Juno

Film 2007 | Commedia +13 92 min.

Regia di Jason Reitman. Un film Da vedere 2007 con Ellen Page, Michael Cera, Jennifer Garner, Jason Bateman, Olivia Thirlby. Cast completo Genere Commedia - USA, Canada, Ungheria, 2007, durata 92 minuti. Uscita cinema venerdì 4 aprile 2008 distribuito da 20th Century Fox. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,23 su 200 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Juno tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un'adolescente incinta va alla ricerca di possibili genitori per suo figlio. Il film ha ottenuto 5 candidature e vinto 2 Premi Oscar, 1 candidatura ai Nastri d'Argento, 3 candidature a Golden Globes, Il film è stato premiato a Roma Film Festival, In Italia al Box Office Juno ha incassato 2 milioni di euro .

Juno è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,23/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,26
PUBBLICO 3,48
CONSIGLIATO SÌ
Una pellicola ironica e fresca con la sceneggiatura spiccatamente femminile della blogger Diablo Cody.
Recensione di Matteo Signa
venerdì 26 ottobre 2007
Recensione di Matteo Signa
venerdì 26 ottobre 2007

Quella delle gravidanze non volute è una delle nuove tendenze hollywoodiane. Dopo Waitress e Molto incinta, un'altra pellicola dal titolo Juno affronta la difficile tematica con un tono assolutamente leggero.
Il regista è Jason Reitman che ha debuttato dietro la macchina da presa con il film campione d'incassi, Thank you for smoking. Un'adolescente, sicura di sé e dalla lingua affilata, riesce ad avere il controllo della situazione una volta che scopre di essere rimasta incinta di un suo coetaneo. Tutte le questioni trattate (l'amore, il matrimonio, la libertà) sono sollevate e mai giudicate. Sospesa tra le ingenuità dell'adolescenza e le responsabilità dell'essere adulti, la ragazza è interpretata da una bravissima Ellen Page la cui versatilità espressiva ha qualcosa di unico. La sceneggiatura si caratterizza per un linguaggio molto vicino a quello che usano i ragazzi di oggi. Anche le situazioni narrate riescono ad avere una tale verosimiglianza da escludere qualsiasi traccia di finzione.
Tutto il merito va a una blogger di nome Diablo Cody che è stata scoperta da uno dei produttori mentre navigava su Internet. Colpito dal suo stile umoristico, Novick ha deciso di chiamare la scrittrice per proporle la stesura dello scritto che, per tutta la durata del film, si distingue per la sua natura ultra contemporanea e spiccatamente femminile. Assolutamente originale la rappresentazione dei non protagonisti. Alla notizia della dolce attesa, i genitori di Juno sfidano le convenzioni e gli stereotipi cinematografici assumendo un atteggiamento ironico e compito. Allo stesso modo, la coppia, a cui la teenager vorrebbe affidare il bambino, rivela di possedere molte più crepe di quelle che il loro status alto borghese implicherebbe.
La pellicola trova il proprio equilibrio grazie anche a una serie di elementi di contorno. Il look di Juno, le candide musiche di sottofondo e le ambientazioni cariche di colori e di vita contribuiscono a raggiungere una buona coerenza.

Sei d'accordo con Matteo Signa?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Girata nel Minnesota e a Vancouver questa commedia indipendente nordamericana, 2ª regia di J. Reitman, figlio del regista Ivan, fu la sorpresa della stagione 2007-08: costata 7 milioni e mezzo di dollari, ne incassò quasi 150 sul mercato USA; ebbe 4 nomination agli Oscar, vincendo quello della sceneggiatura dell'esordiente Diablo Cody e altri 38 premi. Il fatto che in Italia sia stato, prima di essere distribuito, il pretesto per una polemica sull'aborto e la legge 194 è un'altra conferma del penoso degrado della classe politica dirigente e del nostro giornalismo. La smilza 16enne Juno in un colpo solo diventa sessualmente attiva con un compagno di scuola e incinta. Scartato l'aborto, decide di dare in adozione il nascituro a due concittadini coniugi benestanti, da lei scelti e valutati con scrupolo, e li frequenta durante la gravidanza. In casa trova comprensione e appoggio dal proprio padre e dall'affettuosa matrigna e s'innamora del bravo ragazzo corresponsabile dell'inghippo. Nonostante le apparenze, non c'è traccia nel film della retorica familiare dei buoni sentimenti. Al posto di qualsiasi fondamentalismo religioso o ideologico c'è una nuova tollerante sensibilità nella caustica sceneggiatura che l'abile regia dagli infallibili tempi comici asseconda, attenta ai dubbi e alle incertezze dei singoli personaggi. Straordinaria la canadese Page, doppiata da Alessia Amendola, nel dare verità a Juno.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
JUNO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 31 dicembre 2009
Giorgio Postiglione Giorpost

La cinematografia contemporanea ha tralasciato una certa spensieratezza tipica degli anni 80/90. Nell'ultimo decennio si è cercato a tutti i costi il film ad effetto, con storie al limite dell' inverosimile, inquadrature stilizzate, regie sempre più complicate. Per capirci, basta vedere pellicole quali "Irreversible" o "Memento" (comunque bei film) solo per citarne alcuni.

domenica 29 agosto 2010
chriss

Juno, in linea di massima, mi potrebbe anche andar bene così. I temi trattati (gravidanza ed affidamento ad una coppia che scoppia sono quelli principali) sono impegnativi e di questo gliene rendo atto. Se poi c' è qualche sentimento ed una bella spruzzata d' ironia è pure meglio. Anche il finale mi piace (l' imbranato Paulie che abbraccia Juno [...] Vai alla recensione »

martedì 31 agosto 2010
ValeS.

Una commedia che affronta con il giusto equilibrio una tematica sempre attuale. La protagonista interpreta abbastanza bene il ruolo della adolescente tosta ma a volte fragile, l'ho trovata molto credibile. Ho notato che predominano le donne, forti ed indipendenti, mentre gli uomini sono presentati come immaturi e poco presenti. Il linguaggio usato dai più giovani mi è sembrato un pò sorpassato e forzato. [...] Vai alla recensione »

sabato 17 ottobre 2015
Portiere Volante

Bellissima Ellen Page quando cammina,tutta colorata,con quel pancione. Goffo e abbastanza bambinone anche il fidanzatino, al punto che viene voglia di insultarlo e prenderlo in giro a prima vista, anche se con parsimonia e delicatezza. Quando indossa il completino sportivo raggiunge il top. Juno è una sedicenne frizzante e originale,arguta e con un linguaggio forbito e spiazzante,anche troppo [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 giugno 2015
Great Steven

JUNO (USA, 2007) diretto da JASON REITMAN. Interpretato da ELLEN PAGE, J. K. SIMMONS, JENNIFER GARNER, JASON BATEMAN, ALLISON JANNEY, MICHAEL CERA, OLIVIA THIRLBY «Tutto è cominciato con una poltrona»: così si apre una delle commedie statunitensi più brillanti e intelligenti dell’ultimo quinquennio degli anni 2000, fra l’altro meritatamente premiata [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 settembre 2010
Goruz

Una commedia equilibrata che affronta in modo intelligente e onesto un tema scottante, quello delle ragazze madri. Questo film riesce, a mio giudizio, ad andare oltre i facili buoni sentimenti con cui sarebbe facile tratteggiare la classica e rassicurante commedia americana, non possiamo non percepire quanto siano faticosi per la piccola Juno quei 9 mesi che la separano dal tornare alla normalità [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 giugno 2010
JacopoKiller95

La sedicenne Juno MacGuff, avuto un rapporto sessuale con il classico tenero e sincero sfigato di turno (Paulie Bleeker), resta incinta, decidendo di lasciare in adozione il figlio ad una coppia, evitando così di abortire. Inizia così per lei un'odissea di peripezie, piccole tragedie ed esperienze che condurranno lei e lo spettatore in un iter edificante e toccante, in cui entrambi riusciranno a [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2011
peppe97

Questo film oltre ad essere vuoto dal punto di vista degli effetti speciali,forse possiede qualcosa nelle questioni sentimentali:non mancano,infatti,le scene a sfondo riflessivo ed amoroso.Perciò credo che non sia stato affatto difficile conquistare l'oscar nel 2007 nella scenegiatura,visto che anche quest'ultima è "povera" nell'abbelimento e arricchimmento dei particolari.

lunedì 1 febbraio 2010
cappe02

Ormai abituati a film drammatici, in cui le scene tristi prevalgono su quelle felici, Juno, spicca come un oasi nel deserto. Reduce dal successo di Thank yuo for smoking, Jason Reitman, si rifà alla grande dirigendo con grande maestria questo "piccolo" capolavoro. Una commedia drammatica leggera, Ellen Page(Juno) è il vero caposaldo del film, che interpretata con un eccezionale bravura il suo personaggio [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 maggio 2009
mara baraldo

Film godibile, brillante, gioca molto su l'effetto sorpresa, forse per mantenere viva l'attenzione e compensare cosi' una sceneggiatura apparentemente povera. La protagonista Juno, 16enne, affronta il problema della maternità indesiderata senza farne un dramma, senza colpevolizzare nessuno, ma con estrema fiducia nel prossimo e con una maturità che spesso non si riscontra neanche in persone cosiddette [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 giugno 2009
Lalli

carinissimo, mai noioso, frizzante, Ellen Page eccezionale. da vedere!!

mercoledì 23 novembre 2011
Alomovie

lunedì 30 agosto 2010
andre89LOST

Bellissima commedia con un ottimo cast. Davvero fossero tutte così.. Divertenti e toccanti. Come sempre bellissima e bravissima Jennifer Garner. Voto al film: 8

domenica 16 novembre 2014
murphy10

quando sento parlare di juno mi piacerebbe vedere piu di tre stelle ed è per questo che anche se ne avrei dato 4,ne metto 5 perche credo si meriti di meglio. non si puo dire che sia stato un film non apprezzato dal pubblico pero credo che un po sottovaltato lo sia,il punto forte di juno è proprio nella sceneggiatura di diablo cody che infatti ha preso l'scar perche i personaggi di [...] Vai alla recensione »

sabato 24 agosto 2013
paride86

Ragazza adolescente rimane incinta e cerca di "piazzare" il suo bambino ad una coppia di giovani sposi. Divertente e scacciapensieri, è una commedia piacevole da vedere.

mercoledì 1 settembre 2010
tess2

5 stelle e lode alla sceneggiatura per cui cmq ha vinto un oscar strameritato,anche se x alcuni può sembrare sopravvalutato...Per me no! Il giudizio su questo film è proporzionale al proprio grado di passione x il cinema .Io ho visto un film sotto certi aspetti perfetto,spassoso,da seguire attimo dopo attimo e soprattutto parola x parola! I temi trattatti non si limitano alla gravidanza prematura e [...] Vai alla recensione »

martedì 28 luglio 2009
ARANEL

realistico bello divertente

martedì 2 giugno 2009
costcla

non vorrei dir nulla se non...GUARDATELO! divertente,bene recitato,commovente...un gran bel film!

sabato 5 ottobre 2013
gsanvi

Un direttore che affronta temi come quelli di questo film,la maternità indesiderata,l'amore,la famiglia,il matrimonio,deve mettere in conto il forte rischio di cadere nel superficiale,banale e sentimentale. Eppure Reitman meraviglia tutti parlandone in modo diverso,giovane,fresco. Decide di tralasciare intrecci assurdi e scenate visti già tante volte sul piccolo e grande schermo per [...] Vai alla recensione »

domenica 1 luglio 2012
fearthereaper

che schifo... quant'è spocchiosa e irritante la protagonista, ma davvero, insopportabile. I pischelli che si atteggiano a grandi non li reggo proprio

Frasi
So che uno dovrebbe innamorarsi prima di riprodursi ma credo che la normalità non faccia per noi!
Una frase di Juno MacGuff (Ellen Page)
dal film Juno - a cura di valù
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Giulia Galeotti
L'Osservatore romano

Ancora prima dell’uscita nei cinema italiani, la storia di Juno ci è già nota: una sedicenne rimasta incinta di un coetaneo decide di portare a termine la gravidanza e di dare il bambino in. adozione, scegliendo i futuri genitori.. Ma se conoscere la trama è un conto, vedere il film è tutt’altra cosa: durante l’ora e mezzo di proiezione, infatti, con grande maestria, la sceneggiatrice Diablo Cody [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Una ragazzina che resta incinta a soli 15 anni e naturalmente non sa cosa fare. Un "padre" che frequenta il suo stesso liceo ma non ha proprio il fisico né il carattere per affrontare la situazione. Un'amica che le consiglia di cercare una coppia che voglia adottare il bambino («sono fra gli annunci economici accanto ai terrier, alle iguana e alle attrezzature da fitness usate».

Piera Detassis
Ciak

Juno, la delicata e minutissima Ellen J Page, ha sedici anni e quel modo tutto suo, un po' ribelle, di vestirsi: maglioncini penduli fatti a mano, righe e quadretti, sneakers, leggings e jeans sormontati dalla gonnellina a pieghe. Quando cammina per la strada a testa bassa, nella sua piccolezza tosta, pare quasi un cartoon e difatti proprio così inizia il film, con la Giunone in miniatura che diventa [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Coloro che distribuiscono i voti alla morale hanno tentato di ridurre Juno a un manifesto antiabortista, uno spot per le gravidanze portate a termine costi quel che costi. Assurdità. Lo sono semmai, altre commedie americane “mainstream” ossessionate dal matrimonio, dalla famiglia e dai pupi; invece il film scritto da Diablo Cody (vincitrice dell’oscar) è tutt’altro: una commedia di adolescenti finalmente [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Juno, la commedia americana che esce oggi nelle sale italiane dopo aver vinto la scorsa edizione della Festa del cinema di Roma e aver conqnistato un Oscar per la miglior sceneggiatura originale, è un esempio assai riuscito della direzione che sta prendendo Hollywood: quella di un cinema indipendente non tanto per mezzi quanto per ispirazione e stile.

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Stamattina abbiamo afferrato la mazzetta dei giornali, e abbiamo scoperto che "Juno" è un film furbetto, facilotto, adolescenziale, leggerino, fatto per piacere a tutti, perfino – scrive Lietta Tornabuoni sulla Stampa – a "i pervertiti, che godono a vedere sullo schermo una ragazzina, quasi una bambina, con il corpo deformato dalla gran pancia della gravidanza avanzata".

Lorenzo Maiello
XL

Ci sono film che nascono per farsi paladini di una causa, come Rambo per i reduci del Vietnam o Dead Man Walking contro la pena di morte. E ci sono film che involontariamente lo diventano, come questo. Troppo leggero, ironico e scanzonato per essere investito dalla polemica antiaborista. Juno è una sedicenne tosta che rimane incinta di un coetaneo meno tosto di lei.

Silvana Silvestri
Il Manifesto

Vincitore di un Oscar per la sceneggiatura, coproduzione Usa Canada per la regia di Jason Reitman, il talentuoso (Thank You for smoking) figlio di Ivan Reitman (Ghostbusters) porta sullo schermo una deliziosa adolescente: Ellen Page, oggi diciannovenne ma con già dieci anni di esperienza tra cinema e tv, oltre a un costante allenamento sportivo tra basketball, calcio, discesa libera, atletica leggera, [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Rimasta incinta durante un pomeriggio come gli altri, la sedicenne Juno (l’eccellente ragazzina Page) è capace di spavalda decisione: il bimbo in adozione a una coppia benestante, a cui dice: «Risolviamo alla vecchia maniera, metto il bimbo nel cesto e ve lo mando, come Mosè». Dunque, una pietra sopra («non lo voglio più vedere»). Da questa durezza, in fondo compresa e assecondata dai genitori in un [...] Vai alla recensione »

Alessandra De Luca
Avvenire

Nei festival dov’è stato presentato è subito diventato il film “da non perdere”, un gioiellino di culto a poche ore dalla sua proiezione. La giuria popolare della Festa di Roma l’ha premiato senza esitazione, l’Academy ha assegnato un Oscar a Diablo Cody per la migliore sceneggiatura originale e il pubblico l’ha gia accolto con oltre 200 milioni di dollari al botteghino.

Maurizio Cabona
Il Giornale

Premiato alla Festa di Roma, da allora Juno (Giunone) di Jason Reitman è stato nel cassetto. Nell'attesa è fermentato quel che il distributore sperava: il caso. Juno è diventato simbolo dell'antiabortismo e dell'abortismo. Non è né l'uno, né l'altro, ma esce nelle sale onusto di pubblicità gratuita. E forse avrà anche gli incassi, perché, a differenza degli altri film da festival, Juno è brioso, pungente, [...] Vai alla recensione »

A. O. Scott
The New York Times

Juno MacGuff, the title character of Jason Reitman’s new film, is 16 and pregnant, but “Juno” could not be further from the kind of hand-wringing, moralizing melodrama that such a condition might suggest. Juno, played by the poised, frighteningly talented Ellen Page, is too odd and too smart to be either a case study or the object of leering disapproval.

Peter Travers
Rolling Stone

There's a special kick that comes in finding a new star. So step up, Ellen Page, and take your bows. You won't find a sass queen around who can touch Page as Juno MacGuff, a pregnant sixteen-year-old with a smart mouth that won't quit. Page (Hard Candy) has the rare knack of being brutal and funny simultaneously. Her flow of quips and put-downs comes courtesy of debuting screenwriter Diablo Cody, another [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Lodato, usato come simbolo pseudopolitico, premiato, apprezzato, Juno è un film inconsueto, carino, molto furbo. L'astuzia non stupisce nel regista Jason Reitman (31 anni, origini cecoslovacche, figlio dello svelto regista Ivan, cresciuto sui set del padre) e nella soggettista-sceneggiatrice Diablo Cody (ex operatrice d'una linea telefonica pornografica, autrice d'un romanzo ribaldo, al lavoro su un [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Una commedia lieve e spiritosa, disegnata sullo schermo come la striscia di un fumetto, bene intonata alla grazia acerba della protagonista e scandita dal pungente tempismo dei dialoghi in stile giovanilistico-alternativo. Ciò detto, ci sembra alquanto strambo che «Juno» susciti tanto entusiasmo (vittoria alla Festa del cinema di Roma, Oscar alla migliore sceneggiatura) e nel contempo attizzi tante [...] Vai alla recensione »

Michele Anselmi
Il Riformista

«Meglio non avere fretta di diventare grandi», recita il sottotitolo di Juno, l’ormai famoso film di Jason Reitman che, dopo aver vinto la Festa di Roma, vari premi e pure un Oscar, esce domani nelle sale italiane. Se n’è parlato talmente tanto che ti pare d’averlo già visto. Tuttavia sarebbe bello andare al cinema con animo sgombro da pregiudizi. C’è molto arancio in Juno, dalla maglietta a righe [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
DNews

La Diablo non veste Prada. Parliamo di Brook Busey-Hunt, sensuale quasi trentenne laureata e middle class che sotto lo pseudonimo Diablo Cody ha conquistato l'America e persino un Oscar come migliore sceneggiatrice. Lo ha ritirato sembrando sexy persino nella divisa kitsch del Kodak Theatre: foulard leopardato a coprirla (poco), orecchini a teschio e tatuaggi in vista come ornamento, look rigorosamente [...] Vai alla recensione »

Giona A. Nazzaro
Film TV

Miseria tutta italiana, la strumentalizzazione dei film. Eppure Giuliano Ferrara ha ragione quando afferma che Juno è un "bel" film. Ha torto marcio quando tenta d'arruolarlo ufficiosamente nella sua campagna anti aborto. Tanto per essere chiari: Juno non è un film sulle gravidanze precoci, né tanto meno sull'aborto (o la 194, tanto per essere ancora più chiari).

Alessio Guzzano
City

Per alleggerire della verginità il fidanzato bamboccio (Michael Cera di "SuxBad"), una 16enne felpa&sneakers in look e carattere, col nome di una «dea bella e cattiva come Diana Ross», si ritrova «mirtillo fertile», «con la torta in forno». E' Ellen Page, gran talento impulsivo. Dapprima pensa di abortire, caso raro nella recente filmografia yankee dove ogni travaglio esistenziale è lecito purché non [...] Vai alla recensione »

Luisa Cotta Ramosino
Il Domenicale

In Italia arriva con il bel bottino ottenuto agli Independent Sprint Awards e un meritatissimo Oscar per la Miglior sceneggiatura, giusto in tempo per lanciare la volata elettorale della lista di Ferrara che non a caso ha adottato questo piccolo grande film (tra i cinque candidati agli Oscar è quello che ha guadagnato di più - a oggi, 140 milioni di dollari solo negli USA a fronte di un budget di 7,5) [...] Vai alla recensione »

Roberta Ronconi
Liberazione

La storia di Juno ormai la sapete tutti, ne hanno fatto carne da macello (è proprio il caso di dirlo) nelle scorse settimane trombe e tromboni di opposti scheramenti, guidati dal megafono pro-life di Giuliano Ferrara. Da quando ha visto Juno l'ex direttore del Foglio vede pesciolini dappertutto, è diventato un vero e proprio zoofilo marino, farebbe di tutto per salvare l'acciughina e grida alla santità [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Mettere al centro del film una ragazzina, quasi una bambina, con il corpo sformato dalla pancia gonfia e sporgente di una gravidanza avanzata, sarà Ione metterci una donna barbuta o un ragazzo con la testa a spillo, un freak, un uomo elefante, un monstrum? "Juno", opera seconda di Jason Reitman (31 anni, origini cecoslovacche, figlio dell'astuto regista Ivan, cresciuto sui set del padre) è grazioso, [...] Vai alla recensione »

NEWS
INFINITY
giovedì 15 giugno 2017
 

Un'adolescente sicura di sé, e dalla lingua affilata, riesce a mantenere il controllo della propria vita anche quando scopre di essere rimasta casualmente incinta di un suo coetaneo. Sospesa tra le ingenuità dell'adolescenza e le responsabilità dell'essere [...]

NEWS
giovedì 24 settembre 2009
Marlen Vazzoler

Inedita in Italia la serie di libri di Sweet Valley High creata nel 1983 da Francine Pascal e un team di scrittori fantasmi è stata pubblicata in America per una ventina d'anni e consta di 152 libri. La storia si centra sulla vita di due gemelle adolescenti [...]

RUBRICHE
venerdì 4 aprile 2008
Chiara Renda

Gli attesissimi A distanza di sei mesi dalla Festa di Roma, dove ha trionfato, esce nelle sale italiane Juno, il piccolo film indipendente già diventato un cult in tutto il mondo e in Italia argomento di dibattito politico da quando Giuliano Ferrara, [...]

NEWS
sabato 27 ottobre 2007
Letizia della Luna

Unanimi consensi per la vittoria di Juno La seconda edizione della Festa del Cinema di Roma, caratterizzata da ottimi film e da numerose defezioni da parte delle grandi star, è giunta al termine. La cerimonia di premiazione, presentata da Vincenzo Mollica [...]

winner
miglior scenegg.ra
Premio Oscar
2008
winner
miglior scenegg.ra originale
Premio Oscar
2008
winner
miglior film
Roma Film Festival
2007
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati