Tutti vogliono qualcosa

Film 2016 | Commedia +13 116 min.

Titolo originaleEverybody Wants Some!!
Anno2016
GenereCommedia
ProduzioneUSA
Durata116 minuti
Regia diRichard Linklater
AttoriAustin Amelio, Temple Baker, Will Brittain, Zoey Deutch, Ryan Guzman, Tyler Hoechlin, Blake Jenner J. Quinton Johnson, Glen Powell, Wyatt Russell, Tanner Kalina, Adriene Mishler, Jessi Mechler, Taylor Ashley Murphy, Sophia Taylor Ali, Ernest James, Kyla Burke, Devin Bonnee, Tory Taranova, Courtney Tailor, Cyndy Powell, Dora Madison, Jonathan Breck.
Uscitagiovedì 16 giugno 2016
TagDa vedere 2016
DistribuzioneNotorious Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,31 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Richard Linklater. Un film Da vedere 2016 con Austin Amelio, Temple Baker, Will Brittain, Zoey Deutch, Ryan Guzman, Tyler Hoechlin, Blake Jenner. Cast completo Titolo originale: Everybody Wants Some!!. Genere Commedia - USA, 2016, durata 116 minuti. Uscita cinema giovedì 16 giugno 2016 distribuito da Notorious Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,31 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tutti vogliono qualcosa tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una commedia che racconta le vicende di un gruppo di amici nel momento di passaggio verso l'età adulta. In Italia al Box Office Tutti vogliono qualcosa ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 453 mila euro e 137 mila euro nel primo weekend.

Tutti vogliono qualcosa è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,31/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,70
PUBBLICO 2,22
CONSIGLIATO SÌ
Un'autentica esplosione di gioventù, una suite malinconica di attimi consueti mentre le epoche scorrono.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 3 giugno 2016
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 3 giugno 2016

Texas, 1980. Jake sbarca al campus dove si appresta a cominciare il suo corso di studi. Lanciatore nella squadra di baseball dell'università ha una camera in una casa affollata di compagni che pensano principalmente a godersi la vita, seducendo fanciulle, bevendo birre e ballando agghindati nei club. Integrato molto presto nel gruppo di gioiosi conviventi, Jake si innamora di Beverly, una studentessa d'arte e spettacolo che sembra ricambiarlo. Tra una scazzottata e un allenamento, Jake e compagni approfitteranno della 'ricreazione'.
Tutti vogliono qualcosa comincia dove Boyhood finiva la sua corsa e ritorna sul 'debutto alla vita' di Richard Linklater all'università di Austin in Texas e nel settembre del 1980, l'anno in cui Reagan diventa presidente e la disco e il punk sono al loro apice, la permanente è ancora un must e il sesso protetto è ancora un divertente ossimoro. Ma l'intervallo è (quasi) finito e la campanella suona l'inizio delle lezioni per Jake e la sua generazione fracassona e baffuta. Ventitré anni dopo il regista texano ritorna sulle tracce del suo teen-movie La vita è un sogno, oggetto di culto negli States con cui questo campus movie di maschi alfa condivide il testosterone e la medesima coolness drammatica.
Svolto in una sequenza fluida di quadri saturi di colori e di sonorità pop dove le ore sembrano dilatarsi all'infinito, Tutti vogliono qualcosa ribadisce l'ossessione di Linklater per il tempo, la fascinazione per la sua circolarità proustiana. E nel suo scorrere senza posa quello che coglie l'autore è il movimento stesso della vita da cui non pesca mai gli snodi simbolici ma i momenti complementari. Il suo cinema è una suite malinconica di attimi consueti mentre le epoche scorrono, le mode passano, le trame sfilano. Tutti vogliono qualcosa è un flusso di coscienza che restituisce immediatamente l'esperienza del tempo che scorre fuori dal nostro controllo e aggrappato a cose, parole, baleni marginali eppure pieni di una loro bellezza. Everybody Wants Some!!, a cui il titolo italiano ha tolto i punti esclamativi (Tutti vogliono qualcosa), è un'autentica esplosione di gioventù al ketchup dove le boutade e le cretinerie rimbalzano come palline da ping pong e lo spirito di corpo assume la forma di una competizione feroce a tutti i livelli dell'esistenza: sport, corteggiamenti, amicizia. Dopo Boyhood e la celebre trilogia (Prima dell'alba, Before Sunset, Before Midnight), che testimoniano la sua vocazione per la materia temporale e le sue contingenze, Linklater segue come DeLillo le vicende di una pallina da baseball e trova il suo homerun.
Un fuoricampo mitico, fuori dal tempo e prima della fine della ricreazione che cattura l'istantanea di uno sguardo e l'essenza di un istante che ancora una volta l'autore ci invita a condividere. Da Boyhood alla baldoria di Tutti vogliono qualcosa, il progetto resta lo stesso: scannerizzare una generazione attraverso gli occhi di un adolescente alla soglia dell'età adulta. E con le epoche cambiano anche gli occhi. Questa volta sono quelli di un pitcher che trasloca con una valigia e una scatola di vinili al campus e in un decennio di tensione sociale e di rilassamento dei costumi. Un'età non ancora minacciata dall'ombra scura dell'AIDS e al massimo allarmata dal ritardo mestruale della fidanzatina di turno. Nel tempo di un weekend, l'autore rappresenta una muta di sportivi spensierati e aperti a tutte le esperienze che riserva l'internato. In quella bolla di tempo sospeso e promesse appese che precedono un debutto, si agitano un gruppo di studenti americani le cui azioni e infrazioni alle regole della casa (niente alcol e niente donne ai piani alti) restano senza effetto e conseguenze.
Linklater fissa per sempre l'intervallo in cui i ragazzi abbandonano il nido familiare ma non adempiono ancora agli obblighi della vita adulta, un'anticamera ludica disponibile ai loro desideri e all'invenzione di sé. E in quel preludio vintage, che ricrea l'istante dell'intesa segreta con lo spazio-tempo sconosciuto, il regista ha pensato un giorno come il suo personaggio di diventare giocatore di baseball professionista. Ma resistente quanto Jake, è l'unico a non portare i baffi e a rifiutare di scegliere una materia dominante che lo costringerebbe a un'identità permanente, Linklater decide per entrambi la libertà. Perché la libertà è il movimento (verso qualcosa, verso qualcuno). L'attrazione che Jake, Sisifo sul monte di lancio, prova per una studentessa d'arte e l'incontro fortuito con un vecchio compagno di liceo convertito al punk gli rivelano culture sconosciute e la possibilità di una relazione alternativa con l'esistenza, affrancata dal vincolo delle convenzioni sociali.
College-movie senza corsi o match di baseball, Tutti vogliono qualcosa è sviluppato con una minuziosità documentata e applicata al décor, ai costumi, agli accessori, al look (i baffi solidi e rock di Freddie Mercury) e alla musica (il titolo è anche una canzone di Van Halen), nessun'altra referenza temporale esterna al campus arriva a perturbare le attività ricreative dei nostri che cantano "Rapper's Delight" a squarciagola e teste a tempo in una scena che riassume l'edonismo splendido splendente degli anni Ottanta. Di cui resta adesso questo film esclamativo. Un coupe de foudre che passa per un coup de fil. Una telefonata che non sapresti dire se breve o interminabile ma che miracolosamente ti innamora.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
TUTTI VOGLIONO QUALCOSA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €13,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 29 giugno 2016
Filippo Catani

Texas 1980. Un gruppo di ragazzi si appresta all'inizio delle lezioni universitarie tra feste, ragazze e una casa condivisa. Linklater fa ciò che gli riesce meglio ossia narrare praticamente in presa diretta la vita quotidiana dei suoi personaggi. Non vi è una particolare trama o dei pensieri da sviluppare. Si tratta solo di mettersi comodi a vedere cosa possono combinare un gruppo [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 giugno 2016
sim71

 La critica più colta parla di suite malinconica di attimi consueti (?), di un carpe diem in un contesto competitivo (??) e ci presenta Linklater come un camaleonte tre spanne sopra la media. Probabilmente si riferivano alla scuola media, perché il pensiero e il linguaggio dei protagonisti non lascerebbero supporre un diverso sviluppo cerebrale.

lunedì 16 gennaio 2017
Liuk

Uno spaccato di vita degli anni '80 che descrive magistralmente alcuni giorni di vita di una squadra di baseball universitaria nei momenti precedenti agli inizi delle lezioni, tra party, scherzi e amori. Non siamo davanti ad un teen movie, nè ad una commedia banale, anzi il lavoro è piuttosto elaborato e trasuda nostaglia. La realizzazione è impeccabile e l'attenzione per [...] Vai alla recensione »

domenica 19 giugno 2016
robroma66

Come i film di Malick così quelli di Linklater mi risultano indigeribili. La scena più bella del film è stata quella finale: l'inizio delle lezioni nel college dopo un week end in cui il gruppo di universitari vive la propria "ricreazione" con bagordi, canne, donne, allenamenti di baseball. La bellezza della scena finale non è soltanto nella frase [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 giugno 2017
Vepra81

Un film in cui non trovo alcun senso. Trama noiosa e senza un senso. Arrivato alla fine solo per poter essere obiettivo nel mio giudizio. Era partito bene ma poi si è perso in tante oscenità e volgarità inutili. Più che un film un documentario di ragazzi girato male. Sconsigliato a mio avviso.

sabato 2 luglio 2016
Mario Nitti

Un giovane arriva al Campus con una borsa di studio per il baseball e si inserisce nel gruppo dei giocatori dediti a sesso, bevute, in una mancanza di regole e di pensieri. Il film è chiuso da una frase: “Le frontiere sono dove le trovi”, ma per il momento i protagonisti non hanno ancora trovato le loro. Il racconto scivola via senza difficoltà, allegro e spensierato, con una ricostruzione attenta [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 giugno 2016
Flaw54

Film che ripercorre i più biechi stereotipi dei film giovanilistici americani. Noioso, verboso, logorroico, inutilmente scurrile.  Non riesco a capire come possa raggiungere  nella vostra valutazione ìl livello di 5 stelle. Le battute non esistono e si viene presi da una noia insopportabili.

lunedì 20 giugno 2016
Dna87

Un film orribile,si fa fatica ad arrivare alla fine.meglio Marcellino pane e vino

domenica 19 giugno 2016
Richattau

...dopo un ora siamo usciti. Non era ancora successo ancora nulla, a parte le poche risate del pubblico sulle parolacce... Altri parlavano o leggevano messaggi...   Un'ora sprecata... Ma perchè "assolutamente si" ?

FOCUS
FOCUS
lunedì 20 giugno 2016
Roy Menarini

Bisogna cominciare a chiedersi se Richard Linklater non debba essere considerato a tutti gli effetti uno dei maggiori cineasti americani viventi. La sua lunga militanza autarchica e l'attitudine poco propensa al grandioso, la filmografia sussultoria e inconsueta, gli esperimenti sempre fuori asse rispetto alle mode del momento (culminate con il film della vita, e di una vita, Boyhood) non gli hanno meritato la dedizione totalizzante della cinefilia.
Un po' come se si fosse trovato nella terra di nessuno, Linklater ha continuato a lavorare a contatto con Hollywood attraverso le porte girevoli del cinema indipendente. Eppure, a riguardare oggi la sua intera filmografia, segnata in modo inequivocabile dall'ossessione del tempo e dalle fasi dell'esistenza, si scopre che abbiamo a disposizione un vero tesoro cinematografico, nonché probabilmente un lungo trattato a tappe sull'identità americana, sospesa tra cultura popolare e forme di genere della narrazione.

Questo struggente e straordinario Tutti vogliono qualcosa somiglia a tutto tranne che a un college movie.

Mossa fondamentale dal punto di vista simbolico, da parte del regista, è quella di aver spostato topograficamente il luogo primario dei film universitari (il campus) ai suoi margini, nell'appartamento a due piani dove il gruppo di giocatori di baseball passa i tre giorni precedenti alle prime lezioni. Non si tratta solo di una scelta ad alto tasso meta-cinematografico (il campus è Hollywood, il fuori campus è Linklater), ma di una presa di libertà che garantisce uno spazio di manovra straordinario. C'è di più: Linklater, pur essendo figlio del movimento indipendente e un po' grunge dei primi anni Novanta, e dunque abituato all'attitudine post-punk del fare cinema con i mezzi che si hanno, recepisce del classico americano una tendenza naturale a rispettare i personaggi, la narrazione, la concretezza.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Jake è una matricola che arriva in un campus del Texas, alla vigilia dell'anno scolastico. Sarà anche il lanciatore della squadra di baseball dell'università e proprio con i suoi compagni trascorrerà tre giorni di feste, bevute, allenamenti, scherzi, ragazze, fino al fatidico suono della campanella. Linklater, dopo Boyhood, dimostra di essere un regista tre spanne sopra la media.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Ci sono registi che fanno sempre lo stesso film, altri che praticano tutti i generi. E poi c'è Richard Linklater, forse l'autore americano più imprevedibile della sua generazione, e non solo. Un camaleonte che ogni volta cambia tutto: stile, metodo, mood, cast, e riesce a essere autobiografico in modi sempre diversi. Lo avevamo lasciato con l'elegiaco e bellissimo Boyhood, girato nell'arco di 12 anni [...] Vai alla recensione »

Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Un sequel spirituale di La vita è un sogno, e una continuazione di Boyhood. Così Richard Linklater descrive Tutti vogliono qualcosa l'ultimo tassello del suo multigenerazionale mosaico vivente (di cui fanno parte, oltre ai film di sopra, anche Slacker e l'animato Waking Life), ambientato sullo sfondo di un Eden del sudovest texano che - nella fotografia calda, elegante, di Shane Kelly, su una raffinata [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Autore di alcuni dei film americani più personali dell'ultimo decennio, Richard Linklater torna con una commedia di college (a prima vista) piuttosto inaspettata per uno come lui. Anni '80. Jake arriva al campus e deve affrontare due realtà nuove: l'università e la casa per studenti in cui abiterà, residenza di giovanotti alquanto "funky". In realtà Tutti vogliono qualcosa comincia là dove finisce [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

L'importante non è quel che facciamo, ma come: vedere per credere il nuovo film di Richard Linklater, Tutti vogliono qualcosa. Un campus movie, dicono gli americani, che sulla carta verrebbe derubricato a visione pomeridiana estiva in tv, tra un rutto libero sul divano e una maschia strizzata d'occhio: non ci sarebbe nulla di male, eppure Everybody Wants Some!!, titolo scippato a un pezzo dei Van Halen, [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
martedì 7 giugno 2016
 

Nel 1981 Jake Bradford si trasferisce al college e prende possesso di un'abitazione insieme ai suoi compagni della squadra di baseball universitaria. Tra cameratismi e qualche conflitto interno al gruppo, tra notti folli alla perenne ricerca di conquiste [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati