Eat Local - A cena coi vampiri

Film 2017 | Commedia, Horror 90 min.

Titolo originaleEat Locals
Anno2017
GenereCommedia, Horror
ProduzioneGran Bretagna
Durata90 minuti
Al cinema27 sale cinematografiche
Regia diJason Flemyng
AttoriFreema Agyeman, Adrian Bower, Roman Clark, Billie Cook, Charlie Cox, Mackenzie Crook Annette Crosbie, Tony Curran, Jordan Long, Eve Myles.
Uscitagiovedì 19 settembre 2019
DistribuzioneMediterranea
MYmonetro Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Jason Flemyng. Un film con Freema Agyeman, Adrian Bower, Roman Clark, Billie Cook, Charlie Cox, Mackenzie Crook. Cast completo Titolo originale: Eat Locals. Genere Commedia, Horror - Gran Bretagna, 2017, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 19 settembre 2019 distribuito da Mediterranea. Oggi tra i film al cinema in 27 sale cinematografiche Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi




oppure

L'acclamato attore britannico Jason Flemyng esordisce come regista sul grande schermo con questa sua prima opera.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un horror vampiresco dallo humour british. Il potenziale c'è ma è sfruttato solo in parte.
Recensione di Rudy Salvagnini
lunedì 16 settembre 2019
Recensione di Rudy Salvagnini
lunedì 16 settembre 2019

Un gruppo di vampiri - otto, tutti quelli della Gran Bretagna - si ritrova per la consueta riunione cinquantennale in una fattoria nella campagna inglese. I vampiri devono discutere della situazione complessiva e regolare le solite questioni territoriali. Uno di loro, però, è accusato d'aver violato le regole deontologiche e d'essersi nutrito di bambini. Perciò, nonostante le sue proteste, viene eliminato. Come previsto dal protocollo, il suo posto dev'essere preso da un neofita. La vampira Vanessa, ha perciò portato l'ignaro Sebastian perché venga fatto vampiro e prenda il posto del vampiro eliminato. Uno dei vampiri, Peter, però è contrario alla candidatura di Sebastian e per la cooptazione è necessaria l'unanimità. Per il perplesso Sebastian, che comincia a capire che la prevista nottata di sesso con Vanessa sta prendendo una piega imprevista, si prospetta perciò l'eliminazione. All'esterno, però, il colonnello Bingham ha dispiegato uomini e mezzi per eliminare finalmente la minaccia dei vampiri. La notte sarà quindi molto lunga.

Horror comedy che mette in scena una situazione di partenza un po' insolita, il film avrebbe potenziale, ma non riesce a sfruttarlo abbastanza.

Il variegato gruppo di vampiri è caratterizzato in modo succinto e non ispira molta simpatia. I militari sono invece presentati come inetti e autoritari, in modo schematico, coadiuvati da un sacerdote rappresentato come una macchietta isterica senza interesse. Gli altri personaggi umani "normali", per così dire, hanno segreti ben poco commendevoli (uno dei risvolti più riusciti, peraltro). L'unico personaggio che può ispirare un certo grado di simpatia è quello di Sebastian, ma è anch'esso caratterizzato in modo piuttosto indefinito e generico. Perciò, lo scontro è tra personaggi di cui allo spettatore interessa poco e avrebbe potuto comunque essere buona materia per una commedia solo se ci fosse stata una sufficiente quantità di gag e di situazioni comiche di livello, sostenuta magari da un ritmo veloce e incalzante.

Il film si limita invece a qualche gradevolezza e a molte situazioni scontate, procedendo piuttosto stancamente con passo lento punteggiato qua e là da qualche rara buona battuta ("Sono un uomo dai seri principi... loro mi hanno corrotto per primi" dice il colonnello Bingham per giustificare la sua intenzione di non cambiare idea) o da qualche sviluppo relativamente interessante; la gag finale con l'utilizzo delle proteine vampiriche è quella che funziona meglio, ma più spesso le battute cadono piatte. Siamo quindi lontani da L'alba dei morti dementi, per citare un riuscito esempio di horror comedy britannica o, per risalire a un capolavoro dell'orrore umoristico vampiresco, siamo lontanissimi dal prototipo rappresentato dal magnifico Per favore non mordermi sul collo di Polanski.

Jason Flemyng è figlio di Gordon Flemyng, regista televisivo di lungo corso ricordato soprattutto per i due film (per il grande schermo) del Dr. Who interpretati, a metà degli anni '60, dall'indimenticabile Peter Cushing. Attore dalla carriera lunga e solida (La leggenda degli uomini straordinari, per ricordare solo un titolo tra i tanti), Jason Flemyng esordisce qui alla regia mostrando buone qualità soprattutto - e forse non è un caso - nella direzione degli attori: ottiene discrete performance, pur in assenza di una sceneggiatura brillante, da quasi tutto il cast, con un particolare merito per la prova di Robert Portal in un ruolo, quello del colonnello Bingham, che avrebbe potuto essere recitato sopra le righe e invece viene interpretato con una misura che ne accresce, per quel che si può, l'efficacia comica.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
NEWS
NEWS
lunedì 2 settembre 2019
 

L'acclamato attore britannico Jason Flemyng esordisce come regista sul grande schermo con questa sua prima opera. Vai all'articolo »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 27 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati