Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
martedì 2 giugno 2020

Roberto Pedicini

58 anni, 18 Gennaio 1962 (Capricorno), Benevento (Italia)
Biografia Filmografia Critica Premi Articoli e news Trailer Dvd CD
La bella e la bestia [3]

La bella e la bestia [3]

* * * * -
(mymonetro: 4,12)
Un film di Gary Trousdale, Kirk Wise. Con Paige O'Hara, Robby Benson, Richard White (II), Angela Lansbury, Jerry Orbach.
continua»

Genere Animazione, - USA 1991. Uscita 13/06/2012.
Garfield il Supergatto

Garfield il Supergatto

* 1/2 - - -
(mymonetro: 1,78)
Un film di Mark A.Z. Dippé. Con Gregg Berger, Cathy Cavadini, Jennifer Darling, Greg Eagles, Greg Finley.
continua»

Genere Animazione, - Corea del sud, USA 2009. Uscita 01/06/2011.
Madagascar 2

Madagascar 2

* * * - -
(mymonetro: 3,29)
Un film di Eric Darnell, Tom McGrath. Con Ben Stiller, Chris Rock, David Schwimmer, Jada Pinkett Smith, Sacha Baron Cohen.
continua»

Genere Animazione, - USA 2008. Uscita 19/12/2008.
I Robinson, una famiglia spaziale

I Robinson, una famiglia spaziale

* * * - -
(mymonetro: 3,03)
Un film di Stephen J. Anderson. Con Angela Bassett, Daniel Hansen, Jordan Fry, Matthew Josten, John H. H. Ford.
continua»

Genere Animazione, - USA 2007. Uscita 08/06/2007.
Madagascar

Madagascar

* * * - -
(mymonetro: 3,00)
Un film di Eric Darnell, Tom McGrath. Con Andy Richter, Ben Stiller, Cedric the Entertainer, Chris Rock, Conrad Vernon.
continua»

Genere Animazione, - USA 2005. Uscita 02/09/2005.
Filmografia di Roberto Pedicini »

sabato 9 maggio 2020 - Carlo Conti conduce una serata sobria, adeguata alle circostanze, grazie alla quale il cinema ribadisce la sua forte presenza. 

David di Donatello 2020 - Il traditore vince i premi principali di questa edizione particolare

a cura della redazione cinemanews

David di Donatello 2020 - Il traditore vince i premi principali di questa edizione particolare Si è conclusa la 65esima edizione dei David di Donatello, definita la più “diversa, particolare, straordinaria” (nessuno osa dire unica….) da tutti i presenti, cioè Carlo Conti più i candidati delle categorie top, in collegamento da casa loro, e la presidentessa e direttrice artistica dell’Accademia Piera Detassis, che entra in scena in finale per annunciare il premio clou al miglior film. Cospicue le assenze: il pubblico, in quest’epoca di emergenza sanitaria (che ha fatto definire la cerimonia “i Covid di Donatello” da Roberto Benigni, in collegamento da remoto per Pinocchio (guarda la video recensione)), i candidati delle categorie considerate “minori”, le immagini di alcuni dei personaggi del cinema scomparsi. 
 

Il risultato? Una diretta più scorrevole degli anni precedenti, con una sobrietà adeguata alle circostanze e una conduzione professionale, e qualche caduta di stile: l’esaltazione verbale delle maestranze e poi la mancanza di visibilità per i candidati nelle categorie “tecniche”, la divisione dei defunti in serie A e B, la richiesta ai familiari dei candidati in collegamento di mostrarsi in video, per aggiungere calore e “fare numero”.
Paola Casella
Vince i premi principali Il traditore (guarda la video recensione): miglior film, miglior regia a Marco Bellocchio, miglior attore protagonista a Pierfrancesco Favino (che suscita l’applauso spontaneo degli altri candidati nella sua categoria), miglior attore non protagonista a Luigi Lo Cascio, sceneggiatura originale a Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella e Francesco Piccolo, montaggio a Francesca Calvelli.

Fa incetta di premi tecnici invece il Pinocchio (guarda la video recensione) di Matteo Garrone: miglior scenografia (Dimitri Capuani), trucco (Dalia Colli e Mark Coulier) e parrucco (Francesco Pegoretti), costumi (Massimo Cantini Parrini), effetti speciali (Theo Demeris e Rodolfo Migliari).
Jasmine Trinca è la miglior attrice protagonista per  La dea fortuna (guarda la video recensione), Valeria Golino vince come non protagonista per 5 è il numero perfetto, mentre il premio alla miglior sceneggiatura non originale va a Pietro Marcello per Martin Eden (guarda la video recensione) (con siparietti sulla pronuncia di “Eden” fra Marcello, Conti e la “voce fuori campo” Roberto Pedicini), e quelli alla fotografia (Daniele Ciprì), al suono e alla produzione vanno a Il primo re (guarda la video recensione). 

I David più “alternativi” sono a miglior regista esordiente per Bangla (guarda la video recensione) all’”italiano di seconda generazione” Phaim Bhuiyan, così “sconvolto” da rimanere immobile come un cervo davanti alle luci dell’auto; miglior documentario al fieramente indipendente Selfie (guarda la video recensione) di Agostino Ferrente; e miglior musicista alla multietnica Orchestra di Piazza Vittorio per Il flauto magico di Piazza Vittorio. La miglior canzone è "Che vita meravigliosa" (La dea fortuna (guarda la video recensione)) di Diodato, per cui il 2020 è un anno magico dopo la vittoria a Sanremo (ma in molti diranno che ha “scippato” Thom Yorke per Suspiria). 
Gli unici spunti polemici, ancorché velati, vengono da Jasmine Trinca, che porta in video un cartonato di Angelina Jolie perché la figlia Elsa ”nata libera, ha esempi femminili molto più alti del mio e non vuole comparire”, che denuncia la mancanza di “ruoli femminili pieni e tondi” (il che spiega la fragilità delle candidature nella categoria miglior attrice) e il bisogno di celebrare “quelli che il cinema lo fanno” (a cui non è stata data la possibilità nemmeno di ringraziare per il premio vinto).

Di questa edizione ricorderemo anche gli arredamenti delle case dei premiati – il divano gigante di Valeria Golino, il termosifone davanti a cui è seduto Marco Bellocchio, il vero anarchico della situazione che scorda anche di ringraziare la moglie Francesca Calvelli, e lei si “vendica” comparendo nell’inquadratura come Kermit nello spot dello sponsor Tim; e poi muri bianchi strategicamente illuminanti, camini, quadri, lampadari, tappezzerie. In tempo per la festa della mamma Favino ringrazia la sua, Stella, e Valeria Bruni Tedeschi brinda in diretta con la signora Marisa Borini che si fa un selfie insieme alla figlia, entrambe in modalità Beatrice Morandini Valdirana. 

La tecnologia cui siamo tutti confinati fa capolino nei collegamenti stile Zoom, nel tablet con cui Conti introduce la serata, nelle statistiche sulle “fan base” degli attori, nei pop up della Tim. Ma che la tecnologia domestica sia dura da padroneggiare lo testimoniano i rientri in cuffia, i rumori fuori campo e i buchi di audio (“Non ti muovere!” intima Conti all’ipercinetico Lo Cascio). Resta comunque evidente l’emozione di tutti i partecipanti nel ritrovarsi insieme almeno da remoto, come la preoccupazione per le sorti dei lavoratori dello spettacolo, per i quali si chiede l’intervento dello Stato (e il ministro Franceschini, che compare brevemente in smoking “perché se l’è messo anche Benigni”, fa atto di impegnarsi in questo senso).

Il valore simbolico di questa cerimonia virtuale è stato soprattutto nell’esserci e “ribadire che il cinema vive nel presente, con la volontà e la necessità di ripartire”. Perché, come ricorda l’ottuagenario Bellocchio, “nella vita non bisogna perdere tempo”.
   

Altre news e collegamenti a Roberto Pedicini »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità