Burning - L'Amore Brucia

Film 2018 | Drammatico 148 min.

Titolo originaleBeoning
Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneCorea del sud
Durata148 minuti
Regia diChang-dong Lee
AttoriYoo Ah-In, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Joong-ok Lee, Soo-Kyung Kim, Seungho Choi Seong-kun Mun, Bok-gi Min, Soo-Jeong Lee, Hye-ra Ban, Mi-Kyung Cha.
Uscitagiovedì 19 settembre 2019
TagDa vedere 2018
DistribuzioneTucker Film
MYmonetro Valutazione: 4,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Chang-dong Lee. Un film Da vedere 2018 con Yoo Ah-In, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Joong-ok Lee, Soo-Kyung Kim, Seungho Choi. Cast completo Titolo originale: Beoning. Genere Drammatico - Corea del sud, 2018, durata 148 minuti. Uscita cinema giovedì 19 settembre 2019 distribuito da Tucker Film. Valutazione: 4,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi




oppure

Due ragazzi si incontrano e avviano una relazione. Ma un altro ragazzo misterioso potrebbe compromettere il loro rapporto. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Critics Choice Award, 1 candidatura a Spirit Awards, Al Box Office Usa Burning - L'Amore Brucia ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 301 mila dollari e 28,7 mila dollari nel primo weekend.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film-enigma dalla natura sfuggente, perfetta fotografia di un presente complesso e terribile.
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 13 marzo 2019
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 13 marzo 2019

Jong-su è un aspirante scrittore che vive di espedienti. Quando incontra per caso Hae-mi non la riconosce, ma la ragazza si ricorda di lui e lo persuade a prendersi cura del suo gatto. Jong-su si innamora, ma Hae-mi parte per l'Africa: al suo ritorno è accompagnata dal misterioso e facoltoso Ben.

I ritorni artistici dopo un lungo silenzio generano enormi aspettative e amplificano i rischi. In qualche caso, raro, permettono di valutare appieno il peso di un artista e gli regalano il tempo necessario perché questi liberi il suo estro in un'opera memorabile.

Lee Chang-dong (Poetry, Secret Sunshine) non è nuovo a prendersi delle pause, ma Burning meritava tutto il tempo che il regista si è preso, ovvero otto lunghi anni di lontananza dalla macchina da presa. Un film-enigma, in cui la soluzione è plurima o forse inesistente, una contorta macchinazione che accumula menzogne su menzogne per dare senso a ciò che non ne ha. La natura sfuggente e non lineare di Burning diviene la perfetta fotografia della contemporaneità, l'unico modo di raccontare un presente complesso e terribile, di difficile lettura.

Attraverso il personaggio del taciturno Ben, Lee delinea un ritratto implacabile dell'invisibilità del male: Ben è ricchissimo, annoiato e portato inevitabilmente a osservare i piccoli uomini che gravitano attorno a lui come burattini impazziti, vulnerabili e manipolabili. Un mondo in cui le differenze sociali, la violenza e il pregiudizio sono più forti che mai e più inafferrabili che mai, nascosti sotto strati di maschere e sorrisi. In cui c'è chi brucia e chi protegge, chi gioca a fare dio e chi sogna, perché è tutto ciò che gli resta da fare.

Il dualismo che si instaura tra Ben e Jong-su, costruito apparentemente intorno al vertice di un triangolo scaleno (la bellissima Hae-mi), è lo scontro inevitabile di archetipi divergenti.Il confuso idealismo di Jong-su, gravato dal peso della miseria e del rimpianto, identifica in Ben ogni male, ma Lee non indica mai con assoluta certezza quanto si tratti di ossessione e quanto di realtà.

Il thriller allucinatorio di Burning si divide in due segmenti narrativi distinti: a fare da raccordo è una sequenza suggestiva e indimenticabile, in cui Hae-mi danza seminuda al tramonto sulle note di Miles Davis, liberandosi dai vincoli della società e, forse, della vita terrena. Un movimento sinuoso della macchina da presa, che segue la trance della ragazza per poi tornare sui due uomini in piano medio, senza troppo avvicinarsi ai loro volti e alla loro verità. Una danza delle ombre, un gioco di suggestioni che non ha fine, liberamente tratto da un testo di Haruki Murakami.

Ma il lavoro di messa in scena di Lee sconvolge lo spunto narrativo e introduce simboli carichi di nuovi significati. Il crescendo di paranoia che caratterizza l'ultima parte del film invita a rielaborare tutto quanto si è osservato sino ad allora, a cercare indizi in quelle che sembravano mere suggestioni. A comprendere quanti e quali significati possa nascondere il singolare passatempo di dare fuoco a serre abbandonate, o forse di estinguere giovani e problematiche vite. Comprendere Burning è come sbucciare un'arancia invisibile, di cui è impossibile dimenticare il sapore.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Una sceneggiatura squilibrata per un film che parla dei giovani in cerca di qualcosa da 'bruciare' per sentirsi vivi.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 17 maggio 2018

Jong-soo, un lavoratore part-time, incontra Hae-mi, compagna di scuola nel paese di origine. Hae-mi, che lui un tempo considerava brutta e che ora è una bella ragazza, gli si concede e lui se ne innamora. Lei gli chiede di occuparsi del suo gatto nel suo appartamento mentre è in viaggio in Africa. Quando Hae-mi ritorna gli presenta Ben, un ragazzo misterioso che ha incontrato nel corso del viaggio.

Sono trascorsi otto anni da quel gioiello cinematografico che è stato Poetry. Forse sono stati troppi.

È accaduto anche ad altri maestri del cinema: la protratta assenza dallo schermo fa sì che quando il film vede la luce finisca con il convogliare al proprio interno una quantità di elementi narrativi ed estetici che chiedevano da tempo di occupare lo schermo.

Lee Chang-Dong trae la sua fonte di ispirazione da un racconto breve di Haruki Murakami e ne trae un film di 148 minuti in cui per ben 90 si 'costruisce' il personaggio del protagonista nel rapporto con l'oggetto del desiderio amoroso per poi accelerare il corso degli eventi nei sessanta minuti che rimangono. Questo squilibrio nella sceneggiatura nuoce al film che avrebbe tratto dalla brevità del suo punto di partenza letterario un maggiore vantaggio se non si fossero dilatati i tempi, quasi si temesse che lo spettatore non cogliesse a sufficienza la psicologia del protagonista Jong-soo o non afferrasse l'ambiguità della seduttiva Hae-mi.

I temi cari al regista non mancano, a partire dal desiderio di diventare romanziere del protagonista che è alla ricerca di un soggetto (che riuscirà a trovare) così come la riflessione sulle stridenti differenze sociali presenti nella società sudcoreana mentre al confine risuonano i messaggi propagandistici lanciati dal Nord.

C'è un vuoto pneumatico nelle vite dei protagonisti che supera le differenze di classe ma che si nasconde dietro le apparenze, così come il fantomatico gatto di Hae-mi che, non facendosi vedere, fa dubitare della propria esistenza. Lee Chang-Dong si colloca dal punto di vista di Jong-soo il quale, in qualche misura, non è stato contaminato dalla vita di città e sa ancora come allevare un bovino. Gli adulti vivono in un loro mondo in questa Corea. O si fanno mettere in carcere oppure non sanno (o non vogliono) neppure riferire con precisione sull'esistenza o meno di un pozzo.

Privi quindi di modelli positivi i giovani si trascinano in una società in cui su tutto finisce il dominare una rabbia che cerca una propria modalità di sfogo, qualcosa 'da bruciare' per sentirsi vivi. Una fame negativa ben diversa da quella magnificata da chi torna dall'Africa e poco importa se si è a bordo di una Porsche o di un camioncino.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 28 maggio 2019
topolinik

Ho avuto la fortuna di vedere Burning proiettato in un cinema in città, sottotitolato in italiano, e il fascino della sala non si discute: ho fatto bene. Il film è molto particolare, per il suo incedere lento (esasperato anche per chi conosce già i tempi del cinema coreano) e mi ha lasciato addosso una sensazione nuova. Ma andiamo con ordine.

NEWS
TRAILER
lunedì 19 agosto 2019
 

Jongsu, un giovane fattorino con aspirazioni letterarie, incontra Haemi facendo una consegna. I due iniziano a frequentarsi e la ragazza, prima di affrontare un viaggio in Africa, gli chiede di occuparsi del suo gatto.

POSTER
venerdì 26 luglio 2019
 

Jong-soo, un lavoratore part-time, incontra Hae-mi, compagna di scuola nel paese di origine. Hae-mi, che lui un tempo considerava brutta e che ora è una bella ragazza, gli si concede e lui se ne innamora.

NEWS
venerdì 26 luglio 2019
 

Due ragazzi si incontrano e avviano una relazione. Ma un altro ragazzo misterioso potrebbe compromettere il loro rapporto. Vai all'articolo »

NEWS
sabato 15 giugno 2019
 

La Palma d'Oro a Bong Joon-ho rappresenta, piu? che meritatamente, la punta dell'iceberg, ma il cinema sudcoreano vive ormai gia? da vent'anni una seconda e poderosa giovinezza. Vent'anni che il Far East Film Festival di Udine ha sempre documentato con [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati