Il gobbo di Notre-Dame

Film 1996 | Animazione, Film per tutti 90 min.

Regia di Gary Trousdale, Kirk Wise. Un film Da vedere 1996 con Tom Hulce, Demi Moore, Tony Jay, Kevin Kline, Paul Kandel, Jason Alexander. Cast completo Titolo originale: The Hunchback of Notre Dame. Genere Animazione, - USA, 1996, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 6 dicembre 1996 distribuito da Buena Vista International Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,51 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il gobbo di Notre-Dame tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 22 luglio 2016

Ennesima edizione de Il Gobbo secondo Disney. Solito successo natalizio obbligatorio anche se i disegni sono sempre più freddi e computerizzat... Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a Golden Globes, In Italia al Box Office Il gobbo di Notre-Dame ha incassato 16,2 milioni di euro .

Il gobbo di Notre-Dame è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compra subito

Powered by  
Consigliato sì!
3,51/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 4,02
CONSIGLIATO SÌ

Ennesima edizione de Il Gobbo secondo Disney. Solito successo natalizio obbligatorio anche se i disegni sono sempre più freddi e computerizzati.

Francesco Rufo
venerdì 10 luglio 2009

Il Gobbo di Notre-Dame è il 34° classico Disney. È un elogio della diversità – fisica (Quasimodo), razziale, culturale (Esmeralda). Uno dei fulcri del film è dato dal rapporto tra alto e basso, dalla verticalità (Barthes leggeva il romanzo di Hugo come epica della verticalità). Il basso è la città, il popolo, gli zingari; ha lati positivi (la bellezza del mondo, il calore della comunità) e lati negativi (la volubilità della folla). L’alto è la cattedrale, il divino; ha lati positivi (la cattedrale come ventre protettivo) e lati negativi (la cattedrale come prigione). Il rapporto tra alto e basso conduce al tema del carnevale. Michail Bachtin, in L’opera di Rabelais e la cultura popolare, ha studiato la «cultura comica popolare», che operò in modo sotterraneo nel Medioevo e si affacciò nel Rinascimento alla grande letteratura. Bachtin esamina il contrasto tra due tipi di cultura: la cultura “alta” delle classi dominanti, austera, immobile, assoluta, che considera il riso come un accidente da condannare; e la cultura “bassa” delle classi subalterne, che esprime una visione radicalmente alternativa. La cultura comica popolare si afferma anche attraverso le feste carnevalesche (come la festa dei folli), che presentano la dimensione del mondo alla rovescia. Il carnevale ribalta i valori della cultura dominante, nega l’immobilità, l’assolutezza, l’atemporalità con il gioco, il riso, la fisicità, le parodie di riti e formule, i rovesciamenti di ruolo tra ricchi e poveri, tra padroni e servi. Il carnevale è la «vittoria sulla paura morale che incatenava, opprimeva e oscurava la coscienza dell’uomo» (Bachtin). Nel film, la vittoria del carnevale diventa quella di Quasimodo, la sua conquista del diritto di essere rispettato, amato e felice nella sua diversità. Dal materialismo corporeo si passa all’immagine grottesca del corpo umano. Lo stesso Hugo ha posto la questione del grottesco in relazione al romanticismo. Per Hugo il grottesco, caratterizzato anzitutto dal deforme, è «mezzo di contrasto per l’esaltazione del sublime: il grottesco e il sublime si completano a vicenda, la loro unità riesce a dare la bellezza autentica che la purezza classica non riesce a ottenere» (Bachtin). Ikíngut (Ikíngut, Islanda-Norvegia-Danimarca 2000) – ID: 59079 Ikíngut è un apologo sull’amicizia come sentimento che supera le differenze, un racconto morale sullo scambio interculturale che si oppone al razzismo come paura del diverso. I due ragazzi protagonisti sono uniti dall’amicizia; gli adulti, che non accettano e temono la diversità, l’altro, cercano di dividerli. La paura del diverso porta alla negazione dell’incontro, dell’apertura, del dialogo con l’altro, e alla chiusura in sé, nel proprio guscio. Anche i ragazzi possono essere affetti dal razzismo, ma lo sono solo in quanto subiscono l’influenza degli adulti. Quando si liberano da tale ascendente, trovano in sé e nella propria gioventù la genuinità tale da rigettare la paura dell’altro: sono gli unici a poter superare il razzismo in modo naturale, spontaneo. Il film esalta il valore – più che della multiculturalità, ossia dell’accettazione e coesistenza delle diverse culture – della interculturalità, ossia del dialogo attivo, dello scambio proficuo, del mutuo rispettarsi, compenetrarsi, arricchirsi delle diverse culture. È sostenuta l’importanza della parità di diritti, dell’uguaglianza e fraternità tra gli esseri umani; al contempo, si afferma che non bisogna dimenticare le stimolanti differenze tra gli uomini e tra le culture. Le differenze, che sono mezzo di divisione e scontro nell’ottica del razzismo, diventano fonte di scambio e dialogo nell’ottica dell’interculturalità. A ciò si aggiunge il tema del colonialismo culturale come dominio di una cultura sulle altre, e l’attacco all’autoritarismo. Lo sfondo del film è un tempo storico che si confonde nelle nebbie del mito, della fiaba: il tempo storico diventa così tempo eterno.

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Liberamente ispirato al romanzo Notre-Dame de Paris (1831) di Victor Hugo. Conferma il cambio della politica culturale della Walt Disney, avviato con La bella e la bestia (1991), per un cinema d'animazione più "adulto". Con quel film, diretto dagli stessi due registi, ha in comune la dimensione inquietante della paura e della mostruosità; un contenitore spaziale di fosca grandiosità gotica; una vicenda ricca di conflitti drammatici. Ancor più importante sul piano ideologico, c'è il tema del "diverso" combinato con la difesa delle minoranze etniche (i pellerossa in Pocahontas , qui i gitani della Parigi nel XV secolo): per la prima volta nei cartoon disneyani l'eroe è un disabile. Funziona egregiamente a tutti i livelli: drammatico, figurativo, grafico, dinamico, anche per merito delle sue componenti "adulte" come Frollo che è un "cattivo" di sinistra grandezza, le musiche di Alan Menken, la dimensione carnevalesca, dunque trasgressiva e demoniaca, della Corte dei Miracoli e della festa dei fools . Le voci italiane sono di Massimo Ranieri (Quasimodo), Mietta (Esmeralda), Eros Pagni (Frollo), Roberto Pedicini (Febo).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IL GOBBO DI NOTRE-DAME
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
€9,99 -
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 5 novembre 2010
Renato C.

Un Disney che si discosta un po' dagli altri con punte un po' macabre alla Bergman. Sono stupende le raffigurazioni della cattedrale di Notre-Dame e del palazzo di giustizia. Notre-Dame con quel rosone luminoso che si rispecchia sul pavimento è veramente eccezionale! Ed il palazzo di giustizia, una costruzione terribilmente tetra con un'adattissima musica che l'accompagnava [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 marzo 2015
rebe_bh6

Forse esagero...ma questo è il miglior film che la Disney abbia prodotto. Oltre gli incredibili effetti speciali e la tecnica di disegno impeccabile il film non è consigliato a un pubblico di bambini. Ho visto questo film per la prima volta a 7 anni e ho avuto un'ansia incontenibile per tutta la durata del lungometraggio e la notte non riuscivo ad addormentarmi: la scena finale dei [...] Vai alla recensione »

sabato 9 aprile 2022
Fabrizio Friuli

Uno spietato funzionario pubblico adotta con totale riluttanza un piccolo neonato , dopo aver soppresso la madre sulle scale dell' onnipresente Notre Dame,  ed oltre a crescerlo senza amore e con scarso rispetto gli ha offerto un nome empio ( come lui lo ha definito al principio ) ed il suo empio nome è Quasimodo , ma bisogna comprendere nel corso della tragica storia chi è il [...] Vai alla recensione »

sabato 9 aprile 2022
Fabrizio Friuli

Uno spietato funzionario pubblico adotta con totale riluttanza un piccolo neonato , dopo aver soppresso la madre sulle scale dell' onnipresente Notre Dame,  ed oltre a crescerlo senza amore e con scarso rispetto gli ha offerto un nome empio ( come lui lo ha definito al principio ) ed il suo empio nome è Quasimodo , ma bisogna comprendere nel corso della tragica storia chi è il [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2009
Oscar

"Parigi si sveglia e si sentono già le campane a Notre Dame", questa è la frase cantata dal giullare Clopin che apre il 34° classico Disney, "Il Gobbo Di Notre Dame". "Tutto è iniziato una notte sui moli vicino a Notre Dame. Quattro gitani e una barca solcavan le acque a Notre Dame.....Ma li stava aspettando un agguato, così caddero in mano di lui la cui stretta è più dura del ferro che tu toccherai [...] Vai alla recensione »

martedì 5 aprile 2011
Lady Libro

Lo considero uno dei migliori film mai realizzati dalla Disney. Tuttavia, essendo grandissima fan di Hugo e del suo capolavoro "Notre Dame de Paris", mi hanno disturbato non poco i cambiamenti che hanno apportato alla storia ma, dato che è una storia indirizzata in parte ad un pubblico giovanile, ci metto una pietra sopra.

martedì 8 luglio 2014
edwardblu

la storia, seppur non attenendosi proprio alla quella originale di victor hugo, è una superba interpretazione del suo libro. le musiche del film sono per lo più canti religiosi e sono maestose, affascinanti, trasportanti e danno un tono decisamente epico, facendo calare lo spettatore alla perfezione nel mondo medievale in cui la storia si svolge.

sabato 8 febbraio 2014
Il Regista

A parere mio uno dei migliori classici Disney! Ambientazioni fantastiche, disegni emozionanti, musiche indimenticabili. Qualche pecca sulla ricostruzione di Notre Dame, ma tutto sommato è un film che merita di essere visto. Dimostra che oltre le apparenze c'è molto più di quanto si pensi, all'inizio del film viene posta una domanda "Scoprite chi è il vero mostro [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 febbraio 2011
lollorollo

Frasi
Voi potete mentire a voi stesso,a quei servi che stanno con voi,ma scappare però non potrete giammai perché là vi sta guardandi Notre Dame.
Dialogo tra Arcidiacono (voce nella versione originale) (David Ogden Stiers) - Arcidiacono (voce nella versione italiana) (Franco Chillemi)
dal film Il gobbo di Notre-Dame - a cura di Benny
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati