Fuga per la vittoria

Film 1981 | Guerra +13 116 min.

Titolo originaleVictory
Anno1981
GenereGuerra
ProduzioneUSA
Durata116 minuti
Regia diJohn Huston
AttoriSylvester Stallone, Michael Caine, Pelé, Bobby Moore, Osvaldo Ardiles, Paul van Himst Kazimierz Deyna, Hallvar Thoresen, Mike Summerbee, Co Prins, Russell Osman, John Wark, Søren Lindsted, Kevin O'Callaghan, Max von Sydow.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,45 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di John Huston. Un film con Sylvester Stallone, Michael Caine, Pelé, Bobby Moore, Osvaldo Ardiles, Paul van Himst. Cast completo Titolo originale: Victory. Genere Guerra - USA, 1981, durata 116 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,45 su 25 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Fuga per la vittoria tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

L'ufficiale di un campo di prigionia nazista (von Sydow) organizza a scopo propagandistico una partita di calcio tra la nazionale tedesca e una squadra di carcerati.

Fuga per la vittoria è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,45/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,45
CONSIGLIATO SÌ
Huston glorifica l'epica della vittoria attraverso un grande racconto di retorica sportiva.
Recensione di Edoardo Becattini
Recensione di Edoardo Becattini

Seconda guerra mondiale. In un campo di prigionia tedesco, un gruppo di detenuti allenati da John Colby, famoso giocatore della nazionale inglese, viene sfidato da un ufficiale delle truppe naziste, il Maggiore Karl Von Steiner, a giocare una partita di calcio fra prigionieri alleati e soldati tedeschi. L'idea di una sfida sportiva fra fronti in guerra piace molto ai gerarchi nazisti, che decidono di far giocare la partita in un importante stadio della Parigi occupata e di renderla un grande evento di propaganda. Quando gli uomini interni al campo che lavorano segretamente con le forze della Resistenza francese vengono a sapere dell'evento, iniziano a pianificare, con l'aiuto della rude spia canadese Robert Hatch, un grande piano di fuga.
Anche se lo corteggia molto di frequente, il cinema non ama molto lo sport. Entrambi condividono infatti le potenzialità di un linguaggio semplice, diretto, che gioca su passioni genuine e sull'enfasi del movimento, ma è ovvio che il lavoro sedentario dell'illusione del cinema si adatta con non poche difficoltà alla competizione fisica e al sudore delle pratiche sportive. A fine carriera, John Huston rivolge invece la sua attenzione e l'esperienza di cineasta classico alla retorica sportiva per dare ulteriore ardore all'epica della grande Storia. Cercando di unire assieme la forza di una grande fuga alla John Sturges con la passione sportiva di Momenti di gloria e la carica ironica di Quella sporca ultima meta, Huston drammatizza un episodio realmente accaduto sul fronte orientale durante la Seconda guerra mondiale per raccontare la più grande vittoria della storia del Novecento: la sconfitta del nazi-fascismo. E lo spirito della vittoria è, fin dal titolo stesso, l'obiettivo della glorificazione del film di Huston, che mette in scena lo sport forse meno amato dal pubblico americano, il calcio, e una squadra internazionale piuttosto eterogenea per rendere il concetto più universale possibile. Sylvester Stallone, Michael Caine, Max Von Sydow e un insieme di stelle del calcio degli anni Sessanta e Settanta, fra cui Pelé, vengono così chiamati a ricoprire una specifica zona del campo. Caine e Von Sydow danno vita a un elegante confronto fra icone del cinema europeo, mentre Stallone con la giusta autoironia diventa un rozzo eroe della Resistenza. Sono soprattutto loro tre ad articolare il primo tempo, quello che serve a Huston per costruire un contesto storico e un'efficace atmosfera mista di cameratismo e di tensione. Una volta sviluppato l'intreccio e intessuto i vari nodi narrativi, lascia ai veri giocatori il compito di creare una tensione drammaturgica attraverso la potenza solenne dello sport. Grazie anche all'apporto delle coreografie elaborate dallo stesso Pelé e a un uso metodico del ralenti, è la plasticità delle giocate dei protagonisti a farsi vero emblema della Vittoria. Una vittoria che irrompe in campo cantando La Marsigliese, senza paura di apparire troppo ingenua o troppo romantica, perché sa che il senso della gloria è sia rivoluzionario che retorico, un po' competizione sportiva e un po' mito.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Una partita di calcio per ottenere la libertà.

L'ufficiale di un campo di prigionia nazista (von Sydow) organizza a scopo propagandistico una partita di calcio tra la nazionale tedesca e una squadra composta da detenuti, quasi tutti autentici campioni. L'occasione è ghiotta per tentare una fuga, ma prima bisogna farsi valere sul campo. Grazie all'apporto di veri calciatori (fra i quali il mitico Pelè) e alla mano del maestro Huston, il film assume nel finale ritmi trascinanti.

FUGA PER LA VITTORIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€13,49
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 25 dicembre 2013
Luca Scialo

Seconda guerra mondiale. In un campo di prigionia nazista vi sono diversi ex calciatori tra gli Alleati, che continuano ad allenarsi sotto la guida di John Colby. Riconosciuto dal Maggiore Karl von Steiner, quest'ultimo gli lancia una sfida a una partita di calcio a Parigi. Colby così seleziona la squadra facendosi aiutare dal rozzo e istintivo Robert Hatch come preparatore atletico.

martedì 17 agosto 2010
G. Romagna

Germania, seconda Guerra Mondiale. In un campo di prigionia nazista un gruppo di prigionieri delle fila degli Alleati, capitanato da un giocatore della nazionale di calcio inglese, propone ad un ufficiale tedesco di disputare una partita contro una selezione di ufficiali della Wehrmacht. L'evento, di forte risonanza mediatica, si svolgerà nella Parigi occupata.

sabato 8 gennaio 2011
edwardbs

Film che ritengo troppo sottovalutato.. Capolavoro, emozionante dall'inizio alla fine.. La partita sembra una partita vera, ricca di intensità ed emozioni.. Ti lascia incollato alla poltrona quasi fossi uno dei 50.000 allo stadio di parigi.. Emozionante, ancora quando lo guardo mi viene la lacrimuccia.. Amicizia, unità, cultura sportiva, contro l'eterno nemico nazista.

domenica 20 maggio 2012
Nico G.

  "Fuga per la vittoria" mi sembra - e mi sembrò già quando uscì - un miscuglio tra un numero del fumetto "Guerra d'eroi" e un album di calciatori, il tutto trasposto su pellicola cinematografica dal bravo John Huston. Film scontato, retorico, enfatico, banalmente epico, facilmente patriottico e finanche nazional-popolare, però ha il grande pregio [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 agosto 2017
Cinecapolavori.com

Fuga per la vittoria è un'emozionante incrocio tra sport e storia nella più celebre partita di calcio del cinema. Il film è liberamente ispirato alla "partita della morte" tenutasi a Kiev il 9 agosto 1942 tra ufficiali dell'aviazione tedesca Luftwaffe e giocatori ucraini delle squadre Dynamo e Lokomotiv.

giovedì 24 agosto 2017
Cinecapolavori.com

Fuga per la vittoria è un'emozionante incrocio tra sport e storia nella più celebre partita di calcio del cinema. Il film è liberamente ispirato alla "partita della morte" tenutasi a Kiev il 9 agosto 1942 tra ufficiali dell'aviazione tedesca Luftwaffe e giocatori ucraini delle squadre Dynamo e Lokomotiv.

martedì 15 luglio 2014
Alex67

Si sa che il cinema è finzione e non realtà e che si può fare un film su fatti tragici come i campi di concentramento facendo anche sorridere come Benigni, ma fare un film su un fatto realmente accaduto con un'inverosimile invasione di campo de parte degli spettatori che cantano la marsigliese con lieto fine è troppo! Quella partita ci fu veramnte ma non come [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 gennaio 2014
toty bottalla

Huston mette in campo vari elementi storici trattandoli con indulgenza durante la fase narrativa, la trama è compiacente fra risvolti romantici e superficiali ma poi, quella partita, probabilmente l'unica volta in cui il cinema descrive e gira le scene di una  partita di calcio così bene, poi il finale eroico nel quale la passione e la dignità trionfano su una pagina di [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 febbraio 2013
2001hal9000

In un campo di concentramento tedesco per prigionieri di guerra, l'ufficiale nazista Von Steiner (Max Von Sydow) riconosce nel recluso Colby (Michael Caine) un famoso giocatore di calcio inglese. Von Steiner è un accanito tifoso e non ha ancora digerito il fatto che la Nazionale tedesca non abbia mai vinto la squadra britannica. Propone, quindi, un incontro tra la squadra tedesca ed una [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Questa maledetta partita mi sta fottendo la vita!"
Il capitano Robert Hatch (Sylvester Stallone)
dal film Fuga per la vittoria - a cura di Ludovico
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati