Il Regno

Film 2018 | Drammatico, Thriller, +13 122 min.

Regia di Rodrigo Sorogoyen. Un film Da vedere 2018 con Antonio de la Torre, Mónica López, Josep Maria Pou, Nacho Fresneda, Ana Wagener. Cast completo Titolo originale: El Reino. Genere Drammatico, Thriller, - Spagna, 2018, durata 122 minuti. Uscita cinema giovedì 5 settembre 2019 distribuito da Movies Inspired. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,15 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il Regno tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Manuel Gomez Vidal, politico di successo con una vita apparentemente perfetta, è in realtà un corrotto che ha trafugato per anni fondi pubblici. Il film ha ottenuto 13 candidature e vinto 7 Goya, In Italia al Box Office Il Regno ha incassato 61,9 mila euro .

Il Regno è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,15/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,46
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Tesissimo thriller sulla deriva di un uomo disperato e abbandonato dal sistema in cui ha sempre creduto.
Recensione di Roberto Manassero
martedì 25 giugno 2019
Recensione di Roberto Manassero
martedì 25 giugno 2019

Manuel López-Vidal è un vicesegretario regionale prossimo al salto verso la politica nazionale. Con i compagni di partito gestisce un consolidato sistema di potere che mescola corruzione, favoritismi e benefit di lusso. Quando il giro di corruzione viene a galla e cominciano gli interrogatori, Manuel è lasciato solo sia dai capi di Madrid, sia dagli ex amici. Espulso dal "regno", braccato dalla stampa e indicato come principale responsabile dello scandalo, non esita a tentare ogni strada pur di salvare la reputazione e la sua stessa vita.

Una riflessione sulla corruzione nella politica e nella società spagnola, che il regista di Che Dio ci perdoni gira come un tesissimo thriller sulla deriva di un uomo disperato e abbandonato dal sistema nel quale ha sempre creduto.

Il regno si colloca temporalmente agli albori del sovranismo oggi imperante; o meglio al tramonto dell'era del partitismo che avrebbe portato - in Spagna e in buona parte d'Europa - all'avvento delle spinte populiste e dei partiti-persona. L'era, come si vede in una scena del film, dei primi iPhone usati per documentare ogni aspetto della vita pubblica e privata; l'era della crisi economica e delle speculazioni edilizie; l'era del connubio tra destra e sinistra nella gestione clientelare della politica, come indicato dalla vaghezza sul nome e sul colore politico del partito a cui appartiene il protagonista.

Al centro del film c'è un'idea di potere e di controllo privatistico della cosa pubblica che riguarda l'idea stessa di società. Manuel López-Vidal, detto Manu, è a suo modo un eroe popolare, un uomo che si è fatto da solo arrivando a un passo dalla cima senza terminare gli studi e dopo anni di gavetta. Il rispetto, la ricchezza, l'assenza di scrupoli che condivide con i compagni di partito sono un mezzo e al tempo stesso un fine della sua scalata: nel "regno" di cui fa parte, la corruzione è politica e la politica è corruzione, non esistono altri modo di lavorare.

Rodrigo Sorogoyen, che già in Che Dio ci perdoni aveva dato uno spaccato sociologico della Spagna contemporanea con le forme del cinema di genere (in quel caso il poliziesco), gestisce questa deriva incontrollata con i tempi di un thriller che si fa sempre più teso con il precipitare degli eventi. Antonio de la Torre, vulcanico interprete dagli occhi furiosi, s'imbarca in un tour-de-force attoriale che rende lo stato febbrile del personaggio, sottolineato dalla mobilità della macchina da presa, dalla musica elettronica di Olivier Arson e dal montaggio che allunga le scene oltre la soglia del sostenibile. Momenti come il confronto tra Manu e un ex compagno di partito che l'uomo cerca d'incastrare, o la ricerca notturna dei taccuini segreti del partito, sono attraversati da una tale agitazione da spingere l'espressionismo del film al punto di non ritorno, al limite tra l'isteria incontrollata e il parossismo.

Il risultato è uno stato di tensione perenne che porta alla sostanziale immobilità del sistema e che dunque svela il cinismo del regista e della sua co-sceneggiatrice Isabel Peña: Manu resta convinto della propria invulnerabilità esattamente come il sistema di cui fa parte, pronto a cadere e a rialzarsi un'altra volta, con le solite figure di sempre ai posti di comando e qualche comprimario in meno sullo sfondo.

Sospese nell'aria restano le responsabilità morali di ciascun individuo e le domande esistenziali senza risposta («Si è mai fermato per un momento, nella sua vita, a pensare a cosa stava facendo?», chiede una giornalista a Manu), ma niente a cui il regno non sappia resistere riaffermando la propria forza.
Il regno è morto, viva il regno.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
IL REGNO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €17,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 12 settembre 2019
vanessa zarastro

Nel film “El Reino”, in originale, Manuel Gómez Vidal (un bravissimo Antonio La Torre) è un politico vicesegretario regionale di successo, che conduce una vita agiata, ha una bella moglie (Monica Lopez) e una figlia che lo adora (Maria De Nati). Vidal è un uomo che si è fatto da sé, con poca istruzione ma con grande acume ed è devoto al Presidente [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 settembre 2019
Vincenzo Ambriola

Corruzione spagnola, niente di nuovo che possa appassionare. La trama è standard e prevedibile: un gruppo di politici è coinvolto in loschi traffici, fino a quando un giudice riesce a pizzicarne un paio. Inizia un tormentone in cui tutti cercano di proteggersi, invocando l'omertà e scaricando la colpa sui due colti con le mani nella marmellata.

venerdì 13 dicembre 2019
astromelia

questo movie ha tutte le caratteristiche per assurgere alla massima statuetta,perfetto thriller sotto tutti i punti di vista,de la torre bravissimo,non mancano suspence colpi di scena il tutto sostenuto da un'incessante colonna sonora e dal ritmo incalzante,ottimo!!!

martedì 3 dicembre 2019
tommy

Sinceramente non capisco le tre stelle di Vanessa. Bastano i primi 15 minuti per capire l'incosistenza di un film noioso e fastidioso. La regia non esiste, le inquadrature spesso staccano troppo velocemente. Il contenuto è scialbo e gli attori troppo inefficienti. Non consiglio di vederlo.

domenica 15 settembre 2019
cardclau

Il film del regista spagnolo Rodrigo Sorogoyen, Il regno [el reino], è una formidabile riflessione sul potere (economico e politico) e sulla rigidissima legge dell’omeostasi che lo regola. Nessun mutamento sostanziale deve accadere, perché il mantenimento dello status quo è la priorità assoluta, indiscutibile. Per far questo deve sempre essere servito da un gruppetto [...] Vai alla recensione »

Frasi
A chi hai raccontato i fatti nostri? Tu parleresti anche sott'acqua se potessi!
Una frase di Manuel López-Vidal (Antonio de la Torre)
dal film Il Regno - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 14 settembre 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Quando i registi italiani invece di acrobazie narcisiste come "Martin Eden" di Pietro Marcello gireranno un piano sequenza come quello che apre "Il regno", il cinema italiano godrà di salute migliore. Vale anche per i premi David e i Nastri d'argento, questo film ha avuto 13 candidature e vinto sei premi Goya (si usa dire, gli Oscar del cinema spagnolo).

giovedì 5 settembre 2019
Andrea Piccardi
Cineforum

Dopo aver mostrato con il precedente Che dio ci perdoni di essere un regista dotato per il poliziesco (i ritmi, l'ambiguità, la violenza, il sottotesto politico), Rodrigo Sorogoyen compie con Il regno una scelta importante e rischiosa: raccontare, con le modalità di quel genere in cui per l'appunto si è mosso tanto bene, il mondo della politica. Il mondo occulto della politica.

sabato 14 settembre 2019
Gianni Canova
Elle

La macchina da presa lo inquadra di spalle e lo insegue mentre attraversa la cucina di un rinomato ristorante e raggiunge alcuni amici e compagni di partito con un vassoio di gamberoni. Manuel Lopez-Vidal ha tutto quello che si può desiderare: fama, soldi, lusso, potere. Soprattutto, potere: dirigente regionale del suo partito, sta per fare il gran salto e diventare un leader nazionale.

venerdì 13 settembre 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Sembra una spy story senza tregua della New Hollywood, invece è "solo" una questione poco "new" di fondi pubblici trafugati. Vincitore di sette Goya, è del Sorogoyen che con Madre ha appena ottenuto il premio per la miglior attrice (Marta Nieto) nella sezione Orizzonti a Venezia. Immersione nella battaglia che un politico corrotto ingaggia per non finire stritolato come capro espiatorio di un sistema [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 settembre 2019
Gabriele Porro
Cult Week

ll regno ha vinto lo scorso anno sette Goya (gli Oscar spagnoli), tra cui quelli al 51 enne protagonista Antonio de la Torre (carismatico e solidissimo, visto di recente in due ottimi film, La isla minima e Una notte di 12 anni in cui impersonava il futuro presidente dell'Uruguay, José Mujica), al "non protagonista" Louis Zahera (ma si fa per dire, le prime parti sono molte nel film), al regista Rodrigo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 settembre 2019
Roselina Salemi
Tu Style

Manuel Lopez Vidal, detto "Manu", sta per fare il grande salto dalla politica regionale a quella nazionale. Madrid lo aspetta. Ha governato per 15 anni un comitato d'affari tra speculazioni su terreni, tangenti e giri di soldi spostati all'estero. Quando lo scandalo viene fuori, seguito da un'improvvisa ondata moralizzatrice, tutti lo mollano cercando di attribuirgli ogni colpa (e invitandolo a prendersela) [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 settembre 2019
Cristiano Ciliberti
Sentieri Selvaggi

Il regno, che dà il titolo a film, è una bolla di corruzione, omertà e connivenze che circonda la politica spagnola. Manuel, il protagonista di questo avvincente thriller di Sorogoyen, come Adamo nel paradiso perduto di Milton, viene cacciato dall'Eden fatto di denaro e lusso al quale era abituato dopo anni di "vivere alla grande", come ama definirlo lui stesso e come odiava sentir dire il compianto [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 settembre 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

Prossimo a entrare nella direzione nazionale del suo partito, Manuel Lopez-Vidal è coinvolto in un caso di corruzione; ma non intende finire da solo nella polvere e minaccia i suoi confratelli di trascinarli con sé. Tutto converge in un dibattito televisivo con la giornalista Amaia Marin, che lo sottopone a un processo mediatico in diretta. Se Il regno si riferisce a casi di cronaca avvenuti in Spagna, [...] Vai alla recensione »

martedì 3 settembre 2019
Mauro Gervasini
Film TV

Il "Regno" del titolo è un partito politico, o meglio il comitato d'affari che lo gestisce. Uno dei "regnanti", Manuel López Vidal (interpretato da Antonio de la Torre, performance straordinaria la sua), quello dal futuro più luminoso, viene incastrato dalla procura. Intercettazioni senza scampo. Effetto domino, mentre aumenta il ritmo del racconto e della musica di Olivier Arson che ne diventa il [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 settembre 2019
Francesco Del Grosso
La Rivista del Cinematografo

Sulla scia dei 7 Goya vinti approda nelle sale la nuova pellicola di Rodrigo Sorogoyen, Il regno, nella quale il pubblico potrà ritrovare le medesime qualità di scrittura, estetica e recitazione già presenti nei lavori precedenti. Qualità che hanno consentito al cineasta madrileno di dare forma ad un thriller che affonda la lama in uno dei temi più caldi in Spagna e non solo, ossia la corruzione nella [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 settembre 2019
Marcello Garofalo
Ciak

Rodrigo Sorogoyen, nel suo film del 2016, Che Dio ci perdoni, ci aveva presentato un potente quadro sociologico della Spagna contemporanea attraverso le forme del genere poliziesco. Con questo nuovo lavoro - che ha vinto in patria sette premi Goya - prosegue l'indagine (peraltro documentatissima) affrontando il "political drama" sulle manovre sporche di un uomo di governo (un influente vicesegretario [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 settembre 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Ha vinto qualcosa come sette premi Goya, l'equivalente spagnolo dei nostri David. E non in categorie da poco, visto che ha trionfato come regia, attore protagonista e non protagonista, sceneggiatura originale, colonna sonora, montaggio e sonoro. Non che questo sia sinonimo automatico di qualità, ma, in questo caso, non ci sono dubbi in merito. Il Regno è realmente un gran bel film, un thriller dalle [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 31 luglio 2019
 

Manuel Gomez Vidal, politico di successo con una vita apparentemente perfetta, è in realtà un corrotto che ha trafugato per anni fondi pubblici. Dal 5 settembre al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 3 maggio 2019
 

Manuel López-Vidal, un influente vicesegretario regionale prossimo al salto verso la politica nazionale, vede la sua vita perfetta andare in pezzi in seguito alle notizie trapelate circa il suo coinvolgimento in un giro di corruzione.

winner
miglior regia
Goya
2019
winner
miglior attore
Goya
2019
winner
miglior attore non protag.
Goya
2019
winner
miglior scenegg.ra originale
Goya
2019
winner
miglior colonna sonora
Goya
2019
winner
miglior montaggio
Goya
2019
winner
miglior suono
Goya
2019
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati