John Mcenroe - L'Impero della Perfezione

Film 2018 | Documentario +13 91 min.

Titolo originaleL'empire de la perfection
Anno2018
GenereDocumentario
ProduzioneFrancia
Durata91 minuti
Regia diJulien Faraut
AttoriJohn McEnroe, Ivan Lendl, Mathieu Amalric .
Uscitalunedì 6 maggio 2019
TagDa vedere 2018
DistribuzioneWanted
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,68 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Julien Faraut. Un film Da vedere 2018 con John McEnroe, Ivan Lendl, Mathieu Amalric. Titolo originale: L'empire de la perfection. Genere Documentario - Francia, 2018, durata 91 minuti. Uscita cinema lunedì 6 maggio 2019 distribuito da Wanted. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,68 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi John Mcenroe - L'Impero della Perfezione tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un documentario che indaga le tensioni e il particolare carattere di John McEnroe durante un Roland Garros dei primi anni '80. In Italia al Box Office John Mcenroe - L'Impero della Perfezione ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 9,3 mila euro e 4,7 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,68/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 4,35
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Riflessioni sul 'gesto' del tennista. Un percorso complesso che ci riporta indietro nel tempo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 21 giugno 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 21 giugno 2018

Gil de Kermadec è stato un cineasta appassionato di tennis che aveva creato un metodo di osservazione delle posture dei tennisti con finalità didattiche. A un certo punto però decise di rinunciare alle riprese finalizzate allo scopo per seguire invece dal vero ciò che un campione faceva nel corso di una gara. Il soggetto prescelto fu John McEnroe.

La citazione in apertura ha lo scopo di metterci in guardia. Recita: "Il cinema mente. Lo sport no". È firmata Jean-Luc Godard ed è, come di solito per il regista, apodittica.

In realtà le immagini che aprono il film sono legate allo sport ma suonano false, costruite, si potrebbe dire 'in posa'. Quando entra in campo (sulla terra rossa del Roland Garros) John McEnroe le cose cambiano e le valenze di interpretazione aumentano. Perché la voce di Mathieu Amalric ci guida in un percorso complesso che ci riporta indietro nel tempo e non solo per la datazione degli incontri sostenuti dal tennista statunitense a Parigi. Come Godard vuole ci vengono proposte riflessioni sul 'gesto' del tennista che, supportate dalla presenza sulle tribune di uno dei più importanti redattori dei Cahiers du Cinèma, ci impongono riflessioni su una delle riviste di cinema che sono ancora in grado di influire sul lessico dei cinefili (francesi e francofoni soprattutto) con qualche eco che suona un po' rètro.

C'è poi l'obiettivo centrato sul nervoso campione che consente di mettere in luce una psicologia complessa focalizzandosi sulla necessità per lui quasi cogente di un bisogno di rivalsa costante. Se l'arrabbiatura durante la partita per la quasi totalità dei suoi colleghi rappresentava un motivo di deconcentrazione per lui era invece uno stimolo a fare di più e meglio. In fondo la sua, come viene affermato, era una gara contro se stesso che aveva bisogno di trasformarsi in conflitto.

Assistiamo alle sue contestazioni con gli arbitri, alla tensione che lo pervade anche quando deve fare una foto di gruppo o solitaria per lo sponsor ma soprattutto ci vengono forniti strumenti per 'leggere' l'interazione produttiva tra l'oggetto delle riprese e lo sguardo della camera che lo osserva. Il grande campione così finisce con il trasformarsi in un pre-testo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 12 maggio 2019
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Un archivista appassionato di cinema e di sport ritrova quasi per caso 20 ore di doppi, tagli e scarti di un cineritratto anni 80 di John McEnroe. E poiché sa che «per un cineasta il "found footage "è ciò che i rifiuti sono per gli archeologi: una miniera», estrae da quei materiali un film che è insieme un ritratto parzialissimo e appassionante del grande tennista americano? una riflessione sul cinema, [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 maggio 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Partendo da Gil de Kermadec, documentarista didattico, e dalle sue rilevazioni/rivelazioni sul comportamento fisico e psicologico dei tennisti, Julien Faraut riesce a costruire una supefacente analisi sul "gesto" e al tempo una riflessione sul cinema, partendo da una citazione godardiana ("Il cinema mente, lo sport no"). La celebre finale del Roland Garros tra John McEnroe e Ivan Lendl, con tutto il [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 maggio 2019
Massimo Lastrucci
Ciak

Avete presente la non corriva bio-pic Borg-McEnroe di Janus Metz Pedersen? Ebbene, volendo questo John McEnroe - L'impero della perfezione ne è quasi un proseguimento documentario e filosofico. Con la regia di Julien Faraut e la morbida voce narrante di Mathieu Amalric (in originale), il raffinato e stilizzato lungometraggio parte sulle tracce delle ricerche didattiche di Gil de Kermandek, cineasta [...] Vai alla recensione »

martedì 7 maggio 2019
Rinaldo Censi
Film TV

Gil de Kermadec, primo direttore tecnico nella storia della Federazione francese di tennis, ha passato la sua vita realizzando documentari didattici sul tennis. Ha anche osservato i tennisti migliori giocare sui campi in terra rossa a Porte d'Auteil, dove ha sede il Roland Garros. Li ha filmati, li ha seguiti. Dal 1977 ha realizzato ritratti di molti campioni, in 16 mm.

lunedì 6 maggio 2019
Paolo Mereghetti
Il Corriere della Sera

Un documentario su John McEnroe? Sarebbe svilire questo film inaspettato e sorprendente che usa il grande campione statunitense per riflettere sulla genialità, sullo sport, sulla perfezione, ma anche sul cinema e sulle sue regole. Lo mette in chiaro fin dai primissimi secondi, quando sullo schermo appare una delle celebri frasi a effetto di Jean-Luc Godard - «Il cinema mente, lo sport no» - mentre [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 maggio 2019
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

"Il cinema mente, lo sport no", dice Godard, segnando la distanza tra l'immagine e il gesto. E Julien Faraut parte dalla graffiante traccia di quest'affermazione, dissepolta da una vecchia intervista a L'Équipe, per condurre il suo fenomenale viaggio tra lo sguardo cinematografico e lo sport. Due campi di gioco in cui la realtà e l'illusione, i limiti materiali e le utopie entrano in rotta di collisione, [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 maggio 2019
Massimo Causo
Duels.it

L'urlo e la perfezione: in scena c'è quel corpo agonistico in dissidio con tutto e tutti, se stesso compreso, che è stato John McEnroe, molto più di un semplice campione del tennis, piuttosto l'emblema di un rapporto dissociato tra la sacralità di uno sport d'élite e il suo essere icona del genio incontenibile. Se il tennis è una questione di gesti, movimenti, posizioni reciproche tra se stessi e l'altro [...] Vai alla recensione »

domenica 5 maggio 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

John McEnroe non è stato il tennista perfetto. Allo stesso modo non ha rappresentato la perfezione dell'atleta e del professionista e, fermo restando che l'uomo sia ontologicamente imperfetto, in alcun modo il noto campione ha costituito un'eclatante eccezione. Dunque perché il titolo John McEnroe - L'impero della perfezione? La risposta è di una semplicità disarmante e risponde alla parola "verità": [...] Vai alla recensione »

martedì 30 aprile 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Julien Faraut confeziona L'Impero della perfezione, un documentario su John McEnroe, tra le figure più giganti nella storia del tennis. Ma non è il "canonico" documentario (non ci sarebbe nulla di male), il regista traccia dall'inizio uno stretto parallelismo tra cinema e sport. I due macro-contenitori di storie trovano appigli comuni in ogni svolta descrittiva della pellicola ma divergono nel punto [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 aprile 2019
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Il profano non può percepire quello che succede dentro il giocatore". Al Tennis come esperienza religiosa ci introdusse David Foster Wallace, complici l'ineffabile Roger Federer e uno Us Open da antologia, al tennis come esperienza epistemologica ci ammette il francese classe 1978 Julien Faraut, tramite il documentario John McEnroe - L'impero della perfezione.

NEWS
NEWS
venerdì 12 aprile 2019
 

Gil de Kermadec è stato un cineasta appassionato di tennis che aveva creato un metodo di osservazione delle posture dei tennisti con finalità didattiche. A un certo punto però decise di rinunciare alle riprese finalizzate allo scopo per seguire invece [...]

TRAILER
martedì 9 aprile 2019
 

Gil de Kermadec è stato un cineasta appassionato di tennis che aveva creato un metodo di osservazione delle posture dei tennisti con finalità didattiche. A un certo punto però decise di rinunciare alle riprese finalizzate allo scopo per seguire invece [...]

[LINK] FESTIVAL
domenica 24 giugno 2018
Paola Casella

Nella sua graduale messa a fuoco identitaria sotto la direzione artistica di Pedro Armocida la Mostra internazionale del nuovo cinema di Pesaro ha compiuto un ulteriore passo avanti con la 54esima edizione appena conclusasi con la cerimonia in piazza, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati