La brava moglie

Film 2020 | Drammatico, +13 109 min.

Titolo originaleLa bonne épouse
Titolo internazionaleHow To Be a Good Wife
Anno2020
GenereDrammatico,
ProduzioneFrancia
Durata109 minuti
Al cinema7 sale cinematografiche
Regia diMartin Provost
AttoriJuliette Binoche, Yolande Moreau, Noémie Lvovsky, Edouard Baer, François Berléand Anamaria Vartolomei.
Uscitagiovedì 24 giugno 2021
DistribuzioneMovies Inspired
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,58 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Martin Provost. Un film con Juliette Binoche, Yolande Moreau, Noémie Lvovsky, Edouard Baer, François Berléand. Cast completo Titolo originale: La bonne épouse. Titolo internazionale: How To Be a Good Wife. Genere Drammatico, - Francia, 2020, durata 109 minuti. Uscita cinema giovedì 24 giugno 2021 distribuito da Movies Inspired. Oggi tra i film al cinema in 7 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,58 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La brava moglie tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Quando scopre che la scuola che gestiva col marito è sull'orlo della bancarotta, Paulette deve assumersi le sue responsabilità. Il film ha ottenuto 4 candidature e vinto un premio ai Cesar, In Italia al Box Office La brava moglie ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 20,2 mila euro e 8,9 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,58/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,65
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Una commedia leggera al femminile, ben interpretata ma priva della carica eversiva richiesta dai temi trattati.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 2 giugno 2021
Recensione di Paola Casella
mercoledì 2 giugno 2021

1967: Boersch, paesino dell'Alsazia. Paulette Van Der Beck è la direttrice della scuola di Economia domestica che porta il suo cognome, anzi, quello di suo marito Robert. L'obiettivo dell'istituto è formare generazioni di madri e mogli esemplari insegnando loro a cucinare, pulire e rammendare e inculcando nelle ragazze i sette pilastri della casalinga modello, fra cui spicca l'obbligo ad essere comprensive con totale abnegazione senza mai anteporre le proprie esigenze a quelle della famiglia. In virtù di questo obbligo, Paulette ha sempre ignorato la propensione del marito per le belle studentesse, l'alcool e il gioco d'azzardo: ma quest'ultima la costringerà a correre ai ripari, e ad assumere finalmente il comando della propria vita.

Il regista e sceneggiatore Martin Provost, che ha al suo attivo film drammatici con protagoniste femminili come Séraphine, Violette e Quello che so di lei, si cimenta qui nella commedia, soprattutto nella prima parte del film, quella in cui Paulette inaugura il nuovo anno scolastico aggrappandosi ai principi secondo i quali è sempre vissuta indossando un tailleur alla Jackie Onassis (rosa, come quello che la first lady indossava quando è morto il marito....) e il canonico filo di perle, ben cosciente che "il nemico è alle porte".

A Parigi e nelle zone più evolute della Francia infatti scioperi, occupazioni studentesche e movimenti femministi sfoceranno in quel maggio di fuoco che avrebbe, fra le altre cose, rivoluzionato la condizione della donna. Ma alla scuola Van Der Beck tutto è fermo al Medioevo, e la direttrice, insieme alla cognata Gilberte e alla combattiva suora Marie Thérèse, fanno guardia al fortino.

Sono soprattutto le interpretazioni di Juliette Binoche nei panni di Paulette e di Yolande Moreau in quelli di Gilberte a illuminare questa prima parte con la loro ironia e leggerezza, mentre Noémie Lvovsky calca troppo la mano sul ruolo di Marie Thérèse, rendendolo prossimo alla caricatura.

Ma la sceneggiatura non riesce a trovare un tono che sappia mediare fra la rappresentazione di un mondo antico destinato a scomparire e le sensibilità contemporanee: tutto ciò che dovrebbe essere graduale diventa improvviso, fino a culminare in un balletto finale che "butta in musical" la parabola di Paulette e le sue alunne con un brusco cambio di marcia. Alcune tematiche delicate, come quella dell'omosessualità femminile, vengono inoltre gestite secondo un codice di accettazione contemporaneo invece che mantenersi fedeli allo spirito del tempo, soprattutto in un ambiente che ci è stato descritto come chiuso alle novità e refrattario al progresso.

Il lavoro sulla ricostruzione d'ambiente è tuttavia eccellente e Binoche e Moreau, attrice feticcio di Provost, si calano bene in un immaginario molto distante dalla loro esperienza diretta: particolarmente azzeccata è la gestualità della direttrice abituata a controllare ogni suo movimento secondo un'idea obsoleta di decoro. La brava moglie si pone al confine fra Guai con gli angeli e Potiche, ma non ha la carica eversiva del primo (diretto da Ida Lupino, una delle rarissime registe della prima parte del secolo scorso) né la sagacia del secondo (firmato da Francois Ozon, maestro nel raccontare le questioni di genere).

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 1 luglio 2021
Giovanni_B_southern

Anche in questo caso l'ottima My Movies mi aveva tratto in inganno. Il sito segnala una semi-stroncatura. Invece il film è vedibilissimo. A tratti esilarante. Godibile assai. Una rivoluzione sessantottina che, diciamo, parte 'da basso'. Da vedere!!!

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 4 luglio 2021
Linda Magnoni
Cineforum

C'è una certa tendenza nel cinema recente, in particolar modo quando si parla di diritti, a vedere le cose attraverso le lenti della contemporaneità. Non che questa sia una prerogativa del grande schermo, e nemmeno soltanto degli ultimi anni in realtà. Ma ultimamente, sarà perché la riflessione sul tema è molto attuale (e forse anche un po' di moda) si moltiplicano i film in cui le conquiste del passato [...] Vai alla recensione »

sabato 26 giugno 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

In televisione le partite di calcio, al cinema le commedie francesi. Bis. Qui siamo in Alsazia, celebre per i vigneti e per lo strudel. I 45 giri di Adamo indicano l' epoca. Fine anni 60. Quando erano popolari le "écoles ménagères", scuole di economia domestica per istruire le future mogli. La prima fu creata a Reims nel 1873: hanno resistito agli assalti femministi fino agli anni 80 del secolo scorso [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 giugno 2021
François Forestier
L'Obs

Questa simpatica commedia resuscita un collegio dove alle ragazze di buona famiglia s'insegna l'economia domestica, a essere presenze silenziose accanto agli uomini e a prendersi cura di loro, stanchi dopo lunghe giornate di lavoro. Juliette Binoche intepreta Paulette, la padrona di casa del collegio che, mentre Petula Clark e Ménie Grégoire erodono le convenzioni, usa il pugno di ferro per tenere [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 giugno 2021
Fulvia Caprara
La Stampa

Se il talento di un interprete si misurasse in base alla distanza che lo separa dal personaggio, bisognerebbe dire che, ancora una volta, nella Brava moglie di Martin Prevost, la star Juliette Binoche merita il massimo dei voti. Niente è più lontano da Binoche della signora Paulette Van der Beck che, alla vigilia del '68 francese, si ostina a educare future mogliettine impeccabili e a sopportare, con [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 giugno 2021
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Il Maggio francese passa attraverso una strada bloccata dal traffico e dalla Tour Eiffel vista da lontano. Parigi non è più distante ma è comunque irraggiungibile. Ed è proprio la stessa distanza che si avverte in La brava moglie, un film che mostra il superamento di istituzioni come la scuola di economia domestica dove venivano formate spose e madri esemplari.

giovedì 24 giugno 2021
Marì Alberione
Duels.it

Continua il personale percorso di emancipazione femminile legato a figure realmente esistite o fittizie a cui Martin Provost si è dedicato in tutti i suoi film. Dopo Où va la nuit (2011, storia di una donna che decide di prendere in mano il suo destino e uccide il marito), Séraphine (2013, sulla pittrice Séraphine de Senlis e i misteri della creazione artistica), Violette (2014, sulla scrittrice Violette [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 giugno 2021
Francesca Pistocchi
Close-up

Boersch, Alsazia, 1967. Ci troviamo nel bel mezzo della tanto vituperata province francese, sorta di piccolo mondo antico fedele ai suoi riti d'ordinanza, alle sue patates, al suo vernacolare spiccio, alle sue mogli robuste ed energiche, alle sue campagne incolte che sembrano estendersi ovunque. La nuova avventura cinematografica di Martin Provost inizia proprio da qui, e in particolare dall'universo [...] Vai alla recensione »

martedì 22 giugno 2021
Luca Pacilio
Film TV

Paulette (Juliette Binoche) nella sua scuola insegna alle ragazze a diventare mogli e casalinghe perfette: se la morte del marito segna la sua rovina economica, un tentativo di suicidio di una studentessa le provoca una crisi di coscienza. Indossati i pantaloni (non solo metaforicamente), archivierà tutti i discorsi di convenienza su cui fondava la sua didattica («una donna senza corredo è una donna [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 giugno 2021
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

Il senso di Martin Provost per i personaggi femminili (Seraphine, Quello che non so di lei) ritorna in La brava moglie, commedia che si inserisce bene in quel filone del cinema europeo dedicato alle conquiste delle donne, episodi particolari in grado di offrire una prospettiva più ampia del percorso di emancipazione socioculturale e riconoscimento della parità di genere.

NEWS
TRAILER
venerdì 28 maggio 2021
 

Premio Cesar per i migliori costumi, una commedia briosa con Juliette Binoche. Dal 24 giugno al cinema. Guarda il trailer e il poster »

NEWS
mercoledì 26 maggio 2021
 

Quando scopre che la scuola che gestiva col marito è sull'orlo della bancarotta, Paulette deve assumersi le sue responsabilità. Vai all'articolo »

TRAILER
martedì 3 novembre 2020
 

Dopo la morte del marito, per Paulette è arrivato il momento di tornare finalmente libera. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

winner
migliori costumi
Cesar
2021
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati