Paycheck

Film 2003 | Fantascienza, Azione +13 119 min.

Anno2003
GenereFantascienza, Azione
ProduzioneUSA
Durata119 minuti
Regia diJohn Woo
AttoriBen Affleck, Uma Thurman, Aaron Eckhart, Michael C. Hall, Emily Holmes, Colm Feore Paul Giamatti, Kathryn Morris, Joe Morton, Peter Friedman.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,47 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di John Woo. Un film con Ben Affleck, Uma Thurman, Aaron Eckhart, Michael C. Hall, Emily Holmes, Colm Feore. Cast completo Genere Fantascienza, Azione - USA, 2003, durata 119 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,47 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi




oppure

Un ingegnere è specializzato nello scovare i segreti di prodotti informatici. Ma il suo lavoro ha un prezzo da pagare. Che si fa sempre più alto. Al Box Office Usa Paycheck ha incassato 53,8 milioni di dollari .

Paycheck è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,47/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,46
CONSIGLIATO NÌ
Dopo una prima parte avvincente, un film prevedibile e scialbo che non ci si aspetta da John Woo.
Recensione di Davide Morena
Recensione di Davide Morena

Michael Jennings è un ingegnere specializzato nell'introdursi in prodotti informatici appena brevettati per rubarne i segreti. È talmente bravo che, per contratto, le ditte che lo assoldano gli cancellano i ricordi di tutto il periodo in cui ha lavorato al progetto. Due mesi di vuoto di memoria sono tutto sommato un piccolo prezzo da pagare per vivere agiatamente. Ma un giorno la posta si fa più alta: lavorare per il vecchio amico Rethrick ad un progetto segretissimo, per tre anni, in cambio di una quantità di denaro irrifiutabile. Buio. Ritroviamo Jennings, privo di ogni ricordo dei passati tre anni, con un conto in banca azzerato, una bella fidanzata di cui non ricorda che uno sguardo, l'FBI che lo bracca e gli uomini di Rethrick che vogliono ucciderlo.
Dopo una prima parte decisamente avvincente (e come potrebbe non esserlo un film tratto da una qualunque delle idee di Philip K. Dick?) il film si fa prevedibile e a tratti scialbo, nonostante la trama sia un crescendo di rivelazioni, inseguimenti e sparatorie - cosa che da John Woo certo non ci si aspetta. Ma il film tutto sommato regge, e diverte. La vera pecca, semmai, è l'ennesima improponibile interpretazione del peggior attore dei nostri tempi, Ben "ho-solo-quest'espressione" Affleck, e la caratterizzazione piuttosto insipida di una mal sfruttata ma sempre brava Uma Thurman.

Sei d'accordo con Davide Morena?
Recensione di Andrea Chirichelli
giovedì 19 febbraio 2004

E anche Woo toppò alla grande.
Tratto da un romanzo di Philip Dick (che novità...), Paycheck avrebbe dovuto essere un blockbuster d'autore ricco di azione e contenuti. Purtroppo, nonostante i soldi spesi e la presenza di un regista affermato come Woo, tutto quel che di buono ci si poteva aspettare dal film è rimasto lettera morta. Che il processo di assimilazione del talentuoso regista orientale alle politiche mass market hollywoodiane fosse in atto da tempo, lo si era capito dalla opaca prova di Woo in MI2, ma che l'autore di capolavori come A Better Tomorrow e The Killer si piegasse a mettere la firma su una tale banalità, preoccupa.
Quel che lascia sbigottiti, non è tanto la resa formale del prodotto, ma la totale ed assoluta superficialità con la quale vengono trattati temi che, in mano ad un regista esperto come Woo, che finora si era sempre dimostrato sensibile al concetto di onore, lealtà, vendetta ed etica avrebbero potuto combinarsi perfettamente con una messa in scena spettacolare. Purtroppo così non è stato.
L'umanità dei personaggi, l'uso deviato della tecnologia ed i suoi effetti nefasti, la concezione del potere e di come gli esseri umani possano essere artefici del proprio destino, rimangono appena scalfiti dall'analisi di regista e sceneggiatore (Georgaris). Presentato così, Paycheck non è dissimile da decine di altre produzione a sfondo futurista, con sparatorie, inseguimenti, colpi di scena telefonati e happy end posticci. Intendiamoci, lo stesso Minority Report, pur con le sue imperfezioni, surclassa Paycheck sotto ogni punto di vista. Il tocco di Woo è praticamente assente. A parte qualche citazione classica del suo repertorio, gli uccelli in volo, lo slow motion e il duello ravvicinato tra buono e cattivo, non ci sono scene particolarmente indovinate ed anche l'inseguimento per le strade di Vancouver, risulta meno spettacolare di quello creato per le peripezie di Ethan Hunt in MI2.
La scelta degli attori si rivela disastrosa. Passi per Eckart, che si vede per meno di dieci minuti e per la rediviva Thurman, sempre stupenda ma spudorata clone di se stessa nelle vesti di una biologa in stile Black Mamba, ma Affleck con Paycheck, firma la sua peggiore performance in assoluto. Nemmeno l'agghindarlo alla Cary Grant di Intrigo Internazionale lo salva dal baratro della mediocrità.
Pare che in America, dove peraltro il film è stato un flop commerciale pesante, i produttori, resisi conto della sua ignominiosa prova (ma pensarci prima scritturarlo pareva brutto eh?), già massacrato giustamente per Gigli, abbiano tentato addirittura di cancellare dai trailer e dai manifesti il suo nome. Purtroppo, per loro e per noi, il tacchino vaga a bocca aperta per tutti e 120 i minuti del film, annientando sia i malriusciti tentativi di Woo di dargli un contegno, sia la pazienza degli spettatori, oramai fini conoscitori degli incisivi alla bugs bunny dell'attore, perennemente ostentati. Urge pausa, lunga pausa di riflessione.
A conti fatti quindi Paycheck risulta un progetto nato male e finito peggio:privo della creatività di un Woo svogliatissimo, troppo simile e vicino temporalmente a Minority Report, affossato dalla terribile recitazione del catatonico Affleck, è un popcorn movie come tanti, che si dimentica pochi minuti dopo essere usciti dalla sala e che, per gli amanti di Dick e Woo rappresenta sicuramente una cocente delusione. Sarà per la prossima volta....

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Genio dell'informatica, Michael Jennings (Affleck) affitta il suo cervello a una corporazione diretta da un suo sedicente amico (Eckhart), accettando che, a lavoro finito, gli rimpolpino il conto in banca, ma gli cancellino dalla memoria quel che ha fatto. Dopo l'ultimo incarico però il suo conto è in rosso e tutti gli danno la caccia. Lui ha in mano solo insulsi oggetti: scopre che sono indizi che ha lasciato a sé stesso per ricostruire i fatti. Da un racconto breve del 1953, è il 7° film tratto da Philip K. Dick (senza contare quelli più o meno ispirati a suoi scritti), autore di 44 romanzi e 121 racconti. C'è chi ha detto che Woo ha perso per strada i contenuti metaforico-filosofici di Dick. Forse è vero, ma un film non è un libro e Woo esprime i contenuti con le immagini e le azioni, non con le parole. Per fortuna. E in più è capace di divertire, coinvolgere, creare suspense, citare i grandi maestri (qui Hitchcock). E con gli inseguimenti in moto ci sa proprio fare. B. Affleck tenta invano di imitare Cary Grant.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PAYCHECK
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€4,99 €6,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 17 marzo 2015
Barolo

I film ispirati ai romanzi di Dick sono difficili da realizzare,per la stessa natura dei suoi racconti,visionari, complessi a volte anche ridondanti e ermetici. Nel caso in questione siamo di fronte a un film sostanzialmente riuscito, malgrado i presupposti suddetti.Certo la trama a volte si avvolge su se stessa e si confonde, tuttavia ci sono belle scene d'azione,suspence, effetti specili e ritmo. Da [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 gennaio 2012
pjmix

Un film avvincente, ma con una linearità abbastanza "scontata"; lasciatemi spiegare. Il film è costruito sulla falsa riga di " Deja vu - corsa contro il tempo " e di "Minority Report": sono tutti e 3 basati sul predire il futuro e sul suo possibile cambiamento. A mio avviso tra i 3 Paycheck è il più scarso, nonostante sia comunque ben costruito [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 gennaio 2018
PENNA E CALAMAIO

Probabilmente è vero,come letto nella recensione del sito,che la prima parte del film è più interessante,però si riesce ad arrivare fino in fondo con discreta facilità. L'azione ,di fatto ,prende il sopravvento sugli intrighi temporali e non ci sono attimi di sosta per i due piccioncini innamorati. Grafica ottima,discrete interpretazioni, oggetti semplici ma [...] Vai alla recensione »

sabato 17 novembre 2012
cianoz

Tutto sommato un film che si lascia guardare, a tratti un po' noioso soprattutto all'inizio, ma nel complesso godibile. La storia è ben articolata, benché di fondo il plot sia molto semplice e anche un po' troppo inverosimile. Ma siamo in un contesto di fantascienza, per cui ci sta. Il ritmo è buono e le trovate nella sceneggiatura discretamente interessanti.

domenica 22 novembre 2009
frindino

film molto carino ed accattivante! critica non conforme alla realtà che offre questa pellicola

domenica 28 aprile 2019
shineonyou

Soffermandomi un attimo a cosa scrivere su questo film. mi viene da pensare ad un albero genealogico, di cui a capo vi è il FUTURO, poi il PRESENTE (noi) e infine il PASSATO, quandi tutti della stessa ROOT... Alla prossima

venerdì 6 aprile 2012
picassa

ben fatto! un film che scorre , diverte e  meraviglia

domenica 22 novembre 2009
frindino

film molto carino ed accattivante! critica non conforme alla realtà che offre questa pellicola

lunedì 21 novembre 2011
Metalsoldier

Nulla di nuovo ( guardatevi il film Memento ). Solite scene inutili di scimmioni in giacca e cravatta che si prendono a botte...tanto vale guardarsi un film di Bud Spencer...almeno è volutamante comico. Questo regista (John Woo) non fa altro che scimmiottare i vecchi film e telefilm di azione americani con inseguimenti e catastrofi stradarie arrivando però all'eccesso a [...] Vai alla recensione »

sabato 10 agosto 2013
ricoandra

john woo e un maestro nelle scene d'azione.. e gli va riconosciuto tutto il merito.. peccato che non l'ho visto al cinema,, perche il film per il resto non mi e piaciuto affatto..detto questo, qui corro il rischio di attaccare una vera e propria "pippa" sui paradossi temporali..perdonatemi.. provero' a esser chiaro.. allora: paycheck non sta in piedi come tutti i film sui [...] Vai alla recensione »

Frasi
Se indichi a qualcuno il suo futuro, non avrà più un futuro..priva la gente del mistero e la priverai della speranza..
Una frase di Michael Jennings (Ben Affleck)
dal film Paycheck - a cura di Stefano Tavaniello
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Marco Giovannini
Ciak

Philip K. Dick è talmente vivo che, pur ampiamente defunto, un giornale ha festeggiato recentemente i suoi 75 anni. Lui diceva che per essere portato a Hollywood avrebbero dovuto legarlo e infilarlo a forza in macchina. È quello che succede, schiaffato magari nel portabagagli, tanto non può più protestare. Paycheck è il settimo film ufficialmente dickiano (poi naturalmente ci sono quelli “alla maniera [...] Vai alla recensione »

Fabrizio Liberti
Film Tv

In questo inizio di secolo ci troviamo a fare, e lo sarà sempre di più, i conti con la memoria. Un po’ perché la razza umana non è mai stata tanto longeva quanto oggi e quindi soggetta ai problemi dell’invecchiamento, un po’ per ché il reale è sempre più complesso e denso, e per analizzano e trattenerlo nella nostra mente dobbiamo appoggiarci sempre di più sulla tecnologia, su questi problemi la letteratura [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Un bel mattino Michael Jennings, esperto informatico, si sveglia con due anni di memoria personale cancellata. E’il tempo passato a lavorare per un tale Rethrick, che lo doveva pagare profumatamente anche in cambio dei suoi ricordi. Questa volta, però, il giovanotto si ritrova nei guai fino al collo, al verde e braccato senza conoscerne il motivo: per non lasciarci le penne, dovrà affrettarsi a fare [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati