La commedia del potere

Film 2006 | Drammatico 110 min.

Regia di Claude Chabrol. Un film Da vedere 2006 con Isabelle Huppert, François Berléand, Patrick Bruel, Robin Renucci, Marilyne Canto. Cast completo Titolo originale: L'ivresse du pouvoir. Genere Drammatico - Francia, 2006, durata 110 minuti. Uscita cinema venerdì 6 ottobre 2006 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 3,17 su 20 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La commedia del potere tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La giustizia ha qualche chance di migliorare il mondo? Chabrol risponde. Ambiguo come sempre. In Italia al Box Office La commedia del potere ha incassato 160 mila euro .

La commedia del potere è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,17/5
MYMOVIES 3,75
CRITICA 3,00
PUBBLICO 2,63
CONSIGLIATO SÌ
Chabrol continua brillantemente il suo studio dell'umanità attraverso i suoi comportamenti e i suoi abiti mentali.
Recensione di Francesca Felletti
Recensione di Francesca Felletti

Uno Chabrol apparentemente anomalo: fuori dalla periferia francese, senza adulteri, senza morti con Isabelle Huppert in un ruolo sorprendentemente moralista. Il magistrato Jeanne Charmant-Killman ("affascinante omicida" nel divertente gioco di parole poliglotta che ben si addice all'attrice francese) sta indagando su un caso di appropriazione indebita di fondi pubblici da parte di un importante conglomerato di industrie francesi. Nomi, cognomi, capi di imputazione e dossier vengono a galla facendo cadere alcune alte cariche dell'organizzazione. In realtà il tema di fondo è sempre lo stesso: lo studio dell'umanità attraverso i suoi comportamenti e i suoi abiti mentali. Il titolo originale: L'ivresse du pouvoir, letteralmente l'ebbrezza del potere, è quella che contagia Jeanne via via che scopre la sua capacità di agire sulla realtà. Il lavoro la porta in un vortice talmente profondo da farle totalmente trascurare la sua vita familiare. Per questo la Charmant-Killman-Piranha (come sottolineato dall'ironica sequenza in cui dopo essere stata associata al vorace pesce, la vediamo davanti a un acquario intenta a mangiare sushi) diventa la causa indiretta del tentato suicidio del marito. Solo alla fine si accorgerà che "c'è ancora un sacco di sporco sia a destra che a sinistra" e, forse, finirà la sua lotta donchisciottesca.

Sei d'accordo con Francesca Felletti?
Recensione di Stefano Lo Verme

L'inflessibile magistrato Jeanne Charmant-Killman, soprannominata "il Piraña", fa arrestare Michel Humeau, presidente di un importante gruppo industriale, con l'accusa di concussione ed appropriazione indebita di fondi pubblici, dando così inizio ad un'indagine senza quartiere volta a smascherare i loschi legami tra finanza e politica. E mentre il marcio continua a venire a galla, il giudice acquista sempre più potere...
Fino a dove può arrivare il potere senza andare a scontrarsi con un potere più forte? Quanto può resistere la natura umana di fronte all'ebbrezza del potere? Sono questi i due interrogativi che ci pone davanti il veterano Claude Chabrol con La commedia del potere, dramma al vetriolo che ci racconta una torbida storia di corruzione nelle alte sfere della finanza e della politica. Presentato al Festival di Berlino nel 2006, il film di Chabrol (sceneggiato dallo stesso regista insieme ad Odile Barski) è ispirato al famigerato Affare Elf-Aquitaine, uno dei più clamorosi scandali della cronaca degli ultimi anni (una vera e propria Tangentopoli francese); ma senza alcuna pretesa documentaristica, Chabrol si limita a prendere spunto da fatti reali per formulare una caustica riflessione sui temi del potere e della giustizia, e per analizzare le dinamiche comportamentali che regolano i rapporti fra gli individui all'interno della nostra società.
Protagonista assoluta della pellicola è Isabelle Huppert, attrice / musa di Chabrol, qui alla sua settima collaborazione con il maestro: nel film, la Huppert interpreta il ruolo di Jeanne Charmant-Killman ("affascinante omicida", un cognome fin troppo allusivo), un pubblico ministero dal carattere di ferro che, con incrollabile determinazione, non esita a scavare nel fango per portare alla luce le magagne di un importante conglomerato di industrie francesi, legate ai vertici della politica da una fitta rete di tangenti e di illecite spartizioni di denaro. Implacabile giustiziera, la Charmant-Killman inchioda una dopo l'altra tutte le persone coinvolte nella vicenda, mettendole con le spalle al muro nel corso di interrogatori durante i quali le smaschera semplicemente elencando una serie di dati e di cifre inoppugnabili. E più l'indagine si allarga, più lo sporco viene fuori... ma fino a che punto al giudice sarà permesso portare avanti la propria inchiesta?
Con uno stile asciutto e misurato, Chabrol ci illustra il lavoro del pubblico ministero che, con i suoi guanti rossi, scoperchia un vermaio senza precedenti, sebbene nel frattempo il suo ménage con il marito Philippe (Robin Renucci) vada a rotoli. E intanto, Jeanne diventa sempre più forte ed influente, contagiata anche lei da quella "ebbrezza del potere" a cui fa riferimento il titolo originale del film (L'ivresse du pouvoir). La sagace sceneggiatura di Chabrol non manca di sottolineare le sottili ambiguità nelle relazioni fra il magistrato ed i vari personaggi (il nipote Félix, il politico Jacques Sibaud, la sua collega Erika), regalando alla protagonista alcune battute da antologia ("La mia gratifica se la tenga e ci si compri un paio di palle!") e chiudendo con un finale dal sapore amaro nel quale Jeanne si troverà ancora una volta faccia a faccia con Michel Humeau (François Berléand), l'uomo al quale aveva distrutto l'esistenza. Superba l'interpretazione della Huppert, in apparenza fredda e controllata, ma capace al contempo di suggerire le tensioni inespresse della propria eroina.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

L'avvertimento iniziale che nega qualsiasi riferimento a personaggi reali è, insieme, vero e ironico. Tutto è inventato nel film, scritto da Odile Barski con il vecchio C. Chabrol che continua a credere nei rapporti e nella lotta di classe, ma anche ispirato allo scandalo politico dell'affare Elf che scosse la Francia alla fine degli anni '80: quello dei dirigenti di un potente gruppo finanziario che - con corruzioni, accordi segreti e compromessi politici - si arricchirono impuniti finché non si intromise Eva Joly, giudice istruttore. Impregnato di un'analisi comportamentale più che psicologica, ha diversi motivi di interesse: l'interpretazione di I. Huppert (ben doppiata da Angiola Baggi), al suo 7° film di Chabrol, ammirevole nel suggerire la mescolanza di forza combattiva e di intima fragilità di Jeanne Charmant-Killman (un nome pesantemente allusivo); l'ambiguità dei suoi rapporti con il nipote Fèlix (T. Chabrol), con il politico Sibaud (P. Bruel) e con il marito (R. Renucci); l'esercizio hitchcockiano della realtà nascosta dalle apparenze; l'evoluzione di Jeanne verso la pietà mentre si avvia alla sconfitta finale. L'ebbrezza del titolo originale riguarda anche lei che persegue un ideale di giustizia, ubriaca di potere e ancora ignara che esistono poteri più forti del suo. La sua battuta conclusiva - "Qu'ils se démerdent!" ("Che se la sbroglino!") - è quella dello scettico Chabrol.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
LA COMMEDIA DEL POTERE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 15 agosto 2012
kondor17

L'introspettor Chabrol si tuffa questa volta a capofitto nel malaffare d'oltre manica. E lo fa con la solita nonchalance tutta francese, descrivendo con sagace maestria del linguaggio scenico la corruzione economico-politico-giudiziaria che, ahimè-ahinoi, infetta anche la Francia; raccontandoci dagli occhi di un giudice come certe battaglie rivolte al mondo del malaffare e, perch&egra [...] Vai alla recensione »

domenica 15 settembre 2013
serpis

Sono sempre stato un estimatore di Chabrol con le sue partenze sempre ammantate di normalità che con l'evolversi della trama diventano giochi perversi di sentimenti e azioni. Qui non è così,la corruzione in tutte le sue forme viene cercata,scoperta e una parte sconfitta.Forse è un film che esce dagli schemi di scoperta del sordido nel comportamento umano,ma resta sempre la ricerca del lato oscuro che [...] Vai alla recensione »

Frasi
te la puoi tenere la mia gratifica, usala per comprarti le palle....
Jeanne (Isabelle Huppert)
dal film La commedia del potere - a cura di rosa
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Dario Zonta
L'Unità

Jeanne Charmant Killmann ha il volto diafano disseminato di lentiggini, la pelle di carta velina sul punto di incresparsi, le labbra fini di un rossetto passato in fretta, gli occhi piccoli cerchiati dalla montatura rigorosa di occhiali color malva. Ha una eleganza severa, tradita dal rosso molesto di guanti sfoggiati per vendetta. II suo nome, dolce nella dizione francese, svela nella sua traduzione [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

È gelida e decisa, Jeanne Charmant Killman (Isabelle Huppert). Lo è quanto lo sguardo di ferro della Huppert, tagliente come sempre, e forse più di sempre. II suo modello nella cronaca è Eva Joly, nota in Francia per l'affaire Elf, caso eclatante di corruzione e sperpero di denaro pubblico. Eppure, già nei titoli di testa Claude Chabrol e la cosceneggiatrice Odile Barski negano che La commedia del [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Ciak

Uno scandalo finanziario colossale. Una giudice che indaga. Un finanziere che vede il suo mondo crollare. Così, mentre lui perde comando e prestigio, lei, inebriata dalla sua stessa potenza si trasforma progressivamente in una crudele vessatrice, arrivando a manipolare e distruggere rapporti familiari e anche professionali. Sulla scia dello scandalo Elf, che ha sconvolto la Francia, Chabrol costruisce [...] Vai alla recensione »

Federico Pedroni
Film TV

Jeanne Charmant Killmann (e il nome non sembra certo un caso) è un integerrimo pubblico ministero che indaga su un complicato caso di corruzione che coinvolge, a più livelli, i piani alti dell'industria e della politica francese e che finirà per travolgere lei e la sua traballante vita privata. In La commedia del potere (versione italiana del più acuto titolo originale L'ebbrezza del potere) Claude [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

La Bim distribuisce spesso buoni film, magari acquistati prima che vengano premiati nei grossi festival. Tanto acume non è sempre adeguatamente servito dai titoli che sono scelti per la versione italiana, soprattutto quando variano rispetto gli originali. Così L'ivresse du pouvoir (L'ebbrezza del potere) di Claude Chabrol, presentato all'ultima Berlinale, esce da noi otto mesi dopo come La commedia [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati