Denti

Film 2000 | Grottesco 98 min.

Regia di Gabriele Salvatores. Un film con Paolo Villaggio, Fabrizio Bentivoglio, Sergio Rubini, Tom Novembre, Angela Goodwin. Cast completo Genere Grottesco - Italia, 2000, durata 98 minuti. - MYmonetro 2,18 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Denti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Antonio, sin da piccolo, ha avuto grossi problemi con due incisivi. Ora che è adulto, se li vede frantumare e corre dal dentista.

Consigliato no!
2,18/5
MYMOVIES 1,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,68
CONSIGLIATO NÌ
Un film con molte carie. Richiedete l'anestetico alla cassa.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Antonio, sin da piccolo, ha avuto grossi problemi con due incisivi sovradimensionati che gli hanno sfigurato il sorriso. Ora che è adulto, divorziato con figlia e con una nuova compagna di cui è molto geloso, se li vede frantumare. Inizia così una peregrinazione da un dentista all'altro per cercare di porre un rimedio definitivo al problema. In pratica però riemergono numerosi ricordi e frustrazioni dell'infanzia e dell'età più matura con un riferimento insistente alla figura materna.
C'era una volta Gabriele Salvatores che raccontava, con una rivisitazione originale della commedia 'all'italiana' i quarantenni postsessantottini. A un certo punto, essendosi sentito dire da più parti che il ciclo era da considerarsi esaurito prese a riflettere sulla Società (Sud) e sulla precarietà del cyberspazio ( Nirvana). Ora é giunto ai Massimi Sistemi (leggi il Senso della Vita etc...). Ma Salvatores non è Greenaway.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Antonio è un insegnante con due problemi - gli incisivi come zanne di castoro e il fantasma della madre, morta quando aveva tredici anni - che gli complicano i rapporti con le donne. Soprattutto con Mara per la quale ha lasciato moglie e figli e che in una lite glieli spacca (gli incisivi) con un posacenere, avviandolo su una spaventevole via crucis dentistica. Da un romanzo (1994) di Domenico Starnone ambientato nel ventre di Napoli, il 9° film di Salvatores è un lambiccato, filosofeggiante, troppo spiegato viaggio di passaggio all'età adulta che si conclude con una terza e liberatoria dentizione. È anche, palesemente e dolorosamente, un neoespressionista e onirico catalogo, con effetti ed effettacci digitali, di sangue sgocciolante, gengive straziate, atti sadici, miasmi sotterranei, urlati disamori, feticismi entusiastici. Punta a coinvolgere lo spettatore nell'avversione per i dentisti, secondi per impopolarità soltanto agli agenti delle tasse, e ha una sequenza in cui il gusto dell'eccesso collima con la forza espressiva, quella di un P. Villaggio surreale che ruba la scena al mattatore S. Rubini.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

DENTI disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 5 luglio 2009
nickcastle91

Giancarlo Zappoli ha ragione, Salvtores non è Greenaway, è qualcosa che più si potrebbe definire come il David Cronenberg italiano. Ha avuto poco riconoscimento per Nirvana, uno dei pochi film fantascientifici italiani degli ultimi tempi, per meglio dire di sempre nel panorama italiano(tralasciando quelli di Antonio Margheriti). Salvatores è uno dei pochi italiani che usa effetti visivi(dignitosi) [...] Vai alla recensione »

mercoledì 7 ottobre 2020
Fabri

Di certo un film sperimentale, che tuttavia non arriva allo spettatore. Era da una stella, ma gli attori mi hanno convinto ad un piccolo incremento Storia con poco senso, a tratti onirica, ma senza un perchè reale. Non lo consiglio.

domenica 20 ottobre 2019
Onufrio

Antonio è ossessionato sin da ragazzino dai propri denti, una dentatura importante che ha negli incisivi il suo punto "forte". La vita intanto scorre, e l'uomo si ritrova con un matrimonio alle spalle, due bambini ed una moglie che ha lasciato perchè ha trovato la passione con la bella e giovane Mara;  durante l'ennesimo litigio tra i due, Mara con un posacenere [...] Vai alla recensione »

domenica 22 gennaio 2012
Alex41

Una grande metafora, scene soffocanti di raccapriccio e impressione fino al voltastomaco, un grande Sergio Rubini in un ruolo magistrale, quasi teatrale, grandiosa colonna sonora (Child In Time dei mitici "Deep Purple"), ottimi i monologhi del protagonista e la sua storia legata tra la gelosia della sua fidanzata con un dentista....e i suoi denti, che fin da ragazzo sono stati per lui una [...] Vai alla recensione »

Frasi
La vita quand'è felice,scorre via veloce
Una frase di Antonio (Sergio Rubini)
dal film Denti - a cura di Statico
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Lusardi
Ciak

Salvatores ha ragione a considerarlo il suo "titolo più indifeso". Ma deve anche andare orgoglioso di questa "fragilità": Denti è territorio libero, fuori dai confini consunti del cinema (non solo italiano). Vale, prima di tutto, per il coraggio creativo e come atto di fede nei confronti della potere dell'immagine. Immaginario onirico, il suo, che non teme né lo sgradevole né il disturbante, e che [...] Vai alla recensione »

Irene Bignardi
La Repubblica

Antonio, il protagonista di Denti, è un bambino infelice. Con la faccia di bambino per poche sequenze. Con quella dell'adulto Sergio Rubini per il resto del film. Ma un bambino lo stesso, perché si porta dietro una profonda infelicità che lo spinge a non accettarsi. Ufficialmente per i suoi orrendi incisivi, che lo vedremo combattere e minacciare per tutto il film, nel tentativo di modificarne il protuberan [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Il bisogno di essere amati fa diventare fragili e violenti", dice il protagonista. Lasciata la famiglia, Sergio Rubini è andato a vivere con una ragazza amatissima della quale è molto geloso: non tanto per amore, sospetto o senso di possesso, quanto per timore della propria inadeguatezza nel confronto con altri uomini o con quella parte della vita di lei che non lo coinvolge.

Silvio Danese
Quotidiano.net

Storia d'amore, saggio di educazione sentimentale, incubo neo-espressionista sull'identità, prova generale per il prossimo colossal fantascientifico in India. Gabriele Salvatores sta cambiando, cercando (e non sempre trovando) una integrazione tra idea e stile, affabulazione e sintesi. Con un buco tra gli incisivi, captando una sorta di "memoria stomatologica", Antonio (Sergio Rubini, mattatore) affronta [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Voce fuori campo filosofeggiante, lungo corridoio oscuro pervicacemente percorso (forse) dalla memoria, vasca da bagno con cadavere muliebre fatto a pezzi (dalla mannaia sgocciola sangue denso), mamma-amante e amante-mamma, loft in accurato stile trasandato, pietre tombali definitive e definitivi effetti speciali digitali, arnesi da dentista messi a bollire in una casseruola lurida su un fornello lurido [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Acci...Denti. Se, come ogni comune mortale, provate un leggero brivido ogni volta che vi sedete sulla poltrona del dentista, tee', siete avvertiti: il film di Gabriele Salvatores vi caccia le mani in bocca senza anestesia. Fuor di metafora: proprio di denti si tratta, due enormi incisivi da castoro che, fin dalla più tenera età, condizionano la vita del protagonista Antonio (interpretato, da grande, [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati