Wolf Children

Film 2012 | Animazione 117 min.

Anno2012
GenereAnimazione
ProduzioneGiappone
Durata117 minuti
Regia diMamoru Hosoda
Uscitamercoledì 13 novembre 2013
TagDa vedere 2012
DistribuzioneNexo Digital
MYmonetro 4,33 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Mamoru Hosoda. Un film Da vedere 2012 Genere Animazione - Giappone, 2012, durata 117 minuti. Uscita cinema mercoledì 13 novembre 2013 distribuito da Nexo Digital. - MYmonetro 4,33 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Wolf Children tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ame e Yuki conducono una vita semplice con la madre Hana ma in realtà celano un segreto cruciale.

Wolf Children è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,33/5
MYMOVIES 4,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,15
ASSOLUTAMENTE SÌ
Una fiaba moderna che racconta la vita familiare in una straordinaria opera d'arte.
Recensione di Gabriele Niola
Recensione di Gabriele Niola

Dal momento in cui i genitori si conoscono fino alla maturità, Yuki con la sua voce fuoricampo accompagna il racconto di come sua madre si sia innamorata di un uomo lupo (l'ultimo rimasto) e abbia così partorito lei e suo fratello Ame, bambini lupo capaci di trasformarsi (prima involontariamente, successivamente a comando) da lupi in umani e viceversa. Attraverso una vita prima in città e poi in campagna, prima isolata e poi necessariamente in mezzo agli altri bambini Yuki e Ame sviluppano personalità diverse e modi diversi di venire a patti con la propria doppia natura sotto lo sguardo della madre.
Quasi 7 anni dopo La ragazza che saltava nel tempo Mamoru Hosoda torna ad un lungometraggio che racconta la realtà inserendovi un elemento fantastico a fare da perturbatore ed enfatizzare i problemi e le idiosincrasie della vita umana. Wolf children è probabilmente la sorpresa di quest'annata cinematografica (e il merito di averlo portato in Italia va al Future Film Festival), un film dalle ambizioni smisurate che si propone di raccontare la vita nel suo svolgersi, con particolare enfasi sui complicatissimi rapporti familiari tra una madre e due figli, riuscendo a toccare tutte le corde possibili con una leggerezza e una delicatezza commoventi. Tocco evidente (tra le molte cose) nella maniera sottile con cui i bambini sono disegnati e animati nel loro crescere ed essere, di scena in scena, sempre un po' più grandi e un po' diversi, fino ad arrivare a scambiarsi ruoli e personalità.
Hosoda non cerca la svolta clamorosa o lo svolgimento inconsueto (tutto anzi è abbastanza prevedibile) ma semmai quell'impossibile trionfo dell'arte del racconto che è riuscire a parlare ad ogni spettatore attingendo, tramite una storia inventata, alla sua vita e alla sua esperienza per smuovere piccoli tasselli interiori. In questo senso l'elemento fantastico della trasformazione in lupo è usato con molteplici finalità, prima per sottolineare il senso d'inadeguatezza di un genitore verso il compito di crescere dei bambini, poi per mostrare le difficoltà degli adolescenti nel conoscere se stessi e infine l'obbligo per ognuno a compiere scelte per il proprio futuro.
Ma non sono solo i bambini lupo l'oggetto delle attenzioni di Hosoda, la mamma è altrettanto importante e proprio a lei sono riservate alcune delle scene più emozionanti, in cui i sentimenti esplodono di colpo, rivelati da gesti di ordinaria fragilità (come la confessione di fronte al lupo in gabbia).
E' così che questa straordinaria opera d'arte, che rifiuta ogni idea di avventura, invece che elevare l'ordinario a straordinario in un banale tentativo di glorificazione della vita di ognuno, riesce a rendere gli spettatori partecipi del proprio sguardo, portandoli cioè non a giudicare, non ad ammirare ma solo a capire e partecipare.
L'ambientazione, la presenza di una natura salvifica, la trasformazione in animale e il rapporto quieto e delicato con il sentimentalismo non possono non far pensare ad Hayao Miyazaki (sebbene il film sia privo della capacità di creare immagini del maestro dell'animazione e anzi da quel punto di vista sia abbastanza ordinario), ma il paragone regge solo fino ad un certo punto, perchè Hosoda ha un modo personale di procedere e insegue un realismo delle relazioni personali molto lontano dai voli del cinema miyazakiano.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
WOLF CHILDREN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-
Amazon Prime Video

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€17,99 €19,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 14 novembre 2013
sick_hero

La favola della vita raccontata con un'iconografia del tutto particolare, che funge da mezzo e non da fine. Perché, una volta smessi i panni della magia, questo film altro non racconta che il duro percorso di vita di una madre single che sceglie di crescere al meglio i propri figli. Una storia tanto semplice quanto incisiva, in cui la componente fantastica fa da catalizzatore nell'esaltare problemi [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 novembre 2013
Darkangel95

Fa sempre piacere vedere che dopo tanti anni da appassionato di anime\manga e film nipponici,il gusto orientale riesce ancora a creare nuovi sapori e come in questo caso davvero pregiati. Guardate la locandina del film, provate a immaginare cosa vi aspettate di vedere e adesso dimenticatelo;wolf children non è una storia per bambini e a questo proposito a questi ne sconsiglio la visione non [...] Vai alla recensione »

martedì 8 dicembre 2015
RioVm

Sebbene l'astrattismo non sia direttamente coinvolto, le tonalità dei colori, gli schemi e ed il realismo dei tratti e delle animazioni, trasformano questo film in un'esperienza unicamente piacevole per l'occhio che (diciamolo) grazie a questo film riceve le attenzioni di un'estetica curata e capace di grandi momenti di poesia visiva.

martedì 16 maggio 2017
Giulia

Dopo averlo guardato per una seconda volta, mi sono ulteriormente convinta della bellezza di questo racconto di animazione che ha tanto da insegnare a chi lo sa guardare con attenzione. Non credo sia necessario paragonare lo stile o l'impalcatura del prodotto a quelli dello Studio Ghibli, benchè io adori e trovi i film di quest'ultimo dei capolavori, perchè si tratta di [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 dicembre 2013
Stefano Pariani

Hana è una ragazza di diciannove anni che frequenta l'università a Tokyo; attratta da un fascinoso e taciturno studente, Ookami, se ne innamora, ricambiata. Il ragazzo nasconde però un segreto che non tarda ad essere rivelato: la sua vera identità è quella di uomo lupo e può assumere l'aspetto di animale ogni volta che vuole. La cosa non pare turbare affatto Hana, anzi, forti di un legame ancora più [...] Vai alla recensione »

martedì 5 aprile 2016
laurence316

3° film del regista per la Madhouse, in co-produzione con lo Studio Chizu da lui stesso fondato, Wolf Children evidenzia fin da subito i suoi debiti nei confronti del cinema miyazakiano, a cominciare dalle ambientazioni, passando poi alla sceneggiatura e ai toni leggeri e delicati con cui la vicenda è trattata (ricorda molto Il mio vicino Totoro, in più di una sequenza).

venerdì 15 novembre 2013
alescio92

Film assolutamente meraviglioso, una storia toccante, delicata, imperdibile. 

domenica 15 giugno 2014
Kyotrix

Stavo venendo a scrivere lo stesso titolo di sick_hero, mi ha anticipato: una gioia per gli occhi e il cuore! Ho finito il film commosso. Imperdibile!!

domenica 12 gennaio 2014
infutura

Un vero capolavoro. Inizia un poco lento, ma con un pò di pazienza sviluppa una storia avvincente e emozionante come nessun altro film quest'anno. A parer mio il migliore del 2013.

lunedì 24 novembre 2014
speronim

Bello, ma dare la stessa votazione che può avere un C'era una volta in America mi sembra abbastanza fuori luogo

martedì 25 febbraio 2014
Liuk

Con Wolf Children il maestro Hosoda si pone al vertice assoluto dell'animazione giapponese. Finalmente senza usare voli pindarici o scene oniriche, il cinema nipponico fa un passo avanti, raggiunge un livello piú alto. Siamo davanti ad una pellicola completa, poetica e toccante in maniera assolutamente concreta per tutti: grandi e piccini rimarranno incollati al video per due ore, rapiti [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 novembre 2013
sick_hero

La favola della vita raccontata con un'iconografia del tutto particolare, che funge da mezzo e non da fine. Perché, una volta smessi i panni della magia, questo film altro non racconta che il duro percorso di vita di una madre single che sceglie di crescere al meglio i propri figli. Una storia tanto semplice quanto incisiva, in cui la componente fantastica fa da catalizzatore nell'esaltare problemi [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati