Io sono Li

Un film di Andrea Segre. Con Zhao Tao, Rade Sherbedgia, Marco Paolini, Roberto Citran, Giuseppe Battiston.
continua»
Drammatico, durata 100 min. - Francia, Italia 2011. - Parthénos uscita venerdì 23 settembre 2011. MYMONETRO Io sono Li * * * 1/2 - valutazione media: 3,65 su 31 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,65/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Tra i tavoli di una piccola osteria di Chioggia, nasce un'amicizia romantica e difficile tra una giovane cinese e un pescatore di origini slave.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Inquietudine e determinazione di una madre cinese nell'Italia immobile della Laguna
Marzia Gandolfi     * * * - -

Shun Li confeziona quaranta camicie al giorno per pagare il debito e i documenti che le permetteranno di riabbracciare suo figlio. Impiegata presso un laboratorio tessile, viene trasferita dalla periferia di Roma a Chioggia, città lagunare sospesa tra Venezia e Ferrara. Barista dell'osteria 'Paradiso', Shun Li impara l'italiano e gli italiani. Malinconica e piena di grazia trova amicizia e solidarietà in Bepi, un pescatore slavo da trent'anni a bagno nella Laguna. Poeta e gentiluomo, Bepi è profondamente commosso dalla sensibilità della donna di cui avverte lo struggimento per quel figlio e quella sua terra lontana. La loro intesa non sfugge agli sguardi limitati della provincia e delle rispettive comunità, mettendo bruscamente fine alla sentimentale corrispondenza. Separati loro malgrado, troveranno diversi destini ma parleranno per sempre la stessa lingua. Quella dell'amore.
Per quelli che 'fanno il cinema a Roma' e per cui un veneziano vale un triestino, il Veneto è un set popolato da improbabili abitanti che si limita a fare da sfondo a storie italiane altrettanto improbabili. Serviva evidentemente un po' di sangue di quella terra per raccontarne la sorprendente bellezza e per far crescere un film preciso nell'ambientazione e credibile nelle emozioni lambite 'ogni sei ore' dalla Laguna. Partendo da un luogo esistente, 'provocato', smontato e ricomposto attraverso l'osservazione soggettiva di un'immigrata, Andrea Segre lo mostra nelle concrete trasformazioni stagionali e nelle più sottili conversioni sociali. Contro gli stranieri impersonali e posticci di Patierno e le sue 'cose dell'altro mondo', il documentarista veneto ribadisce quelle di questo mondo e di questa Italia in rapporto dialettico, ostile o conciliato, con l'altro da sé. Un altro che è persona e mai personaggio.
Io sono Li è un'architettura delle posizioni relative tra le figure in campo, al cui centro si colloca la protagonista di Zhao Tao, centrata in ogni dove e concentrata su un proponimento che ha il volto di un bambino di otto anni. Come satelliti le gravitano intorno pescatori cauti e imprenditori (cinesi) rapaci che non la spostano da 'Li', che è insieme identità, punto, momento e baricentro. Dopo i documentari (Magari le cose cambiano, Il sangue verde, La Mal'ombra, Come un uomo sulla terra) e congiuntamente alla ricerca sociale, Segre debutta nel cinema a soggetto, sposando sentimenti affettivi e sociali con una limpidezza di esposizione che non riesce sempre a scongiurare l'inciampo didascalico. Di fatto, pur romanzando con sensibilità la realtà, il film non è in grado di rimettere in gioco la finzione con la verità, incorrendo troppe volte in formule da dibattito. Meglio sarebbe stato lasciarsi cullare dalle perifrasi dei sentimenti, così magnificamente comprese nell'interpretazione implosa di Zhao Tao e in quella lirica di Rade Šerbedžija. Portatore sano della condizione umana di straniero lui, portatrice pudica lei del cinema poetico e reale di Zhangke, del cambiamento epocale della Cina e dell'incanto a cui rinuncia per cambiare anima.

Incassi Io sono Li
Primo Weekend Italia: € 38.000
Incasso Totale* Italia: € 383.000
Ultima rilevazione:
Box Office di lunedì 20 febbraio 2012
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
44%
No
56%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Io sono Li

premi
nomination
Nastri d'Argento
0
3
David di Donatello
1
4
8 ½ Cinema Italiano
2
0
* * * * -

Io sono li: un gioiellino piccolo ma prezioso!

venerdì 16 settembre 2011 di cinemaMAnia

Io sono Li ha due significati. Li è una ragazza cinese emigrata in Italia col pensiero fisso rivolto verso suo figlio di otto anni rimasto in Cina. Il lavoro le è necessario per pagare la cosiddetta mafia cinese e consentire, quindi, che venga pagato anche il viaggio del piccolo che è al momento accudito dal nonno nel paese natìo. Io sono lì (questa volta con l’iniziale minuscola e con l’accento) vuol anche significare che la ragazza lavora in Italia ma emotivamente è tutta lì (in Cina) accanto continua »

* * * * -

La laguna è femmina il mare è maschio

venerdì 23 settembre 2011 di angelo umana

In “Cose dell’altro mondo” avevamo visto gli extracomunitari imprescindibili come forza lavoro, in “Io sono Lì” scopriamo che hanno pure dei sentimenti … e solo i cuori aperti possono percepirli. Come quello di Bepi, naturalizzato “chioggiotto” (siamo sempre in Veneto) dopo 30 anni dall’aver lasciato la Jugoslavia, che vive solo, soprannominato “poeta” dagli amici che frequentano l’Osteria Paradiso, in realtà continua »

* * * * *

Paura della diversità

giovedì 13 ottobre 2011 di renato volpone

Splendido e commovente film sulla diversità e sul razzismo. Li èuna ragazza cinese costretta a lavorare duro per poter riabbracciare il figlio, Bepi è un vecchio pescatore della laguna veneta "il poeta". Le loro vite si incontrano, ma si scontrano con i preconcetti sia dei cinesi che dei veneti. Sopra tutto aleggia la poesia che come un fiore luminoso sull'acqua illumina di speranza la vita dei cuori sensibili. Bravissimi e affascinanti i due protagonisti.  continua »

* * * * -

Il mare che resta dentro

martedì 11 ottobre 2011 di pepito1948

IO SONO LI   “L’acqua del mare entra nella laguna e ne esce, ma non tutta. Una parte resta dentro” dice in sintesi una ragazza cinese alla sua connazionale ed amica; questa la chiave di lettura che dà un senso compiuto al primo film di fiction di Andrea Segre, documentarista affermato e particolarmente sensibile al tema dei migranti. In “Io sono Li” il fenomeno dell’immigrazione non è più direttamente e drammaticamente raccontato dai continua »

Shun Li (Zhao Tao) citando una poesia di Qu Yuan (il poeta più importante della tradizione antica cinese)
"Del quadrato si può fare un cerchio?
Strade lontane si possono incrociare?
Vivo è il rimpianto per la via smarrita
nell'incerto cammino del ritorno.
A ritroso il mio carro si volge.
Confusa tra gli errori era la strada."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shun Li (Zhao Tao)
"Ciao figlio mio, come stai? Mi manchi molto. La mamma vuole raccontarti una storia. Il mare qui è molto bello. Non so perché. Ma sembra più piccolo del nostro. Forse perché ha due nomi: uno è mare, l'altro è laguna. Chiamarlo mare o laguna dipende dalla distanza. In italiano la laguna è femmina. Calma e misteriosa. Invece il mare è maschile. Non riposa mai, sempre in balia del vento e delle onde. A me il vento piace. Perché mi porta da te, figlio mio!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Bepi, "Il Poeta" (Rade Sherbedgia)
"Tutti i fiumi scendono al mare,
senza poterlo riempire.
C'è un vento freddo
ma scalda il cuore,
fa sorridere Li,
come un piccolo fiore."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

APPROFONDIMENTI | Un cineasta che riflette su uno dei nervi scoperti della contemporaneità.

Andrea segre

mercoledì 16 ottobre 2013 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Andrea Segre Dei cineasti (ma vale anche per gli scrittori) che scelgono di girare sempre intorno al medesimo argomento è bene diffidare. Il rischio è che antepongano il "contenuto" al resto, senza un'idea di estetica. Quando però si incontrano autori capaci di riflettere con tenacia creativa su uno dei nervi scoperti della contemporaneità, trasformando il tema con la T maiuscola anche in occasione di sperimentazione del linguaggio, non si può non restare fermi in ascolto. È il caso di Andrea Segre, classe 1976, e del suo cinema irrequieto, in bilico tra tensione documentaristica e narrazione della realtà attraverso la finzione, con la costante appunto del nucleo tematico.

   

NEWS | Dal 10 al 16 aprile a Mosca e dal 12 al 18 aprile a San Pietroburgo.

N.i.c.e. russia 2013

giovedì 4 aprile 2013 - Chiara Renda

N.I.C.E. Russia 2013 Si svolgerà tra Mosca e San Pietroburgo la sedicesima edizione di N.I.C.E. Russia, festival dedicato al cinema italiano emergente scelto da N.I.C.E. New Italian Cinema Events, diretto da Viviana del Bianco e Grazia Santini, e in veste di direttore esecutivo Russia, da Olga Strada. Madrina della manifestazione sarà quest'anno Valeria Golino, presente al festival anche in veste di regista: sarà infatti proiettato il cortometraggio Armandino e il Madre e il trailer del suo lungometraggio d'esordio, Miele, dedicato al tema dell'eutanasia con protagonista Jasmine Trinca, anche lei presente alla manifestazione.

   

NEWS | MYmovies.it premia la miglior opera prima italiana.

Al via le votazioni online

martedì 17 luglio 2012 - a cura della redazione

Premio Kinéo Diamanti al cinema, al via le votazioni online Il premio Kinéo Diamanti al cinema giunge alla sua decima edizione e proclama già da ora il vincitore del Premio Speciale Rai Trade al "Miglior film italiano nel mondo", Cesare deve morire di Paolo e Vittorio Taviani, già vincitore dell’Orso d’oro a Berlino, in trionfo anche ai David di Donatello e ai Nastri d’Argento. Gli altri premi, che saranno assegnati lunedì 3 settembre al Lancia Cafè nell'ambito della cerimonia di premiazione di Kinéo Diamanti al Cinema sono il premio SNCCI Pubblico & Critica e gli altri Premi Speciali Rai Trade al Miglior Film Tv e alla Miglior Animazione (Cartoons on the Bay in Venice) un follow up alla Mostra del Cinema di Cartoons on the Bay, il Festival Internazionale dell’animazione e della cross-medialità organizzato dalla Rai.

   

«Io sono li» miracolo in laguna

di Francesco Alò Il Messaggero

Miracoli del cinema. L’argomento del primo film di finzione di Andrea Segre, fin qui ottimo so documentarista, sta in poche righe: giovane immigrata cinese vive uno strano, casto e impossibile amore con un anziano pescatore slavo di stanza a Chioggia, pure lui immigrato ma ormai assimilato a quel microcosmo durissimo. Il film dura 96 minuti e li vale tutti. A differenza di lavori che vantano sceneggiature alte come l’elenco del telefono e dopo 20 minuti sono già spompati. Questione di tempi, di volti, di luci, di atmosfere. »

Il pescatore e la cinese nel cinema della realtà

di Dario Zonta L'Unità

Il mondo del documentario, con i suoi migliori registi, inizia ad affacciarsi sul mondo del cinema di finzione, quello dei «film a soggetto» (come ci piace definirlo, perché il termine finzione e fiction non gli si addice). Non che questa sia una novità, altre volte soprattutto in passato si sono registrati slittamenti di energie da una parte all’altra (basti pensare agli esordi di Antonioni e Olmi nel documentario, oppure al tentativo funzionale di Vittorio De Seta), solo che adesso si nota una felice congiuntura che potrebbe portare nuova aria al cinema italiano. »

Io sono Li | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | cinemamania
  2° | angelo umana
  3° | renato volpone
  4° | pepito1948
  5° | melania
  6° | valentina scuderi
  7° | francesca meneghetti
  8° | melandri
  9° | vjarkiv
10° | great steven
Rassegna stampa
Francesco Alò
Dario Zonta
Nastri d'Argento (3)
David di Donatello (5)
8 ½ Cinema Italiano (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 23 settembre 2011
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità