Il cammino per Santiago

Film 2010 | Azione 94 min.

Regia di Emilio Estevez. Un film Da vedere 2010 con Martin Sheen, Emilio Estevez, Deborah Kara Unger, Yorick van Wageningen, James Nesbitt. Cast completo Titolo originale: The Way. Genere Azione - USA, 2010, durata 94 minuti. Uscita cinema mercoledì 27 giugno 2012 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 3,20 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il cammino per Santiago tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un uomo porta a termine il cammino di Santiago di Compostela al posto del figlio, morto all'inizio della strada. In Italia al Box Office Il cammino per Santiago ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 97,6 mila euro e 29,2 mila euro nel primo weekend.

Il cammino per Santiago è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,20/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,39
PUBBLICO 3,40
CONSIGLIATO SÌ
Un film umile e commovente. Una grande prova di Martin Sheen.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 27 giugno 2012
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 27 giugno 2012

Tom è un medico americano di successo, che passa la sua terza età tra lo studio dove lavora e il campo da golf, dove si distrae con i colleghi. Qui un giorno viene raggiunto dalla notizia che suo figlio Daniel, quarantenne, è rimasto ucciso da un temporale sui Pirenei. Giunto in Europa per recuperare le spoglie del figlio, Tom scopre che Daniel aveva intrapreso il Cammino di Santiago de Compostela, un sentiero di 800 chilometri tra Francia e Spagna che i pellegrini percorrono a piedi, tappa dopo tappa, mossi da motivazioni personali anche molto diverse fra loro. Con la scatola delle ceneri nello zaino, Tom decide di camminare al posto di Daniel e di portare a termine il suo viaggio. Lungo la via, l'incontro con tre inattesi compagni di strada lo strapperà alla solitudine e lo costringerà all'esperienza, perché "la vita non si sceglie, si vive".
Tom è un oftalmologo e come tale si occupa dello specchio dell'anima, gli occhi. Ma ci sono cose che sfuggono all'evidenza e trovarne il senso, l'anima, richiede un percorso più lungo e faticoso, senza l'ausilio di macchine. Il film di Emilio Estevez, che vede protagonista assoluto suo padre Martin Sheen, sulla carta sembrava possedere l'evidenza del trattatello in laude del viaggio spirituale, per il quale restava solo da capire se il pragmatismo americano avrebbe spinto verso l'avventura scoutistica o se invece a primeggiare sarebbe stata la formula contemplativa, con o senza temutissima voice over filosofeggiante. Niente di tutto questo o, forse, questo è molto altro: il film in ogni caso va oltre le ipotesi pregiudiziali e ci offre tanto di più lavorando tuttavia di sottrazione.
Pur essendo scritto dalla prima scena all'ultima (ed è una scrittura che si fa sentire, l'aspetto più fragile e rischioso dell'impresa), si respira ugualmente una freschezza da documentario, al punto che, come avviene solo per i film più coinvolgenti e appassionanti, si ha l'impressione che da qualche parte debba esistere un girato molto più esteso, sul quale il regista ha operato una spietata selezione. Merito della recitazione intensa e naturalissima di Martin Sheen, che fa rimpiangere il tempo trascorso dal suo ultimo ruolo di altrettanta importanza, ma soprattutto del voto di sobrietà a cui si è sottoposta la regia. Nessuna ricerca esasperata del metafisico, nel testo, e nessuna ricerca sognante o poetica nell'immagine: Estevez sta bene attento a non fare cartoline, nemmeno dei paesaggi più belli; la fotografia si direbbe quasi dimessa e corrisponde al punto di vista di chi sperimenta la fatica ben più della beatitudine estetica.
Come il cammino per il protagonista, il film non fa miracoli e non nasconde le sue debolezze, ma è una visione che merita e commuove, anche grazie alla compagnia di un inglese di nome James Nesbitt, della canadese Deborah Kara Unger e di un pittoresco olandese (Yorik Van Wageningen).

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
IL CAMMINO PER SANTIAGO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €13,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 9 luglio 2012
stefano73

film americano ma ben inserito nella location Spagnola. Martin Sheen protagonista e diretto dal figlio Emilio Estevez, ripercorre il celebre pellegrinaggio con fedeltà e coinvolgimento. Io nel 2010 ho fatto il cammino ma con la bicicletta...e non è soltanto una moda come certi credono! Fantastico film per chi ha vissuto o velesse percorrere o ripercorrere un'esperienza unica. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 agosto 2012
donni romani

Un toccante viaggio per rendere omaggio ad un figlio che si scopre di conoscere a malapena si trasforma in un percorso doloroso e catartico dentro se stessi, un'esperienza fisica e mentale, un'emozione che si amplifica nell'asciuttezza e nella solitudine, e un incontro con l'altro da sè, così apparentemente lontano e così misteriosamente vicino, compagno di dolore [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 ottobre 2012
rampante

Tom fa il medico in California, gioca a golf e non ama camminare. Daniel, suo figlio, ama  conoscere posti nuovi,  vivere da uomo libero la sua vita , girare il mondo. I rapporti con il padre non sono facili ed a malincuore accetta un passaggio all'aeroporto. Proprio all'inizio del cammino per Santiago, sul confine tra Francia e Spagna, Daniel muore.

domenica 24 febbraio 2013
Il Passatore

Non tragga in inganno il titolo della versione italiana del film: non si tratta di una storia sulla fede e la religione. Nessuno qui “cammina” per ottenere una grazia o per salvarsi l’anima, anzi, neanche se ne parla. Il soggetto è l’uomo che col suo fardello di dolori guarda istintivamente con ostilità al suo prossimo, come temesse che qualcuno gli calpestasse [...] Vai alla recensione »

domenica 4 marzo 2018
samanta

Il film del 2010. l'avevo visto in TV, l'ho rivisto recentemente e non posso che confermare anzi dare più forza al giudizio positivo che ne ebbi la prima volta. La regia è di Emilio Estevez. figlio di Martin Sheen che interpreta la parte principale del film e cioè Tom Avery. Tom è un vedovo, affermato medico oculista che vive tranquillo la sua vita di lavoro, passando [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 dicembre 2015
capitanmiki

Questo e' un film che avrebbe meritato piu' oscar, ma che come sempre la distribuzine non considera quale blockbuster. E' un film che riconcilia lo spettatore atteaverso valori ormai in disuso ed accantonati quando non addirittura distorti, quali l'amicizia, il riscoprire se stessi, il valorizzare il proprio ego anteponendolo alle miserie e routine quotidiane.

lunedì 6 aprile 2015
kondor17

Emilio Estevez confeziona ad hoc per il padre Ramon Estevez (noto come Martin Sheen), di origini galiziane, un road movie sulla via di Santiago. Tom (Martin), burbero oftalmologo americano, apprende della morte del figlio Daniel (Emilio), sorpreso da un temporale all'inizio del cammino. Vola quindi oltre oceano per ritirarne le spoglie e, una volta cremato il corpo, decide invece di proseguire [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 novembre 2013
brunomh

In Germania era già uscito un film sullo stesso tema con protagonisti un padre ed una figlia in cerca di riconciliazione. Lungo il percorso il padre muore e la figlia esaudisce il suo desiderio recandosi a Muxia. In questa edizione americana,un padre si reca in un paese sui Pirenei per riportare a casa la salma di suo figlio, morto il primo giorno di marcia lungo il cammino per Santiago. Vai alla recensione »

martedì 11 febbraio 2014
Giorpost

Emilio Estevez scrive e dirige il padre Martin Sheen in questo dramma “on the road” che parte con il più classico dei prologhi, iniziando dal luogo di lavoro del protagonista. Tom è un oculista affermato vedovo con un unico figlio che vede poco e col quale non ha un gran rapporto. Daniel sembra, infatti, il classico quarantenne figlio di papà apparentemente scapestrato [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 ottobre 2012
gianleo67

Benestante e affermato oftalmologo californiano apprende per telefono della improvvisa morte del figlio giramondo, sorpreso da una tempesta improvvisa sui Pirenei francesi: prima tappa del suo pellegrinaggio lungo il Camino francés per Santiago di Compostela. Recatosi in Francia per il riconoscimento della salma ne decine la cremazione e intraprende, zaino in spalla, il lungo e faticoso cammino [...] Vai alla recensione »

domenica 11 novembre 2012
Gianlu Movie

[Noia (s.f.) : Sensazione di inerzia malinconica e di invincibile fastidio, dovuta perlopiù a insoddisfazione per la monotonia e la mancanza d'interesse della situazione in cui ci si trova.] Se il finale del film lascia spazio alla noia dovuta alla lentezza e all'assoluta banalità della narrazione, durante il resto del film non mancano sentimenti di delusione per come viene descritto [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 luglio 2012
sirio

«Una foglia di lattuga senza olio, né sale né aceto»: questo il commento mentre scorrevano i titoli di coda. Una pellicola insipida, in cui il regista vorrebbe rappresentare un uomo alla scoperta di se stesso, lungo il Camino de Santiago, la Via della Stella, quel tragitto che anche il sommo Dante indicava come l'unico Pellegrinaggio degno di tal nome.

mercoledì 20 marzo 2013
massimo49

La vita è un pellegrinaggio.   Un film luminoso e sereno che ruota attorno al cuore del messaggio "la vita non si sceglie, si vive" e fa riflettere. I quattro personaggi che si incontrano casualmente rappresentano la metafora della vita. In realtà nulla è casuale: il padre con la tragedia nel cuore ritrova la pace interiore negli sguardi di un'intensa [...] Vai alla recensione »

domenica 8 luglio 2012
dovin

Molto bello, ma si sa che questi giudizi sono soggettivi e lasciano il tempo che trovano... Se fossi un regista americano lo avrei fatto anche io cosi!! Bella storia ambientata in contesto straordinario, quello del Cammino di Santiago....a tutti coloro che hanno intrapreso questo pellegrinaggio, o hanno intensione di farlo, questo film piacerà molto.

domenica 31 marzo 2013
Andrelibero

Film ricco di sentimento, non adatto a chi si vuol vedere uno di quei filmetti banali che vanno di moda oggi.

mercoledì 4 luglio 2012
Flyanto

Film in cui un padre, dopo la morte del figlio con cui non aveva praticamente più alcun dialogo, intrapende il lungo  cammino a piedi attraverso i Pirenei fino al Santuario Di Santiago de Compostela al fine di terminare quel pellegrinaggio che il defunto aveva iniziato e di deporvi le sue ceneri. Nel corso di questa lunga camminata incontrerà svariati personaggi, mossi ognuno dalle [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2013
Serpeer

Argomento delicato per Estevez (vero figlio del protagonista Martin Sheen) che sceglie una regia in tono minore, come non si è più abituati, per una storia dolorosa e commovente. In nessun momento Estevez cerca il patetico o la pietà ma le lacrime arrivano lo stesso anche grazie alla prova di Sheen. Peccato che in Italia, dove non si va al cinema se non per i blockbuster o i film [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 luglio 2013
ebeni

bello, bello , bello ; se un film si deve giudicare dalla sensazione che ti provoca, devo dire bello, bello, bello. Ho amici personali che hanno più volte fatto il cammino di Santiago sia piedi che in bici ; io non ho avuto ancora la possibilità di farlo ma lo farò appena possibile. Martin Scheen è bravissimo e sono d'accordo che, nonostante alcune parti importanti a cominciare da Apocalisse Now, tutto [...] Vai alla recensione »

martedì 2 luglio 2013
giank51

Non c'è un convinto religioso tra i protagonisti di questo film eppure tutti si muovono verso la stessa meta: il santuario di S. Giacomo. Il percorso è difficile per tutti e per diversi motivi: chi vuole interrompere una dipendenza, chi cerca un perduta ispirazione, chi infine porta le ceneri del figlio alla meta. Quale meta? Le soluzioni a queste angosce si possono trovare anche [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 dicembre 2014
stefano capasso

Tom è un medico di mezza età, americano, che vive la sua vita nelle consuetudini della società che lo circonda. Suo figlio Daniel a 40 anni decide ad uscire dagli schemi e parte per l’esperienza del Cammino di Santiago. La sua esperienza durerà un giorno perché la prima notte verrà colto di sorpresa dal maltempo sui Pirenei e muore.

sabato 21 settembre 2013
Giovannastory

Come per il "cammino" per comprendere molte "zone d'obra" di questo film. bisogna esserci passati. Così i film diventano due, uno si dirama attraverso le battute semplici, a volte ironiche altre dure che si scmbiano i protagonisti, l'altro film racconta una storia semplice e misteriosa, quella dei cuori, quelli delle vite sospese di quattro grandi solitudini.

domenica 8 settembre 2013
peppinodalugo

È molto bello, mi ha emozionato

mercoledì 21 agosto 2013
Andrelibero

Film ricco di sentimento e spiritualità, appunto per questo è stato molto snobbato. L'ho visto più di una volta e lo riguarderò ancora, non è un film che può andare a genio a tutti ma se gia nel leggere la trama vi ispira non esitate a vederlo.

mercoledì 22 maggio 2013
Maestro di vita

Senza dubbio è un ottimo film non fosse altro che mi ha fatto ricordare il mio Camino. Mi ha dato senzasioni straordinare.

lunedì 12 novembre 2012
aleabe

Ho voglia di intraprendere il cammino...

mercoledì 1 gennaio 2014
amedeo gavazzi

ho visto questo film in dvd e con molto ritardo dalla sua uscita.rimediero'guardandolo ancora.la storia ti prende immediatamente,perche'e' fatta di poesia,di sentimenti,di umanita'.mentre il film scorre e senza che tu te ne accorga,ti innamori dei personaggi.e capisci che ognuno di noi ha bisogno di amare il suo prossimo,per poter amare se stessi!!bellissimo!!!!!!!

mercoledì 13 gennaio 2016
oar54

La verità è che non è possibile rappresentare in un film, ma secondo me anche in un libro ,la complessa mistura di sentimenti , paesaggi, miserie e bellezze umane, fatica e sudore , sorrisi e pianti e sguardi e sorrisi di tutto quel mondo che è il cammino di Santiago. Solo chi si è cimentato in questo "viaggio" può forse capire. Detto questo il film è un ottimo film , con un credibile set di attori [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 novembre 2013
brunomh

Già in Germania era stato realizzato un film sul "camino per Santiago" con protagonisti un padre ed una figlia in cerca di riconciliazione. Il padre lungo il percorso muore e la figlia soddisfa il suo ultimo desiderio, quello di recarsi a Muxia. Anche nel film di Estevez,un padre si reca in un paese sui Pirenei per riportare a casa la salma di suo figlio, morto il primo giorno [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
domenica 15 luglio 2012
Pino Farinotti

Di tanto in tanto accade che il cinema si conceda un promemoria di se stesso. Quando non c’era il 3D, quando l’horror non era così invadente, quando gli effetti speciali non erano un alibi per giustificare la mancanza di contenuti, quando la politica e l’ideologia lasciavano spazi a storie di esseri umani, senza implicazioni. Quando il sentimento, corretto, senza iperboli, veniva considerato un contenuto buono, percorribile, di cui non vergognarsi.

Frasi
Tom: "Non sarà una vita avventurosa la mia, ma è quella che ho scelto"
Daniel: "È questo il problema papà, la vita non va scelta, va vissuta!"
Una frase di Daniel (Emilio Estevez)
dal film Il cammino per Santiago - a cura di Alessio
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Anche chi non sa molto di cose religiose ha sentito parlare almeno una volta del Cammino di Santiago, un pellegrinaggio a piedi per quasi ottocento chilometri, intrapreso da fedeli che si mettono in viaggio dai Pirenei fino a Santiago di Compostela dove si celebra da più di mille anni il culto di San Giacomo Apostolo. Il film di oggi, realizzato da Emilio Estevez, il noto regista americano con ascendenze [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Tom (Sheen), un vedovo americano benestante che si divide fra il suo studio di oculista e i campi da golf della Florida, si catapulta nel nord della Francia quando apprende la notizia della morte del figlio Daniel (Estevez, figlio di Martin Sheen anche nella vita e regista del film), un globetrotter in procinto di intraprendere il cammino verso Santiago de Compostela, quel viaggio che migliaia di pellegrini [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Strane storie sono sottese alle vite degli individui. Prendete Martin Sheen, attore padre di due figli che lavorano nel cinema Charlie Sheen, testa matta e personaggio da prendersi con le molle e Emilio che ha preferito mantenere il proprio cognome vero: Estevez, attore ma anche regista, basti ricordare il corale Bobby sulla notte dell'assassinio di Bob Kennedy.

Roberto Escobar
L'Espresso

Tom (Martin Sheen) fa il medico in California, e non ama camminare, nemmeno quando gioca a golf. Il figlio Daniel (Emilio Estevez, egli stesso figlio di Sheen) è invece un irrequieto giramondo. Tra i due le cose non son facili, come si preoccupa di informarci "Il cammino per Santiago" ("The Way", Usa e Spagna, 2010, 123'). Però, quando Daniel muore sul confine tra Francia e Spagna, proprio all'inizio [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

È veramente molto difficile che un nordamericano riesca a parlare in modo plausibile di cose e luoghi che non appartengono al suo orizzonte di vita, cultura, esperienza, nella stragrande maggioranza dei casi limitato a casa propria identificata come centro dell’universo. Non è senza dispiacere che si dice questo anche a proposito del film Il cammino per Santiago in cui, malgrado l'esito banale e turistico, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Ci sarà chi è pronto a partire appena riaccese le luci in sala e chi deprecherà il didascalismo con cui è affrontato il mitico pellegrinaggio. «Il cammino per Santiago» è un film poco riuscito e dispersivo, ma non si può negare la sincerità che pervade la confessione semi-autobiografica in forma di road movie della famiglia Estevez: il quasi settantenne attore Sheen, infatti, v’intreccia i ricordi [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Continua la nuova vita di Emilio Estevez. Dopo i fasti di gioventù anni ’80 della generazione Brat Pack, nella quale divenne star con Breakfast Club e St. Elmo’s Fire, il rampollo di Hollywood ha scelto da anni la via mistica della regia (molta tv). Il quinto lungo, dopo il dramma corale Bobby sull’omicidio di Robert Kennedy, è spirituale già dal titolo: Il cammino per Santiago.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

È volato dalla California ai Pirenei francesi l’oculista vedovo Tom Avery (Martin Sheen). Il suo unico figlio Daniel è morto in un incidente mentre stava andando in pellegrinaggio a Santiago di Compostela. Così l’affranto papà, zaino e ceneri del ragazzo in spalla, decide di farsi gli 800 chilometri a piedi. Trovando tre amici per via. Dignitoso melò americano, cosparso di buoni sentimenti, innaffiati [...] Vai alla recensione »

Mick La Salle
San Francisco Chronicle

Con Il cammino per Santiago, il regista e sceneggiatore Emilio Estevez ha realizzato un rispettabilissimo brutto film. È rispettabile – e innegabile – il fatto che Estevez abbia voluto realizzare un film ricco in sensibilità e spiritualità. In alcuni momenti è evidente quello che ha voluto fare e quasi sembra che ce l’abbia fatta. Ma subito dopo tutto si sgonfia, si perde in una lunga teoria di dialoghi [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati