Il Varco

Film 2019 | Drammatico, +13 70 min.

Titolo internazionaleIl varco - Once More unto the Breach
Anno2019
GenereDrammatico,
ProduzioneItalia
Durata70 minuti
Regia diFederico Ferrone, Michele Manzolini
Uscitagiovedì 10 ottobre 2019
TagDa vedere 2019
DistribuzioneCinecittà Luce
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,05 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Federico Ferrone, Michele Manzolini. Un film Da vedere 2019 Titolo internazionale: Il varco - Once More unto the Breach. Genere Drammatico, - Italia, 2019, durata 70 minuti. Uscita cinema giovedì 10 ottobre 2019 distribuito da Cinecittà Luce. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,05 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il Varco tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 18 ottobre 2019

La storia di un uomo che ha vissuto una doppia guerra. Il film è stato premiato agli European Film Awards, In Italia al Box Office Il Varco ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 9,5 mila euro e 1,4 mila euro nel primo weekend.

Il Varco è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compra subito

Powered by  
Consigliato sì!
3,05/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,10
PUBBLICO 3,05
CONSIGLIATO SÌ
L'Ucraina come teatro di guerra in un suggestivo e fantasmatico mix di found footage e riprese ad hoc.
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 3 settembre 2019
Recensione di Emanuele Sacchi
martedì 3 settembre 2019

1941. Un soldato parte per il fronte russo: man mano che il treno avanza attraverso Ungheria e Ucraina, i ricordi della madre russa e della spedizione fascista in Africa gli invadono la mente, fantasmi di un passato impossibile da cancellare. Federico Ferrone e Michele Manzolini, già registi de Il treno per Mosca, ripropongono quell'esperimento con alcune variazioni.

Attingendo all'archivio prezioso dell'Istituto Luce e di Home Movies - Archivio nazionale del film di famiglia, l'idea dei registi - e del cosceneggiatore Wu Ming 2 - è quella di montare immagini di repertorio per formare una narrazione di finzione, ispirata alle vite e ai diari dei militari Guido Balzani, Remo Canetta, Enrico Chierici, Adolfo Franzini, Nuto Revelli, Mario Rigoni Stern.

La novità, importante, è che accanto al found footage, infatti, Il varco include immagini della contemporaneità, catturate in una Ucraina divenuta nuovamente teatro di guerra. Un luogo in cui sembra che la risoluzione delle tensioni non possa essere gestita in altro modo che con l'uso delle armi. Una terra di morti e di fantasmi che sembrano perseguitare e confondere l'invisibile protagonista, reso carne e sostanza solo dalla voce del narratore Emidio Clementi, già cantante dei Massimo Volume.

Ogni frammento diviene così il tassello di un mosaico coerente: le immagini di un prete ortodosso che officia una messa divengono un episodio ideale ed esemplare per raccontare di un popolo, quello ucraino, fieramente avverso all'egemonia russa. Disposto a vedere come dei liberatori ieri i nazifascisti e oggi gli americani, pur di rivendicare la propria indipendenza. Il malcelato senso di dominio incontrastato che domina i primi pensieri del soldato viaggiatore - portare alla pace con un'"ultima" guerra - trasmette fino a noi il senso di colpa, prima che prevalgano disillusione e sconforto, accompagnate dal rigido inverno.

Anche da un punto di vista visivo Ferrone e Manzolini cercano un esito omogeneo: se le immagini di repertorio sono ovviamente in bianco e nero, i colori delle riprese nell'Ucraina odierna sono così desaturati da agevolare la confusione con il resto e l'assenza di una soluzione di continuità. Un taglio suggestivo con cui osservare la vicenda storica nel suo complesso, che ne evidenzia la natura fantasmatica: vite che nessuno ha mai raccontato diventano spettri di vite mai vissute, ma abbastanza realistici da turbare i nostri sonni di occidentali, al caldo, lontani dalle steppe ucraine.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
IL VARCO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€12,99
€Scopri
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 17 dicembre 2019
Alex

Dopo il recente clamore e i dibattiti sulle immagini d'archivio usate da Pietro Marcello in Martin Eden sembra proprio che la strada verso il cinema dei prossimi tempi sia sempre più caratterizzata dalla riscoperta dei materiali d'archivio. I recenti sviluppi nel campo del restauro e la necessità di dialogare in modi sempre più innovativi col passato non fanno altro che [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 18 ottobre 2019
Salvatore Aloise
Arte

Hanno passato due anni a fare ricerche prima di mettersi a scrivere e contemporaneamente a montare Il varco, docufilm sulla spedizione italiana in Russia tra il 1941 e il 1943. I due registi, Federico Ferrone e Michele Manzolini, hanno setacciato gli archivi dell'Istituto Luce e quelli dell'Archivio nazionale del film di famiglia. L'obiettivo era mettere insieme materiale di repertorio istituzionale [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 settembre 2019
Silvia Nugara
Il Manifesto

L'uso creativo di girato preesistente, spesso amatoriale, può servirsi della materialità del cinema per condurre una riflessione sul tempo, sulla precarietà delle immagini, della memoria, della psiche. Si tratta dunque di una via per innestare uno sguardo personale nella narrazione dell'esperienza collettiva, facendo incontrare la storia sociale e l'immaginazione.

sabato 12 ottobre 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Si parte sul convoglio militare verso il fronte ucraino, nel racconto di un soldato immaginario ispirato dai diari di Revelli, Franzini, Rigoni Stern e altri, con le riprese amatoriali di soldati e con quelle ufficiali tipo "Gloriosi episodi del corpo di spedizione italiano sul fronte russo"... Derivato dal montaggio (Maria Valmori) di un materiale sterminato per "inventare" un personaggio e un'esperienza [...] Vai alla recensione »

martedì 8 ottobre 2019
Roberto Silvestri
Il Manifesto

Il varco è la fessura che si apre nello spazio per farci viaggiare nel tempo, volando su preziosi materiali di repertorio: primo Novecento, 1941, il 1960 e oggi, in Ucraina. È come l'autopsia di Italiani brava gente, titolo equivoco imposto dalla censura. Il regista di quel capolavoro sull'invasione nazifascista dell'Urss, Giuseppe De Santis, voleva intitolarlo, dalla battuta sarcastica di un prigioniero [...] Vai alla recensione »

martedì 10 settembre 2019
Pedro Armocida
Film TV

1941, un soldato italiano parte per il fronte sovietico. Il varco si inserisce nei pensieri di un giovane che teme la guerra perché l'ha già conosciuta nella Campagna d'Africa. La sceneggiatura, scritta anche con Wu Ming 2, rende bene questi timori, e la voce narrante di Emidio Clementi culla dolcemente lo spettatore in antifrasi rispetto all'incubo della guerra.

mercoledì 4 settembre 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Solo video d'archivio compongono una narrazione eterodiretta dalla mano autoriale e registica di Wu Ming 2, del collettivo anonimo (o pseudonimo) di scrittori dietro a romanzi del calibro di Q e Altai, Federico Ferrone e Michele Manzolini. Un progetto ambizioso solo a considerare la portata del lavoro di documentazione, di ricerca, di mixaggio e montaggio di centinaia di ore di materiale video.

martedì 3 settembre 2019
Alessandro Izzi
Close-Up

Verità della finzione o finzione della verità: tra questi estremi si muove l'operazione de Il varco in una continua oscillazione che non ammette risposte facili e che ha i tratti di una vertiginosa discesa agli inferi. Da una parte ci sono, infatti, le immagini di repertorio, che, per quasi innato automatismo, il pubblico italiano tende ad associare al "vero" anche se lo spettatore che abbia un minimo [...] Vai alla recensione »

martedì 3 settembre 2019
Luca Marchetti
Sentieri Selvaggi

Antonio Di Pasquale, mio nonno, nel 1941 era un ragazzo di poco più di vent'anni. Nato in quella Sicilia d'entroterra, così lontana dal mare da sembrare irreale a chi arriva dal Continente, nonno credeva che tutto il mondo fosse racchiuso nelle vie e nelle case di Buccheri, il suo paese. Partito fante in quella guerra voluta a tutti i costi da Mussolini, si ritrovò catapultato in Russia, in un'avventura [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 settembre 2019
Raffaele Meale
Quinlan

1941, un soldato italiano parte per il fronte sovietico. L'esercito fascista è alleato di quello nazista, la vittoria appare vicina. Il convoglio procede tra i canti e le speranze. La mente del soldato torna alla malinconia delle favole raccontategli dalla madre russa. A differenza di molti giovani commilitoni, lui ha già conosciuto la guerra, in Africa, e la teme.

NEWS
TRAILER
lunedì 16 settembre 2019
 

Regia di Federico Ferrone, Michele Manzolini. Da giovedì 10 ottobre al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 13 settembre 2019
 

Una narrazione di finzione ispirata alle vite e ai diari dei militari Guido Balzani, Remo Canetta, Enrico Chierici, Adolfo Franzini, Nuto Revelli e Mario Rigoni Stern. Vai all'articolo »

MOSTRA DI VENEZIA
martedì 3 settembre 2019
Emanuele Sacchi

A Venezia 76 il ritratto di un luogo in cui sembra che le tensioni possano essere risolte solo con l’uso delle armi. Vai all'articolo »

winner
miglior montatore europeo
European Film Awards
2020
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati