I Bambini di Gaza - Sulle onde della Libertà

Film 2024 | Drammatico, +13 90 min.

Anno2024
GenereDrammatico,
ProduzioneUSA
Durata90 minuti
Al cinema7 sale cinematografiche
Regia diLoris Lai
AttoriMarwan Hamdan, Mikhael Fridel, Tom Rhys Harries, Lyna Khoudri, Qassim Gdeh Husam Chadat, Eyad Hourani, Samuel Kay, Shiri Binder.
Uscitagiovedì 28 marzo 2024
TagDa vedere 2024
DistribuzioneEagle Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,60 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Loris Lai. Un film Da vedere 2024 con Marwan Hamdan, Mikhael Fridel, Tom Rhys Harries, Lyna Khoudri, Qassim Gdeh. Cast completo Genere Drammatico, - USA, 2024, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 28 marzo 2024 distribuito da Eagle Pictures. Oggi tra i film al cinema in 7 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,60 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I Bambini di Gaza - Sulle onde della Libertà tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 26 marzo 2024

Il film racconta, sullo sfondo della striscia di Gaza durante la seconda Intifada (2003), la speciale amicizia di due bambini. In Italia al Box Office I Bambini di Gaza - Sulle onde della Libertà ha incassato 97,2 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
3,60/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,80
PUBBLICO 5,00
CONSIGLIATO SÌ
Un film coraggioso che mescola una dimensione metafisica con la durezza della realtà. E ci pone tante domande.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
giovedì 21 marzo 2024
Recensione di Raffaella Giancristofaro
giovedì 21 marzo 2024

Striscia di Gaza, 2003. In prossimità di Gaza sono ancora presenti insediamenti israeliani, la seconda intifada è in corso. Il 43% della popolazione ha meno di 14 anni. Questo dicono le didascalie iniziali, precedute da titoli di testa, sui cui su nero rimbombano colpi di proiettile ed esplosioni. Il teatro di guerra è ben noto. Mahmud è un undicenne palestinese che vive solo a Gaza con la giovane madre Farah, vedova di un "martire" della resistenza, e la aiuta a vendere mazzi di timo, muovendosi tra allarmi, bombardamenti, coprifuoco, in una città devastata da un conflitto infinito che colpisce alla cieca i civili. Sulla spiaggia che frequenta per imparare a surfare, Mahmud vede un ragazzino muoversi furtivamente e rientrare nell'insediamento vicino ai posti di blocco sulla strada: è Alon, figlio unico di una coppia di ebrei, e ha in comune con lui la passione per la tavola da surf.

Al mare è legato anche Dan, giovane surfista straniero che si è fermato nel Paese dopo un infortunio che lo ha reso dipendente dagli antidolorifici. Grazie a lui i due ragazzi impareranno le basi di quello sport, in momenti in acqua che sono l'unico sollievo dalla quotidianità fatta di macerie, di lotta per reperire beni di prima necessità, di pericolo costante di morire sotto l'attacco del nemico, perdere un familiare o un amico, di ritrovare la propria casa sbriciolata. I compagni di Mahmud, che giocano alla guerra avendola sotto gli occhi, diffidano della sua vicinanza ad Alon, e alcuni di loro sono già cooptati nelle fila del movimento di liberazione della Palestina. Ma sia Mahmud che Alon ragionano in autonomia dai loro ambienti di provenienza. Sono ragazzi intrappolati in un contesto che non hanno scelto, costretti a respirare l'odio e le paure dei genitori, a crescere in una guerra di cui subiscono le conseguenze senza capirne fino in fondo le ragioni.

Esordio nel lungometraggio di Loris Lai, italiano con studi in regia alla UCLA di Los Angeles e all'American Film Institute, e in curriculum diversi corti e video musicali, tra cui "Love is Required" di Elisa, diretto con il premio Oscar Milena Canonero, per la colonna sonora di Un giorno questo dolore ti sarà utile.

I bambini di Gaza - Sulle onde della libertà è una produzione italo-belga di Jean Vigo Italia e Eagle Pictures con Rai Cinema in coproduzione con Potemkino, in coproduzione con B-Roll Production e Panoramic Film. Coprodotto e distribuito da Tarak Ben Ammar, è stato girato in Tunisia a settembre del 2022 negli studi da lui voluti, dopo non poche difficoltà, per la produzione, nell'ottenere i visti d'ingresso nel Paese per i giovani attori, selezionati in un casting tra Palestina e Cisgiordania.

La sceneggiatura è firmata dallo stesso Lai e da Dalia Heyman, che hanno preso spunto dal romanzo omonimo, o meglio, un racconto lungo, di Nicoletta Bortolotti (Mondadori). Immergendosi in una delle tante stagioni del complesso conflitto israelo-palestinese, come il libro, il film assume il punto di vista dei ragazzi protagonisti. Da un punto di vista morale, probabilmente l'unica angolazione possibile per proporre, dopo svariate narrazioni con al centro gli adulti (da Paradise Now a Valzer con Bashir, dal cinema di Amos Gitai a quello di e con Hiam Abbas) una via d'uscita a una tragedia che si protrae da decenni e che i fatti del 7 ottobre 2023 hanno riacceso. È una scelta coraggiosa ed encomiabile, alimentata da un afflato pacifista ed elogiata anche in una lettera privata inviata da Papa Francesco ai produttori, riportata nei titoli di coda: "questo film con le voci piene di speranza dei bambini palestinesi e israeliani sarà un grande contributo alla formazione nella fraternità, l'amicizia sociale e la pace".

Utilizzando la linea del litorale come spazio di sollievo e libertà contrapposto a un ambiente devastato dalla violenza, confine tra il caos e la sicurezza del gioco, il regista crea e restituisce tramite l'acqua una dimensione atemporale, una pace molto desiderata, attraverso sequenze spettacolari, di luce che risplende tra le onde marine. Operando un deciso scarto rispetto al romanzo di Bortolotti, che si concentra sul rapporto tra un surfista più maturo e i due protagonisti, il film riduce la linea narrativa delle "lezioni" di surf per fare spazio a molte altre invenzioni di sceneggiatura, legate per lo più alla sfera di azione di Mahmoud, mentre Alon resta in secondo piano.

Per esempio, grazie alla mediazione del commerciante Ashraf, Mahmud e il suo amico Jamil entrano nei segreti dei tunnel sotterranei che permettono a Gaza di sopravvivere. Sempre tramite Mahmud, lo spettatore coglie il sospetto di Jamil rispetto alla vicinanza tra Mahmud e Alon e l'alienazione del coetaneo Aboud, drogato dagli adulti che lo spingono a a una missione sacrificale. Lo rivedremo in una sequenza onirica ricca di effetti speciali, così come un'altra amica di Mahmud, Hamila, in una danza che è un sogno di liberazione dal conflitto.

Le immagini sovraesposte di Shane Sigler (anche lui esordiente nel lungo), l'uso reiterato dei ralenti, i capovolgimenti di centottanta gradi dell'obiettivo, l'alternanza tra doppiaggio italiano e lingua originale, la colonna sonora sognante di Nicola Piovani e il brano "Come Dream With Me" di Sara Ben Ammar, sono tutti elementi che trasportano il film in una dimensione metafisica, a tratti estetizzante, di difficile armonizzazione con la durezza di alcune scene iper realistiche (come l'irruzione della violenza cieca nelle strade, in cui Mahmud è testimone della morte di un ragazzo della sua età) e ha come effetto ulteriore quello di distrarre lo spettatore dal fiorire dell'amicizia tra Mahmud e Alon, terza via rispetto all'eliminazione totale dell'altro che i due fronti contrapposti perseguono, spazio in cui i pregiudizi hanno una possibilità di cadere, di annullarsi in nome di una prospettiva migliore.

Nello sforzo di accogliere nel racconto tante situazioni e personaggi, la sceneggiatura perde di efficacia e relega volutamente gli adulti a un ruolo superficiale. Molto più interessanti le domande legittime che Mahmud e Alon rivolgono a Ahfar e al proprio padre sulle ragioni dell'odio tra palestinesi e israeliani. Domande complesse, che ormai si perdono in un tempo distante, inattuale, di barbara arcaicità, sempre più indecifrabili. Domande che il film rilancia a chi guarda, con una chiarezza inequivocabile.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 30 marzo 2024
Paolo Fossati
Giornale di Brescia

Accompagnato dalle musiche di Nicola Piovani e dal plauso di Papa Francesco (così nei titoli: «questo film con le voci piene di speranza dei bambini palestinesi e israeliani sarà un grande contributo alla formazione nella fraternità, l'amicizia sociale e la pace») il lungometraggio d'esordio di Loris Lai - regista di videoclip italiano formatosi negli Usa - propone l'immedesimazione negli sguardi dell'infan [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 marzo 2024
Francesco Bonfanti
Close-up

Il turtle roll è una manovra del surf, utile per evitare un'onda che sta per travolgerti. A farla, o provare a farla, è Mahmud, un bambino palestinese come tanti altri di Gaza. La giovane madre Farah vorrebbe per lui una vita diversa, ma per ora va a scuola e il pomeriggio gioca a "Israeliani contro Palestinesi" con gli amici. La sua passione è appunto il surf: il mare è il suo spazio di vita, al sicuro [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 marzo 2024
Alessandra Levantesi
La Stampa

Siamo nel 2003, sul finire della Seconda Intifada: nella città ridotta a un ammasso di rovine, I bambini di Gaza hanno imparato a introiettare le emergenze del conflitto, assorbendole in una quotidianità dove la violenza del reale convive con la finta violenza dei giochi di guerra contro il nemico israeliano. Fra loro l'undicenne Mahmud, figlio di un «martire» che pur con riluttanza si trova a entrare [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 marzo 2024
Matteo Di Maria
Sentieri Selvaggi

Loris Lai, cineasta italoamicano, fa il suo debutto nel lungometraggio con I bambini di Gaza. Sulle onde della libertà, liberamente ispirato al romanzo di Nicoletta Bortolotti. Con una formazione in regia alla UCLA di Los Angeles e all'American Film Institute, dopo aver diretto diversi corti e video musicali, tra cui Love Is Required di Elisa e molti spot pubblicitari per brand come Chanel, Louis Vuitton, [...] Vai alla recensione »

martedì 26 marzo 2024
Giulia Bona
Film TV

Striscia di Gaza, 2003: l'undicenne Mahmud vive con la madre (la Lyna Khoudri di Non conosci Papicha e Houria, qui purtroppo lasciata a far tappezzeria tra le macerie di case bombardate) e gioca con gli altri ragazzini a "arabi contro ebrei", replicando su scala ridotta gli scontri della Seconda intifada. Soprattutto, il bimbo palestinese coltiva la passione per il surf, condivisa dall'israeliano nemico-ami [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 8 marzo 2024
 

Regia di Loris Lai. Un film con Tom Rhys Harries, Lyna Khoudri, Husam Chadat, Eyad Hourani, Samuel Kay. Da giovedì 28 marzo al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati