This Is England

Film 2006 | Drammatico 101 min.

Regia di Shane Meadows. Un film Da vedere 2006 con Thomas Turgoose, Stephen Graham, Jo Hartley, Andrew Shim, Vicky McClure, Joseph Gilgun. Cast completo Genere Drammatico - Gran Bretagna, 2006, durata 101 minuti. Uscita cinema venerdì 26 agosto 2011 distribuito da Officine Ubu. - MYmonetro 3,42 su 51 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi This Is England tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un ragazzino di dodici anni, senza padre, trova compagnia e comprensione in un gruppo di skinhead, sullo sfondo dell'Inghilterra di Margaret Thatcher. Il film è stato premiato a Roma Film Festival. In Italia al Box Office This Is England ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 198 mila euro e 29,3 mila euro nel primo weekend.

This Is England è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,42/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,89
PUBBLICO 3,03
CONSIGLIATO SÌ
Grandi attori per una critica forte alle contraddizioni dell'Inghilterra.
Recensione di Mattia Nicoletti
giovedì 19 ottobre 2006
Recensione di Mattia Nicoletti
giovedì 19 ottobre 2006

Inghilterra 1983. Shaun è un dodicenne spesso irriso dai compagni di classe. Al momento delle vacanze estive il ragazzino entra a far parte di un gruppo di skinhead, che lo prendono sotto la loro ala protettiva. In questo paesino della provincia inglese Shaun crescerà con i nuovi amici, tra Dr. Martens e contraddizioni, in un periodo difficile per la nazione coinvolta nella guerra delle Falkland.
Lo sguardo autobiografico del regista Shane Meadows sull'Inghilterra di inizio anni '80 è dolce e amaro. Traspare l'amore per la propria terra, manifestato con le musiche coinvolgenti dell'epoca e i tipici luoghi comuni della gioventù britannica, e si percepisce una forte critica a un paese che lo delude, perchè si cresce e si diventa adulti senza grosse prospettive. Shaun, interpretato dal bravissimo Turgoose, conosce già il dolore, toccato con la morte del padre nel conflitto con l'Argentina, i suoi occhi, tuttavia, comunicano speranza, vitalità, tipici di un'esistenza appena iniziata. Nel suo gruppo, vestito con la "divisa" (Dr. Martens, camicia a quadri, bretelle e testa rasata) convivono inizialmente giovani con la necessità di ideali, che compiono ragazzate e che si divertono come molti coetanei. È l'arrivo dell'elemento disturbante Combo (Stephen Graham) a innescare la bomba a orologeria, e una spirale razzista e violenta.
Il tic-tac del timer che conduce all'esplosione finale, è il rapido percorso di crescita del piccolo Shaun che, in seguito all'atto scellerato di Combo (che impersona il fascino del Male), compie il suo primo atto di volontà, di fronte all'immensa distesa di acqua salata.

Sei d'accordo con Mattia Nicoletti?
THIS IS ENGLAND
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 7 ottobre 2009
Leonardo Masieri

Il film si apre con immagini che potrebbero ben definire la storia Inglese degli anni '80:Tatcher,Falklands,Pachistani che subiscono aggressioni.Lo scenario ci è mostrato attraverso un sottofondo reggae che influenzo' moltissimo lo stile rude boy, i proletari neri,il piu' delle volte immigrati dalla Giamaica da una cui branca nacque anche il movimento skinhead,che nacquero proprio in quel contesto [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 settembre 2011
Riccardo Tavani

  Film immediatamente esplicito, fin dal titolo: accoppia il tema del razzismo al nome di uno Stato, di una Nazione. “Questa è l'Inghilterra”, ovvero questa storia, che la pellicola racconta, di comune razzismo suburbano, della grigia periferia o provincia inglese. E che il protagonista sia soltanto un dodicenne ci dice di come il razzismo sia qualcosa che si assorbe [...] Vai alla recensione »

martedì 20 settembre 2011
LucaPic

Pantaloni modello skinny in jeans (quelli aderentissimi che strizzano la gamba) messi dentro al calzino bianco, giubbotto bomber, anfibi dottor Martens, camicie Ben Sherman a quadri bianco rosso e blu, bretelle e capelli rasati per i maschi, per le femmine, stessa solfa, ma i capelli non vanno completamente rasati, bisogna lasciarli lunghi ai lati e nella frangia.

venerdì 16 novembre 2012
ADELIO

Quando sono arrivato alla fine della visione mi è rimasto un brivido...mi sono chiesto se si trattasse più di un reportage che non di un film...propenderei per la prima delle ipotesi. Di fatto un servizio raccontato con una storia da neorealismo retrospettivo: l'inghilterra che ha prodotto l'inghilterra di oggi. Bell'entrata quella serie di immagini contrapposte in apertura a creare quasi una visione [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 dicembre 2011
maria giorgia

 Inghilterra 1983: Shaun è un dodicenne, orfano di padre, beffeggiato dai compagni di scuola. La sua vita cambierà durante l’estate quando incontrerà alcuni skinheads che lo accoglieranno nel gruppo trasformando: testa rasata, Dr. Martens ai piedi, camicia a quadri e bretelle. Basta guardare i primi minuti per inquadrare il periodo storico e il contesto in cui è [...] Vai alla recensione »

domenica 18 settembre 2011
molenga

Meadows forse per primo dipinge un affresco credibile sulle contraddizioni nate all'interno del movimento skin e rude boy dopo l'incontro con il national front. Siamo nel 1983, l'inghilterra conta i morti che tornano dalle malvinas:tra questi c'è il padre di S haun, ragazzino introverso che trova in un gruppo di original skins non razzisti, un gruppo di beòni casinisti [...] Vai alla recensione »

martedì 13 dicembre 2011
break

Ambientato nei primi anni 80. L'amaro percorso di un ragazzino (Shaun) orfano di padre morto per le Folkland. Si unisce ad un gruppo di skinhead esaltati guidati da "Combo" un ex galeotto nazionalista e feroce razzista in cui Shaun probabilmente vede più che un amico una figura paterna. Film che ricopre varie tematiche importanti.

venerdì 2 dicembre 2011
paperino

Un film di quelli che io definisco " un pugno nello stomaco". Alla fine rimani senza parole e quasi non  vorresti alzarti e uscire dalla sala. Una storia di maturazione adolescenziale che riporta alla memoria " Stand by me" anche se qui si tratta di tutt'altra realtà  Tutto contribuisce a dare intensità  al film: le [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 giugno 2014
Noia1

La solitudine di un ragazzino viene compensata da un gruppo di poveri diavoli che passano le giornate a fare danni e a drogarsi, lo strano equilibrio che si crea però verrà distrutto da Combo, un fanatico violento e psicopatico. Cinematograficamente ben fatto e la telecamera con le sue varie posizioni aiuta a comprendere l’importanza (o la spensieratezza) di tutte le scene.

lunedì 13 maggio 2013
Francesco2

Per quanto -Secondo chi scrive- ben lungi dall'essere il gioiellino di cui qualcuno ha detto, il film rimane sicuramente uno spaccato. Bisogna però, forse, intendersi sul significato che assume qui questo termine. Cercando di spiegarsi meglio, è più concreto dire che come affresco sociologico di quell'Inghilterra -Che potrebbe e descrivere meglio chi non sia nato nel '73, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 agosto 2011
Flyanto

Film che descrive l'Inghilterra degli anni '80 ed una parte della sua società attraverso il passaggio dall'infanzia all'adolescenza del protagonista. Malinconico, nostalgico ed allo stesso tempo accusatorio e duro. Molto bravo il piccolo protagonista.

giovedì 26 gennaio 2012
Linus2k

Un ragazzino di 12 anni, Shaun, orfano, con la madre assolutamente inesistente, non accettato dai suoi compagni di scuola viene accolto in un gruppo di "skinheads" che si rivela un gruppo di amici meno aggressivi di quanto ci si potesse aspettare nell'immaginario collettivo: alla fine per loro essere skinheads era solo un modo di vestirsi e poco di più.

lunedì 5 settembre 2011
renato volpone

Il film racconta di un ragazzino dodicenne che si trova a dover elaborare il lutto del padre morto nella guerra delle Falkland. Lo sguardo è sul mondo proletario dell'inghilterra degli anni '80, popolata dagli skinheads, buoni e cattivi. Si arriva alla fine del film che ci si domanda perchè? Gli argomenti trattati sono molti, ma lo spessore de "il ragazzo con la bicicletta" non c'è, e non c'è mai una [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 settembre 2011
diomede917

Nonostante sia stato il primo vincitore della Festa di Roma "This is England" è rimasto fermo nei magazzini della distribuzione italiana per tutto questo tempo. Un vero peccato perchè questo romanzo di formazione merita assolutamente una visione. Fin dalle immagini di repertorio che aprono il film si capisce sia il periodo storico dove è ambientata la storia sia quale è l'obiettivo primario.

lunedì 13 aprile 2009
Elvis shot JFK

ottimo film, ottima credibilità, ottimi sceneggatura, ottimi costumi, ottima ambientazione e ottimo documentario. film reale che non esaspera in nulla. è tutto vero! assolutamente da vedere se si è interessati a questo tipo di movimento.........altro che american history x!

giovedì 28 ottobre 2010
paride86

"This is England" è una bella storia sul razzismo che parte dalle radici prodonde dell'insoddisfazione per arrivare alle conseguenze della violenza. E' una storia di formazione, innanzitutto. Il piccolo protagonista, orfano di padre a causa della guerra delle Falkland, impara l'odio come reazione all'emarginazione e all'indigenza.

giovedì 4 luglio 2013
Polenta Violenta

Al voto manca mezza stella, ma il punto rimane lo stesso: This is England è una buona occasione gettata alle ortiche. e qui vado controvento aspettandomi voti negativi, almeno lasciatemi spiegare. L'idea di partenza è ottima: mostrare attraverso gli occhi di un bambino (ovvero un innocente oltre che un quasi totale neofita) un periodo storico complicato per un intero paese dal punto [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 gennaio 2012
epidemic

Non c'è che dire lo scenario e il collocamenteo è di sicuro effetto: l'inghilterra della Teatcher e la subcultura giovanile skinhead. Basi ottime, fotografia anche. Il neo rimane sul piglio narrativo. Se da una parte si scruta l'universo skin dall'altra parte non se ne esce, manca così il rapporto-scontro con l'esterno, la società.

giovedì 19 gennaio 2012
Vittorio

Amo moltissimo il cinema inglese e quindi mi aspettavo molto da questo film. Devo dire che la storia è interessante ma efficace solo a meta' e con un finale abbastanza prevedibile. Complessivamente è un bel film ma mi aspettavo di più!!

mercoledì 14 dicembre 2011
Lisa Casotti

I film inglesi, spesso, mi lasciano a distanza. Sento che qualcosa di importante e drammatico sta per compiersi, lo vedo accadere sulla pellicola, ma non riesco a entrarci dentro, assisto soltanto, da lontano, e questa impossibilità a vibrare in empatia col personaggio mi provoca struggimento. Ma non inficia la consapevolezza di aver visto un bel film e la voglia di approfondire il discorso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 agosto 2011
Dado1987

This is England è il solito film politically correct in cui bisogna far vedere che gli skinheads sono pazzi, confusi ed esagerati. Come è solito nel genere, il film inizia con dei ragazzi un po' bulli, ma non troppo cattivi che vengono travolti dall'euforia di un singolo individuo più esaltato degli altri. Senza fare discussioni politiche dico che il film nonostante sia inglese, paese che generalmente [...] Vai alla recensione »

sabato 19 novembre 2011
Stolencar

Sì un ottimo film. Davvero. Non un capolavori per la scelta, personalmente non apprezzatissima, di utilizzare molte cover delle musiche che hanno permeato il primo lustro degli anni '80. Non un capolavoro per aver lasciato forse un po' troppo sullo sfondo il contesto in cui si sviluppano le vicende dei ragazzi della periferia britannica.

sabato 18 agosto 2018
Estasi Mistica

Uno di quei film che lasciano qualcosa, che nel bene o nel male emozionano. Combo e Shaun bravissimi attori. Un'oretta e mezza spesa bene

domenica 20 maggio 2012
angelo umana

"Ma che piccola storia ignobile mi tocca raccontare ..." (da Guccini), storia ignobile e molto triste di come un gruppo pseudo-ideologico di c.d. "nazionalisti" si possa formare, con gli ingredienti del razzismo, il concetto ritrito che gli invasori godano di maggiori assistenze degli indigeni, il bullismo, le proprie rabbie e fallimenti, qualcuno che abbia già avuto esperienze [...] Vai alla recensione »

martedì 6 dicembre 2011
g_andrini

E' un vero, piccolo, capolavoro. Il piccolo protagonista è veramente espressivo, una pellicola con un "patos" veramente tangibile. Mi sono ritrovato un po' nel film, nella voglia di imporsi ad ogni costo, tipico dell'età giovanile. Da vedere, senza riserve.

lunedì 21 novembre 2011
fra007

è un film che fa riflettere.. regia di alta scuola e interpreti fenomenali. imperdibile!!!!

lunedì 3 ottobre 2011
Tony-K

This is England è davvero un bel film, violento e romantico come pochi film sanno essere senza risultare incoerenti o incomprensibili. Tutto è armonioso in This is England e per coloro che amano il film in lingua originale da oggi esce nelle sale in Inglese con sottotitoli in italiano. vi lascio l'elenco delle sale e vi copio il post che trovate sulla pagina facebook del film! "Per i molti appassionati [...] Vai alla recensione »

martedì 20 settembre 2011
tiamaster

inghilterra anni 80,in un tipico paesino (orribilmente squallido) di provincia c'è shane,ragazzino dodiceno che ha perso il padre.un giorno in seguito a un litigio che finisce in una rissa,shane conosce un gruppo di skinhead,gruppo di teppisti che però shane trova subito simpatici,socievoli;e così tenterà di colmare il vuoto creato dall'assenza del padre.

venerdì 2 settembre 2011
adriantitti

bellissimo film sugli aspetti più deteriori dell'Inghilterra degli anni 80, che fa riflettere anche sull'oggi, sulle origini della violenza, del razzismo e sul fascino del male. Il tema di fondo, che guida il percorso di maturazione del giovane protagonista, il quale ha perso il padre nella guerra delle Falkland, è la ricerca della figura paterna, che sarà ritrovata solo attraverso il drammatico confronto [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 settembre 2011
ilfreddo1983

Film più che discreto con bravi attori,ottime musiche,immagini di repertorio superbe la cosa che posso criticare è lo svolgimento della trama che a volte risulta un pò monotono e lento se si fosse aggiunto quel pizzico di violenza e adrenalina in più sarebbe stato eccezionale!!!

sabato 29 ottobre 2011
andrea

mi viene da riflettere, un domani saremo nelle mani di quella gioventù ? andrea

mercoledì 31 agosto 2011
pruoffc

FOCUS
INCONTRI
giovedì 25 agosto 2011
Ilaria Ravarino

A metà agosto le periferie di Londra bruciavano d’incendi e saccheggi. Poco tempo prima, il 22 luglio, una bomba esplosa nel cuore di Oslo aveva messo l’Europa di fronte a un’inaspettata, incomprensibile, anacronistica recrudescenza neonazista. Ed ecco che appena un mese più tardi, all’alba di settembre, esce in Italia un film, This is England, che tutti questi mali li ha già dentro: la storia, ambientata in un’Inghilterra sofferente e in guerra, è quella di un bambino addestrato al neonazismo e del suo faticoso ritorno dai gironi dell’inferno dell’ideologia.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Il razzismo spiegato a mio figlio. Fosse uno dei tanti libri di successo su temi scomodi di questi anni, il miglior lavoro visto in concorso potrebbe intitolarsi così. Ma il ruvido This is England di Shane Meadows non è un libro. E' un film, e non potrebbe essere altro. Perché è davvero tutto "scritto" addosso ai suoi personaggi, ai silenzi, alle posture, alle emozioni che affiorano sui volti brutali [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

Attenzione, attenzione! Abbiamo visto Un film vero! Di quelli, per intenderci, che onorano e danno significato ai Festival e alle Mostre, e che arrivano timidamente a chiedere asilo e luce alle Feste, cercando spazio tra film-nani, film-ballerine e film parrucconi (come da ultimo il Peppuccio nostro Tomatore). This is England così apodittico e programmatico, ci ricorda per lucidità il This is America, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Il razzismo spiegato a mio figlio. Fosse un libro, il ruvido e bellissimo «This is England» potrebbe chiamarsi così. Ma è un film e non potrebbe essere altro. Perché è tutto «scritto» addosso ai suoi personaggi, ai silenzi, alle posture, alle emozioni che affiorano sui volti brutali ma sensibili di quegli skinhead. Il razzismo e i suoi alleati, l’odio di sé, dunque degli altri, la paura, la deprivazione [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Esce quasi cinque anni dopo la presentazione al Festival di Roma 2006: ma, anziché perderne, sembra avere acquistato attualità. Il film di Meadows può aiutare a comprendere meglio le ragioni delle rivolte inglesi di questi giorni, osservando dall'interno realtà e sbandamenti di una gioventù condannata alla rottamazione sociale. Tredicenne solitario, orfano di un caduto delle Falkland, Shaun fa conoscenza [...] Vai alla recensione »

Massimo Benvegnù
Il Riformista

Il cubo di Rubik e «Space Invaders». il matrimonio di Carlo e Diana e lei, la Tatcher Lady di Ferro che saluta e navi della Marina che salpano verso l'Argentina per una guerra inutile. "This is England" questa è l'Inghilterra dei primi Anni Ottanta che ci vuole raccontare stavolta Shane Meadows voce potente e roca del cinema indipendente britannico che per il suo quinto lungometraggio ha deciso di [...] Vai alla recensione »

Graham Fuller
The New York Times

SHANE MEADOWS'S latest film, "This Is England," begins with a collage of news and pop culture clips from Britain in the early '80s: Margaret Thatcher, thewedding of Prince Charles and Lady Diana Spencer, primitive aerobics classes, protesters at Greenham Common, the pop group Duran Duran, grim housing tracts, striking miners fighting with the police, skinheads marching with the National Front, a nighttime [...] Vai alla recensione »

Philip French
The Observer

Con i suoi film Sheane Meadows ha inviato delle splendide e dolorose lettere dalla Middle England che raccontano di vite insoddisfacenti e disperazione. Senza sentimentalismi e retorica. This is England è una delle sue opere migliori, ambientata nel 1983, vicino ai luoghi natali della Lady di ferro. Shaun è un dodicenne che vive con la madre, vedova di guerra delle Falkland.

Gianni Rondolino
La Stampa

Realizzato nel 2006, aveva vinto in quel medesimo anno il Premio speciale della Giuria al Festival del cinema di Roma, ma solo ora, cinque anni dopo, è distribuito nelle sale italiane grazie alle Officine Ubu. Un’ottima occasione per vedere This is England di Shane Meadows, un regista che con quest’opera, ambientata nell’Inghilterra degli Anni ‘80 governata dalla Thatcher, è riuscito a raccontare una [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

In che modo un ragazzo può cadere nelle maglie dell’estremismo politico? Elio Vittorini l’ha raccontato molto bene ne Il garofano rosso, Louis Malle ha fatto altrettanto con Cognome e nome: Lacombe Lucien, per citare solo un celebre esempio letterario e uno cinematografico. Ora ci prova anche il regista e sceneggiatore inglese Shane Meadows il cui This is England ha talmente incontrato il gradimento [...] Vai alla recensione »

Mattia Nicoletti
Metro

This is England è stato accolto con lunghi applausi alla Festa di Roma. Il toccante dramma inglese firmato da Shean Meadows ha commosso la platea e si candida di prepotenza tra i favoritissimi per un premio. La storia. L'inghilterra della working class Anni Ottanta, fra le Falkland e le Dr.Martens, è l'ambiente in cui si muove il dodicenne Shaun, con un padre morto in guerra con l'Argentina, vittima [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
mercoledì 24 agosto 2011
Nicoletta Dose

La Lady di Ferro incontra il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan, i giovani si scatenano in discoteca e le strade si affollano di ribelli arrabbiati. Le immagini di repertorio che accompagnano i titoli di apertura di This is England di Shane Meadows, [...]

winner
premio speciale della giuria
Roma Film Festival
2006
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati