Paradise - Una nuova vita

Film 2020 | Commedia, +13 85 min.

Anno2020
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Durata85 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diDavide Del Degan
AttoriVincenzo Nemolato, Giovanni Calcagno, Branko Zavrsan, Selene Caramazza, Andrea Pennacchi Domenico Centamore, Claudio Castrogiovanni, Lorenzo Acquaviva, Claudio Vasile Cozzo, Katarina Cas.
Uscitagiovedì 8 ottobre 2020
TagDa vedere 2020
DistribuzioneFandango
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,56 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Davide Del Degan. Un film Da vedere 2020 con Vincenzo Nemolato, Giovanni Calcagno, Branko Zavrsan, Selene Caramazza, Andrea Pennacchi. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2020, durata 85 minuti. Uscita cinema giovedì 8 ottobre 2020 distribuito da Fandango. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,56 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Paradise - Una nuova vita tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un uomo sotto protezione si trova negli stessi luoghi di chi ha denunciato. In Italia al Box Office Paradise - Una nuova vita ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 51,5 mila euro e 19,7 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,56/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,68
PUBBLICO 5,00
CONSIGLIATO SÌ
Un film lunare che oscilla fra il comico, il tragico e il surreale. Un esperimento interessante.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 30 settembre 2020
Recensione di Paola Casella
mercoledì 30 settembre 2020

Calogero, venditore di granite, è dovuto scappare dalla Sicilia con il suo carretto perché ha voluto fare la cosa giusta, cioè testimoniare contro un killer della mafia. Il programma di protezione testimoni gli ha trovato un appartamento in un residence, il Paradise: peccato che il residence sia abbandonato e che si trovi a Sauris, paesino del Friuli dove nevica sempre e si balla lo Schuhplattler tirolese prendendosi a sganassoni. A Calogero mancano la moglie Lucia e la figlia che stava per nascere, e della Sicilia gli è rimasto solo un puzzle che perde i pezzi con l'andare dei giorni. Ma al Paradise arriva proprio dalla Trinacria un altro inquilino, e la vita di entrambi sarà destinata a cambiare.

Davide Del Degan dirige una storia lunare, ideata e sceneggiata da Andrea Magnani, che richiede una sospensione dell'incredulità pressoché totale. Ma essendo il registro della narrazione sospeso fra realtà e favola (o leggenda boschiva) si può concedergli il beneficio di inventario, o meglio di invenzione.

E Paradise diventa una metafora della difficoltà di essere uomo in Sicilia (e in ogni altra società rigidamente patriarcale), e dei pericoli nel rimanere onesti in un contesto che premia l'omertà.

Calogero sogna una nuova vita e una società migliore per sua figlia Marcella perché è convinto che "gli altri siamo noi", ma in Sicilia gli hanno già preparato il funerale, e non è detto che non riescano a raggiungerlo fino in capo al mondo. Vincenzo Nemolato lo interpreta come un Candide terrorizzato ma deciso a non voltare la testa e la sua fisicità circense contribuisce non poco a far funzionare una storia altrimenti del tutto implausibile. Giovanni Calcagno è l'ospite inatteso, e il contrasto fra la sua imponenza fisica da maschio alfa e l'aspetto da fantino di Nemolato è una delle scelte vincenti del film. In omaggio alla coproduzione slovena c'è anche la luminosa presenza di Katarina Cas nel ruolo di una mamma single abituata a non porsi troppe domande.

La scelta registica più interessante è il tono stralunato che oscilla fra il comico e il tragico con svariate punte nel surreale: in particolare la figura dell'ospite inatteso, che guarda caso si chiama anche lui Calogero e rimanda in qualche modo al "Pericle il nero" di Giuseppe Ferrandino, è una contraddizione continua, una costante riaffermazione di un'identità maschile stereotipata e una corrispettiva determinazione a negarla, rifiutandone i canoni e i limiti.

"Che maschio sei?" chiederà un Calogero all'altro. E la risposta arriverà alla fine di una ricerca identitaria partita dall'allontanarsi il più possibile, anche geograficamente, dalle proprie origini per cercare, anche obbligatoriamente, il luogo magico in cui ognuno può essere quello che vuole. Il che non significa smettere di provare nostalgia per il luogo reale dal quale si proviene.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 4 ottobre 2020
francesca meneghetti

Paradise è il nome di un residence che sorge a Sauris, tra le alpi carniche. Nome quasi antifrastico, perché il paesaggio che lo circonda, d’inverno, nei giorni di maltempo, non è certo idilliaco (qualcuno potrebbe definirlo infernale per la selvatichezza, ma si tratta di gusti).Qui approda Calogero (Vincenzo Nemolato), fisico minuti, grandi occhi, naso lungo.

domenica 11 ottobre 2020
Valeria

 È pura poesia. Con un'estrema delicatezza tratta le sfumature dell'essere umano, le contraddizioni presenti nella nostra Sicilia ma anche i grandi valori. la Sicilia terra di mafia ma anche di persone oneste che combattono per un futuro migliore. Il tutto condito da una regia strepitosa, una fotografia da favola e un cast eccezionale. Complimenti

domenica 11 ottobre 2020
Valeria

 È pura poesia. Con un'estrema delicatezza tratta le sfumature dell'essere umano, le contraddizioni presenti nella nostra Sicilia ma anche i grandi valori. la Sicilia terra di mafia ma anche di persone oneste che combattono per un futuro migliore. Il tutto condito da una regia strepitosa, una fotografia da favola e un cast eccezionale. Complimenti

domenica 11 ottobre 2020
Valeria

È pura poesia. Con un'estrema delicatezza tratta le sfumature dell'essere umano, le contraddizioni presenti nella nostra Sicilia ma anche i grandi valori. la Sicilia terra di mafia ma anche di persone oneste che combattono per un futuro migliore. Il tutto condito da una regia strepitosa, una fotografia da favola e un cast eccezionale. Complimenti

domenica 11 ottobre 2020
marcos.ghioules

 Film indipendente che ci è piaciuto molto. La regia è coinvolgente, a tratti parecchio divertente ma lascia comunque allo spettatore elementi profondi di riflessione. La recitazione dei due protagonisti principali è eccellente. La colonna sonora e la scenografia, altri due punti di forza. Decisamente consigliato

domenica 22 marzo 2020
Stefano Vidali

Lo cnsiglio come film, visto inanterima al TriesteFilmFestival. trama coinvolgente con comicità riguardante il genere della storia.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 17 ottobre 2020
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Testimone di un delitto di mafia, il giovane Calogero viene spedito dalla Sicilia a Sauris, un paesino del Friuli dove nevica sempre. Lontano dalla famiglia, impossibilitato a svolgere il suo lavoro (è un venditore di granite!), si trova del tutto disorientato. Non bastasse, là ritrova proprio il killer che ha denunciato, ora pentito (forse). Seguono vicissitudini rocambolesche.

venerdì 16 ottobre 2020
Valerio Caprara
Il Mattino

Benvenuti in ogni caso a «Paradise» e «Lasciami andare» due film italiani con discreta ambizione e molto coraggio, visto che affrontano l' uscita sul mercato più ardua di sempre. Inutile nascondere, infatti, che la situazione è drammatica perché attualmente le sale aperte possono contare quasi solo su questo tipo di gracili prodotti autarchici e non si vede come i Fort Apache dell' esercizio possano [...] Vai alla recensione »

domenica 11 ottobre 2020
Matteo Mazza
Duels.it

C'è la montagna come luogo geografico lontano, freddo, ostile, difficile da raggiungere perché "in alto". Qui è quella del Friuli, a Sauris, villaggio che conta circa quattrocento abitanti situato nella regione della Carnia in Val Lumiei. Sauris che nel locale dialetto si pronuncia Zahre parola legata al significato di corso d'acqua, lacrima. Di acqua se ne vede poca perché, qui, c'è tanta neve.

sabato 10 ottobre 2020
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Sicilia, parrebbe Cefalù. Un camioncino, due picciotti, una cassa da morto (vuota) che rotola per terra. Una minaccia, a chi non si sa. Stacco su uno chalet in alta montagna, d' inverno: un giovanotto con il nasone ritira il carrettino dei gelati. Poi si scoprirà che son granite, e il giovanotto è stato collocato tra i monti da un programma per la protezione dei testimoni.

venerdì 9 ottobre 2020
Alessandra De Luca
Avvenire

La svolta esistenziale di un collaboratore di giustizia Calogero, venditore di granite, è costretto a lasciare la Sicilia, la moglie e la figlia che sta per nascere per aver testimoniato contro un killer della mafia, a entrare nel programma di protezione e a trasferirsi nell' appartamentino di un residence abbandonato a Sauris, paesino del Friuli dove la neve cade abbondante e si balla lo schuhplattler [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 ottobre 2020
Vittorio Lingiardi
Il Venerdì di Repubblica

Un film lieve per un tema grave. Merito della mano triestina del regista Davide Del Degan (già autore di cose belle e premiate) e della scrittura di Andrea Magnani (delizioso il suo Easy). Qui, in Paradise. Una nuova vita, ci raccontano la storia di un venditore di granite, Calogero. Un uomo buffo, nella cui testa siciliana c'è uno spicchio di stralunata follia finlandese alla Kaurismaki.

giovedì 8 ottobre 2020
Eugenio Arcidiacono
Famiglia Cristiana

Calogero, venditore di granite, assiste a un omicidio di mafia e decide di raccontare quanto ha visto. Per proteggerlo, viene spedito dalla Sicilia in uno sperduto paese tra le montagne del Friuli, lontano dalla moglie e dal figlio in arrivo e in mezzo a gente ospitale, ma che lui fa fatica a comprendere. Un giorno, nel residence che lo ospita, si trova di fronte proprio il killer contro il quale ha [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 ottobre 2020
Giulia Bianconi
Il Tempo

Al suo primo lungometraggio di finzione Davide Del Degan firma un film originale, stralunato, tragicomico, anche paradossale, con protagonista Vincenzo Nemolato. Tra favola ad alta quota e commedia nera, alternando ironia a toni più drammatici, arriva al cinema dall' 8 ottobre con Fandango, dopo la presentazione al Torino Film Festival 2019, «Paradise -Una nuova vita».

giovedì 8 ottobre 2020
Alice Sforza
Il Giornale

Calogero vende granite in un paesino innevato del Friuli. Dopo aver testimoniato contro un killer mafioso, vive qua, da solo, sotto protezione, mentre la famiglia è restata in Sicilia. Il problema è che anche l'assassino, pure lui divenuto collaboratore di giustizia, è stato mandato, sotto copertura, nello stesso paese. Gli intenti sono lodevoli, sui temi dell'integrità e del «gli altri siamo noi». [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 ottobre 2020
Maria Emilia Ambrogioni
Sentieri Selvaggi

Abituarsi al cambiamento si dice sia più facile che tornare alle vecchie abitudini. E come sempre, il cambiamento arriva all'improvviso, senza preavviso, ribaltando tutto. Davide Del Degan, al suo esordio alla regia, racconta con Paradise - Una nuova vita la storia di due uomini e dei loro stravolgimenti. Una storia fatta di malintesi e cambi radicali, che accompagna lo spettatore, assieme ai protagonisti [...] Vai alla recensione »

martedì 6 ottobre 2020
Adriano De Grandis
Film TV

Dall'assolato sud al gelido nord: un venditore di granite, per aver assistito a un omicidio di mafia e successivamente testimoniato, viene trasferito dalla Sicilia in Friuli, a Sauris, località nota soprattutto per il celebre prosciutto crudo. Adesso si fa chiamare Calogero e non più Alfio, abita in un residence malinconico, chiamato antifrasticamente Paradise, ma un giorno si trova improvvisamente [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 ottobre 2020
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

Esordio nel cinema di fiction del triestino Davide Del Degan, Paradise - Una nuova vita si avvale della sceneggiatura di Andrea Magnani, che nel 2017 debuttò con Easy - Un viaggio facile facile. Nel solco di quel road movie sulle rotte ucraine, anche questa co-produzione italo-slovena è una storia periferica e di frontiera, ambientata a Sauris, tra le montagne del Friuli, in un villaggio che è quanto [...] Vai alla recensione »

martedì 26 novembre 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Un testimone di un delitto mafioso viene protetto grazie allo spostamento dalla Sicilia a Sauris, dove però, per un errore, arriva anche successivamente il killer, nel frattempo diventato un collaboratore di giustizia. Del Degan porta due solitudini obbligate a confrontarsi con sé e con l'altro; e ovviamente con un territorio completamente nuovo e sconosciuto.

NEWS
POSTER
martedì 22 settembre 2020
 

Calogero è un uomo ordinario che ha fatto una scelta straordinaria. Siciliano, venditore di granite, un giorno assiste ad un omicidio di mafia e decide di fare qualcosa che non tutti avrebbero il coraggio di fare: testimoniare.

TRAILER
giovedì 17 settembre 2020
 

Una black comedy ambientata in un paesino surreale della Carnia. Da giovedì 8 ottobre al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 11 settembre 2020
 

Un uomo sotto protezione si trova negli stessi luoghi di chi ha denunciato. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati