Un lungo viaggio nella notte

Film 2018 | Drammatico, 110 min.

Titolo originaleLong Day's Journey Into Night
Anno2018
GenereDrammatico,
ProduzioneCina
Durata110 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diGan Bi
AttoriWei Tang, Sylvia Chang, Meng Li, Jue Huang, Yongzhong Chen, Lee Hong-Chi Feiyang Luo, Chloe Maayan, Chun-hao Tuan, Yanmin Bi, Lixun Xie.
Uscitagiovedì 30 luglio 2020
TagDa vedere 2018
DistribuzioneMovies Inspired
MYmonetro 3,50 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Gan Bi. Un film Da vedere 2018 con Wei Tang, Sylvia Chang, Meng Li, Jue Huang, Yongzhong Chen, Lee Hong-Chi. Cast completo Titolo originale: Long Day's Journey Into Night. Genere Drammatico, - Cina, 2018, durata 110 minuti. Uscita cinema giovedì 30 luglio 2020 distribuito da Movies Inspired. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche - MYmonetro 3,50 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Un lungo viaggio nella notte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Luo Hongwu torna nella sua città natale dodici anni dopo aver commesso un omicidio rimasto impunito. In Italia al Box Office Un lungo viaggio nella notte ha incassato 3,1 mila euro .

Consigliato sì!
3,50/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un intreccio fascinoso di sogni e ricordi, guidato da una tecnica di regia magistrale, che mescola con audacia 3D e droni.
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 23 luglio 2020
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 23 luglio 2020

Luo Hongwu fa ritorno a Kaili, a 12 anni di distanza da una relazione che non è riuscito a dimenticare. Fa il possibile per ritrovare la donna e per ricostruire quanto è avvenuto, ma i suoi ricordi si mescolano alla sua immaginazione. Come è fatta la memoria? Come lavorano i ricordi? Una domanda su cui si interrogano da secoli scienziati e romanzieri come Proust, senza trovare una risposta certa. Deve essersi posto lo stesso quesito Bi Gan, che in Un lungo viaggio nella notte - il titolo originale è invece traducibile con "L'ultima notte sulla Terra", a sua volta traduzione della raccolta di racconti "Chiamate telefoniche" di Roberto Bolaño - prova a dipanare la matassa di un ricordo che si confonde con un sogno e, forse, non è né l'uno né l'altro.

Una narrazione non lineare che procede avanti e indietro, in modo irregolare e mendace. Perché i ricordi "possono essere veri o falsi, ma il cinema è sempre falso".

Proprio la sala cinematografica è al centro delle scorribande notturne della mente del protagonista Luo Hongwu: lì dovrebbe eseguire un delitto che sembra fallire, lì dovrebbe attendere il momento opportuno per un appuntamento. Ma si addormenta sulla poltroncina, poi sogna e il filo logico della consequenzialità degli eventi si smarrisce irrimediabilmente. Bi rivisita tecniche e ispirazioni del suo folgorante debutto, Kaili Blues, e in un certo senso lo reinventa, con un differente budget e ambizioni incontenibili.

La città natale di Bi, Kaili, è ancora al centro della narrazione, ossia dello stream of consciousness del protagonista. Musa e dannazione dello stesso è invece Tang Wei, incarnazione della donna amata, inafferrabile, inaffidabile, irresistibile. La sua leggerezza levitante richiama, come illustra la locandina internazionale del film, gli amanti di Marc Chagall, che Bi ricrea servendosi di tre tecniche cinematografiche, audacemente fuse tra loro: piano sequenza, 3D e un drone per effettuare riprese aeree.

Il segmento più onirico del film si serve di questa combinazione per trascinare con sé lo spettatore. Se questo si offre come complice al regista, il viaggio diviene una indimenticabile evasione gravitazionale: "se il mio corpo è di idrogeno, allora i miei ricordi sono di pietra", sentenzia la voce over nell'incipit del film.

A intervalli regolari ritornerà a suggerire indizi che lo spettatore ritroverà lungo la strada - le torce per scacciare le api, i capelli rossi, gli uomini tristi intenti a divorare mele - per cercare di ricomporre un puzzle che, forse, non ha soluzione. E che ha radici più profonde di quelle che Hongwu preferisca ammettere, con una figura materna - interpretata dalla straordinaria Sylvia Chang - che si confonde e si duplica, anche cromaticamente, nella donna amata.

Forse è il film che più si avvicina alla visualizzazione dei meccanismi dell'inconscio; forse è solo uno splendido viaggio nel cinema e nella sua menzogna, fatto di frammenti di noir che paiono gocce di sangue rappreso, a cui nessuno può credere fino in fondo. Transitorio, come un fuoco d'artificio scoppiettante e destinato a spegnersi in men che non si dica.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 30 luglio 2020
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

Un amore perduto nel corso del tempo, ma non dimenticato. Perché alcuni ricordi faticano a sfumare e la malinconia dei giorni andati è il segno della loro persistenza. Il killer Luo Hon vive nel passato. Come il cinema, sembra dire Bi Gan, che già in apertura, con quella voce off "letteraria", crea i toni e gli umori del mondo poetico di questo suo secondo film, aggrappato disperatamente alle mitografie [...] Vai alla recensione »

martedì 28 luglio 2020
Roberto Manassero
Film TV

Presentato al Certain regard di Cannes nel 2018, all'uscita nei cinema cinesi Un lungo viaggio nella notte è diventato contro ogni aspettativa, grazie a una campagna pubblicitaria che lo presentava come un film romantico, un campione d'incassi. Un vero e proprio caso, per un film - l'opera seconda del suo regista, all'epoca nemmeno trentenne - che in due ore e un quarto conduce nei luoghi, nei pensieri, [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 luglio 2020
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

Mettete due titoli, uno cinese, Diqiu zuihou de yewan, ovvero Last Evenings on Earth, che è tratto da una novella di Roberto Bolaño, e l'altro internazionale, Long Day's Journey Into Night, che è il nome di una pièce di Eugene O'Neill. Mettete una poetica, e uno stile, che introietta Wong Kar-wai, Diao Yinan (The Wild Goose Lake), David Lynch (Mulholland Drive), Alfred Hitchcock (Vertigo), Andrei [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 22 luglio 2020
 

Luo Hongwu torna a Kaili. Sta cercando la donna che amava e che non ha mai dimenticato. Dal 30 luglio al cinema. Guarda trailer e poster »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 5 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati