Il mare [2]

Film 2002 | Drammatico 109 min.

Titolo originaleHafid (The Sea)
Anno2002
GenereDrammatico
ProduzioneNorvegia
Durata109 minuti
Regia diBaltasar Kormákur
AttoriGunnar Eyjólfsson, Hilmir Snaer Gudnason, Hélène De Fougerolles, Kristbjörg Kjeld .
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Baltasar Kormákur. Un film con Gunnar Eyjólfsson, Hilmir Snaer Gudnason, Hélène De Fougerolles, Kristbjörg Kjeld. Titolo originale: Hafid (The Sea). Genere Drammatico - Norvegia, 2002, durata 109 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Il mare [2] tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

In uno sperduto villaggio islandese i vecchi pescatori stanno cedendo il passo alle multinazionali per lo sfruttamento del fondale marino.

Il mare [2] è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un villaggio islandese tenta di resistere all'assalto della globalizzazione.
Recensione di Marco Chiani
Recensione di Marco Chiani

Durante la stagione invernale, sull'isola di Capri arriva un attore che cerca di dimenticare una delusione amorosa. In un bar incontra un ragazzo dedito alla bottiglia che comincia a seguirlo in ogni dove: presto le loro solitudini si avvicinano, almeno fino a quando entra in scena una donna, ugualmente delusa dalla vita, che innesca una forte tensione tra i due uomini.
Strano a dirsi, ma l'esordio al cinema di Giuseppe Patroni Griffi, scrittore, drammaturgo e regista teatrale, porta ancora iscritti su di sé i segni della pessima accoglienza riservatagli al Festival di Venezia del 1962. Sfavorevole a quasi tutte le sortite sul grande schermo dell'autore napoletano, negli anni, la critica ha spesso mancato l'appuntamento con una revisione dei vecchi giudizi, specialmente riguardo a questo primo titolo, su cui pesava, allora, una tematica omosessuale neanche troppo velata. In realtà, prima del successo di pubblico di Metti una sera a cena, Patroni Griffi ha già chiaro il mondo poetico in cui vuole muoversi, che è in parte lo stesso della sua letteratura e del suo teatro, un palcoscenico in cui le avanguardie del tempo, l'incipit e la parte ambientata nelle bianche stanze dell'appartamento sembrano tirate vie da un Antonioni in tono minore, si incontrano con un gusto estetizzante in bilico tra D'Annunzio e l'esistenzialismo.
La creazione di una Capri oscura, fotografata all'opposto della cartolina a cui ci ha abituato il cinema italiano, tende a creare una cornice in cui tutto è tagliente, respingente, così com'è inquadrato il rapporto tra i due uomini, estremamente fisico e quasi caricaturale a causa dell'enfatica interpretazione di Umberto Orsini, ma dotato di una vitalità che lo conferma centro di tutto il discorso. In questo, il personaggio di Françoise Prévost, troppo segnato da quella poetica dell'incomunicabilità allora in voga, appare soltanto incidentale, quasi avesse il solo scopo di detonare una passione soffocata e pronta ad esplodere soltanto dopo i titoli di coda.
Cinematograficamente elegante e credibile nella prima parte, esclusi alcuni momenti in cui la letterarietà dei dialoghi sconfina in un simbolismo farsesco, Il mare ha una seconda parte più imprudente, ma di sicura presa drammatica, intellettualismi a parte. In definitiva, un film da salvare e conoscere tanto per la delicatezza di alcuni momenti d'inquietudine esistenziale quanto per il coraggio di mettere in primo piano la nascita di un amore. Ottima la fotografia di Ennio Guarnieri.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Vicino alla morte, Thordur, tirannico capofamiglia degli Ewing che governa il commercio ittico di un villaggio islandese, convoca i familiari. L'arrivo del figlio, quasi da figliol prodigo, che aveva scelto la Francia per completare gli studi, fa da detonatore alla deflagrazione di rancori sopiti, segreti inconfessati, conflitti insabbiati. Scritto e diretto da un noto regista teatrale che si era fatto conoscere nei festival internazionali col film d'esordio 101 Rejkiavik , il 2° lungometraggio di Kormákur è un dramma familiare compatto, esposto con gelido distacco e greve linguaggio registico. Specialmente per spettatori mediterranei i paesaggi islandesi hanno un fascino esotico.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IL MARE [2]
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati