, ma non ha il talento necessario per darle forma espressiva. Divieto ai minori di 18 anni (poi 16) della censura francese.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
MARTYRS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+

-
-
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Amazon Prime Video

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
€9,99 -
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 23 marzo 2009
Domenico Marchettini

Un nuovo Archetipo. Cui la definizione di "horror" va indubbiamente stretta, e che dell'Orrore estremizza e sovverte al contempo tutti i topoi più efficaci. Malata, angosciosa e realmente insopportabile trasfigurazione del dolore in poesia. Tanto più brutale in quanto follemente insensata nella sua lucida perversione. Annichilimento violento e chirurgico dell Io/spettatore senza alcuna possibilità [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 ottobre 2012
Doc Steve

Il film inizia abbastanza bene, come un horror-thriller di buona qualita', con della violenza esagerata fin da subito ma li' per li' quasi e' sensato, poi si va velocemente verso il degenero, il film diviene un accumularsi di violenza insensata e stomachevole, pura violenza sadica....che diviene ridicola e assurda, viene aggiunta una spiegazione pseudo religiosa che non ha capo ne' [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2010
shining

Un film raro, forse unico. Un film fatto di vendetta, soprannaturale e torture. Un film di puro dolore. Il tema centrale è il martire, il testimone (ma capiremo verso la fine il perchè), colui che attraverso la sofferenza vede e può raccontare.. e noi spettatori, durante questo film, non siamo forse tutti martiri?

lunedì 13 settembre 2010
straycat3

Splendida chicca del film dell'horrore. Più che di violenza fisica si parla di violenza psicologica; è dai tempi di arancia meccanica che non ne vedevo altrettatanta. Assolutamente consigliato agli amanti della violenza psicologica.

martedì 15 gennaio 2013
Samuele Cansella

Era dalla visione de "La casa dei 1000 corpi" che aspettavo un altro capolavoro di genere!!!! In Martyrs rabbia, paura, impotenza ed inquietudine accompagnano lo spettatore a braccetto per tutta la durata del film.  Cambi di ritmo inaspettati, rivisitazione di standard del genere come non li avete mai visti prima, attori bravissimi(rarissimo per un horror) ed un finale che non ti [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 agosto 2010
Kronos

Martyrs di Laugier è l'ennesima rivisitazione del filone "Torture porn" inaugurato da Eli Roth con 'Hostel', caratterizzato però da uno stile e una ricerca estetica che m'hanno ricordato (forse casualmente) 'Salò o le 120 giornate di sodoma' di Pasolini. Un connubbio interessante e, a mio avviso, motivo sufficiente per dare un'occhiata al film. Ma se le qualità tecniche, visive e realizzative sono [...] Vai alla recensione »

martedì 16 giugno 2009
alespiri

Il film, frutto di una nuova cinematografia emergente francese di cui è esponente Pascal Laugier, attinge con un pizzico di furbizia e pretestuosità, spunti da film cult diventati serie come "The Saw" e "Hostel", strizzando l'occhio ad un certo cinema asiatico con "Two Sister" e addirittura paradossalmente, le due protagoniste insanguinate, ricordano le vecchie, care, Thelma e Luise, in fuga da se [...] Vai alla recensione »

martedì 31 marzo 2015
Pavold Boy

Leggendo la recensione prima della visione, mi stavo convincendo che forse sarebbe stato meglio virare su altro. Per fortuna invece ho spinto play e ho assistito a qualcosa di potente: invece che cercare riferimentiti all'Italia degli anni 70 o cose del genere, ho semplicemente guardato il film da appassionato alla ricerca di una storia e ben propinata da Laugier, la storia c'è eccome.

venerdì 26 febbraio 2016
Aurora M.

 Martyrs è nato con lo scopo di creare polemica. Questo è un dato certo, visto e considerato che il suo stesso produttore, Richard Grandpierre, ad un  certo punto si era tirato indietro: la sceneggiatura era troppo esplicita, troppo aggressiva, al limite di ogni sopportabilità. Insomma, chiedere al pubblico di guardare Martyrs era chiedere troppo.

martedì 4 agosto 2015
frangitore

Il film continua a sorprendere dall'inizio (lento) fino alla fine in una spirale di violenza e finalmente con dei personaggi finalmente verosimili (che per il genere è una specie di miracolo di questi tempi). Nessuna frase da eroe, nessun odiatissimo bambino da salvare, nessun colpo di scena hollywoodiano (vedi "donna in difficoltà che grida e diventa una furia che neanche Uma Truman quando ha le sue [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Noia1

  Una bambina fugge da un misterioso luogo dove viene torturata, anni dopo si ripresenta ai suoi aguzzini per compiere una tremenda vendetta. Intanto un mostro la perseguita e la sua amante la raggiunge per darle una mano.   Un film non per tutti di sicuro ma che obbligatoriamente andrebbe visto per il valore pionieristico che si porta dietro, dove una trama scatenata ha il suo svolgimento [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 dicembre 2017
Ennio

Al contrario di Hostel, che appartiene allo stesso genere "real horror", Martyrs non ti dà tregua fin dalla prima sequenza, non c'è tempo per rifiatare e prendersi una pausa, dall'orrore per l'appunto. Rivisto dopo dieci anni l'impressione è stata altrettanto forte, un pugno nello stomaco anche a chi come me ce l'ha resistente.

domenica 27 gennaio 2019
Fabal

Una bambina scomparsa viene ritrovata per strada, sotto shock e con evidenti ferite: si tratta di Lucie, rapita apparentemente senza motivo e sottoposta a torture di ogni genere. Quindici anni dopo Lucie rintraccia gli aguzzini, irrompe nella loro casa armata di un fucile a pompa e compie una strage. Poi telefona alla sua amica Anne spiegandole l'accaduto e insieme tentano di occultare i cadaveri. [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 marzo 2022
Essegi98

Martyrs è un film del 2008 diretto da Pascal Laugier – è un film horror esemplare, capace di conquistare fin da subito. Richiama i film di Haneke perché nella scena iniziale del film una delle due protagoniste uccide una famiglia tipica borghese e che lei stessa la ritiene colpevole per gli abusi subiti dall’uomo che è seduto in tavola con la sua famiglia.

giovedì 7 gennaio 2021
filigrana

sono un patito di film horror, iniziando da zombi (romero, 1978) che ho visto a 13 anni all' uscita, quando era vietato ai 18; inutile dire che alcune scene le ricordo anche adesso che di anni ne ho quasi 60. da allora ne ho visti a centinaia ma, non essendo un cinefilo ed avendo pessima memoria, non sarò in grado di scovare dotte citazioni per l' opera in questione.

martedì 24 marzo 2020
HULK1

Questa ondata di cineasti francesi che sostiene di avere in Lucio Fulci uno dei maestri più luminosi, a mio avviso ha capito ben poco delle tematiche fulciane e del resto del nostro cinema horror. Non è un tortur porn.......così sostengono gli estimatori di questo regista, oddio fancesi che si cimentano i questo genere , sono una contraddizione di termini.

mercoledì 11 settembre 2019
AlexManfrex

Ci sarebbe da scrivere un intero trattato su un film come Martyrs. Non sono un esperto di cinema francese (tanto meno di cinema horror francese) ma non c'è dubbio che Martyrs rappresenti un esempio del tutto particolare di genere. Interessante sotto molti punti di vista, ad una prima visione risulta indiscutibilmente disturbante. Disturbante nell'atmosfera e nella dinamica della narrazione [...] Vai alla recensione »

sabato 20 giugno 2015
gianleo67

Quindici anni dopo la sua liberazione dagli aguzzini che l'avevano segregata ancora bambina, la giovane Lucie telefona alla sua amica del cuore Anna per dirle di averli trovati e di avere chiuso il conto con un passato doloroso ed un presente tormentato da angoscianti ossessioni. Quando Anna si reca sul luogo indicatole scopre che l'amica ha compiuto una strage, sterminando senza pietà [...] Vai alla recensione »

domenica 28 ottobre 2012
noillusions

immondizia: la descrizione del film è tutta qui. immondizia cinematografica senza etica e senza logica. tutto quello che si vede dall'inizio alla fine è privo di qualunque moralità e qualunque logica. il soggetto: il martire è uno che muore senza motivo (?); i cristiani non sono gente timorata di Dio e dell'aldilà, sono pazzi assassini! la perversione [...] Vai alla recensione »

martedì 6 novembre 2018
Dandy

Film scandalo del 2008,prodotto con molte difficoltà e girato in Canada.Il regista si ispira ad un'infinità di cose(Bataille,Joel Peter Witkin)e sa sfruttare piuttosto bene il budget misero(2 milioni di euro).Visivamente parlando ci sono alcuni momenti  veramente raggelanti(il massacro iniziale,il ritrovamento della vittima).Il cast è terrificante,e la storia sa rilanciarsi [...] Vai alla recensione »

domenica 15 febbraio 2015
EvilDevin87

Ne ho sentito parlare molto di questo film, e molti lo descrivevano come pesantissimo, estremo, atroce, il film più crudele della storia, ecc... pochi giorni fa mi sono finalmente deciso a vederlo. Beh, in effetti estremo lo è. Ma il punto è questo: lo è troppo. E quando una cosa supera un certo limite rischia di sfociare nel pacchiano e nel non lasciare granchè. [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 ottobre 2010
aratos

Che si possa trovare interessante un film del genere non lo metto in dubbio.. Questione di gusti. Ma non vedo che mente possa concepire guardando questo film un "archetipo" che porti a crederlo come "film dai grossi significati", come se fosse sensato o possibile da motivare quello che si vede qui. Una ragazza che entra in una casa e interrompe il tranquillo pranzo di una normale [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 settembre 2012
Zamia

Laugier ha infilato, nell'ordine: "Saint Ange", "Martyrs" e "The Tall Man". Questi tre film, con storie completamente diverse tra loro, hanno tuttavia 2 punti in comune: il primo è che tutti e tre hanno una bella idea alla base, una storia intrigante; il secondo è che le protagoniste sono sempre donne e non se ne salva una. Per quanto riguarda il primo punto, avere una buona idea non basta per fare [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 settembre 2012
lukemisonofattotuopadre

  Il film è un pugno nello stomaco. Questo si sapeva. Del genere ne ho visti parecchi: da A Serbian Film a Salò di Pasolini, con cui sono per esempio presenti alcune similitudini, per via del significato politico-anti religioso dello splendido finale. Inoltre per la sua misantropia e interesse al mondo femminile, oltre che per il fatto di avere solo 2 protagoniste, mi ricorda [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 luglio 2011
4ng3l

Ho letto le critiche sballate ed infondate che hanno affibiato a Martyrs e devo dire che mi stupisce questa inadeguatezza nel recensire un film. prima il paragone privo di senso con i classici degli anni 70 (solo perchè un film non si ispira ad un classico è un punto in meno?) poi il giudizio avverso sulla violenza assolutamente inappropriato, perchè stiamo parlando di un film [...] Vai alla recensione »

martedì 12 aprile 2011
Frangetta

Duro. Spietato. Al limite del sopportabile. Per stare in tema...un pugno nello stomaco! Emozionante... e quindi bello. Non capisco la critica e le critiche, ma proprio no. Certo... è un film violento e shockante, e quello che fa più male è che questa volta il male non viene dagli incubi, dall'inferno, dai fantasmi o qualcosa di soprannaturale, ma solo dall'uomo.

sabato 21 aprile 2012
4ng3l

Inchinatevi all'horror più scioccante e meraviglioso mai creato. Le parole non riescono ad esprimere quanto è bello ed immenso. Riscrivo perchè merita le 5 stelle e nascondete le a dir poco vergognose critiche poveri incuranti ciechi.

domenica 13 gennaio 2013
Samuele Cansella

Sono completamente d'accordo con la recensione di Domenico Marchettini. Era dalla visione di La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo di Rob Zombie che apettavo un altro capolavoro di genere.   Finalmente un HORROR a tinte maiuscole!!!! Tensione, rabbia e angoscia sono i tre sentimenti che accompagnano lo spettatore dall'inizio alla fine del film!! Cambi di ritmo inaspettati, [...] Vai alla recensione »

martedì 14 agosto 2012
Ilenia D'Amico

Ho visto il film ieri pomeriggio un "horror" così non lo vedevo da tempo. Di film ne ho visti tanti, soprattutto di questo genere ( ve lo assicuro), ma un film di questo calibro sono anni che non ne vedevo. Nessun horror riusciva piu a colpirmi ma questo, credetemi, è crudo e profondo in una maniera esagerata. E' salito al primo posto della mia classifica personale.

martedì 19 maggio 2009
ojama

come al solito dicevo i dizionari e la gente che ci lavora dovrebbero vedere i film prima di dare un giudizio che in questo caso mi pare piuttosto soggettivo

martedì 13 aprile 2010
Grid alien

Mi riferisco a coloro che criticano il film per l'eccessiva(che poi eccessiva non è) violenza: penso siate i soliti bigotti a cui magari piace letame artistico tipo "Alla ricerca della felicità" e criticate un film che cerca di dire qualcosa e che tecnicamente(regia, fotografia, attori) è superbo. Posso invece rispettare chi dice che il film usa la violenza per [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 novembre 2009
_mElindo__

Uno dei film horror più violenti e belli degli ultimi anni: la violenza suggerita dal film colpisce più a livello psicologico che fisico, nonostante le dosi di sangue siano parecchio pesanti. Il lavoro degli attori è veramente stupendo, prima fra tutti Morjana Alaoui nel ruolo di Anna. Nonostante la parte dei maltrattamenti sia eccessivamente prolungata, il finale è veramente impressionante, non tanto [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 agosto 2012
4ng3l

magari le parole non entrano come dovrebbero quando si tratta di chiarire l'obbiettività e la verità, quindi sono andato a cercare altre recensioni sul film in questione. Solo qui per motivi incomprensibili non viene elogiato questo film horror capolavoro, e le "critiche" sono solo un fastidioso balbettio stonato ed impossibile.

martedì 18 agosto 2009
Alex Capitani

Il miglior film che io abbia mai visto!!!! Consiglio: "guardatelo"

venerdì 19 giugno 2009
Dylan Dog 90

Una volta uscito dal cinema mi sono sentito stranamente vuoto, non saprei spiegare bene la sensazione che ho provato. Martyrs è un film forte, c'ho portato amici solitamente non abituati a film estremi come questo e mi hanno ringhiato contro, una volta terminata la proiezione, per questo motivo non consiglio la visione a chiunque. Martyrs è un film sconvolgente, angoscia il pubblico, e da appassionato [...] Vai alla recensione »

domenica 15 luglio 2012
Fernando Ferrandino

La visione del film è una violenza a ciò che esprime il concetto umano, crudele oltre ogni limite di sopportazione, anzi crudele e basta. Sebbene tale crudeltà ha una sua finalità, giustificarne l'esecuzione è pura follia, di fatto si tratta di un film folle. Ciò che ti rimane è una sconcertante angoscia, evitare di farsi coinvolgere sentimentalme [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 novembre 2010
marmotta74

Mamma mia. Cosa dire? un film che ti lascia addosso tanta tristezza. Un film cupo e doloroso, uno di quei film che alla fine ti fanno nascere spontanea la domanda:  Ma davvero nel mondo possono esserci persone capaci di fare questo? ...io la risposta me la sono data , e voi?

venerdì 18 giugno 2010
Miiirk

Per gli amanti dell'orror con forti componenti splatter e qualche pizzico di esoterismo questo film può essere una buona variante ai classici del genere. Poca paura purtroppo, ma qualche bel momento davvero angosciante (soprattutto nella seconda metà del film). Da vedere.

venerdì 30 aprile 2010
Kyotrix

Ecco qui i soliti commenti ridicoli, dove danno 1 perche' il film risulta troppo violento e sadico...ma sapevate di andare a vedere un film HORROR?!?!? Prossima volta, guardatevi un'allegra commedia che e' meglio. Tornando al film, bisogna dire che l'orrore non e' dovuto da mostri ma bensi' da una violenza umana estrema, da torture incredibili, da un trucco delle ferite realistico.

mercoledì 21 ottobre 2009
Dio Amiga

Come da oggetto sono completamente indignato... ma non da film in questione che ritengo un assoluto capolavoro, ma da alcuni commenti che ho letto in questo forum. questo è un tipico esempio di violenza letteraria, come potete soltanto affermare: "bisognerebbe impalare il regista" ?? è per colpa degli stupidi come voi che alcuni grandi capolavori nella storia del cinema sono stati sottoposti al rogo [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 ottobre 2009
oh dae soo

C'è chi ha paragonato Martyrs ad altre pellicole dove la tortura, le sevizie, il possesso del dominante sulla vittima la fanno da padroni, come la serie di Saw o quella di Hostel. Il paragone non è del tutto campato in aria ed è l'unico modo per far capire ad altre persone, in 30 sec o in 2 righe, di che genere parliamo. Ma se come in questo caso abbiamo lo spazio e il tempo per aggiungere qualcosa [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 maggio 2013
APropositodiCinema

Ottimo film horror pieno di tensione e colpi di scena e con un finale agghiacciante, ottima sceneggiatura e buona la regia. Devo dire però che in fatto di violenza mi aspettavo di più soprattutto dopo aver letto in giro che questo film è considerato addirittura da alcuni il film più violento di sempre. Ad ogni modo questo è un ottimo film horror come non se ne fanno [...] Vai alla recensione »

martedì 13 settembre 2016
marco000

Non c'è altro da aggiungere. Questo film è un capolavoro!

mercoledì 22 gennaio 2014
Dado1987

Pensavo a questo film come ad un classico B-movie splatter alla Chainsaw, Saw, Jeepers Creepers o quant altro. Per mia fortuna non è così, anzi rappresenta a mio avviso un piccolo grande capolavoro del genere, dove il basso budget non influisce per niente sulla resa della pellicola. Sinossi: Lucie, una giovane ragazza devastata da terrificanti eventi durante l'infanzia, cerca di [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 maggio 2013
APropositodiCinema

Questo è un horror praticamente perfetto, trama originale e piena di colpi di scena. riesce a tenerti incollato allo schermo fino all'agghiacciante finale.L'unica cosa è che mi aspettavo molta più violenza dato che da alcuni è stato giudicato addirittura il film più violento di sempre

sabato 24 aprile 2010
spia91

lo consiglio agli amanti dello splatter estremo!!!

mercoledì 12 gennaio 2011
cockworckalex

amo qst film la violenza nn è esagerata xkè molta gente va a vedere saw e altri film di calibro minore spesso nn x spaventarsi ma semplicemente x vedere della sana violenza,c'è gente ke nn riesce a sopportare la vista del sangue contenuto nel film(ke poi nn èneanke tanto xkè è incentrato sulla violenza psicologica)ma qst nn è gente normale xkè [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 febbraio 2017
oscar77

sono un amante dell'horror e in particolare di film crudi,inquietanti e realistici, insomma devono fare paura sul serio, Faccia di cuoio va benissimo, ma solo come intermezzo a qualcosa di più shoccante. devo dire che Martyrs di per se , questo aspetto non lo delude, però in un film vorrei anche capirci qualcosa, qui la trama è troppo abbozzata, senza mai realmente creare interesse, [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 gennaio 2017
ALEXLABY

Bel film. La drastica cancelliera Merkel nella parte della cattiva si trova a suo agio. Interpretazione credibile da parte di tutti i personaggi.

domenica 28 settembre 2014
Lucadrago

E' stato più difficile trovare il titolo di questo commento che scriverne la recensione che segue. Questo è l'"horror" signori, non il j-horror con donne-spettri dai capelli lunghi che escono da vhs, cellulari, internet ecc.. non le hollywoodiane case-baita o (più e troppo spesso) villette in cui cantine soffitte e letti spiriti e simili infestano o possedono [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Come si fa per non avere paura? Bisogna lasciarsi andare, credo…"
Lucie (Mylène Jampanoï)
dal film Martyrs - a cura di marco
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Francesco Alò
Il Messaggero

Una bambina scappa piangendo da un fabbricato industriale. Qualcuno l'ha torturata per giorni e giorni. 15 anni dopo la vediamo bussare a una casa dove vive una famigliola felice. Li fa fuori tutti. I figli con pietà. Poi cerca di farla finita. Perché? Cosa è successo? Comincia e finisce nel mistero l'agghiacciante Martyrs di Pascal Laugier. In mezzo vediamo tutto: vittime di torture martirizzate con [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Panorama

È l'epoca delle donne vendicatrici, in fuga da sotterranei di tortura e seviziatori di fanciulle, cresciute nella violenza e pronte ai delitti più efferati. Martyrs pare la versione crudamente horror di Uomini che odiano le donne: una bimba fugge coperta di piaghe e ferite dalla tana dove il lupo l'ha nascosta. Quindici anni dopo, inseguita e mentalmente torturata dai suoi spaventosi fantasmi, fa strage [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Parola di origine greca, martyr vuoi dire testimone, di lì il passaggio a indicare nel primo cristianesimo chi affrontava la persecuzione pur di non rinnegare la propria fede. Tuttavia i Martyrs di Pascal Laugier, regista dell'extreme wave francese (quelli che amano scandalizzare andando oltre i limiti), non rientrano in questa categoria, sono solo povere creature sottoposte da ignoti aguzzini ad atroci [...] Vai alla recensione »

Filippo Brunamonti
Il Manifesto

Variety, ha parlato di Martyrs come di un frullato indigesto di carne e ketchup, «fondamentalmente, Hostel senza risate». Retaggio editoriale o no, lo scrittore-regista Pascal Laugier (Saint Ange) sembra davvero aver messo il pilota automatico. In Martyrs, distribuito da Videa Cie in 62 sale italiane, si fa quasi fatica ad arrivare in fondo tanto è insistente la violenza, l'abuso di emoglobina e di [...] Vai alla recensione »

Jean-François Rauger
Le Monde

"Martyrs" : rude expression d'un cinéaste en colère Ce n'est pas uniquement à cause de ses ennuis avec la censure - la commission de classification avait proposé une interdiction aux moins de 18 ans en raison de sa violence, ramenée, après nouvel examen aux moins de 16 ans (Le Monde du 11 juin) - que le film de Pascal Laugier mérite une certaine attention.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Per la serie «Al cinema col caldo non va quasi nessuno, dunque» ma anche in collaborazione con la serie «Gli avanzi dei festival dove li buttiamo?», ecco Martyrs (tradurre in Martiri sarebbe stato chiedere troppo), orrorino a basso costo e a bassa resa passato per il Festival di Roma. È la storia di una ragazzina seviziata, che quindici anni dopo (1985) si vendica dei seviziatori.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati