Ti guardo

Acquista su Ibs.it   Dvd Ti guardo   Blu-Ray Ti guardo  
Un film di Lorenzo Vigas. Con Alfredo Castro, Luis Silva, Jericˇ Montilla, Catherina Cardozo, Marcos Moreno.
continua»
Titolo originale Desde allÓ. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 93 min. - Venezuela, Messico 2015. - Cinema uscita giovedý 21 gennaio 2016. - VM 14 - MYMONETRO Ti guardo * * * 1/2 - valutazione media: 3,54 su 19 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Confine invalicabile Valutazione 3 stelle su cinque

di Jack Beauregard


Feedback: 1988 | altri commenti e recensioni di Jack Beauregard
venerdý 8 aprile 2016

Venezuela, Caracas, un odontotecnico, cinquantenne e solitario, nel tempo libero adesca ragazzi emarginati, li invita a casa sua e si masturba in loro presenza, senza però avere nessun contatto fisico. Un giorno, uno di questi, si ribella e reagisce violentemente. In seguito, attraverso varie vicende, nasce tra di loro una sorta di legame.

Film duro, parlato pochissimo, dove però si capisce tutto: bastano brevi cenni infatti per comprendere che la figura paterna (o forse la sua mancanza) hanno influito negativamente sui due protagonisti. Questo diventerà sia il vero trait d'union tra i due, che la causa della tragedia, a cui peraltro non assistiamo direttamente (è visualizzata solo attraverso 3 bossoli e un breve accenno).
 
L'odontotecnico è quasi sempre impassibile, apparentemente apatico e imperturbabile, per tutto il film, eppure riesce a comunicare.
Che cosa? Desiderio, frustrazione, odio? Oppure nessuno di questi sentimenti? E come li comunica?
Soprattutto grazie a un regia efficace e a un montaggio che contrappone lo sguardo a un qualcosa che non sempre si vede, ma che a volte solo si intuisce: emblematica è la scena dell'ascensore, che subito non avevo compreso, ma invece è determinante, per il significato di lontananza tra lui e il padre (non a caso il titolo originale del film è "da lontano"). Ma non solo, anche il continuo (e forse un po' troppo abusato) ricorso al "fuori fuoco" gioca il suo ruolo, creando un senso di disorientamento e lasciando un alone di "incomprensibilità" nei confronti del protagonista (un possibile difetto che però si trasforma anche in pregio, dato che contribuisce a mantenere viva e desta l'attenzione nello spettatore, senza mai cali di tensione). In pratica siamo a una forma di montaggio che va oltre l'effetto Kulesov.

Ma La tensione, appunto, resta costante per tutto il film. Ci sono momenti violenti, altri sgradevoli, in generale è un film molto crudo, praticamente senza nessuna concessione alla dolcezza o alla tenerezza, anche nelle situazioni più intime.
L'ambientazione è fondamentale in questo senso, il degrado civile e morale di Caracas (ma probabilmente potrebbe essere anche Bogotà, Città del Messico o una qualunque altra metropoli, non necessariamente sudamericana) è reso con realismo, rinunciando al commento musicale extradiegetico, ma lasciando solo i suoni e rumori della strada.
Sia le relazioni tra emarginati che i contatti con classi sociali più agiate sono dominati dall'unico dio esistente: il denaro. Sembra quasi non esserci spazio per altri sentimenti.

Forse questa è anche l'unica spiegazione per il finale (che comunque non mi ha convinto del tutto): quando alla fine il ragazzo mostra un vero sentimento nei suoi confronti e l'odontotecnico (che fino ad allora ha sempre e solo "guardato") cede definitivamente e completamente, abbandonandosi al contatto carnale, è come se varcasse una linea, un confine (di classe?), come se si abbassasse di livello, pentendosi subito dopo. L'osservatore, colui che ha sempre guardato (bramato, desiderato) senza mai toccare, si è alla fine sporcato. Chi ha portato per anni rancore e odio verso un padre (colpevole non si sa precisamente di cosa, ma non è questo che importa), senza però mai riuscire a dare sfogo a questa rabbia, si trova improvvisamente spiazzato, scavalcato da un evento troppo rapido e imprevisto, perchè possa controllarlo.

E tutto diventa chiaro all'alba, alla luce livida del mattino dopo, quando seduto a tavola "guarda" il suo possibile futuro: un ragazzo nudo e affamato che cerca nel frigo qualcosa da mangiare, un giovane istintivo e violento, che vive per soddisfare i bisogni primari, la fame, il sesso, il possesso. Una persona difficile, incontrollabile, ma con dei sentimenti. Quelli che a lui mancano, perchè lui è solo uno che "guarda".

[+] lascia un commento a jack beauregard »
Sei d'accordo con la recensione di Jack Beauregard?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
50%
No
50%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Jack Beauregard:

Ti guardo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1░ | fabiofeli
  2░ | maumauroma
  3░ | fabiofeli
  4░ | flyanto
  5░ | jack beauregard
Festival di Venezia (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Facebook
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 21 gennaio 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità