Million Dollar Baby

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Million Dollar Baby   Dvd Million Dollar Baby   Blu-Ray Million Dollar Baby  
Un film di Clint Eastwood. Con Clint Eastwood, Hilary Swank, Morgan Freeman, Mike Colter, Lucia Rijker.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 132 min. - USA 2004. - 01 Distribution uscita venerdì 18 febbraio 2005. MYMONETRO Million Dollar Baby * * * * - valutazione media: 4,14 su 189 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La classe di Clint nella boxe di Hylary Valutazione 5 stelle su cinque

di andyflash77


Feedback: 14447 | altri commenti e recensioni di andyflash77
giovedì 9 agosto 2012

Nel corso di una vita passata sul ring, Frankie Dunn (Clint Eastwood) è stato allenatore e manager di alcuni pugili straordinari. La cosa più importante che insegna ai suoi pugili è la stessa che governa la sua vita: prima di tutto, proteggere se stessi. In seguito alla dolorosa rottura con sua figlia, Frankie ha sempre evitato di affezionarsi troppo a qualcuno. Il suo unico amico è Scrap (Morgan Freeman), un ex-pugile che manda avanti la palestra e sa che sotto quella scorza ruvida c'è un uomo che va a Messa quasi tutti i giorni da 23 anni, cercando un perdono che in qualche modo continua a sfuggirgli. Finché Maggie Fitzgerald (Hilary Swank) non entra nella sua palestra. Maggie non ha mai avuto molto dalla vita, ma ha una cosa che pochi hanno: sa quello che vuole, ed è pronta a fare di tutto pur di ottenerlo. Tra mille difficoltà è sempre andata avanti con la forza del suo talento, della sua incrollabile determinazione e della sua straordinaria forza di volontà. Ma quello che più desidera è trovare qualcuno che creda in lei. L'ultima cosa di cui Frankie ha bisogno è quel tipo di responsabilità - e soprattutto i rischi che comporta. Lo dice a Maggie, e a brutto muso: è troppo vecchio per allenare, e comunque non allena ragazze. Ma chi non ha scelta non si arrende di fronte a un "No": Maggie non vuole o non può rinunciare, e si sfinisce tutti i giorni in palestra, incoraggiata solo da Scrap.
Alla fine, conquistato dalla sua grande determinazione, Frankie accetterà di allenarla. Incoraggiandosi o esasperandosi a vicenda, in un'altalena di alti e bassi, i due finiranno per scoprire un'affinità che trascende il dolore e le perdite del passato, e troveranno l'uno nell'altro il senso della famiglia che avevano perso. Quello che non sanno è che li aspetta una battaglia che esigerà da entrambi più coraggio di quanto ne abbiano mai avuto...Dalla coralità di "Mystic River" a pochi personaggi immediatamente individuabili. C’è un allenatore di boxe esperto di strategie e di ferite, vecchio disilluso; c’è una donna di trentun anni che vuole uscire dall’anonimato, diventando una professionista in questo sport spesso vietato al genere femminile; c’è un ex-pugile, amico da una vita del manager, che svolge il ruolo di tuttofare nella palestra di proprietà del suddetto.
Maggie (Hilary Swank) cerca il riscatto alla sua squallida esistenza di sottoproletaria e vuole essere allenata da Frankie (Clint Eastwood), reticente e diffidente perché lei non è giovanissima e perchè lui non allena donne. Sarà Scrap (Morgan Freeman), che sa come parlare con il ruvido amico, a fargli superare resistenze e pregiudizi, insieme alla caparbia e dignitosa ostinazione della donna. Nasce così tra la ragazza e l’allenatore una relazione mista di amore paternale e profonda amicizia, un rapporto intessuto anche di rimpianti, di ciò che poteva essere, di un’ultima difficilissima scelta. Frankie, che si porta dietro il dolore di una figlia la quale lo ha rifiutato, non ha avuto i risultati cui aspirava nel difficile mondo della boxe, ma è innamorato del suo mestiere e mette in gioco tutta la propria esperienza quando capisce la determinazione terribile di Maggie di cogliere l’occasione che le si offre. Lei spera d’altronde che il successo l’aiuti a farsi finalmente stimare da una volgarissima famiglia che l’ha sempre ignorata e sfruttata, madre in testa. Scrap infine è dalla parte della donna, perché intravede in lei quello che non ha potuto essere sul ring, vista la sua carriera stroncata dalla perdita di un occhio in combattimento.
Nonostante la componente sportiva, si sbaglierebbe a pensare che questo film sia qualcosa tutta giocata attorno al pugilato. C’è sì una filosofia di questo sport che lo percorre, ma il racconto è piuttosto fatto di scavo psicologico dei personaggi e delle loro relazioni umane. Niente di nuovo nell’ideologia tutta americana che lo sottende: chi riesce a cogliere l’occasione della vita e magari un milione di dollari, può anche ritenere che la sua esistenza non sia stata sprecata. Ma accanto a ciò Eastwood non manca di sottolineare come tale sogno crei vittime e perdenti; per questo è capace di far parlare in maniera asciutta e coinvolgente i sentimenti umani delle persone. Il loro soffrire, rallegrarsi, sognare viene raccontato con classica immediatezza, con giusto contrasto di luci e ombre, ma con un pessimismo che non lascia sostanzialmente scampo, senza alibi religiosi, perché alla fine ciascuno è solo con se stesso e le sue decisioni.
Unica guida nella difficile navigazione del vivere è la propria coscienza e la capacità di ciascuno di amare e di cambiare. Non si ha paura di usare per il lavoro di Eastwood la parola "etica", perché tale è lo spessore delle sue opere, peraltro misurate e senza orpelli. E il linguaggio cinematografico accompagna con maestria sempre crescente tale caratteristica dei suoi film. Molti gli interni, spenti i colori, perlopiù oscuri o squarciati da luci artificiali gli ambienti, nette e pulite le inquadrature, fotografia vecchio stampo di Tom Stern, musica a base di chitarre composta dallo stesso Eastwood e dal figlio.
Da questo ammirevole pensionato ci aspettiamo presto un nuovo lavoro, perché col tempo la sua vendemmia è sempre più accattivante e riconcilia col cinema americano.


[+] lascia un commento a andyflash77 »
Sei d'accordo con la recensione di andyflash77?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di andyflash77:

Vedi tutti i commenti di andyflash77 »
Million Dollar Baby | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | rongiu
  2° | mic
  3° | alessandro pesce
  4° | accuccu
  5° | marcello
  6° | cielo
  7° | fangio
  8° | amante del buon cinema
  9° | diomede917
10° | massimo
11° | weach
12° | danilodac
13° | joker 91
14° | luca scialò
15° | cineofilo92
16° | filippo catani
17° | alessandro
18° | alberto86
19° | tony
20° | pjmix
21° | tortilla western
22° | il cinefilo
23° | shiningeyes
24° | stefano b.
25° | greg
26° | barbara b.
27° | nello
28° | tina
29° | carlo vecchiarelli
30° | stefano burini
31° | jason66
32° | paolo assandri
33° | dinozzz
34° | j.j.winston
35° | keanu
36° | il cinefilo
37° | theophilus
38° | eden artemisio
39° | ales oli
40° | amandagriss
41° | nicola
42° | andyflash77
43° | great steven
44° | lady libro
45° | toty bottalla
46° | fabio 3121
47° | jacopo b98
48° | michele il critico
49° | pieronte
50° | aury
51° | luvelio jusa
52° | stefania callisto
53° | dodo
54° | giovanni dm
SAG Awards (5)
Premio Oscar (9)
Nastri d'Argento (2)
Golden Globes (9)
David di Donatello (2)
AFI Awards (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 13 aprile
Burraco fatale
Genesis 2.0
martedì 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedì 18 marzo
I predatori
martedì 9 marzo
Waiting for the Barbarians
Tuttinsieme
martedì 23 febbraio
Le sorelle Macaluso
La volta buona
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità