Il regno

Film 2020 | Commedia, +13 97 min.

Anno2020
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Durata97 minuti
Regia diFrancesco Fanuele
AttoriStefano Fresi, Silvia D'Amico, Francesca Nunzi, Max Tortora, Liliana Fiorelli Fotinì Peluso, Enzo Casertano, Valeria Belardelli, Simone Guarany, Alessandro Forcinelli, Stefano Simondo.
DistribuzioneFandango
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Francesco Fanuele. Un film con Stefano Fresi, Silvia D'Amico, Francesca Nunzi, Max Tortora, Liliana Fiorelli. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2020, durata 97 minuti. distribuito da Fandango. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Il regno tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un autista dell'Atac scopre che il padre che lo ha abbandonato trent'anni prima, nel momento della morte, gli ha lasciato in eredità il trono di un regno para-medievale. In Italia al Box Office Il regno ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 64,5 mila euro e 145 mila euro nel primo weekend.

Il regno è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un soggetto interessante e al passo coi tempi, ma il film non spinge mai l'acceleratore né sulla comicità né sulla critica sociale.
Recensione di Paola Casella
giovedì 25 giugno 2020
Recensione di Paola Casella
giovedì 25 giugno 2020

Alla morte del padre, il quarantenne Giacomo viene convocato dall'avvocato Sanna per presenziare all'apertura del testamento. Il padre di Giacomo ha abbandonato lui e sua madre trent'anni prima, ma la sorpresa più grande è che nei trent'anni successivi l'uomo ha vissuto in un regno fermo all'anno Mille del quale si è autoproclamato sovrano assoluto. Un regno ai margini della via Salaria in cui la gente si veste e parla ancora come nel Medioevo, dove ogni forma di modernità è bandita e l'economia si basa esclusivamente sul baratto. Quando Giacomo si presenta all'indirizzo fornito dall'avvocato entra in questo luogo fuori dal tempo e scopre di essere l'erede al trono. Accetterà questa sfida e questa responsabilità?

Il regno è il lungometraggio di esordio di Francesco Fanuele, cosceneggiatore (con Stefano Di Santi) e regista, dopo il cortometraggio che conteneva in nuce la storia di Giacomo e del reame paterno.

Il soggetto è davvero interessante, in un momento storico in cui le tentazioni sovraniste sono all'ordine del giorno e si parla spesso di ripristinare un diverso sistema monetario. E il principale motivo di attrazione di Giacomo verso il regno è l'alternativa alla quotidianità fatta di scarse possibilità economiche, tasse punitive e difficoltà di impiego con la quale molti oggi si scontrano.

Ma Il regno è purtroppo un'occasione mancata, perché non spinge mai l'acceleratore né sulla critica sociale, né sulla comicità, né su dinamiche relazionali veramente credibili. Si fa molta leva invece sull'abilità degli attori e la raffinatezza della confezione, che può vantare la bella fotografia di Gherardo Gossi, il montaggio solido di Julien Panzarasa e i bei costumi di Eva Coen. Anche la mano di regia di Fanuele è buona, ma veicola una narrazione poco coraggiosa a fronte di un'idea di partenza davvero promettente.

Ogni direzione provocatoria è appena abbozzata, ogni riflessione sociopolitica addomesticata. E anche il potenziale di commedia, così ben utilizzato da precedenti simili - da Non ci resta che piangere a L'armata Brancaleone - è poco sfruttato. Persino uno degli spunti più interessanti - quello secondo cui Lisa (Fotinì Peluso), la sorella che Giacomo scopre di avere una volta arrivato nel regno, pur essendo molto più in gamba di lui viene privata del ruolo di leader che le spetta - non viene approfondito, e verso il finale prende una piega scontata e banale. Ci auguriamo che al prossimo tentativo Fanuele riesca a tirare fuori più grinta e metta la sua indubbia professionalità al servizio di una storia più convincente.

IL REGNO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 8 luglio 2020
Eugenio

Il medioevo era un'epoca perfetta governata da re imperfetti. La prima commedia di Francesco Fanuele inizia col botto con una brillantezza asciutta dal retrogusto quasi monicelliano, rifacendosi quasi a un ideale donchisciottesco. Un quarantenne autista romano, Giacomo, interpretato da Stefano Fresi viene convocato alla morte del padre, che aveva abbandonato figlio e madre 30 anni prima, da un [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 settembre 2020
Vepra81

Un film che poteva essere bello ed interessante ed infine mi son trovato a dirmi: quindi? Tante belle idee ma non legate tra di loro.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 30 giugno 2020
Giulio Sangiorgio
Film TV

Alla morte del padre, da cui è stato abbandonato, autista di bus eredita il regno. Ovvero il terreno intorno a un casale, in cui il babbo e altri accademici han fondato un paesello medievale: nessuna tecnologia, usi e costumi del tempo, vassalli, serve con la sifilide, ius primae noctis. Il re ora è Stefano Fresi, con tutto quel che di comico e pacioso ne consegue.

mercoledì 24 giugno 2020
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

Lo dice subito l'avvocato Sanna (Max Tortora: solito fuoriclasse), agghindato col costume da ciambellano: "So' trent'anni che vivo dentro a 'sta follia, aiutame!". La follia è il regno, uno stato farlocco sulla Salaria ispirato al mondo feudale, fondato trent'anni fa dal padre di Giacomo (Stefano Fresi). Alla morte dell'augusto genitore, il figlio - che dal babbo era stato abbandonato da adolescente [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
martedì 16 giugno 2020
 

Un autista dell'Atac scopre che il padre che lo ha abbandonato trent'anni prima, nel momento della morte, gli ha lasciato in eredità il trono di un regno para-medievale. Vai all'articolo »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati