Ti guardo

Acquista su Ibs.it   Dvd Ti guardo   Blu-Ray Ti guardo  
Un film di Lorenzo Vigas. Con Alfredo Castro, Luis Silva, Jericˇ Montilla, Catherina Cardozo, Marcos Moreno.
continua»
Titolo originale Desde allÓ. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 93 min. - Venezuela, Messico 2015. - Cinema uscita giovedý 21 gennaio 2016. - VM 14 - MYMONETRO Ti guardo * * * - - valutazione media: 3,40 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,40/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * 1/2 -
Esordio nel lungo del regista venezuelano Lorenzo Vigas, il film Ŕ il vincitore della 72. Mostra del Cinema di Venezia.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Con grande controllo dell'immagine, il regista venezuelano Lorenzo Vigas debutta al lungometraggio con un film intenso e perturbante
Paola Casella     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Armando Marcano Ŕ un cinquantenne venezuelano che gestisce un negozio di protesi dentarie da lui stesso messe a punto con perizia tecnica e diligente attenzione al dettaglio. Nel tempo libero Armando adesca ragazzi di strada che fa spogliare davanti a lui, senza toccarli. Uno di questi Ŕ Elder, che per˛ non si lascia svestire, e lo apostrofa dandogli della "checca". Se Elder Ŕ orfano di padre, Armando vorrebbe vedere il proprio padre morto. Ma a poco a poco fra i due si instaura un legame che sfugge alle definizioni e che ha molto pi¨ a che fare con i rapporti di potere fra classi sociali destinate a rimanere rigidamente separate che con una sessualitÓ per Armando confinata al solipsismo.
╚ proprio dal contatto fisico, o dalla sua mancanza, che prende il via la storia di Armando e di Elder. Il ragazzo cerca il contatto fisico anche attraverso le botte e gli spintoni, il cinquantenne lo rifugge come oscuro precipitato di un rapporto con il padre e, forse, con una madre troppo idealizzata, che vediamo solo in una galleria fotografica simile ad un tempietto pagano. Tutto ci˛ che circonda Armando (esseri umani compresi) Ŕ fuori fuoco, ma quando Elder comincia a porsi al centro dell'esistenza dell'uomo pi¨ anziano, rubandogli di fatto l'inquadratura, gli equilibri saltano e le conseguenze si fanno pericolose.
Con grande controllo dell'immagine, dalla palette dei colori sfumati al netto distacco fra sfondo e primo piano, il regista venezuelano Lorenzo Vigas debutta al lungometraggio con un film intenso e perturbante sceneggiato sulla base di un soggetto coscritto insieme a Guillermo Arriaga. Desde allÓ realizza cinematograficamente il sogno panamericano di Che Guevara poichÚ unisce le creativitÓ del venezuelano Vigas, del messicano Arriaga e del cileno Alfredo Castro, l'attore feticcio di Pablo Larrain che qui incarna con lunare straniamento l'apatico Armando, sempre pronto a produrre una mazzetta di bigliettoni con cui comprare gli esseri umani che rifiuta di toccare.
Armando sa, per formazione socioculturale, che avrÓ sempre il coltello dalla parte del manico in un Venezuela diviso in caste destinate a non interagire, se non in termini di violenza e sopraffazione. In quella struttura gerarchica non pu˛ esistere una terza possibilitÓ di comunicare, nÚ con i corpi nÚ con le parole, cui spesso Vigas sostituisce genialmente i suoni d'ambiente - il trapano che sembra implorare pietÓ con il suo gemito stridulo e insistente, il fruscio del denaro che sancisce l'accettazione fuori campo di uno scambio mercificatore.
Niente di tutto questo Ŕ "normale" ma Ŕ tutto quotidiano, e dimenticare i propri peccati, come singoli e come nazione, sembra la regola non scritta, eppure da tutti ben compresa. Tutti meno Elder, antieroe pasoliniano tracimante rabbia e tenerezza, commovente nello sfoggiare la maglia numero 10 degli attaccanti e dei fantasisti del pallone, e invece confinato a un'officina e a una baraccopoli di Caracas. In un Paese di cattivi padri ai figli, e ai figli dei loro figli, non resta spazio per trovare la propria umanitÓ, o la propria identitÓ maschile. Ed Ŕ proibito colmare le distanze che fanno comodo a pochi: ma sono i pochi che contano.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
TI GUARDO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
Wuaki.tv
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Premi e nomination Ti guardo

premi
nomination
Festival di Venezia
1
0
* * * * -

Ti cerco, ma tu stammi lontano

venerdý 5 febbraio 2016 di FabioFeli

Armando (Alfredo Castro) è un odontotecnico che conduce una vita solitaria a Caracas. Lo vediamo adescare un ragazzo su un autobus, mostrandogli senza parlare un mazzetto di banconote: nella sua casa lo fa denudare ma non lo tocca e si masturba. L’incontro dell’uomo con un altro ragazzo che vive in strada, Elder (Luis Silva), termina con una aggressione ai suoi danni, perché il giovane, violento e cialtrone, si ritiene un “macho” e disprezza l’omosessualità. continua »

* * * - -

Quando i rapporti non devono sconfinare

lunedý 25 gennaio 2016 di Flyanto

Vincitore del Leone d'Oro all'ultima Mostra del Cinema a Venezia, "Ti Guardo" segna il felice esordio del regista venezuelano Lorenzo Vigas.  La storia ruota tutta intorno al maturo protagonista (Alfredo Castro), un uomo benestante, odontotecnico e dunque dotato di studi superiori nonchè gay, il quale "abborda" per strada giovani e  bei ragazzi di periferia, e dunque poveri e di scarsa istruzione scolastica, al fine di condurli nella propria abitazione continua »

* * * * -

Ti guardo

mercoledý 10 febbraio 2016 di maumauroma

Nel rapporto tra Armando, meticoloso e solitario odontotecnico con il vezzo di cercare, adescare a pagamento, portare a casa e consumare rapidi e distaccati momenti di piacere onanistico con ragazzi trovati nei bassifondi di Caracas, e Elder, uno di questi. teppistello spiantato abituato piu' al furto che al lavoro saltuario, si coagulano lotte di classe e di cultura e discriminazioni sociali e familiari. Il pugno che Armando riceve al loro primo incontro fungera' da catalizzatore per l'imprevedibile continua »

* * * * -

Ti cerco, ma tu stammi lontano

venerdý 5 febbraio 2016 di FabioFeli

Armando (Alfredo Castro) è un odontotecnico che conduce una vita solitaria a Caracas. Lo vediamo adescare un ragazzo su un autobus, mostrandogli senza parlare un mazzetto di banconote: nella sua casa lo fa denudare ma non lo tocca e si masturba. L’incontro dell’uomo con un altro ragazzo che vive in strada, Elder (Luis Silva), termina con una aggressione ai suoi danni, perché il giovane, violento e cialtrone, si ritiene un “macho” e disprezza l’omosessualità. continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Ti guardo adesso. »
Shop

DVD | Ti guardo

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 21 luglio 2016

Cover Dvd Ti guardo A partire da giovedì 21 luglio 2016 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Ti guardo di Lorenzo Vigas con Alfredo Castro, Jericˇ Montilla, Catherina Cardozo, Jorge Luis Bosque. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet Ti guardo. Desde allá (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 16,99 €
Aquista on line il dvd del film Ti guardo

POSTER | I character poster in esclusiva dei due protagonisti Alfredo Castro e Luis Silva. Dal 21 gennaio al cinema.

L'esordio di Lorenzo Vigas Leone d'Oro alla Mostra di Venezia

lunedý 18 gennaio 2016 - a cura della redazione

Ti guardo, l'esordio di Lorenzo Vigas Leone d'Oro alla Mostra di Venezia Armando Marcano Ŕ un cinquantenne venezuelano che gestisce un negozio di protesi dentarie da lui stesso messe a punto con perizia tecnica e diligente attenzione al dettaglio. Nel tempo libero Armando adesca ragazzi di strada che fa spogliare davanti a lui, senza toccarli. Uno di questi Ŕ Elder, che per˛ non si lascia svestire e lo apostrofa dandogli della "checca". Se Elder Ŕ orfano di padre, Armando vorrebbe vedere il proprio padre morto. Ma a poco a poco fra i due si instaura un legame che sfugge alle definizioni e che ha molto pi¨ a che fare con i rapporti di potere fra classi sociali destinate a rimanere rigidamente separate che con una sessualitÓ, per Armando confinata al solipsismo.

   

Venezuela tra solitudini legami familiari sballati e omosessualitÓ

di Paolo D'Agostini La Repubblica

╚ difficile applicare un'etichetta di genere a Ti guardo, l'opera prima del venezuelano Lorenzo Vigas che ha vinto il Leone d'oro a Venezia. Derubricarlo come "gay movie" (se mai la definizione, pur diffusa, abbia un senso) sarebbe riduttivo, anzi fuorviante. E se il motivo drammatico che lo innerva Ŕ l'incontro di due solitudini, i temi che interpella sono molto pi¨ numerosi e anche pi¨ complessi. L'azione si svolge a Caracas, dove vive Armando, uomo di mezza etÓ che fabbrica protesi dentarie, benestante ma dalla vita solitaria e grigia. »

Thriller gay nell'inferno Caracas

di Silvio Danese Quotidiano Nazionale

Con diverse chances di vincere a Venezia 2015 il premio De Laurentiis per l'opera prima, ha meritato poi il Leone d'oro. Prodotto da una star della sceneggiatura come Guillerrno Arriaga, collaboratore di InÓrritu, interpretato da Alfredo Castro, questo thriller di specchi e simbolismi familiari pedina un freddo e solitario odontotecnico incline alla pederastia, in realtÓ compromesso con un autentico desiderio di relazione affettiva, impossibile nel clima difficile violento, della folle Caracas. Dalla relazione con un ventenne di strada, prima ribelle, poi plagiato, esce una soluzione drastica, che realizza un sogno inconfessabile e punisce la giovinezza (altro non diciamo). »

Un Leone d'oro senza mutande

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Indecente porcellonata, di un esordiente venezuelano, clic ha arraffato il Leone doro all'ultima Mostra. A Caracas il cinquantenne odontotecnico Armando si porta a casa i ragazzini adescati a suon di bolivar (ma quanto guadagna?). Li fa spogliare, di schiena, dilettandosi in solitario sul divano. Dello scorbutico Elder s'innamora. Picchiato e derubato, l'infila nel letto. Gettando la maschera. E le mutande. Da Il Giornale, 21 gennaio 2016 »

Sguardi che parlano

di Alessandra Levantesi La Stampa

Desde allß significa źda lÓ╗, e nel film d'esordio del venezuelano Lorenzo Vigas, Leone d'oro 2015, indica il rapporto a distanza - guardare senza toccare - che Armando, agiato odontoiatra di Caracas, usa intrattenere con le sue giovanissime prede: ragazzi di strada pagati per spogliarsi mentre lui si masturba. Non sempre va bene: Elder reagisce picchiando l'adescatore, ma Ŕ proprio su questo contatto brutale che si innesca la scintilla di una singolare storia omosessuale, giocata su disuguaglianza sociale e traumi familiari. »

Ti guardo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1░ | fabiofeli
  2░ | maumauroma
  3░ | flyanto
  4░ | fabiofeli
  5░ | jack beauregard
Festival di Venezia (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Facebook
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 21 gennaio 2016
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità