Ladykillers

Film 2004 | Commedia 104 min.

Titolo originaleThe Ladykillers
Anno2004
GenereCommedia
ProduzioneUSA
Durata104 minuti
Regia diEthan Coen, Joel Coen
AttoriTom Hanks, Irma P. Hall, Marlon Wayans, J.K. Simmons, Tzi Ma, Ryan Hurst Diane Delano, George Wallace (II), Stephen Root.
MYmonetro 3,06 su 42 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ethan Coen, Joel Coen. Un film con Tom Hanks, Irma P. Hall, Marlon Wayans, J.K. Simmons, Tzi Ma, Ryan Hurst. Cast completo Titolo originale: The Ladykillers. Genere Commedia - USA, 2004, durata 104 minuti. - MYmonetro 3,06 su 42 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ladykillers tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Premessa: I Coen sono i Coen. Tautologico ma vero. Perche' qualsiasi materia tocchino, ivi compreso il remake come in questo caso, la trasformano in un oggetto prezioso per raffinatezza e cinefilia. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, In Italia al Box Office Ladykillers ha incassato 2,8 milioni di euro .

Ladykillers è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,06/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,09
CONSIGLIATO SÌ
Tom Hanks al servizio della comicità colta dei Coen.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Premessa: I Coen sono i Coen. Tautologico ma vero. Perche' qualsiasi materia tocchino, ivi compreso il remake come in questo caso, la trasformano in un oggetto prezioso per raffinatezza e cinefilia. "La Signora Omicidi", un classico che pero' oggi e' difficile poter rivedere diventa l'occasione per raccontare con sottile ironia il Sud degli States rivisitandone la cultura musicale come era stato fatto in "Fratello dove sei?" Questa volta offre ai due fratelli la lama affilata del suo versante istrionico un nuovo acquisto: Tom Hanks. Il quale veste i panni di un sedicente letterato dai modi seducenti al fine di introdursi in casa di un'anziana signora di colore e sfruttare la contiguita' della sua cantina con il caveau del locale casino'. L'unico difetto dei Coen, perche' ne hanno uno, e' quello di sapere di essere colti e di non perdere occasione per dimostrarlo. questa volta pero' il divertimento non viene soverchiato dal sapere tanto che vi possiamo suggerire di seguire un personaggio importante ma che potrebbe non sembrare tale: il gatto. Fatelo e non ve ne pentirete. Cosi' come farete bene a seguire tutti i titoli di coda. e' dal tempo dei "Blues Brothers" che non si aveva un finale musicale cosi' 'vivo'.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
LADYKILLERS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,25
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 21 ottobre 2010
cronix1981

Non lasciatevi impressionare dalle critiche dei duri e puri, o dal giudizio negativo espresso dalla critica: questo Ladykillers (remake de "La signora omicidi" del 1955) ha un'impronta tipicamente e marcatamente grottesca, surreale e beffarda. Una brillante commedia-noir ben diretta dai più talentuosi fratelli che il cinema abbia mai avuto.

domenica 15 maggio 2016
Luigi Chierico

I fratelli Ethan e Joel Coen alla regia di questo spassoso film affidano la buona sorte ad un attore di grande prestigio qual è Tom Hanks nella parte del professor Goldthwait Higginson Dorr III, che deve vedersela con la signora Marva Munson, l’ottima interprete Irma P. Hall. Per chi ha visto 50 anni prima “La signora omicidi” il titolo è sembrato nuovo, ma questo perché nel 1955 i film portavano il [...] Vai alla recensione »

martedì 29 marzo 2016
enzo70

Tom Hanks ed i fratelli Coen ed allora ecco gli ingredienti per un gran bel film, semplice, gustoso ed elegante. La storia per farla in breve è quella di un gruppo di criminali che per realizzare il colpo hanno bisogno di una base logistica: la casa di un’anziana signora di colore. Ma una storia semplice diventa in mano ai Coen e grazie all’interpretazione eccezionale di Tom Hanks [...] Vai alla recensione »

domenica 12 ottobre 2014
Alexander 1986

Mississippi, anni '50. La casa di una gentile vecchina tutta chiesa e nostalgia per il marito defunto (Irma P. Hall) diventa il covo di una gang di banditi improvvisati. Il leader, un buffo tipino pseudointellettuale dal verbo forbito (Tom Hanks), progetta il colpo della vita ma forse sbaglia nella scelta dei compagni e del luogo di ritrovo. La padrona di casa, tanto buona e inoffensiva, gli metterà [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 settembre 2011
il_marco

Una commedia grottesca, irriverente e insolita. Già dall'inizio si rimane incantati dai paesaggi sud Usa e dalla musica simil-country. Una vecchina di colore, zoppicante e brontolona, probabilmente troppo stereotipata è il primo personaggio che compare in scena. Anche se è il remake di un film inglese del 1955 i Coen ci mettono del loro, cambaindo scenografie, il comportamento e la razza della vecchia [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 maggio 2010
Inertiatic

Già dai titoli iniziali si vede che c'è qualcosa di strano, rispetto al solito, in questo lavoro dei Coen, remake del film del 1955 La signora omicidi di Alexander Mackendrick (non che gli altri non siano strani, diciamo pure uno strano nello strano): scritte che scorrono su un particolare sfondo animato, una cosa un po' insolita.

lunedì 8 giugno 2009
paride86

"Ladykillers" è una garbata commedia nello stile dei Coen, ma stavolta un po' sottotono. All'improvviso, verso la fine, cambia registro e vira verso l'umorismo nero, ma sempre imperniata da una sostanziosa morale. Tra gli attori si distinguono sicuramente Hanks ma soprattutto Wayans, tanto bravo quanto fastidioso è il suo personaggio. Poco brillante e molto stereotipata.

giovedì 1 marzo 2012
-Drake

All'inizio mi aveva deluso, ma l'ho rivisto da poco, e, porca miseria, è fantastico. Una storia carina, battute divertentissime. Consigliatissimo per passare un'ora e mezza di completa felicità. Cohen grandi come sempre!

martedì 13 ottobre 2009
CAPPELLaiO MATT.O

a me è piaciuto molto..e tom hanks così come il doppiatore italiano han fatto una prestazione super! poi il finale è super! i coen son sempre bravi!

martedì 5 aprile 2016
aabbaa

I fratelli Coen sono riusciti a sfornare un altro valido film

martedì 5 aprile 2016
aabbaa

Bel film firmato Coen

martedì 5 aprile 2016
aabbaa

Ennesimo bel film firmato Coen

martedì 28 dicembre 2010
Robi Neftali

venerdì 4 giugno 2010
Alex41

E' un film abbastanza carino, cioè la trama non è un granché, eppure il contenuto è più che discreto. Salvo comunque alcuni punti: 1) L'interpretazione straordinaria di Tom Hanks. La prima volta che lo vidi rimasi steso, perchè non sembra neanche lui. Ecco perchè considero Tom Hanks uno dei più grandi attori del cinema insieme a Robert [...] Vai alla recensione »

Frasi
Al mondo esistono due tipi di persone: quelli che hanno l'emorroidi e quelli a cui verranno.
Una frase di La signora Munson (Irma P. Hall)
dal film Ladykillers
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Ai fratelli Coen tocca il destino dei primi della classe. Indiscussi campioni di categoria nella commedia nera, appena fanno un "compito" al di sotto del 10 vengono sgridati e ammoniti proprio dai fan più accaniti, subito pronti a sospettare che stiano perdendo la vena. E' avvenuto con il penultimo film, "Prima ti sposo, poi ti rovino", e potrebbe ripetersi ora (almeno a giudicare dagli umori registrati [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Cannes molto divertente, molto americano: bisogna conoscere bene il Sud degli Stati Uniti per apprezzare l'ironia con cui Joel e Ethan Coen ne descrivono personaggi, costumi, umori in The Ladykillers (in concorso), rifacimento de La signora omicidi del 1955 con Alec Guinness. Risuonano le vecchie canzoni; sul Mississippi passa lento un battello carico di spazzatura, diretto all'isola in mezzo al grande [...] Vai alla recensione »

Natalia Aspesi
La Repubblica

Si può arricciare il naso, solo un po’ naturalmente, davanti all’ultimo film dei famosi fratelli Joel e Ethan Coen, autori di film immemorabili per cinefili (meno per il pubblico), quali Barton Fink, che nell’atmosfera entusiasta e vivace dei 1991 spinse una giuria particolarmente controcorrente a assegnagli tre premi, Palma d’oro, miglior regia, e quello di miglior attore al protagonista John Turturro? [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Ciak

Sulla chiatta dei rifiuti che scorre lenta e regolare sul Mississjppi cadono i cadaveri, quelli degli allocchi compari criminali che si ammazzano l’un l’altro. L’insopportabile gatto di casa ha la maschera antigas e (Irma P. Hai, premio speciale a Cannes) sconfigge, a colpi di paradosso, giustizia, fede e un manipolo di rassegnati poliziotti. Nonché i truffatori da black comedy che si riuniscono in [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

«Let Your Light Shine on Me», canta la tenace Marva Munson (Irma P. Hall) alla fine di The Ladykillers (Usa, 2004, 104’). Insieme con i fratelli e le sorelle in Cristo, invoca luce e salvezza su di sé, oltre che sulla sua piccola città. E ne ha ben motivo. Certo, il posto, sembra tranquillo. In giro non ci sono brutti ceffi (a parte qualche fanatico dell’hiphop).

Emanuela Martini
Il Sole-24 Ore

Con l’anno 1955, la Gran Bretagna era da poco uscita dall’austerità bellica e postbellica fitta di tessere del razionamento, a Londra erano ancora ben visibili i segni dei blitz aerei tedeschi, i laburisti (che avevano vinto le elezioni nel 1945) avevano ceduto il posto ai conservatori (nel 1951), Elisabetta era stata incoronata regina nel 1953 con una diretta televisiva che in pochi mesi aveva fatto [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Là dove scorre il placido e immenso Mississippi si prepara un colpo da prima pagina. II professor Dorr (Tom Hanks) e i suoi quattro improbabili compagni stanno per mettere le mani su un colossale grisbi, contenuto nella cassaforte del locale casinò. Già, ma come entrare nel sorvegliatissimo antro che custodisce tanto ben didio? Semplice: basta scavare un lungo tunnel, con partenza da un’abitazione [...] Vai alla recensione »

Massimo Lastrucci
Ciak

Una questione turba la solitamente placida critica cinematografica italiana: «Non è che abbiamo esagerato a definire grandi autori i Coen?». È partita così una campagna di demolizione all’insegna di «Il loro film migliore è stato il primo, Blood Simple», oppure: «Il loro amico e sodale Sam Raimi è mollto più bravo (di loro)». Esagerazioni per amor di polemica, naturalmente.

Alberto Crespi
L'Unità

La «Signora Omicidi» esiste solo in Italia: è la traduzione sbagliata, ma geniale, del titolo The Ladykillers (che alla lettera significa «gli assassini della signora»). Lo pensò, nel lontano 1955, chi importò nel nostro mercato quel gioiellino della commedia inglese anni '50, nota con il nome (dagli studi nella periferia londinese dove i film venivano girati) di «commedia di Ealing».

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Mettiamola così: se i fratelli Coen si mettono a fare film non da fratelli Coen, saranno ancora i fratelli Coen? Dietro il bisticcio, il problema è serio. Si tratta di concedere o meno a due fra i massimi autori di oggi il diritto di abbassare il tiro sfornando film di pura (ma strepitosa) confezione come Prima ti sposo, poi ti rovino e ora Ladykillers , remake della Signora Omicidi , celebre commedia [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Prendiamola da un’angolazione insolita: Torn Hanks contro Alec Guinness. Il senso di Ladykillers è tutto lì: nella voglia di un divo uno dei pochi, veri divi sopravvissuti alla svolta del millennio e alla fine del cinema classico di misurarsi con un monumento della recitazione. C’è di tutto, in questa sfida: l’America contro l’Inghilterra (quindi la figlia contro la madre, in un conflitto edipico [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Molto divertente, molto americano nell'ironia esercitata su personaggi, umori, costumi del Sud degli Stati Uniti, molto abile nelle variazioni ideate rifacendo La signora omicidi, 1955, con Alec Guinness e Peter Sellers, ma con un difetto, una mancanza. Joel e Ethan Coen, anche nei loro film più comici, hanno sempre dato alle risate un senso forte e sardonico di critica sociale o di costumi: in Ladykillers, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Non sparate sui fratelli Coen. Bisogna essere davvero ingenerosi e molto miopi per non vedere che anche in un film d’occasione come Ladykillers , remake dell’inglesissimo La signora omicidi , gli autori di Barton Fink riversano tesori di inventiva e di personalità. A partire dall’ambientazione, un paesetto del Mississippi, e dal disegno dei personaggi: una banda di dementi che affittano la cantina [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

La rinuncia più incomprensibile nella sceneggiatura rielaborata da Ethan e Joel Coen su quella della Signora omicidi di William Rose è quella al ruolo centrale e inconsapevolmente attivo che la vecchia signora Wilberforce assumeva nel piano criminale dei suoi ospiti. Era cioè lei a ritirare il malloppo dal deposito bagagli della stazione di St. Pancras, lei della quale (pensava acutamente e giustamente [...] Vai alla recensione »

Alberto Dentice
L'Espresso

Si sa che i fratelli Coen amano gli idioti. Non gli idioti grandiosi alla Dostoevskij ma i veri imbranati, dalla stupidità insondabile che abbondano nei loro film: dai criminali catastrofici di Barton Fink agli inetti ladridi bambini di Arizona junior, ai balordi rapitori di Fargo, i registi contemplano i propri scemi con un affetto misto a divertimento.

Valerio Guslandi
Ciak

Un film del fratelli Coen è sempre un avvenimento, anche quando, come in questo caso, il soggetto non è scritto da loro ma deriva da una vecchia pellicola di Alexander Makendrick. La signora omicidi, con Alec Guinness e un giovane e paffuto Peter Selers. Spostata l’ambientazione dall’Inghilterra del 1955 al profondo Sud degli Stati Uniti dei giorni nostri, la vicenda non cambia: un gruppo di finti [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

All’ultimo Festival di Cannes, politico come tutte queste manifestazioni, la commedia gialla Ladykillers (cioè sciupafemmine, non assassini di signore) ha preso il secondario Premio - non il primario Gran premio della giuria. Non meritava nemmeno quello, ma era firmato dai Coen, esponenti della esigua Hollywood che accetta di partecipare in concorso, anziché fuori, quindi da confortare per il suo [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Nello strampalato verdetto dell'ultimo festival di Cannes spunta anche la sigla dei fratelli Coen, proprio quando, però, l'inventiva sembra diventata inversamente proporzionale al manierismo: Ladykillers, remake de La signora omicidi del '55, si va a piazzare ai livelli più bassi della loro filmografia, e non solo perché decisamente inferiore alla rinomata commedia con Alec Guinness.

winner
premio della giuria
Festival di Cannes
2004
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati