Sono viva

Film 2008 | Drammatico 87 min.

Regia di Dino Gentili, Filippo Gentili. Un film con Giovanna Mezzogiorno, Massimo De Santis, Guido Caprino, Giorgio Colangeli, Marcello Mazzarella. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2008, durata 87 minuti. Uscita cinema venerdì 28 maggio 2010 distribuito da Iris Film Distribution. - MYmonetro 2,42 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sono viva tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Rocco ha trent'anni e una vita precaria. Lontano da una famiglia importuna e unito a una compagna pretenziosa, si trascina tra lavori occasionali e il divano, cercando il modo e il denaro per pagare debiti, mutuo e bollette. In Italia al Box Office Sono viva ha incassato 4,2 mila euro .

Sono viva è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,42/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 1,83
PUBBLICO 1,00
CONSIGLIATO NÌ
Noir suggestivo che accomoda la morte al centro della narrazione.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 27 maggio 2010
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 27 maggio 2010

Rocco ha trent'anni e una vita precaria. Lontano da una famiglia importuna e unito a una compagna pretenziosa, si trascina tra lavori occasionali e il divano, cercando il modo e il denaro per pagare debiti, mutuo e bollette. Una notte corrisponde l'offerta di un impiego ben retribuito e segue l'amico Gianni in una villa fuori città, dove accetta di vigilare il corpo senza vita di Silvia Resti, una giovane donna morta prematuramente. Colpito dalla grazia di quelle spoglie e dal mistero che le circonda, Rocco è deciso a indagare sulla morte della ragazza e a interrogare amici e familiari che affollano la villa in cui è deposta. La notte e la lunga veglia riveleranno a Rocco verità nascoste e un ritorno possibile alla vita.
Opera prima dei fratelli Gentili, Sono viva è un noir che mette in scena la morte e al centro della narrazione un corpo morto. Se la tradizione cinematografica ha "rianimato" i morti nella forma dello zombi o di un fantasma, rappresentandone la bruttezza fatta di putrefazione e orrore, Dino e Filippo Gentili parlano di corpi veri e ne celebrano la bellezza, esorcizzando il terrore per il cadavere. La morte è un soggetto percorso da molto cinema contemporaneo ma il suo sfuggente valore narrativo e il suo intimo potere suggestivo lo rendono uno dei pochi temi sui quali ogni film può aggiungere qualcosa. Se il giallo è una delle tracce (e dei colori) del plot, la vera suspense interessa la solitudine e la precarietà di chi, vivo, misura il proprio amore e la propria forza rispetto al silenzio di chi è ormai al di là del confine.
Al di qua della vita c'è l'operaio introverso di Massimo De Santis, che interagisce con un corpo che ha cessato di essere ma che torna ad agire indirettamente la vita dei vivi. Silvia è il ricettacolo che conserva i pensieri di un padre ingombrante e tirannico, di un fratello debole e guastato, di un fidanzato inadeguato e litigioso. Accomodata nel cuore della scena e in quello dei suoi disturbati familiari, Silvia è indubbiamente viva, è la tessera principale di un elegante, ben congegnato e molto cerebrale mosaico affettivo e psicologico, che ha come esito il ritorno (metaforico) alla vita del protagonista dopo il confronto con la carne di una vita inanimata. Gli sceneggiatori Gentili, promossi alla regia, girano un film di genere che circoscrive l'azione in una casa, o meglio in una stanza della casa, e che misura le alterazioni narrative a partire dalla densa presenza di una dipartita che tutto lascia immaginare.
Morte coniugata al femminile che contagia progressivamente Rocco, finalmente aperto a una rinnovata disponibilità affettiva. Sono viva è un esordio di pregio che colora (di giallo) il cinema italiano, che ha grandi e solide doti (anche per merito degli interpreti), che ardisce "parlare con Lei", riattivando la potenza del femminile e rendendole giustizia.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
SONO VIVA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€3,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 1 giugno 2010
Sergio Longo

L'opera prima di Dino e Filippo Gentili, già sceneggiatori, sa molto più di teatro orecchiato che non di film; segno, questo, che la professionalità di partenza ha avuto il sopravvento sulle ambizioni registiche degli autori. Se a ciò si aggiungono le complicazioni derivanti dall'improbabile e pasticciato psicodramma cui si dà seguito, il risultato è [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 febbraio 2012
astromelia

visto in dvd e dico per fprtuna,io non posso pensare che una pseudo storia come questa possa interessare,forse un prodotto fatto ad uso dei registi,ma alquanto improbabile e grottesco,mi aspettavo che la morta si alzasse alla fine e mandasse tutti aff........non è degno di punteggio

FOCUS
INCONTRI
mercoledì 26 maggio 2010
Marzia Gandolfi

Zone morte Dopo una vicenda “politica” infinita, arriva finalmente in sala il noir “confidenziale” dei fratelli Gentili, Sono viva che mette in scena la morte e l’accomoda tra i protagonisti. Rocco, un ragazzo sensibile che sopravvive ai debiti e a una compagna esigente, accetta di vigilare il corpo senza vita di Silvia Resti, giovane donna morta prematuramente e deposta dal padre in una villa in provincia.

Frasi
Se ami una persona devi fare di tutto per accontentarla. E io avevo solo lei.
Marco Resti (Giorgio Colangeli)
dal film Sono viva - a cura di Matte
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Claudio Carabba
Sette

All’inizio sembra il seguito noir della Nostra vita. Un muratore, pieno di debiti, sbriga ogni tipo di lavoro. Ma esagera quando accetta di vegliare per una notte, in una villa solitaria, il cadavere di una giovinetta. Spavaldi e ambiziosi, i fratelli Gentili volano troppo in alto, sognando di essere gli eredi di Scorsese; e fatalmente cadono giù per terra. Da Sette, 03 giugno 2010

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Ambizioso e ridicolo giallo, scritto e diretto dai debuttanti fratelli milanesi Filippo e Dino Gentili. In breve: l'indebitato operaio Rocco (Massimo De Santis) accetta, per mille euro, di fare compagnia all'amico Gianni, reclutato da un misterioso riccone (Giorgio Col angeli) per vegliare tutta la notte nella villa la diletta figlia defunta. Nel manipolo di personaggi di rara inconsistenza e indiscutibile [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

Avevamo incontrato i fratelli Gentili qualche tempo fa quando vollero farci partecipi dell'odissea produttiva e distributiva che ha accompagnato questo loro esordio. Il riconoscimento dell'interesse culturale nazionale per la sceneggiatura, poi il blocco dei fondi, la causa e la relativa transazione, e poi la lunga e penosa e ricerca di un distributore, di qualcuno che credesse in due esordienti alle [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Lutto in una notte. Il silenzioso Rocco, operaio precario taciturno e perbene, viene convinto da un amico scavezzacollo ad aspettare l'arrivo dell'alba in una villa fuori città. Cinquecento euro in nero a testa per vegliare il cadavere di una ragazza. Se la premessa suona macabra il resto diventa il regno del pericolo: figli viziati eroinomani, rumeni romantici che vogliono vendetta, pistole, sprangate [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Non è il solito film italiano «duecamere&cucina» anche se girato quasi tutto dentro a una villa in abbandono questo esordio dei fratelli Gentili, sceneggiatori tra gli altri per Carlo Lizzani (Hotel Meina) e per Roberto Faenza (I giorni dell'abbandono). La scommessa è quella del film di «genere», un noir obliquo di fantasmi e rimossi familiari che si svolge tutto in una notte.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati