MYmovies.it
Advertisement
La promessa dell'alba e il merito di aver riscoperto Romain Gary

Il film di Eric Barbier è tratto dal volume più autobiografico dello scrittore e regista francese, una sorta di bilancio artistico ed esistenziale. Ora al cinema.
di Roy Menarini

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Charlotte Gainsbourg (Charlotte Lucy Gainsbourg) (47 anni) 21 luglio 1971, Londra (Gran Bretagna) - Cancro. Interpreta Nina Kacew nel film di Eric Barbier La promessa dell'alba. Al cinema da giovedì 14 marzo 2019.
sabato 16 marzo 2019 - Focus

Basterebbe l'ulteriore riscoperta di un grande autore come Romain Gary per apprezzare lo sforzo di La promessa dell'alba, tratto dal suo volume più autobiografico, una sorta di bilancio artistico ed esistenziale. Nella carriera di Gary non tutto è ammirevole, non tutto all'altezza, non ogni gesto letterario infallibile, eppure proprio in una certa spudoratezza mista a eleganza, proprio nel suo porsi come scrittore raffinato e quasi elitario con improvvisi grumi di vita vera, si nasconde la grandezza per cui è stato amato. L'avventura è cifra riconoscibile della sua esistenza e del suo fare. Non solo per le vicissitudini di una vita molto movimentata, che il film di Eric Barbier narra intensamente, ma anche per l'utilizzo di pseudonimi e le continue maschere che gli hanno permesso di "uscire" dal personaggio varie volte nel corso della sua carriera.

Come già accaduto per La douleur su e da Marguerite Duras (da qualche punto di vista un'operazione più radicale), anche La promessa dell'alba rischia di avere pochi punti in comune con l'estetica di Gary.
Roy Menarini

Certamente ne ha pochi con Gary cineasta, che pochi ricordano o conoscono, e che invece rappresenta un esempio incandescente di autobiografia mascherata da "bizzarro movie", come nel caso di Kill! del 1971, girato per aiutare la moglie Jean Seberg a uscire dalla depressione (inutilmente, poiché lei morì suicida poco dopo), e concentrato strano e astratto di noir, psichedelia e film d'autore. Anche Gary morirà suicida, a riprova che tutto quel che estetizziamo a posteriori nella vita degli artisti spesso è sordo dolore che l'arte riesce ben poco a lenire o riscattare.

Tornando a La promessa dell'alba, Barbier si concentra - come del resto il volume da cui è tratto - sulla figura della madre di Gary, interpretata da Charlotte Gainsbourg in un ruolo decisamente in controtendenza rispetto al suo solito type-casting. Non lontana da altre madri di differenti tradizioni culturali (non ultima la jewish mama gigantografica nel cielo di Manhattan di Edipo relitto di Woody Allen, decisamente più ironica di questa), Nina è ossessionata dal figlio, maschio. Per lui immagina un futuro radioso, che si avvererà più o meno puntualmente. Arte e successo storico, nella sua vita, devono intrecciarsi e trionfare, e così Romain è chiamato all'impresa di realizzare se stesso, una sorta di premio egotistico psicanaliticamente inseguito per compiacere la genitrice.


LA PROMESSA DELL'ALBA: CERCA UN CINEMA CONTINUA A LEGGERE
In foto una scena del film La promessa dell'alba.
In foto una scena del film La promessa dell'alba.
In foto una scena del film La promessa dell'alba.
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati