Il grido

Film 1957 | Drammatico +16 116 min.

Regia di Michelangelo Antonioni. Un film Da vedere 1957 con Steve Cochran, Alida Valli, Betsy Blair, Gabriella Pallotta, Dorian Gray, Gaetano Matteucci. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 1957, durata 116 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 4,45 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il grido tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento sabato 25 aprile 2009

Un paese della valle del Po: Irma (Valli) decide di lasciare Aldo (Cochran), suo compagno da anni, al quale ha dato una bambina, Rosina. Aldo è sconvolto, non riesce a capire. Ha vinto un premio ai Nastri d'Argento,

Il grido è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,45/5
MYMOVIES 5,00
CRITICA
PUBBLICO 3,89
ASSOLUTAMENTE SÌ

Un paese della valle del Po: Irma (Valli) decide di lasciare Aldo (Cochran), suo compagno da anni, al quale ha dato una bambina, Rosina. Aldo è sconvolto, non riesce a capire. La donna ha un amante più giovane, non recede dalla decisione. Aldo le mette anche le mani addosso, davanti a tanta gente, poi si prende la bambina e se ne va. Ritrova un'antica fidanzata, che gli vuole ancora bene, ma non succede nulla: Aldo pensa sempre a Irma. Padre e figlia girano nella zona del Po come due disperati, mangiano qua e là, dormono dove possono. Aldo incontra Virginia, padrona di un chiosco di benzina, che lo ospita. Fra i due nasce qualcosa, ma Aldo è insofferente, una mattina sparisce e la bambina lo segue sempre. Incontra Andreina, molto carina, tristissima anche lei. Non lavora più, non ce la fa. Rispedisce la bambina alla mamma. Aldo è sempre più disperato. Fa un ultimo tentativo per tornare da Irma, che è irremovibile e balorda. Sale sulla torre dello zuccherificio dove ha lavorato e si butta nel vuoto. Davanti a Irma. Grandissimo film, il più significativo di Antonioni insieme all' Avventura. Esemplare la rappresentazione della natura mai così protagonista: Aldo, con la sua giacca sdrucita, con la sua bambina che gli trotterella dietro, cammina nelle terre del Po, fra i filari, sull'argine, nel fango, lontano ci sono i paesi. Incontra la gente e ogni incontro è una nuova direzione. Tutto è determinato dal caso. Gli amori sono piccoli e tristi, e mai scelti. Ciò che sarebbe vitale sfugge, non è recuperabile. E c'è il vento, c'è la pioggia, tutto è difficile. E il caso, sempre, sovrintende. Lo stile, scarno ed essenziale, di lucida pulizia, trasmette il mondo di Antonioni attraverso parole e rapporti di una semplicità assoluta, non ci sono quasi discorsi, ci sono risposte e ci sono le azioni che tutto spiegano. E comunque niente serve, ognuno rimane dentro se stesso, i tentativi non approdano a nulla. Non ci si fa capire e le cose dipendono sempre dagli altri. E agli altri non importa della tua felicità. La caduta e la morte finale di Aldo forse sono sproporzionate al resto della storia, che non prende mai una via perentoria. Ma può essere la memoria di un certo cinema francese al quale alcuni nostri autori, almeno all'inizio, non hanno saputo sottrarsi. Una menzione per la semplice e straordinaria colonna sonora composta da Giovanni Fusco con Lya De Barberis al pianoforte (unico strumento). Il grido mantiene ottima vedibilità a quarant'anni di distanza e vale come manifestazione di come eravamo in una stagione di cambiamenti ed espressione di smarrimento e di angoscia che valgono adesso come allora.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dopo un litigio con una donna sposata con la quale conviveva da sette anni, un operaio si allontana da casa con la figlioletta, compiendo un doloroso vagabondaggio, apparentemente senza meta, in Padania. Gli incontri che fa non lo aiutano. "Il passato preme e chiude e il futuro non esiste: esiste soltanto il presente con l'impossibilità di dare coerenza ai sentimenti, di conciliarsi col tempo e col luogo" (G. Tinazzi). È, forse, il capolavoro del primo Antonioni, un'odissea straziante che racconta l'impossibilità di ricondurre nel pubblico e nel collettivo la crisi profonda del privato. Il paesaggio diventa il riflesso dell'anima. Gran Premio della critica al Festival di Locarno. Scritto con Elio Bartolini e Ennio De Concini. Nastro d'argento alla fotografia di Gianni De Venanzo. D. Gray con la voce di Monica Vitti.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IL GRIDO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€7,99
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 20 marzo 2013
fedeleto

Aldo e Irma convivono e hanno una bambina.Morto l'ex marito di Irma,Aldo vorrebbe sposarsi,ma verra' a sapere un'amara verita',ovvero che la donna non lo ama piu' perche' c'e' un altro.Disperato e triste,l'uomo dopo notevoli tentativi di riconquistare la sua Irma fallira'.Vaghera' lontano dal paese in cui ha vissuto con lei,ma trovera' semplici avventure [...] Vai alla recensione »

martedì 8 maggio 2018
stefano capasso

Nelle valli del Po Aldo comincia il suo percorso straziante alla ricerca di una pace interiore che non trova. Irma, con la quale ha una figlia, l’ha lasciato per un altro uomo e lui gira per l’Italia fermandosi in diversi posti, dove conosce donne che invano tenta di far diventare sostitute di Irma. Michelangelo Antonioni riprende l’ambientazione di uno dei suoi primi lavori, “Gente [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2013
Luca Scialo

Aldo convive da 7 anni con una donna, Irma, il cui marito lavora in Australia e lavora come caporeparto in uno Zuccherificio. La morte del marito di lei, anziché trasformarli in una coppia a tutti gli effetti, li divide poiché lei gli confessa di avere un altro uomo da quattro mesi. La reazione di Aldo oscilla tra la rabbia anche violenta e la rassegnazione, finché non scappa via [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Siamo sul Po, in uno di quei paesini affogati di nebbia in inverno e sempre sotto l’incubo delle alluvioni in autunno. Vi incontriamo un uomo che da vario tempo vive con una donna da cui ha avuto una figlia. Non si possono sposare perché la donna ha un marito andato via molti anni prima. Un giorno però arriva la notizia che questo marito è morto. Ora tutto si potrebbe sistemare, ma la donna ha un altro [...] Vai alla recensione »

Gian Piero dell'Acqua

Aldo, un operaio che vive con una donna separata dal marito, dopo un litigio si allontana da casa con la figlioletta. Peregrina senza meta apparente nella pianura padana, accompagnandosi dapprima a una ragazza che lo aveva amato, poi a una benzinaia che lavora per mantenere sé e un padre vecchio e beone. In fine torna sul luogo del suo lavoro e della sua donna, e durante una manifestazione operaia [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
domenica 2 agosto 2009
Pino Farinotti

Puntata 23 Michelangelo Antonioni, aveva 8 anni più di Fellini e cominciò all'inizio degli anni Cinquanta, come il riminese. Perché possedeva altre attitudini, minore istinto e creatività di diversa genetica.

winner
miglior fotografia
Nastri d'Argento
1958
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati