Il pianeta delle scimmie

Film 1968 | Fantascienza Film per tutti 112 min.

Titolo originalePlanet of the Apes
Anno1968
GenereFantascienza
ProduzioneUSA
Durata112 minuti
Regia diFranklin J. Schaffner
AttoriJames Whitmore, Charlton Heston, Kim Hunter, Linda Harrison, Roddy McDowall, Maurice Evans James Daly, Robert Gunner, Lou Wagner, Woodrow Parfrey, Jeff Burton, Buck Kartalian, Norman Burton, Wright King, Paul Lambert.
TagDa vedere 1968
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,66 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Franklin J. Schaffner. Un film Da vedere 1968 con James Whitmore, Charlton Heston, Kim Hunter, Linda Harrison, Roddy McDowall, Maurice Evans. Cast completo Titolo originale: Planet of the Apes. Genere Fantascienza - USA, 1968, durata 112 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,66 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il pianeta delle scimmie tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tre scienziati americani a bordo di un'astronave arrivano a un pianeta abitato da scimmie evolute dove gli uomini sono tenuti come delle bestie. Il film ha ottenuto 3 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar,

Il pianeta delle scimmie è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,66/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,24
CONSIGLIATO SÌ
Fantascienza per una riflessione filosofica, politica e sociologica sulla natura umana.

Tre scienziati americani a bordo di un'astronave arrivano a un pianeta abitato da scimmie evolute dove gli uomini sono tenuti come delle bestie. Scoppia un grave conflitto tra l'oscurantismo delle scimmie codine e il progressismo delle scimmie intellettuali.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Presi in un vortice del tempo, astronauti atterrano su un pianeta dove gli umani vivono come bestie in una società di avanzata cultura governata dalle scimmie. Sorpresa finale. Il 1°, e il migliore, il più vispo dei 5 film ispirati al romanzo (1965) di Pierre Boulle. Thriller di anticipazione che è anche una favola filosofica sui nostri tempi con risvolti politici e sociologici. I suoi primi 20' e gli ultimi 10 ne fanno un precursore della SF moderna al cinema. Vinse un Oscar speciale per il trucco creato da John Chambers. Sceneggiato con competenza da Michael Wilson e Rod Serling, ha uno dei suoi punti di forza nella fotografia di Leon Shamroy. Seguito da L'altra faccia del pianeta delle scimmie .

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Dopo 18 mesi di viaggio nello spazio, un'astronave precipita su un pianeta sconosciuto. A bordo si attiva automaticamente il sistema di rianimazione dallo stato di ibernazione in cui era tenuto l'equipaggio e tre sopravvissuti - due bianchi e un negro - riescono ad abbandonare la nave un attimo prima che scompaia nelle acque di un lago. Mentre vagano in un territorio apparentemente deserto, gli astronauti vengono assaliti da un'orda di scimmie a cavallo, coperte di corazze ed armate di lance e armi da fuoco. Gli uomini non possono sfuggire alla caccia spietata: il negro è ucciso, il capitano Taylor è ferito alla gola e fatto prigioniero insieme al compagno. Trasferito nella città delle scimmie, l'uomo è curato con tutte le attenzioni da Cornelius, scienziato-scimmia, secondo il quale il prigioniero confermerebbe la teoria - proibita dalla scienza ufficiale - della discendenza delle scimmie dall'uomo. Il capitano, a causa della ferita, non può parlare ma non tarda a far capire di essere intelligente guadagnandosi la simpatia di Zira, scimmia psicologa. Fuggito dalla cella nella quale si trova in compagnia di una ragazza, Taylor viene nuovamente catturato e condotto al cospetto di un tribunale chiamato a giudicare anche gli eretici Cornelius e Zira. Pur avendo recuperato la voce, l'uomo non ha modo di provare di essere ciò che dice e viene considerato niente più che una strana mutazione della popolazione umana locale. A ciò contribuisce l'atteggiamento intransigente e dogmatico del dottor Zaius, scienziato capo, custode e memoria storica del popolo delle scimmie, che conosce la verità ed è deciso ad eliminare quella che considera una grave minaccia. La condanna è la lobotomia - praticata già al suo compagno sopravvissuto - ma Taylor, con l'aiuto di Cornelius e Zira, riesce ancora a fuggire e si dirige verso la "zona proibita", quello stesso territorio inesplorato dal quale egli era venuto e nel quale è convinzione di Cornelius esistano reperti archeologici che testimonierebbero l'esistenza di una civiltà precedente. E le rovine esistono davvero: agli occhi dell'incredulo Taylor si presentano i resti di quella che un tempo era la Statua della Libertà. Il pianeta è la Terra stessa, regredita dopo le distruzioni causate dagli uomini e adesso governata delle scimmie preoccupate di annientare per sempre gli ultimi umani sopravvissuti, esseri abbrutiti che hanno perso l'uso della parola. Il viaggio dell'astronave è durato 18 mesi, ma quel lasso di tempo è equivalente a 2000 anni terrestri. Compresa la drammatica verità il capitano Taylor si accascia e in un pianto disperato maledice la cecità umana che ha provocato la fine della civiltà. Charlton Heston co-produce ed interpreta un film fortemente sentito e voluto. La storia si presta a considerazioni moraleggianti sulle conseguenze della cieca violenza del genere umano che non sa gestire il progresso senza autodistruggersi. La società delle scimmie è retta sui criteri di uno stato pseudo-medievale, con scienziati, giudici e guerrieri e la costante preoccupazione dei governanti è soffocare qualsiasi spinta eversiva mantenendo in schiavitù quanti restano della scomparsa civiltà degli uomini portatrice di morte. Emblematica è la figura della scimmia sapiente che sceglie un comportamento oscurantista, negando la verità della quale essa stessa è del resto a conoscenza, per preservare dal "contagio" dell'odio la propria razza. Vicenda amara che ribadisce l'insopprimibile contraddizione storica della violenza fisica e psicologica e che nella sequenza conclusiva ha un grande, intenso momento cinematografico giustamente celebre. Il film guadagnò un Oscar per il trucco di John Chambers e fu candidato con altre due nomination per la colonna sonora di Jerry Goldsmith e per i costumi di di Morton Haak.

IL PIANETA DELLE SCIMMIE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 19 giugno 2015
Filippo Catani

Dopo 18 mesi di viaggio nello spazio, una navicella spaziale inviata dalla NASA atterra in un pianeta sconosciuto. Gli astronauti rimasti in vita si mettono alla ricerca di forme di vita e faranno una sconvolgente scoperta; in questo mondo le scimmie comandano sugli uomini. Un film meraviglioso e dicendo questo si sarebbe già detto tutto. Un caposaldo del cinema di fantascienza che però [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 luglio 2013
Zelig46

Un veicolo spaziale con astronauti a bordo, è stata lanciata dalla terra anni prima, viene sbalzata su un pianeta sconosciuto e i 3 superstiti devono fare i conti con la razza dominante sul quel Pianeta: Le scimmie. Purtroppo dei 3 superstiti, uno solo (Taylor) sopravvive a varie peripezie e deve fare i conti con una visione arcaica e alquanto ristretta delle conoscenze dei capi tribù, che rifiutano [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 aprile 2018
Dandy

Caposaldo del genere fantascientifico,che ai tempi rivaleggiò con "2001-Odissea nello spazio".Basato sul ribaltamento della gerarchia uomo-animale,si lascia vedere con piacere ancora oggi.Se il trucco delle scimmie(ai tempi all'avanguardia,e premiato con l'Oscar)oggi fa sorridere,resta ancora notevole la crudezza della descrizione della società delle scimmie:un'allegoria [...] Vai alla recensione »

domenica 1 marzo 2015
il befe

bello

giovedì 5 dicembre 2013
EvilDevin87

Classicone della fantascienza con un Charlton Heston in stato di grazie e un trucco a dir poco strabiliante per il periodo in cui fu fatto. Crudo, amaro e con uno dei finali più shockanti e inquietanti della storia del cinema. Semplicemente, una storica pietra miliare del cinema di fantascienza.

domenica 6 gennaio 2013
Lorenzo76BG

La prima volta che vidi questo film avevo poco piu' di 14 anni, negli anni l'ho visto e rivisto decine di volte e posso assicurare che parlare di capolavoro è piu' che giusto. Manifesto degli orrori dell'umanità (guerre, religione, discriminazione, vivisezione, ect..) questo grande classico gode di ottima Trama, Musica, Fotografia e dialoghi che travolgono lo spettatore. [...] Vai alla recensione »

domenica 9 ottobre 2011
hi mate!

e basta!

lunedì 1 novembre 2010
nerazzurro

Un film di inaudito spessore dal finale ancora oggi angoscioso! 

martedì 25 maggio 2010
enotar56

Eccellente film che ho visto la prima volta proprio nel 1968, erano i miei film preferiti,mi e' rimasto molto inpresso e l' ho visionato altre volte , da non perdere assolutamente.

Frasi
Maledetti! l'avete distrutta! Dannati, dannati per l'eternità
Una frase di Il colonnello George Taylor (Charlton Heston)
dal film Il pianeta delle scimmie - a cura di etiam
winner
premio speciale
Premio Oscar
1969
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati