Oleg e le arti strane

Film 2016 | Documentario +13 70 min.

Titolo originaleOleg y las raras artes
Anno2016
GenereDocumentario
ProduzioneSpagna
Durata70 minuti
Regia diAndrés Duque
AttoriOleg Karavaychuk .
Uscitavenerdì 26 gennaio 2018
DistribuzioneLab 80 Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Andrés Duque. Un film con Oleg Karavaychuk. Titolo originale: Oleg y las raras artes. Genere Documentario - Spagna, 2016, durata 70 minuti. Uscita cinema venerdì 26 gennaio 2018 distribuito da Lab 80 Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Oleg e le arti strane tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un'immersione nella creatività del compositore russo Oleg Nikolaevich Karavaichuk.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una pregevole raccolta di memorie e manifestazione di arte.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 25 gennaio 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 25 gennaio 2018

A 89 anni Oleg Nikolaevitch Karavaychuk, cresciuto nella Russia staliniana, perseguitato dal KGB per la sua arte dissonante rispetto alle regole imposte dal regime ha composto numerose opere per pianoforte, alcune delle quali tuttora inedite. Andrés Duque ne documenta le dichiarazioni sull'arte e sui tempi che cambiano.

Tutti i documentari che consentono di raccontarsi a persone avanti con gli anni che hanno testimonianze importanti da offrire, sono da considerarsi pregevoli.

Sono loro a fissare, per il presente e il futuro, immagini e pensieri che andrebbero altrimenti perduti 'come lacrime nella pioggia'. È ciò che ha fatto Duque alternando lunghe sedute al pianoforte in cui, come afferma lo stesso artista, le mani sembrano andare da sole, a riflessioni su come il genio e l'espressione artistica possano essere considerati. Karavaychuk dà la sensazione di far emergere da una sorta di 'altrove' i propri pensieri quando sottolinea, ad esempio, il rapporto che esiste tra ciò che si indossa e l'esistere. Manifesta anche un'ammirazione per la saggezza di Stalin difficile da comprendere in una persona che a 7 anni dovette esibirsi al piano dinanzi al dittatore evitando così al padre la deportazione nei campi di lavoro. A questa si unisce la devozione nei confronti degli zar e, in particolare, per Caterina che diede origine alle raccolte dell'Hermitage di fronte alle quali sente tornare tutta la sua forza fisica.

Oleg ha molto da dire su un presente in cui il nuovo zar diserta un suo concerto e frutta e verdura non hanno più alcun profumo. Ciò che manca, in questa comunque pregevole raccolta di memorie e manifestazione di arte, è il versante dell'esperienza cinematografica con Maestri come Sergei Parajanov e Kira Muratova. Si fa un riferimento a un film sull'uccisione di Nicola II e dei suoi familiari ma dei due registi non si parla. Resta solo da sperare che, come nelle serie di qualità, ci possa essere un Oleg numero 2.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati