Lettera a Franco

Film 2019 | Drammatico, 107 min.

Regia di Alejandro Amenábar. Un film con Eduard Fernández, Karra Elejalde, Nathalie Poza, Maarten Dannenberg, Luis Zahera. Cast completo Titolo originale: Mientras dure la guerra. Genere Drammatico, - Spagna, 2019, durata 107 minuti. Uscita cinema giovedì 26 maggio 2022 distribuito da Movies Inspired. - MYmonetro 2,55 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Lettera a Franco tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 23 maggio 2022

La vera storia dello scrittore Miguel Unamuno, inizialmente a favore di Franco, cambiò totalmente idea rischiando la vita per seguire i suoi ideali. Il film ha ottenuto 17 candidature e vinto 5 Goya,

Consigliato nì!
2,55/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,60
PUBBLICO
CONSIGLIATO NÌ
La tragedia individuale in una prospettiva (troppo) astorica.
Recensione di Roberto Manassero
lunedì 23 maggio 2022
Recensione di Roberto Manassero
lunedì 23 maggio 2022

Dopo il colpo di stato spagnolo del luglio 1936, il rettore dell'Università di Salamanca Miguel de Unamuno appoggia il ritorno all'ordine favorito dai militari e si scontra con i colleghi e amici Atiliano, pastore evangelista, e Salvador, membro del Partito socialista. Mentre dal Marocco il generale Franco si appresta a diventare il leader delle forze nazionaliste impegnate nella guerra civile, Unamano viene prima rimosso dalla sua carica dal governo repubblicano e poi reintrodotto dai golpisti e incaricato dal generale José Millán-Astray di redigerne il manifesto. Con l'arresto dei suoi amici, però, l'anziano intellettuale matura la presa di coscienza e al momento di celebrare l'ingresso di Franco a Salamanca saprà opporsi al nascente regime fascista.

Alejandro Amenábar ricostruisce una fase cruciale della storia spagnola del Novecento dal punto di vista di un anziano pensatore convinto di poter esprimere liberamente il proprio pensiero, ma schiacciato dalla macchina propagandistica.

È sempre difficile - ma inevitabile, nel caso del cinema pensato per il grande pubblico - mettere in scena la Storia con esattezza, incanalando in una narrazione coerente e progressiva le spinte, le contraddizioni e le sovrapposizioni degli eventi passati. Lettera a Franco, che nel 2019 ha segnato il ritorno di Alejandro Amenábar in Spagna quattordici anni dopo Mare dentro, racconta la genesi della guerra civile spagnola con un approccio il più analitico possibile, attraverso la vicenda biografica di un'illustre figura della cultura dell'epoca, per molti il più grande poeta del Novecento con l'amico Federico García Lorca (ucciso dai falangisti proprio nei giorni del golpe).

La sceneggiatura scritta con Alejandro Hernández cerca il più possibile la distanza dai fatti, in una prospettiva che se non è propriamente revisionista fa di tutto per replicare la visione dello stesso Miguel de Unamuno, equidistante da entrambe le posizioni in lotta dopo aver sconfessato la parte golpista inizialmente abbracciata. È noto che prima di morire d'infarto in seguito ai fatti raccontati dal film, il professore e poeta disse che la guerra civile era per il suo paese una «barbarie unanime»: «Eccola», scirsse, «la mia povera Spagna, si sta dissanguando, rovinando, avvelenando e instupidendo...».

Colpisce, in Lettera a Franco, il modo in cui è rappresentato il generale Franco, futuro caudillo inizialmente riluttante di fronte all'enormità del potere che avrebbe riunito nelle sue mani: il ritratto è quello di un uomo piccolo piccolo, quasi impaurito e passivo, laddove il futuro responsabile della propaganda monarchica, José Millán-Astray, è dipinto come il vero artefice delle azioni dell'esercito, con alle spalle gli ispiratori nazisti.

Amenabar non vuole tanto riflettere sulle forze in guerra e sulla fine del progetto repubblicano a opera delle forze fasciste, ma sulla responsabilità individuale di fronte all'incidere della Storia, in una prospettiva individualista e astorica (nonostante il tema) tipica della nostra epoca. Il problema della sua impostazione è soprattutto di natura stilistica (per non dire cinematografica), dal momento che l'impaginazione anonima, la ricostruzione storica accurata ma fredda e il passo romanzesco del racconto, più che privilegiare uno sguardo soggettivo, creano al contrario l'impressione di un discorso oggettivo, storicistico, facile da scambiare per documentato e autentico.

Della complessità di una vicenda che avrebbe condotto la Spagna verso un regime fascista responsabile per i successivi quarant'anni dell'isolamento e dell'arretratezza del paese, il film non riporta in realtà quasi nulla, privilegiando la tragedia individuale a quella collettiva. Il ritratto di Unamuno è unidimensionale, la sua parabola dall'adesione all'opposizione al regime è quella tipica di un eroe riluttante (in questo senso quasi un doppio di Franco...), mentre le contraddizioni dell'uomo e dell'intellettuale sono dichiarate in modo didascalico, "recitate" dal testo, mai lasciate in carico alle immagini, che sono al servizio della ricostruzione e della recitazione (notevole in tal senso la prova del veterano Karra Elejalde).

In patria il film è stato accusato di imprecisione storiche (necessarie come sempre alle necessità drammatiche della trama) e attaccato dalla destra per il ritratto eccessivamente negativo di Millán-Astray. La cosa più grave, però, al di là dell'anonimità del prodotto da parte di un regista un tempo promettente, è quella di aver ripreso la lezione conciliante di Unamano - che all'epoca invitava al dialogo gli hunos con gli hotros - togliendola dal suo contesto e proiettandola nel futuro della Spagna, come se la guerra civile fosse stata voluta da entrambe le parti. Se non è revisionismo, è una semplificazione difficile da condividere.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
Frasi
mientras dure la guerra
Miguel de Unamuno (Karra Elejalde)
dal film Lettera a Franco - a cura di vittoria
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 2 dicembre 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Esprime una riflessione esplicitamente politica il nuovo film di Alejandro Amenàbar, Mientras dure la guerra, in programma al 37° Torino Film Festival dopo aver partecipato a quelli di Toronto e San Sebastian. Il cineasta cileno ma da sempre residente in Spagna di cui è cittadino, ha deciso di rivisitare i prodromi del franchismo assumendo il punto di vista del grande intellettuale e scrittore Miguel [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 novembre 2019
Marco Bolsi
Sentieri Selvaggi

La bandiera della Seconda repubblica spagnola svetta tirata dal vento e da un color seppia iniziale acquista a poco a poco il suo tricolore, segno che la Storia sta per tornare in vita. A essere rievocati sono gli eventi del 1936, della sanguinosa guerra civile che portò Franco al potere. Nel film però non vediamo mai un'uccisione, un corpo ferito, un assalto; si odono spari in lontananza, alcune persone [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 novembre 2019
Silvana Silvestri
Il Manifesto

In un'Europa spostata sempre più a destra, Alejandro Amenabar interviene tornando all'insegnamento della storia con Mientras dure la guerra, (Finché dura la guerra) che racconta il periodo precedente alla presa del potere del caudillo Francisco Franco nella Spagna del 1936. Il regista cileno naturalizzato spagnolo, dagli innumerevoli premi Goya, Gran premio della giuria e premio Oscar per Mare dentro [...] Vai alla recensione »

martedì 26 novembre 2019
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Lo spagnolo Alejandro Amenábar (Mare dentro, The Others) conferma con Mientras dure la guerra, suo ritorno a girare in patria dopo quindici anni, quel che cinematograficamente è: elegante, pulito, colto, ma anche imbelle, anodino, calligrafico. Problema, i difetti si sentono di più quando la storia è Storia, e della più brutte, Guerra Civile e presa di potere di Francisco Franco.

martedì 26 novembre 2019
Elisa Battistini
Quinlan

Spagna, estate 1936. Il celebre intellettuale Miguel de Unamuno, rettore dell'Università di Salamanca, si schiera pubblicamente in favore del colpo di Stato militare antisocialista, ritenendolo un argine all'odiato bolscevismo. Dopo la presa di potere del generalissimo Francisco Franco e in seguito all'incarcerazione di alcuni suoi cari amici, de Unamuno capisce di aver dato il suo appoggio a qualcosa [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
lunedì 23 maggio 2022
 

Regia di Alejandro Amenábar. Un film con Eduard Fernández, Karra Elejalde, Nathalie Poza, Maarten Dannenberg, Luis Zahera. Da giovedì 26 maggio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
lunedì 2 maggio 2022
 

La vera storia dello scrittore Miguel Unamuno, inizialmente a favore di Franco, cambiò totalmente idea rischiando la vita per seguire i suoi ideali. Vai all'articolo »

NEWS
lunedì 7 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Che settimana! Da quando redigiamo questa rubrica, è la prima volta che possiamo dare conto di così tanti film locali che hanno conquistato i rispettivi mercati e con una così bassa incidenza di film americani (i dati non tengono conto dell'arrivo di [...]

winner
miglior attore non protag.
Goya
2020
winner
migliori costumi
Goya
2020
winner
miglior trucco
Goya
2020
winner
miglior produzione
Goya
2020
winner
miglior direzione artistica
Goya
2020
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati