My Dog Killer

Film 2013 | Drammatico 90 min.

Titolo originaleMôj pes Killer
Anno2013
GenereDrammatico
ProduzioneSlovacchia, Repubblica ceca
Durata90 minuti
Regia diMira Fornay
AttoriAdam Mihál, Marián Kuruc, Irena Bendová, Libor Filo .
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Mira Fornay. Un film con Adam Mihál, Marián Kuruc, Irena Bendová, Libor Filo. Titolo originale: Môj pes Killer. Genere Drammatico - Slovacchia, Repubblica ceca, 2013, durata 90 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi My Dog Killer tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un ragazzo trova rifugio dalla solitudine in un gruppo di skinhead, che lo inizia alla pratica della violenza.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
Critica
Cinema
Trailer
Un crudo ritratto di un giovane skinhead incapace di sottrarsi ai pregiudizi razzisti e xenofobi.
Recensione di Giovanni Ottone
Recensione di Giovanni Ottone

La vicenda si svolge in un piccolo centro al confine tra la Slovacchia e la Moravia, regione della Repubblica Ceca. Marek (Adam Mihál) è un diciottenne magro, taciturno ed emotivamente passivo. È succube sia del padre dispotico, alcolizzato e impoverito, sia di una gang locale di skinheads, rozzi, xenofobi e razzisti a cui si è unito. Il giovane mostra vero attaccamento solo nei confronti del suo temibile cane pit bull, chiamato Killer, che addestra con dedizione e cura. All'inizio del film il padre di Marek (Marián Kuruc) deve vendere il suo alloggio per poter conservare la proprietà della vigna, ma per concludere il contratto ha bisogno della firma della ex moglie (Irena Bendová), che ha abbandonato la famiglia otto anni prima. Quindi impone al figlio di prendere contatto con quest'ultima che vive in una cittadina vicina. Il giovane non è entusiasta sia perché pare soffrire per essere stato lasciato sia perché tutta la famiglia la condanna senza appello. In occasione dell'incontro tra i due Marek apprende di avere un fratellastro, Lukas (Libor Filo), un bambino di etnia Roman, frutto della successiva unione di sua madre. Durante un colloquio con la donna, che avviene in un bar del paese (sulla cui porta spicca un cartello che vieta l'accesso agli zingari Roman), Marek è testimone di plateali odiosi comportamenti di rifiuto della popolazione, vecchi e giovani, nei confronti del ragazzino. Tornato insieme ai "camerati" skinheads per svolgere il solito training ginnico alla violenza, il giovane sente che l'eventuale conoscenza da parte loro della sua "scomoda" parentela potrebbe aggravare le manifestazioni di bullismo di alcuni nei suoi confronti (uno afferma di sopportarlo solo per via del cane). Quindi, in preda al disagio, decide sconsideratamente di agire per rimuovere il suo "problema".
Nel suo secondo film Mira Fornay costruisce un dramma grigio, apparentemente distaccato, cercando di evitare la logica del climax e i clichés più prosaici. Il suo approccio, con un ritmo narrativo ellittico dove il protagonista va e viene iterativamente, incapace di dominare sentimenti confusi e nichilisti, ricorda gli autori della nuova cinematografia romena (rammenta parzialmente il protagonista di Aurora, di Cristi Puiu del 2010). In effetti il suo stile appare nettamente osservazionale con un registro quasi documentarista. Le sequenze in cui si combinano movimento e inazione, l'assenza di musica ad eccezione di incisi occasionali e l'uso di un cast di attori non professionisti e non attori locali contribuiscono a conferire un impressione di autenticità. Tuttavia il suo sguardo risulta appesantito perché la crescente tensione drammatica è risolta con un enfasi ambigua. Inoltre la caratterizzazione psicologica del protagonista Marek è maldestra. Ne risulta che anche la recitazione di Adam Mihál risulta poco convincente nel tentativo di mescolare, con scarsa spontaneità, mancanza di emozione, vittimismo vissuto e determinazione infantile.

Sei d'accordo con Giovanni Ottone?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati