Le sel des larmes

Film 2019 | Drammatico +13 100 min.

Titolo originaleThe Salt of Tears
Anno2019
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata100 minuti
Regia diPhilippe Garrel
AttoriOulaya Amamra, André Wilms, Souheila Yacoub, Logann Antuofermo, Louise Chevillotte Aline Belibi, Teddy Chawa, Martin Mesnier.
TagDa vedere 2019
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,28 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Philippe Garrel. Un film Da vedere 2019 con Oulaya Amamra, André Wilms, Souheila Yacoub, Logann Antuofermo, Louise Chevillotte. Cast completo Titolo originale: The Salt of Tears. Genere Drammatico - Francia, 2019, durata 100 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,28 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Le sel des larmes tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

I primi incontri romantici di un giovane e l'ammirazione che prova per suo padre. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Lumiere Awards,

Le sel des larmes è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato sì!
3,28/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,56
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una giovinezza raccontata in tre storie d'amore nel consueto e impeccabile stile Garrel.
Recensione di Tommaso Tocci
domenica 23 febbraio 2020
Recensione di Tommaso Tocci
domenica 23 febbraio 2020

Luc, giovane di belle speranze, arriva in treno a Parigi dalla provincia per sostenere un esame di ammissione a una scuola di falegnameria. Neanche il tempo di prendere l'autobus che il suo cuore è già rapito da Djemila, ragazza in attesa alla fermata di fronte. Luc, però, deve tornare alla casa che condivide con il padre, falegname anche lui. Ci vorrà qualche mese per trasferirsi definitivamente a Parigi, ma nel frattempo riappare una vecchia fiamma, Geneviève, che non vorrebbe una relazione a distanza. Non sarà l'ultima tappa dell'educazione sentimentale di Luc, osservata da lontano da un papà orgoglioso e preoccupato.

Le relazioni e gli incontri, le separazioni e i momenti, il bianco e nero e il legame familiare ammantano il film di Philippe Garrel del calore del già conosciuto, in uno dei tanti esempi di quel suo cinema perso nel tempo che sembra sempre troppo agile per qualcosa di così incisivo.

Al centro della scena, stavolta priva di membri del clan Garrel, c'è la faccia fresca di Logann Antuofermo, archetipico giovanotto che incarna tutta la piccola codardia maschile sfoggiabile nei rapporti - consecutivi, a volte paralleli, infine ripetuti - con tre donne e un padre. È proprio il confronto con la presenza "kaurismatica" del veterano André Wilms a dare alla storia gli angoli più taglienti e profondi, quelli che attraverso i non detti fanno più male, e che altrimenti Garrel non raggiunge nel distacco sempre un po' ironico che mostra nel trattare le questioni d'amore.

Le tre donne sono l'una la risposta all'altra, con la purezza titubante di Djemila (a cui Oulaya Amamra regala un paio di momenti di profonda vulnerabilità non appena rimane in scena da sola) rimpiazzata dalla sensualità vorace di Geneviève (Louise Chevillotte, già con Garrel in L'amant d'un jour e nello strepitoso Synonymes di Lapid). La presenza/insistenza di quest'ultima non può che essere sublimata in un tipo di rapporto diverso, quello con Betsy; qui Luc esplora, e Garrel ritorna, a un'idea di terzetto spontaneo e un po' accampato, in un film che allegoricamente riconduce ognuna delle relazioni al padre lontano e che dunque rende reale un'idea quando è il momento di dirle addio.

La scrittura essenziale di Jean-Claude Carrière e Arlette Langmann, così come il bianco e nero di Renato Berta, sono certezze che rendono possibile la regia icastica di Garrel, intrappolata nella sua efficacia ma mai del tutto permanente - e un po' simile alle bare impeccabili fabbricate dal papà di Luc, che si contenta di ciò che sa perché in fondo la gente continua a morire, anche se non più qui.

LE SEL DES LARMES
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 13 gennaio 2021
Vanessa Mangiavacca
Filmidee

"Quando si vive non accade nulla. Le scene cambiano, le persone entrano ed escono, ecco tutto. Non vi è mai un inizio. I giorni si aggiungono ai giorni, senza capo né coda, è un'addizione interminabile e monotona". Jean Paul Sartre sentiva di aver carpito con La nausea le più segrete verità sulla condizione umana, sul carattere precario e limitato dell'esistenza.

mercoledì 15 aprile 2020
Giona A. Nazzaro
Rumore

Incompreso a Berlino, Garrel raccoglie in sé la tradizione di Renoir, Godard, Straub, Truffaut, Rozier, Rivette, Akerman. Un cinema fatto con una sapienza antica e che risulta straordinariamente contemporaneo. Un film realizzato con sapienza artigianale e lucidità politica. Affidandosi ancora une volta al bianco e nero dell'eccellente Renato Berta, il regista tesse nella filigrana delle avventure sentimenta [...] Vai alla recensione »

martedì 25 febbraio 2020
Giona A. Nazzaro
Film TV

Che cosa è il cinema? Cosa ha significato? Philippe Garrel lo sa. Sa che il cinema è esistito. Il sale delle lacrime, che titolo magnifico!, è una storia del cinema - vissuta dalla prospettiva della nouvelle vague - nelle cui articolazioni sembrano riverberare le parole e i pensieri dell'ultimo Serge Daney. Ovvero che il cinema è un fare e un sapere che esprime una comunità.

lunedì 24 febbraio 2020
Simone Porrovecchio
La Rivista del Cinematografo

Indipendentemente dalle tendenze attuali, dalle mode, dalla frenesia della vita contemporanea nelle nostre grandi metropoli, il regista francese Philippe Garrel continua instancabilmente a forgiare il suo percorso di purista che lavora in bianco e nero e a perfezionare il suo studio psicologico, con una leggera tendenza alla rimozione, delle emozioni umane più semplici ai limiti dell'esistenzialismo, [...] Vai alla recensione »

domenica 23 febbraio 2020
Matteo Galli
Close-Up

Alla non giovanissima età di 72 anni Philippe Garrel esordisce a Berlino e viene direttamente accolto nel concorso con un originale film piacevolmente vintage, intitolato Le sel des larmes (Il sale delle lacrime). Il paradosso originale+vintage (in conferenza stampa Garrel parlerà di tradizione e modernismo) nasce dal fatto che il film si basa su una sceneggiatura borghese, ben fatta, non a caso scritta [...] Vai alla recensione »

domenica 23 febbraio 2020
Raffaele Meale
Quinlan

Luc è a Parigi per sostenere l'esame d'ingresso alla scuola di ebanisteria Boulle. Conosce Djemila a una fermata dell'autobus. La loro storia d'amore dura lo spazio dei due giorni che Luc passa a Parigi: tornato in provincia, dove vive con il padre che fabbrica casse da morto, ritrova l'amore del liceo Geneviève, e instaura una relazione con lei nell'arco di qualche mese.

domenica 23 febbraio 2020
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

Storia di un provinciale. Come tante. Giovinezza e amori di Luc, tra donne, studio e lavoro, aspirazioni, desideri e rimpianti. La vita, insomma. Ciò che tocca tutti e che Garrel prova ancora una volta a incrociare tra le immagini e la scrittura. Con la delicatezza dello sguardo e il dolore della sincerità. Perché tutto è semplice, ma fottutamente complicato.

sabato 22 febbraio 2020
Roberto Manassero
Cineforum

Il cinema di Philippe Garrel è sempre uguale a sé stesso, è un mondo chiuso e simbolico come quello di una fiaba o un sogno. A mancare, nei suoi film, è il respiro delle città, il passare del tempo, il movimento dello spazio che circonda i personaggi. In Le sel des larmes, presentato in concorso alla Berlinale, tra la metropoli Parigi e la provincia del nord, lungo la Marna, non c'è quasi differenza, [...] Vai alla recensione »

sabato 22 febbraio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Dimitri spera di diventare ebanista ma intanto la cosa che gli riesce meglio è lusingare le donne per portarsele a letto. Ennesimo scandaglio sull'amore e sui suoi fraintendimenti, puntualmente in bianco e nero, di un regista che forse non ha più motivo di sorprendere, ma che riesce comunque sempre a raccontare una storia, qui polifonica, con una lucidità invidiabile.

NEWS
BERLINALE
lunedì 24 febbraio 2020
Tommaso Tocci

Una regia icastica, intrappolata nella sua efficacia ma mai del tutto permanente. In Concorso alla Berlinale 2020. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati