Earwig e la strega

Film 2020 | Animazione, Fantasy, Film per tutti 82 min.

Titolo originaleÂya to majo
Titolo internazionaleEarwig and the Witch
Anno2020
GenereAnimazione, Fantasy,
ProduzioneGiappone
Durata82 minuti
Al cinema72 sale cinematografiche
Regia diGoro Miyazaki
AttoriIlaria Pellicone, Daniela Calò, Pino Insegno, Caterina Shulha, Stefano Broccoletti Liliana Sorrentino, JB Blanc, Alex Cartañá, Pandora Colin, Richard E. Grant, Gaku Hamada.
Uscitamercoledì 21 luglio 2021
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Goro Miyazaki. Un film con Ilaria Pellicone, Daniela Calò, Pino Insegno, Caterina Shulha, Stefano Broccoletti. Cast completo Titolo originale: Âya to majo. Titolo internazionale: Earwig and the Witch. Genere Animazione, Fantasy, - Giappone, 2020, durata 82 minuti. Uscita cinema mercoledì 21 luglio 2021 distribuito da Lucky Red. Oggi tra i film al cinema in 72 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Earwig e la strega tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Dallo studio Ghibli un film d'animazione dedicato alla storia di una ragazzina in cerca di amore. In Italia al Box Office Earwig e la strega ha incassato 103 .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Lo Studio Ghibli apre al digitale. Una rivoluzione estetica in cui si perdono l'audacia e la poesia.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 16 luglio 2021
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 16 luglio 2021

Erica Wigg è il nome che la direttrice del St. Morwald ha dato a Earwig. Orfana, arrivata in braccio a una strega e a cavallo di una moto, Erica non vuole essere adottata. Nonostante le bizze e il talento magico con cui manipola i compagni e si aliena i genitori potenziali, un giorno trova famiglia. Una coppia decisamente atipica si interessa a lei e la conduce in una casa misteriosa dove le porte appaiono, scompaiono o si aprono su stanze segrete piene di pozioni e libri di magia. Perché Bella Yaga e Mandragora non sono genitori ordinari. Strega e demone, la vita con loro promette di essere davvero 'incantevole'.

Adattamento del romanzo omonimo di Diana Wynne Jones, autrice inglese che aveva già ispirato Il castello errante di Howl di Hayao Miyazaki, Earwig e la strega è una rivoluzione estetica per la Ghibli.

Figlio e co-fondatore del celebre studio giapponese, Gorō Miyazaki ritorna nove anni dopo La collina dei papaveri con un film d'animazione digitale. Come in numerose opere di suo padre, Earwig e la strega ha per eroina una ragazzina dal carattere temprato, spigoloso e temerario. Fatta della stessa determinazione di Kiki, coltiva come lei il desiderio di fare stregonerie e amicizia con un gatto nero che parla. Poche cose la spaventano e forse è questo il limite dello script, la mancanza di reazione del personaggio davanti ai prodigi che scoprirà progressivamente nella casa di Bella Yaga e Mandragora.

Se la magia fa il suo lavoro tra porte di ingresso che svaniscono, improbabili stanze, laboratori insalubri e gatti dagli occhi verdi e la lingua sciolta, l'apprendimento della giovane strega è troppo facile e il legame con la madre (biologica) un mero pretesto per una storia artificiosa. Il romanzo illustrato di Diana Wynne Jones è altrettanto secco e frustrante, ma una po(r)zione di fantasia avrebbe giovato e reso tutto meno aneddotico.

L'intrigo termina come l'episodio di una serie, lasciando lo spettatore appeso e insoddisfatto. Disattesa qualsiasi empatia con una descrizione basica dei suoi eroi e una conclusione sbrigativa, l'impressione è che in fondo non ci sia nulla o quasi da raccontare.

Primo lungometraggio a rompere con l'animazione tradizionale, che ha fatto la reputazione dello Studio, Earwig e la strega ha una tessitura disorientante (l'animazione e il grafismo grezzo dei personaggi, i loro capelli inestricabili e usciti direttamente dagli anni Novanta...) temperata appena dai décor colorati e accurati.

Se il digitale sembra per il momento, e in questo primo esperimento, incompatibile con la poesia delle eroine Ghibli dai grandi occhi brillanti e le gonne a balze, il mondo di Erica Wigg sortirà tuttavia il medesimo effetto: piacere ai bambini. Non cerca seconde letture, divertire e accontentare prima di tutto i piccoli spettatori è la missione magica di Earwig e la strega. Un film di formazione che ha meno fascino di Kiki - Consegne a domicilio ma è in sintonia maggiore coi tempi, con le sue parentesi rock e soprattutto la sua brillante apprendista stregona.

Maliziosa e sovente insolente, petulante e civettuola, Erica si guadagna il suo posto nella lunga galleria dei personaggi femminili Ghibli. Fiera sotto i codini da ninfetta, lascia il 'nido familiare' verso un'altra vita e un anno sabbatico. Esonerato come la sua eroina dalla 'routine dell'istituto' per sperimentare e cercare altrove, Gorō Miyazaki traghetta lo Studio dai disegni animati alle immagini di sintesi.

La messa in scena patisce però le limitazioni tecniche di un mezzo non ancora padroneggiato, piombando il film in un gioco di piani fissi che fanno rimpiangere tutta l'audacia del disegno e gli slanci lirici di cui gli animatori Ghibli hanno il segreto. Troppo ponderato e poco evocatore per un Ghibli, troppo sbrigativo e poco consistente per lasciare un segno, Earwig e la strega ha tutto del pilota di una serie TV animata che non dona mai veramente il desiderio di vederne di più. Peccato.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 22 luglio 2021
Matteo Boscarol
Il Manifesto

Andato in onda in anteprima lo scorso dicembre sul canale televisivo nipponico NHK e, dopo vari rinvii dovuti alla pandemia, in uscita nelle sale giapponesi il prossimo 27 agosto, è approdato nella giornata di ieri anche nei cinema italiani Aya to majo (Earwig e la strega), l' ultimo lavoro realizzato dallo Studio Ghibli. Ciò che rende così speciale l' esperienza artistica uscita dallo studio giapponese [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 luglio 2021
Carmelo Leonardi
Sentieri Selvaggi

Al 22° film lo Studio Ghibli decide di aprirsi totalmente al digitale. Già sperimentata, sempre da Goro Miyazaki, nella serie tv tratta da Ronja la figlia del brigante di Astrid Lindgren, autrice della Pippi Calzelunghe da cui Hayao voleva ottenere una serie, l'utilizzo della tecnica d'animazione in CGI ha svecchiato lo Studio Ghibli perdendo però tutta la profondità narrativa che invece ha acquisito [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
martedì 8 giugno 2021
 

Regia di Goro Miyazaki. Un film con JB Blanc, Thomas Bromhead, Alex Cartañá, Pandora Colin, Richard E. Grant. Da giovedì 24 giugno al cinema. Guarda il trailer »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 72 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati