I figli della violenza

Film 1950 | Drammatico, +16 88 min.

Titolo originaleLos olvidados
Anno1950
GenereDrammatico,
ProduzioneMessico
Durata88 minuti
Regia diLuis Buñuel
AttoriMiguel Inclan, Estela Inda, Alfonso Mejia, Roberto Cobo, Alma Delia Fuentes .
TagDa vedere 1950
DistribuzioneCineteca di Bologna
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,56 su 3 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Luis Buñuel. Un film Da vedere 1950 con Miguel Inclan, Estela Inda, Alfonso Mejia, Roberto Cobo, Alma Delia Fuentes. Titolo originale: Los olvidados. Genere Drammatico, - Messico, 1950, durata 88 minuti. distribuito da Cineteca di Bologna. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,56 su 3 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I figli della violenza tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Primo premio per la regia al Festival di Cannes del 1951, il film affronta uno dei temi centrali del grande regista: quello sociale. Il film è stato premiato al Festival di Cannes,

I figli della violenza è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,56/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,83
CONSIGLIATO SÌ
Il tema sociale affrontato da un grande regista.

Primo premio per la regia al Festival di Cannes del 1951, il film affronta uno dei temi centrali del grande regista: quello sociale. È la vicenda di due adolescenti, Jaibo e Pedro, ambientata in un sobborgo povero di Città del Messico. Jaibo - che è stato in riformatorio - spinge il compagno ad una serie di azioni di delinquenza, giustificate dalla miseria e dalla bestialità in cui entrambi sono cresciuti.

Francesco Rufo
venerdì 10 luglio 2009

I figli della violenza unisce la denuncia sociale, il neorealismo di stampo marxista, il surrealismo. È «un film di lotta sociale», come disse lo stesso Buñuel, che posa uno sguardo oggettivo e implacabile su una realtà degradata fatta di sottosviluppo, miseria, autodistruzione, su una gioventù sviata, su un’umanità reietta, abbruttita, obliata (“Los olvidados” significa “I dimenticati”). Il film sembra essere la constatazione dell’inevitabile crudeltà e infelicità del mondo e della condizione sociale e umana. Nell’universo rappresentato non c’è possibilità di salvezza, riscatto, redenzione, non c’è speranza di felicità o di rivolta alle condizioni date. Il film non contiene giudizi di valore né lezioni di morale, è privo di manicheismo: in un inferno dominato dalla lotta per la sopravvivenza, nessuno è totalmente innocente o colpevole. I personaggi non ispirano ripugnanza, bensì compassionevole orrore: Pedro e Jaibo sono uguali, sono solo ragazzi, nel crimine, nella paura, nella morte. Resta solo la disperata accettazione di un destino di fame e violenza, dettato materialisticamente dalla società e dalla Storia. Si avverte l’esigenza della pietà, ma si sente anche il tramonto della possibilità della pietà. Il surrealismo si afferma pienamente nella rappresentazione di due sogni, in cui emergono l’inconscio, l’irrazionale, le pulsioni e gli istinti umani primari (la fame, il sesso, la violenza animalesca), attraverso la rilettura di teorie e simboli freudiani. Figurativamente il film è debitore della tradizione pittorica spagnola (Goya, Ribera, Murillo, Zurbarán).

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Vita misera, imprese criminali e morte di alcuni ragazzi in un quartiere povero di Città del Messico. 3° film messicano di Buñuel e quello che, presentato e premiato a Cannes nel 1951, rilanciò la sua fama in Europa. Fu definito dal suo autore "film di lotta sociale". A questo crudele e malinconico "poema d'amore sulla mancanza d'amore" (M. Argentieri) il francese Jacques Prévert dedicò questi versi: "Los olvidados/ragazzi affettuosi e male amati/assassini adolescenti/assassinati...". "Un'opera precisa come un meccanismo, allucinante come un sogno, implacabile come la marcia silenziosa della lava" (Octavio Paz). Fotografia di G. Figueroa.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
I FIGLI DELLA VIOLENZA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+

-
-
-
-
-
-
TheFilmClub
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Amazon Prime Video

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 30 settembre 2020
carloalberto

Questo film è stato definito da alcuni comunista da altri borghese e a prima vista potrebbe sembrare una via di mezzo, animato da uno spirito socialista di riforma della società, con l’auspicio declamato dalla voce narrante, Nando Gazzolo, se non della eliminazione, della riduzione, almeno, della povertà, che genera emarginazione e delinquenza e la diffusione di una sana [...] Vai alla recensione »

domenica 17 maggio 2015
Noia1

Pedro e Jaibo, due tasselli nel cui sfondo si diramano i miseri bassifondi di Città del Messico. Uno senza padre, l’altro senza famiglia, lotteranno fino allo strenuo per sopravvivere. Un film di sessant’anni fa eppure ancora inarrivabile, temi paradossalmente attuali qui però affrontati con onestà e per onestà intendo che niente è lasciato, tutto, c’è tutto, tutta la realtà di un’epoca.

venerdì 23 marzo 2012
fedeleto

In un Messico che non offre molto, dove la miseria e' tanta,dei ragazzi vivono la giornata con piccoli furti e atti delinquenziali.Tra loro appena arriva Jaibo,appena uscito dal riformatorio,le cose incominciano a cambiare.Jaibo uccidera' un ragazzo che crede colpevole di aver fatto la spia per incastrarlo,e Pedro invece tenta di cambiare vita conoscera' un ragazzino che aspetta il padre [...] Vai alla recensione »

domenica 29 agosto 2010
Luca Scialo

In un Messico logorato dalla povertà, un gruppo ragazzi come tanti vivono di furti e violenza, trascurati dalle proprie famiglie. Tra questi c'è Pedro, poco curato dalla madre perchè frutto di una violenza da lei subita da adolescente, e Jaibo, orfano cresciuto in un Istituto dove però non è riuscito a redimersi.

giovedì 2 luglio 2020
matteo

La nostra società genera povertà ed emarginazione. Questo è lo sguardo impietoso ma non privo di umanità del grande Bunuel. Una narrazione che non condanna i protagonisti ma li mostra come vittime senza possibilità di fuga e senza futuro. L'ambiente degradato di persone senza riscatto contanimina e corrompe anche i rapporti più intimi, come quelli tra madre [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 luglio 2017
Francis Metal

grande Bunuel, mi è sempre piaciuto ma questo film mi ha un po' sorpreso, non mi aspettavo che trattasse di problemi sociali in modo così, io me lo aspetto anticlericale, provocatorio, soprattutto surrealista, anche se non ha sempre fatto surrealismo, ma questo sembra quasi un film neorealista. Però un paio di scene oniriche ce le ha messe.

domenica 8 febbraio 2015
il befe

bunuel

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Piero dell'Acqua

El Jaibo è il capo di una banda di adolescenti che vive in un sobborgo di Città del Messico. La sua brutalità si rivolge soprattutto contro Pedro, il quale innocente, finisce in riformatorio. I due ragazzi saranno ancora di fronte e El Jaibo avrà la meglio, ma sarà ucciso dalla polizia. “Anche se il film è ispirato a fatti realmente accaduti, il regista riesce quasi sempre a spezzare l’involucro della [...] Vai alla recensione »

winner
miglior regia
Festival di Cannes
1951
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati