Quando eravamo fratelli

Film 2018 | Drammatico, +13 94 min.

Titolo originaleWe the Animals
Anno2018
GenereDrammatico,
ProduzioneUSA
Durata94 minuti
Regia diJeremiah Zagar
AttoriEvan Rosado, Isaiah Kristian, Josiah Gabriel, Raúl Castillo, Sheila Vand Terry Holland.
Uscitagiovedì 16 maggio 2019
TagDa vedere 2018
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,07 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Jeremiah Zagar. Un film Da vedere 2018 con Evan Rosado, Isaiah Kristian, Josiah Gabriel, Raúl Castillo, Sheila Vand. Cast completo Titolo originale: We the Animals. Genere Drammatico, - USA, 2018, durata 94 minuti. Uscita cinema giovedì 16 maggio 2019 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,07 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Quando eravamo fratelli tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Manny, Joel e Jonah si fanno largo nell'infanzia e rispondono come possono al precario affetto dei loro genitori. La vita in casa è intensa e totalizzante, in un continuo oscillare tra lacrime ed euforia. Il film ha ottenuto 5 candidature a Spirit Awards, In Italia al Box Office Quando eravamo fratelli ha incassato 25,6 mila euro .

Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,13
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Il racconto autentico e pieno di vita dell'infanzia di 3 bambini, tra crescita e scoperta della propria individualità.
Recensione di Tommaso Moscati
sabato 30 giugno 2018
Recensione di Tommaso Moscati
sabato 30 giugno 2018

Tratto da un libriccino di Justin Torres che nasce da un'esperienza di vita vera, il film dello statunitense Jeremiah Zagar ha come protagonisti tre fratelli portoricani Manny, Joel e Jonah, che vivono in una zona arretrata degli Stati Uniti chiamta Utica. La storia tratta della loro complicità e del rapporto con i loro genitori: un affetto spesso interrotto da litigi furibondi, dagli abbandoni e dai rientri di un padre impulsivo e manesco, e con tutte le ripercussioni che ciò ha sull'equilibrio di famiglia in casa. I bambini si fanno strada nella loro infanzia, ma Jonah rispetto ai suoi fratelli crescendo incomincia un suo percorso personale che si distacca dall'ideale mascolino incarnato dal padre e insegue la definizione di una sua sensibilità, aprendosi a ciò che sente. Un cammino che si preannuncia più impervio - e più appartato - ma sicuramente più libero.

Zagar vincitore nel 2009 del Biografilm Festival con il documentario, nonché opera prima, Into a Dream, dopo l'ottimo riscontro ottenuto dalla critica al Sundance Film Festival presenta all'edizione 2018 del Biografilm il suo secondo lungometraggio di finzione. Il film è la storia di un ricordo e in qualche modo ci dice che noi ricordiamo anche attraverso i media con cui siamo entrati in contatto, ne siamo influenzati.

Il regista è legato ai ricordi dei video 35mm o 16mm, in technicolor, mentre ora è tutto pulito, nitido, digitale. We the Animals invece è girato in pellicola 16mm, che con la sua grana spessa conferisce all'ottima fotografia un senso materico e di calore alle bellissime tinte delle albe, dei tramonti o della luce del sole che filtra dalle finestre e solca in maniera delicata i visi dei bambini. Questa luce suggestiva e avvolgente, insieme al lirismo dilagante e all'intimità (i sussurri, il ricorso frequente ai primi piani) che pervadono il racconto, così come i movimenti di macchina liberi e sinuosi, avvicinano questo film allo stile etereo di Terrence Malick.

Il lungometraggio è realizzato con una tecnica mista: riprese dal vero che si alternano a sequenze di animazione, nello stile delle riprese a passo uno. Ovvero, disegni su carta fotocopiati e ripetuti per circa 6500 disegni. Con la camera a spalla, Zagar riprende spesso in mezzo alla scena, fra i personaggi. C'è una forte empatia, quasi partecipazione, immedesimazione. La macchina da presa è sempre in mezzo. Non li perde mai di vista. Addirittura, rompe i confini della diegesi cinematografica e viene afferrata da uno dei bambini.

La vitalità e la creatività sono al centro di questo racconto sul rapporto fra crescita e sofferenza. Il piccolo Jonah ne è il principale portavoce: l'arte spesso è adoperata da lui come valvola di sfogo, come luogo in cui nascondersi, unico momento in cui sentirsi veramente liberi.

I bambini sono sorprendentemente attori non professionisti e le scene sono spesso frutto di improvvisazione, senza dialoghi scritti e affidate alla loro irresistibile spontaneità. La natura li sovrasta continuamente, a partire dalla vegetazione dei campi e delle fitte chiome degli alberi che si stagliano dietro alle loro teste, fino alla presenza dell'acqua, elemento molto importante perché associato al distacco da sé stessi e paradossalmente anche quello di riconciliazione con sé, momento di sospensione per eccellenza. Nuotare è un po' come volare. Zagar dimostra una capacità fuori dal comune nel costruire un racconto così autentico e così pieno di vita sull'infanzia riuscendo in maniera molto delicata - ma schietta - a introdurre il tema della scoperta in tenera età della propria sessualità.

Sei d'accordo con Tommaso Moscati?

QUANDO ERAVAMO FRATELLI disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 30 maggio 2019
Katia Dell'Eva
Cineforum

Sono due le storie che si intrecciano in Quando eravamo fratelli. Da un lato, quella corale di una famiglia apparentemente perfetta ma in realtà lacerata al suo interno, con tre giovani fratelli, Jonah, Manny e Joel, costretti a cavarsela da soli di fronte alle mancanze dei genitori; dall'altro quella più introspettiva dello stesso Jonah (Evan Rosado), il più piccolo dei fratelli, ma anche il più ricettivo [...] Vai alla recensione »

sabato 18 maggio 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Mentre Terrence Malick smette per un po' di fare Terrence Malick - nel senso delle inquadrature liricheggianti, e degli eterni tramonti, e delle colonne sonore ruffianissime, ma niente trama - Jeremiah Zagar cerca di imitarlo. Il regista di "The Tree of Life" (circondato dalla sua filosofica aura, basta nominare Heidegger e i giornalisti in conferenza stampa ammutoliscono) porta al festival di Cannes [...] Vai alla recensione »

sabato 18 maggio 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

Ricordando il sottovalutato (anche dal sottoscritto) «Re della terra selvaggia», non vorremmo fare lo stesso errore con l'affine «Quando eravamo fratelli», opera prima del trentottenne Zagar tratta dal bestseller Noi, gli animali e girato in 16 mm alla maniera delle docufiction d'autore. La voce narrante, quella del più piccolo di tre fratellini inseparabili nonostante lo sgangherato e burrascoso rapporto [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 maggio 2019
Jeannette Catsoulis
The New York Times

Il primo lungometraggio di finzione del filmmaker Jeremiah Zagar è una piccola gemma grezza. Ha perfettamente senso che la trama del film sia subordinata alla definizione dei personaggi e all'osservazione. Jonah (Evan Rosado) è il più piccolo di tre fratellini di una famiglia della classe operaia che vive nello stato di New York. La maggior parte del film segue il suo punto di vista.

venerdì 17 maggio 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Famiglia disfunzionale portoricana a Utica, la più infelice zona dello stato di New York, padre sulle montagne russe tra affetto e violenza, povertà massima, condizioni sociali disperate, eppure con un respiro vitale. Vista dalla parte di tre fratelli, tra cui spicca lo sguardo sensibile, speciale, di Jonah, diverso e opposto a ciò che ci si aspetta da lui, dovrebbe diventare la cronaca di una educazione [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 maggio 2019
Eugenio Arcidiacono
Famiglia Cristiana

Quando vogliono sentirsi ancora più vicini, Manny, Joel e Jonah si accucciano sotto una coperta, accendono una torcia e ripetono insieme: «Calore! Calore! Calore!». Siamo negli anni Novanta negli Stati Uniti e i tre fratelli crescono inseparabili in campagna. Non sono ricchi, ma la loro esistenza potrebbe essere felice, soprattutto perché vivono immersi in una natura che è fonte ogni giorno di nuove [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 maggio 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Film che al Sundance ha spopolato, proprio per il tipo di storia fuori dai canoni. Protagonisti sono, infatti, tre fratelli che devono crescere in una famiglia dall'affetto precario. Il padre, portoricano, mena la madre, bianca. Si prendono, si lasciano, condizionando anche la vita dei loro eredi. In più, il piccolo è attratto dai maschi, come dimostrano i suoi disegni, fatti di nascosto.

giovedì 16 maggio 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

Una famiglia portoricana di dropout, in un sobborgo nel Nord dello Stato di New York. Tre fratelli, la madre, il padre. I bambini li guardano, come sempre: i genitori si picchiano, fanno sesso, vanno via di casa, ritornano. Un film di maniera, derivativo e in fondo prevedibile in ogni scelta estetica, dal montaggio sfranto alla voce poetica fuori campo, dall'insistere sulla fisicità promiscua alle [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 maggio 2019
Marina Visentin
Cult Week

Manny, Joel e Jonah, protagonisti di Quando eravamo fratelli - secondo e intenso film dell'americano Jeremiah Zagar dopo il documentario Il caso Pamela Smart con Nicole Kidman, Joaquin Phoenix e Helen Hunt - sono tre ragazzini abituati a cavarsela da soli. Il padre portoricano fatica a tenersi un lavoro e anche a tenersi lontano dalla bottiglia. Quando è sobrio, è un genitore sorridente, un marito [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 maggio 2019
Gianvito Di Muro
Sentieri Selvaggi

Manny, Joel e Jonah sono tre fratelli, inseparabili, che affrontano l'infanzia nella loro città natale nella campagna di New York, rispondendo come possono al precario affetto dei loro genitori, afflitti, per conto loro, dalle pesanti difficoltà economiche. Crescendo, Manny e Joel diventano sempre più simili al padre, mentre la mamma cerca di tenere il più piccolo, Jonah, nel "bozzolo" di casa.

martedì 14 maggio 2019
Giulio Sangiorgio
Film TV

Stato di New York, tre bimbi, figli di un portoricano e di una statunitense, frutti di un un amore molesto, prole di un proletariato disperato. «Quando eravamo fratelli», dice il minore. Una frase al passato, a introdurre un commentario di poesiola facile facile, come tratta da pagine di un diario. È Jonah che parla, nove anni, quasi nove + uno, e non importa che quella frase sia il titolo italiano [...] Vai alla recensione »

martedì 14 maggio 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Gli americani lo definirebbero un film con un'atmosfera da "poor-but-happy-family". In Italia faremmo fatica ad uscire dal generico "dramma familiare". Quando eravamo fratelli, in originale We the animals, è semmai un groviglio emotivo realistico e pulsante di un corpo/famiglia continuamente scomposto e ricomposto nella trama, ma terribilmente magnetico per lo spettatore.

giovedì 2 maggio 2019
Emiliano Dal Toso
Ciak

Manny, Joel e Jonah sono tre fratelli inseparabili che con i genitori - padre portoricano e madre bianca - formano una famiglia turbolenta ma vitale della working class americana in un sobborgo rigoglioso della Pennsylvania rurale. Tra litigi furibondi, abbandoni e riconciliazioni dei genitori, Manny e Joel crescono a immagine del loro amato padre, mentre il piccolo e introverso Jonah, cocco di mamma, [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 agosto 2018
Ann Hornaday
The Washington Post

Jonah, the dreamily watchful young protagonist of "We the Animals," is the youngest of three brothers living with their parents in a cramped working-class household in Upstate New York. With their parents either working or fighting or playing out volatile sexual games, the boys are mostly left on their own, leading a feral, wild-child existence of invented private languages, knowing glances and the [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 agosto 2018
Peter Debruge
Variety

Words matter. This week, the United States president called a woman a "dog," in an attempt to reduce her to something contemptible and subhuman. Meanwhile, in the country's most fortunate art houses, meticulously scripted, micro-budgeted Sundance discovery "We the Animals" flips such language on its head, deploying the word "animals" not as an epithet but as a mark of uncommon empowerment as it celebrates [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 agosto 2018
Glenn Whipp
The Los Angeles Times

A tender and sometimes terrifying story of a young boy's discovery of his identity and artistic ability, "We the Animals" unfolds almost as a dream, albeit it one that never shies away from the often hopeless reality of what it's like to grow up poor in America. Documentary filmmaker Jeremiah Zagar's first foray into narrative storytelling finds a natural fit with Justin Torres' slim, loosely structured [...] Vai alla recensione »

sabato 20 gennaio 2018
David Rooney
The Hollywood Reporter

Justin Torres' expressively pithy 2011 debut novel, We the Animals, conjured a tough childhood similar to that of the author, about a boy inseparable from his two brothers while their parents fought and reconciled and fought some more as they grappled with a seemingly inescapable reality of blue-collar hopelessness. Informed by a culture of violence and anger, the preteen narrator's voice shifts fluidly [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
venerdì 10 maggio 2019
 

Noi tre. Fratelli. Noi re, inseparabili. Tre bambini affrontano l'infanzia nella loro città natale nella campagna di New York, e rispondono come possono al precario affetto dei loro genitori. Il loro amore è capace di fare e disfare una famiglia molte [...]

VIDEO RECENSIONE
venerdì 27 marzo 2020
A cura della redazione

Quando eravamo fratelli racconta la vita di tre fratelli portoricani e il loro rapporto coi genitori: un affetto spesso interrotto da litigi furibondi e dagli abbandoni di un padre impulsivo e manesco.

TRAILER
lunedì 15 aprile 2019
 

Noi tre. Fratelli. Noi re, inseparabili. Tre bambini affrontano l'infanzia nella loro città natale nella campagna di New York, e rispondono come possono al precario affetto dei loro genitori. Il loro amore è capace di fare e disfare una famiglia molte [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati