I segreti di Brokeback Mountain

Acquista su Ibs.it   Soundtrack I segreti di Brokeback Mountain   Dvd I segreti di Brokeback Mountain   Blu-Ray I segreti di Brokeback Mountain  
Un film di Ang Lee. Con Jake Gyllenhaal, Heath Ledger, Michelle Williams, Anne Hathaway, Randy Quaid.
continua»
Titolo originale Brokeback Mountain. Drammatico, durata 134 min. - USA 2005. - Bim Distribuzione uscita venerdì 20 gennaio 2006. - VM 14 - MYMONETRO I segreti di Brokeback Mountain * * * 1/2 - valutazione media: 3,78 su 492 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

L'amore negletto Valutazione 4 stelle su cinque

di Redmond Barry


Feedback: 0
sabato 13 gennaio 2007

Stranezze ed imprevedibilità della settima arte sono anche questa. Quando lo stesso regista di blockbuster come Hulk & La tigre e il dragone riesce dove registi unanimemente più considerati non riescono. Anche se,ad onor del vero bisogna devo dire che è forse proprio perché non sembra un film di Ang Lee! Infatti più scorreva la bobina e più credevo di vedere un’opera di Van Sant,in particolare per i tempi della regia. Ma non è cosi',questo è davvero un film di Ang Lee,quindi chiedo venia al regista per questo screanzato dubbio e gli rendo subito il giusto omaggio. Pensare che,in occasione dei patetici Golden globe,il tutto sapeva tanto di contentino,in puro stile Academy. Fatto sta che ad ora tutto svanisce,si,questo post visione è perfino proibitivo,ho ancora troppo vive le immagini del film e quel main theme (semplice ma allo stesso tempo tremendamente accattivante),non riesco proprio a togliermelo dalla mente.. Comincio quindi,dal principio,dai primi fotogrammi,in modo da riuscire a ripercorrere cronologiamente il film... I due protagonisti son subito presenti,ma non parlano per diversi minuti. Si "limitano",l'uno (Ennis) ad una presenza statuaria,l'altro (Jack) ad un continuo gioco di sguardi. (lo specchietto che ritornerà poi nella scena di quel che sarà il loro momentaneo addio..) e,sin da subito,siamo già alla prima questione rilevante : ma quanto contano le parole in questo film? Non molto,contano molto infatti di più le situazioni,il linguaggio del corpo,rispetto ai dialoghi. Son quelle a coivolgerti,a rapirti,anche perchè è proprio attraverso le loro movenze,le loro reazioni,che Lee (volutamente) mette in chiaro quello che sarà il loro "ruolo" nel film e la loro personalità. Attraverso gesti,allusioni,rimandi,più o meno facili da cogliere ci porta nella loro dimensione per gradi (non per nulla è una crescita quella alla quale assistiamo) senza mai rischiare di creare stereotipi ma limitandosi a farci vedere due ragazzi assolutamente comuni. Dovendoli presentare direi che Ennis non riesce proprio,se non in rari attimi (l'abbraccio finale è una scena dolcissima dove perde improvvisamente quei modi da duro e solitario che lo avevan caraterizzato durante tutta la sua vita),ad uscire dal guscio che nel tempo ha forgiato per tenere lontano il mondo. Jack invece è fin troppo espansivo,ma è una maschera,essendo tutt'altro che sicuro di se,deve arrivare allo scontro per tirare fuori quello che ha davvero dentro. Non a caso la "tanto attesa" reazione nei confronti del genero è uno dei pochissimi ruggiti di una vita sempre vissuta senza mai alzare la testa,nel continuo tentativo di inseguire la compiacenza di chi lo circonda sperando che questa ne causi una per se. Logicamente però finisce sempre con l'esser preso a schiaffi dalla vita che non gli consentirà mai d'aver quel che tanto brama,finirà con l'inseguire invano il suo sogno di una normalità impossibile data la realtà aleatoria del suo amore. L'atmosfera è tipica del western classico,con spazi ed inquadrature ad ampio respiro,a questo proposito solo in I cancelli del cielo ricordo spazi aperti tanto meravigliosi. Anche i tempi cinematografici sono da western,con la differenza che qui le "pause" non son fini a loro stesse ma fungono da parentesi tra un incontro e l’altro. Gli incontri avvengono lungo l'arco d’una vita intera e son trattati praticamente come fossero una sorta di suddivisione in capitoli. (traendo in parte la cosa dal libro e sviluppandola) L'aspetto più interessante è come la visione di questa pellicola sfati il pensiero limitativo di trovarsi di fronte ad un film gay o comunque film sulle tematiche gay,perchè il loro amore e le loro emozioni,come le paure sono le stesse che tutti noi proviamo o abbiamo provato crescendo,non ha alcuna importanza esser etero o gay appunto,forse ne ha invece esser più o meno sensibili,perchè con disgusto o potuto trovare in sala (fortunatamente mi siedo sempre davanti in modo da non esser disturbato) qualche bigotto scandalizzato. Ma qui non c'è e non si cerca nè lo scandalo nè la provocazione,perchè il loro rapporto è intenso,dolce, tormentato cosi' come lo sono i grandi amori. Purtroppo è condannato ad esser clandestino,forzatamente clandestino come il più classico dei “matrimoni che non sa da fare”,non solo certo perché c’è sempre di fondo una paura di non poter esprimere liberamente i propri sentimenti ma perché non si sa,vuole,rinunciare a quella stessa normalità comunemente accettata che li rende emarginati. Quelle montagne,sogno e tormento,limitano i confini della loro passione destinata a rimaner vincolata a Brokeback Mountain appunto. Jack lo comprende,ormai disperato solo nel finale,Ennis forse per questo più tormentato e distante l’aveva compreso da tempo. E proprio perché tormentata,limitata,soffocata,questa passione vive di esplosioni, improvvise e che come tali bruciano in fretta finendo con l'interrompersi altrettanto bruscamente e lasciare un sensazione come di spaesamento,dove da un abbraccio ed un bacio appassionato in pochi attimi si torna alla patetica fasulla quiete,alla maschera della routine,quella che si deve forzatamente mostrare al mondo. Ed ora passo al cast,partendo dalla vera sorpresa,ovvero un Heath Ledger che mi ha davvero preso in contropiede,dato che non l'ho mai stimato come attore ed invece,salvo il suo ovvio limite nelle espressioni facciali,credo sia nettamente salito di colpi,trovando la sua miglior prova recitativa dell’intera carriera. Jake Gyllenhaal invece lo apprezzavo già parecchio,non solo per Donnie Darko,ma perchè lui,anche in film pessimi e pieni solo di effettacci (come L'alba del giorno dopo) sapeva distinguersi. Qui è spesso sopra le righe e dimostra di sapersela cavare egregiamente,risulta tremendamente convincente,specie con quegli occhi,un po’ da cane bastonato,ma davvero comunicativi. Michelle Williams infine è decisamente migliorata rispetto ai tempi dei telefilm (Dawson Creek),anche se onestamente risulta sempre un po' forzata. Infine vorrei sottolineare come la forza del film di Lee stia proprio nel suo non voler mai eccedere,specie nei primi piani, cerca il loro volto ed i loro sguardi ripetutamente ma,non a caso,spesso quando portano il capello,questo rappresenta una sorta di schermo protettivo,dietro il quale infatti spesso si celano i loro occhi. Nel complesso il tutto è meravigliosamente travolgente,come le passioni che tolgon il fiato,riesce a non esser mai pesante,non scade in retoriche ed in facili moralismi,è un film dove anche la morte è velata perchè non c'è alcun bisogno di drammatizzare con finte immagini è molto più rilevante farlo attraverso gli occhi di Ennis e di quel "ricordo" che non sarà sparso in quelle montagne ma è riuscito,anche se troppo tardi,ad aprire un breccia nel suo cuore. .

[+] lascia un commento a redmond barry »
Sei d'accordo con la recensione di Redmond Barry?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
50%
No
50%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
serena sabato 20 gennaio 2007
bravo
0%
No
0%

ottima recensione!penso di aver capito che sei una persona molto aperta di mente e che hai saputo interpretare beneil film in questione. Il tema del film mi è entrato nelle vene e provo un certo rispetto per le persone costrette a vivere segretamente

[+] lascia un commento a serena »
d'accordo?
I segreti di Brokeback Mountain | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | claudio
  2° | paolo
  3° | ry
  4° | kicker
  5° | riccardo
  6° | il cuore a pezzi
  7° | fede
  8° | hermann
  9° | alex
10° | lukas
11° | vale
12° | marco
13° | mat77
14° | faby
15° | claude
16° | darko
17° | miry
18° | chiara
19° | alberto86
20° | francesco.ve
21° | pierluigi79
22° | vlr1506
23° | angela
24° | ale
25° | diomede917
26° | fede
27° | giuseppe 1963
28° | a.l
29° | angela
30° | anele
31° | ennis del mar
32° | gattorosso
33° | marco
34° | belisario1963
35° | luca84
36° | antonio
37° | biagio
38° | filippo catani
39° | alberto86
40° | alex
41° | simo88
42° | kiky1609
43° | pierluigi
44° | tiziano76
45° | rica
46° | elena
47° | ad
48° | ciospe
49° | daniela6565
50° | roby
51° | peter
52° | selene
53° | nikki schwartz
54° | camilla
55° | totò
56° | paolo
57° | velna
58° | luc81
59° | dormi
60° | ivy
61° | vlad.
62° | girolamolonardo
63° | pierluigi79
64° | pierluigi79
65° | willy
66° | simone77
67° | fulvia
68° | valerio 76
69° | pierluigi79
70° | clau87!!
71° | jacopo b98
72° | redmond barry
73° | rongiu
74° | rongiu
75° | alessandro
76° | charmed
77° | francesco22
78° | giuliettina91
79° | chriss
80° | aldo marchioni
81° | giuseppe th. dreyer
82° | nazareno nicoletti
83° | xyz
84° | angelo
85° | lorenza
86° | serenella
87° | ad
88° | tomtm
89° | ciro
90° | fabio
91° | fralala
Festival di Venezia (1)
Premio Oscar (13)
Golden Globes (14)
David di Donatello (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità