•  
  •  
Apri le opzioni

Camille Japy

Camille Japy è un'attrice, è nata il 30 novembre 1968 Camille Japy ha oggi 53 anni ed è del segno zodiacale Sagittario.

L'attrice francese che ama cambiare pelle

A cura di Annalice Furfari

Attrice francese dal talento estremamente versatile, Camille Japy, nata il 30 novembre 1968, si forma al Conservatorio di Parigi e alla Reale Accademia di Arti Drammatiche di Londra. La sua carriera debutta a teatro, in cui si cimenta spesso con personaggi di autori classici, ma anche moderni, come quelli del drammaturgo francese Xavier Durringer. L'esordio sul grande schermo avviene nel 1990, quando incarna una damigella d'onore nel biopic Dames galantes di Jean-Charles Tacchella, che racconta la vita di Brantôme, storico francese della fine del XVI secolo, che smette di dedicarsi alle guerre per vivere la sua grande passione: le donne. La vediamo poi in diversi cortometraggi, come quelli di Noémie Lvovsky e François Ozon (La petite mort, 1995). L'attrice appare in lungometraggi di giovani registi dalla promettente carriera. Ha, infatti, un piccolo ruolo in Metisse (1993), il primo film di Mathieu Kassovitz, in Chacun cherche son chat (1995) di Cédric Klapisch e nel primo lungometraggio diretto da Yvon Marciano, Le Cri de la soie (1996), ispirato alla vita e alle opere di Gaëtan Gatian de Clérambault, psichiatra, etnografo e fotografo dei primi del Novecento. Ma è nel 1999 che l'attrice rivela il suo talento anche a un pubblico internazionale, grazie al ruolo di Émilie, alle prese con un abbandono, in Le nostre vite felici di Jacques Maillot, storie di sei amici trentenni nella Parigi degli anni '90, in concorso al Festival di Cannes.

Un talento eclettico
La Japy ama cambiare spesso registro e pelle: si adatta senza difficoltà alla commedia sugli scioperi Grève party (1997) di Fabien Onteniente, per poi passare al dramma ospedaliero di Le monde de Marty (1999) di Denis Bardiau, in cui interpreta la madre di un bambino malato, e all'oscuro thriller Scènes de crimes (2000) di Frédéric Schoendoerffer, in cui incarna la moglie di Charles Berling, che indaga sulla scomparsa di una donna. Nel 2001 presta i suoi lineamenti a una donna sull'orlo di una crisi di nervi, a causa di un marito depresso, in Electroménager di Sylvain Monod. Nello stesso anno la vediamo in un ruolo per lei inusuale, quello di Jeannie, la donna leggera, spensierata e sensuale di cui si invaghisce il protagonista di Les Fantômes de Louba di Martine Dugowson. Passa poi a vestire i panni di un'impiegata dell'obitorio in J'ai tué Clémence Acéra (2001) di Jean-Luc Gaget. Nel 2003 incarna la moglie incinta del protagonista della commedia Il costo della vita di Philippe Le Guay, che intreccia storie di denaro e sentimenti. Continua l'esplorazione di personaggi forti in Douches froides (2005) di Antony Cordier, storia di judo e passioni adolescenziali, prima di trasferirsi nella lieve commedia romantica Lezioni di felicità - Odette Toulemonde (2006), esordio dietro la macchina da presa dello scrittore Eric-Emmanuel Schmitt. Il regista Marc Fitoussi le permette di vivere La vie d'artiste (2006), prima di recitare per la prima volta in un blockbuster, Io vi troverò (2008) di Pierre Morel, action thriller incentrato sull'ex agente segreto Bryan che, dimessosi per poter stare vicino alla figlia diciassettenne, si ritrova a dover affrontare il rapimento di quest'ultima da parte di un'organizzazione che commercia prostitute. Nel 2009 la vediamo di nuovo alle prese con un ruolo dal forte spessore drammatico, quello di Rosine, la moglie bistrattata del protagonista di Coeur animal di Séverine Cornamusaz, storia di un pastore duro e chiuso, che ama più il suo gregge che la moglie malata. Nel 2011 ha un ruolo nella commedia Croisière di Pascale Pouzadoux, incentrata su diversi personaggi i cui destini si intrecciano su una nave da crociera. Nel 2013 interpreta Christine nella commedia Molière in bicicletta di Philippe Le Guay, con Lambert Wilson e Fabrice Luchini in un omaggio al mondo del teatro e alla fragilità dei suoi protagonisti. Incarna poi la sorella della protagonista della commedia sentimentale 20 anni di meno (2013) di David Moreau, storia del finto amore tra una 38enne in carriera e un ingenuo ventenne.

Ultimi film

Commedia, (Francia - 2013), 92 min.
Azione, (Francia - 2008), 93 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati