MYmovies.it
Advertisement
L’ufficiale e la spia, canto intimo e urlo sociale di Polanski  

L'ultimo lavoro del regista, Leone d'Argento a Venezia, sembra avere una duplice spinta: politica e personale. Al cinema.
di Alessandro Castellino, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

L'ufficiale e la spia

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Jean Dujardin (47 anni) 19 giugno 1972, Parigi (Francia) - Gemelli. Interpreta Marie Georges Picquart nel film di Roman Polanski L'ufficiale e la spia. Al cinema da giovedì 21 novembre 2019.
mercoledì 27 novembre 2019 - Scrivere di Cinema

Che L'ufficiale e la spia (guarda la video recensione) sia un film necessario agli occhi di Polanski si evince già dai primi fotogrammi del film: il rigore formale dell'immagine conferma immediatamente le precise intenzioni di messa a fuoco di una realtà amara e cinica. E il successivo innesto di una costruzione drammaturgica al vetriolo sul tessuto figurativo, pulito e simmetrico, ribadisce l'impronta perentoria della linea autoriale e non esclude il paragone con Kubrick - e, specificatamente, con il suo Orizzonti di gloria, simile per temi e ambientazioni.
La spinta artistico-politica che ha portato Polanski al grande atto d'accusa che èL'ufficiale e la spia non ha un'unica radice e anzi si fa strada l'ipotesi per cui la sua matrice sarebbe di natura dualistica: da una parte la sfera privata del regista, dall'altra la dimensione pubblica e storica di un'epoca, quella attuale.

Ma esiste un minimo comune denominatore, che è l'odio antisemita, il quale ha portato alla morte la madre del regista nel campo di sterminio di Auschwitz, e che continua a vessare le comunità ebraiche di tutto il mondo - e, in particolare, quella francese (non è un caso che la Francia sia Paese co-produttore del film).
Alessandro Castellino, Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Il cinema assume quindi questa volta, per Polanski, connotati di alto rilievo sociologico e si mette al servizio della Storia per raccontare una vicenda delicata ora come allora.
E la responsabilità sulle spalle del regista raddoppia, se si pensa all'impatto devastante, e senz'altro decisivo, che hanno avuto numerosi cineasti di origine ebraica sulla storia del cinema, da Ernst Lubitsch a Billy Wilder fino a Woody AllenL'ufficiale e la spia, guardato da questa prospettiva, si riconfigura anche come un omaggio sotterraneo a queste grandi personalità, che hanno contribuito all'evoluzione del mezzo-cinema, rendendolo quel canale eccezionale che noi tutti oggi conosciamo.

E non manca nemmeno il proposito in Polanski di firmare un urlo di biasimo non casuale, ma strettamente personale oltreché pubblico, viste le accuse che gravano sulla sua persona ormai da qualche tempo. Il "J'accuse!" del titolo originale è la ferma dichiarazione di volontà di un regista che vuole essere chiamato Uomo senza riserve. 

Sul grido iniziale del film che invoca la morte dell'ebreo si eleva quindi il canto funebre e di rivolta, manifesto politico di un artista che invoca giustizia privata e pubblica e lo fa con lo strumento che l'ha maternamente abbracciato per gran parte della sua esistenza, ossia il Cinema, veicolo di potenza schiacciante proprio da quel caliginoso 1895 dell'Affare Dreyfus.


VAI ALLA RECENSIONE DEL FILM
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati