Dopo mezzanotte

Film 2004 | Commedia 93 min.

Regia di Davide Ferrario. Un film con Giorgio Pasotti, Francesca Inaudi, Fabio Troiano, Francesca Picozza, Silvio Orlando. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2004, durata 93 minuti. - MYmonetro 2,73 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Dopo mezzanotte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 10 settembre 2014

Esasperata dal padrone del locale in cui lavora, Amanda fugge nella Mole Antonelliana dove trova Martino, custode del Museo del Cinema di Torino segretamente innamorato di lei. Ha vinto un premio ai David di Donatello, In Italia al Box Office Dopo mezzanotte ha incassato 1,3 milioni di euro .

Dopo mezzanotte è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,73/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA
PUBBLICO 3,45
CONSIGLIATO SÌ
Ferrario strizza l'occhio allo spettatore con scenette totalmente fuori contesto in un film troppo citazionista.
Recensione di Andrea Chirichelli
Recensione di Andrea Chirichelli

Ma alla critica italiana basta che un film contenga una scena contro Berlusconi per far piovere su di esso lodi sperticate ? Pare di sì, altrimenti non si spiegherebbe il perché degli entusiastici commenti che si elargiscono a profusione per l'ultima fatica di Ferrario, indubbiamente un buon regista, ma qui, onestamente al suo nadir. Dopo mezzanotte, al di là di tutto, è un clone povero di Jules et Jim in cui tre personaggi bizzarri, sarebbe meglio dire pensati male e realizzati peggio si inseguono per un'ora e mezza vagando per il film tra dialoghi assurdi e una sceneggiatura plasmata su una fetta di emmenthaler. Ferrario strizza l'occhio allo spettatore con scenette totalmente fuori contesto (l'aggressione al capo del fast-food, la cantata comune sulle note di "Ricominciamo", l'assurda trovata finale) e induce al sonno lo spettatore, cullato dalla monocorde voce fuori campo, inutile artifizio, di Silvio Orlando (ma che c'azzecca un napoletano a Torino?). Si voleva citare lo slapstick? Ma per piacere. Le comiche con Pozzetto e Villaggio erano più sincere e divertenti. Il romanticismo? Gli omaggi al cinema del passato lasciamoli fare a chi sa come gestire la materia che maneggia. Dopo Mezzanotte è epifanico dei limiti congeniti del cinema italiano contemporaneo: senza idee, senza spessore, sempre pronto a citare il passato per non confrontarsi con il futuro. Non confondiamo film "piccoli" con i "piccoli" film : anche questi ultimi possono essere inutilmente arrogantelli e pretenziosi. Tutto da buttare?: no, per fortuna c'è la Mole Antonelliana ed il Museo del cinema che recitano meglio di Pasotti (che almeno qui non parla), l'eccellente colonna sonora di Daniele Sepe, e il volto ed il corpo di Francesca Inaudi, splendida, insolita e sprecata. E attenzione a dedicare siffatte opere a Keaton... è vero che i morti non possono risorgere, ma rivoltarsi nella tomba sì. E il povero Buster lo sta sicuramente facendo.

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dice il narratore: "Forse sono i luoghi che raccontano le storie meglio dei personaggi". Certi luoghi. Come la Mole Antonelliana (1863, alta 168 m) da pochi anni sede del Museo del cinema di Torino, contenitore e, forse, maga ispiratrice di questa commedia di garbo sottile e ironico dove si racconta una triangolare storia d'amore. Prodotto a basso costo e scritto dal regista, questo "piccolo film gentile" (D. Ferrario) funziona a molti livelli: sagace mescolanza di commedia, melodramma, contrappunto cinefilo con citazioni dell'amato Buster Keaton e di Il fuoco di Pastrone; impiego del digitale con una HD-TV Sony (Dante Cecchin) per gli esterni di una Torino nebbiosa e notturna come per gli scenografici interni incantati della Mole; alta definizione dei personaggi/interpreti tra cui, oltre al keatoniano Pasotti, bisogna segnalare la prova della teatrante F. Inaudi. Un po' ridondante lo spazio concesso alle musiche colte di Banda Ionica, Daniele Sepe e Fabio Barovero. La voce off del commento straniante è di Silvio Orlando. Esposto con successo al Forum di Berlino 2004, insignito dei premi Caligari e Don Quixote.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
DOPO MEZZANOTTE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€9,99
€10,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 8 agosto 2020
woody62

Davide Ferrario cinefilo, prima che regista, realizza un film per cinefili tutto incentrato sul Museo del Cinema all'interno della Mole Antonelliana a Torino e nel quartiere malfamato della Falchera. Lì si intrecciano le storie dei tre giovani protagonisti: l'enigmatico e solitario Martino, guardiano notturno del Museo, l'insoddisfatta Amanda, impiegata in un fast food e fidanzata [...] Vai alla recensione »

martedì 26 settembre 2017
gciafa

Se si passa un'ora e mezzo in un'atmosfera surreale e stralunata e il tempo passa veloce e la colonna sonora accompagna gradevolmente le immagini e la magica atmosfera del museo del cinema ti fa vivere il cinema nel cinema e ti avvolge come in una morbida pellicola, se la voce di Silvio Orlando segna il tempo e ti stimola sensazioni, si può ritenere "Dopo mezzanotte" un film [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 luglio 2016
arnaco

Ma a un critico basta una battuta contro Berlusconi per demolire un film?

lunedì 7 luglio 2014
Giuseppe Del Sole

E sarà la prima che incontri per strada, che tu coprirai d'oro, per un bacio mai dato, per un'amore nuovo. Ogni volta che entriamo in un cinema, abbiamo sempre la inconscia speranza di innamorarci di nuovo. Speriamo che le nostre convinzioni più granitiche si sgretolino di fronte ad una nuova bellezza, ad un nuovo sentire, ad un secondo imbrunire il cuore.

lunedì 24 marzo 2014
no_data

Io l'ho trovato un film assolutamente poetico, certo ci sono delle ingenuità narrative ma tuttavia passabili. La critica di Chirichelli è assolutamente isterica e insana, di un film come questo si possono salvere molte cose. I critici più fanno i cattivi e più credono di essere fighi.

Frasi
È come la benzina e l’inquinamento, no?
Cosa?
La coppia. Rovina il mondo, ma non si è ancora trovato niente di meglio.
Dialogo tra Amanda (Francesca Inaudi) - L'angelo (Fabio Troiano)
dal film Dopo mezzanotte
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Un piccolo film squisito, che valorizza tutto quello che tocca. La città di Torino, l'idea di cinema come consolazione della vita, i giovani attori. Appassionatamente autoprodotto dal regista Davide Ferrario, ma impreziosito dalla tecnologia dell'alta definizione che ne raccomanda la visione su schermo grande. Lieve come una piuma una voce narrante e un po' filosofa (Silvio Orlando) ci accompagna nella [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

LA scelta degli interpreti Giorgio Pasotti, Francesca Inaudi, Fabio Troiano, non è certo un merito minore di Dopo mezzanotte di Davide Ferrario, torinese, 48 anni, già autore di La fine della notte, Anime fiammeggianti, Tutti giù per terra. È invece una sorpresa e un piacere poter vedere facce così belle e integre, immuni da ogni contagio della volgarità banale, delinquenziale o bordellesca dell'estetica [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Piccolo film, gradito ritorno: Dopo mezzanotte di Davide Ferrario, già accolto al Forum della Berlinale con applausi, risate, emozione. Dai tempi dello sfortunato Guardami , incursione d’autore nel mondo del porno, il regista di Tutti giù per terra non faceva fiction. Ma Dopo mezzanotte è un esempio di cinema a basso costo così riuscito e vitale che andrebbe studiato nelle scuole.

Raffaella Silipo
La Stampa

Una Torino notturna, misteriosa appassionata, ricamata dalle Luci d’artista, va in scena al Festival di Berlino. Dopo Mezzanotte di Davide Ferrario è una storia d amore e insieme di passione per il cinema, ambientata nelle vie della città piemontese e dentro la Mole Antonelliana,magica casa del Museo del cinema. Il film, interpretato da Giorgio Pasotti, Francesca Inaudi, Fabio Troiano, si e avvalso [...] Vai alla recensione »

Bruno Fornara
Film TV

Davide Ferrario viaggia da sempre tra fiction e documentario. Stavolta sceglie la fiction senza dimenticarsi di catturare l’incanto di una città misteriosa Come Torino e di un posto straordinario come la Mole Antonelliana con dentro il Museo del Cinema più fantastico del mondo. Tre personaggi: il solitario Martino, custode notturno del Museo, che rivede di notte i vecchi film; l’Angelo che fa il ladro [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Bernardo Bertolucci, in Dreamers, ci aveva raccontato una storia d’amore con citazioni cinefile e poiché l’aveva ambientata a Parigi vi aveva fatto spesso riferimento alla celebre Cinémathèque di Henri Langlois. Oggi Davide Ferrario ci racconta a sua volta una storia d’amore con il gusto della cinefilia e avendola ambientata a Torino vi mette al centro quel Museo del Cinema ospitato da qualche tempo [...] Vai alla recensione »

Pedro Armocida
Il Giornale

Il cinema in Italia è nato a Torino, Cinecittà è venuta molto dopo. Ora, dopo le magniloquenti celebrazioni del centenario di qualche anno fa, arriva nelle sale l’omaggio più omaggio che in Italia sia stato dedicato alla settima arte e ai suoi primi passi nella città sabauda. Si tratta di Dopo mezzanotte di Davide Ferrario, presentato con successo al recente Festival di Berlino, un piccolo (solo per [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Davide Ferrario doveva risalire in sella dopo l´esito, quanto meno, controverso di Guardami. L´ha fatto giocando in casa, ma l´ha fatto con classe. La «casa» è la Mole Antonelliana: non solo perché il bergamasco Ferrario da qualche tempo vive e lavora a Torino, ma anche perché il monumento/simbolo della città piemontese è la sede del Museo del Cinema (il cui direttore, nonché ex direttore di Venezia, [...] Vai alla recensione »

Gianni Rondolino
La Stampa

Una Torino notturna suggestiva, misteriosa, che può affascinare o inquietare, con i cerchi viola di Rebecca Horn che incorniciano il Monte dei Cappuccini spandendo intorno una luce spettrale; la serie rossa dei numeri di Fibonacci disposti verticalmente da Mario Merz che si inerpicano sulla cupola della Mole Antonelliana; via Po e piazza del Municipio invase dalle «luci d’artista».

winner
migliori eff. speciali visivi
David di Donatello
2005
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati