Vacanze romane

Film 1953 | Commedia 119 min.

Regia di William Wyler. Un film Da vedere 1953 con Gregory Peck, Eddie Albert, Audrey Hepburn, Artley Power, Hartley Power, Harcourt Williams. Cast completo Titolo originale: Roman Holiday. Genere Commedia - USA, 1953, durata 119 minuti. - MYmonetro 4,31 su 28 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Vacanze romane tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

A Roma, un giornalista pensa di trarre vantaggio professionale dal suo casuale incontro con una principessa che sta trascorrendo una vacanza in incognita. Il film ha ottenuto 13 candidature e vinto 3 Premi Oscar.

Vacanze romane è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,31/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,47
ASSOLUTAMENTE SÌ
La sobrietà di Wyler per un'avventura romantica indimenticabile, dove il valore di un attimo vale più di qualunque happy ending.
Recensione di Edoardo Becattini
Recensione di Edoardo Becattini

Un cinegiornale annuncia la visita della giovane principessa Anna nelle principali capitali europee. L'ultima tappa è Roma, dove, dopo un ricevimento in ambasciata di fronte a tutte le cariche istituzionali e gli esponenti della nobiltà internazionale, la principessa esausta e frustrata dai suoi impegni diplomatici ha una crisi nervosa. Il dottore di corte le somministra un sonnifero, ma prima che faccia effetto, Anna riesce a fuggire da palazzo nascondendosi nell'autocarro delle vivande. Viene trovata poco dopo sdraiata nei pressi dei Fori Imperiali dal reporter americano Joe Bradley, che, senza averla riconosciuta, cerca invano di metterla su un taxi che la riporti a casa, per poi decidere di ospitarla nel proprio studio. Il giorno dopo, Joe si reca alla redazione del suo giornale e solo là, dopo aver visto una foto sul quotidiano del giorno, comprende chi sia realmente la ragazza che sta dormendo a casa sua. Joe scommette allora col suo capo che per il giorno seguente gli farà avere un articolo esclusivo sulla principessa e mette in allerta un suo amico fotografo.
Dopo aver accompagnato i pedinamenti e il vago errare dei maestri del neorealismo, Roma aveva bisogno di riscoprire la sua dimensione mitica, fiabesca e aprire quella dimensione gioiosa che sarebbe poi diventata caratteristica della Dolce Vita. "Città aperta" da ormai un decennio, popolata da "ladri di biciclette" quanto da fotografi d'assalto (i futuri paparazzi), la capitale italiana viene esplorata da William Wyler in tutta la sua caotica vitalità senza stereotipi né forzature. La Roma del folklore popolare e la Città Eterna dell'incanto romantico convivono in una fiaba dolceamara che rilegge Cenerentola a ruoli invertiti. Illuminato dal sorriso vivace e dalla fresca bellezza di Audrey Hepburn, Wyler sceglie di far interpretare a questa giovane attrice ancora poco conosciuta la principessa inquieta e incuriosita dalla vita al di fuori di palazzi e ambasciate, affiancandole la star più matura e conosciuta di Gregory Peck.
L'Oscar come miglior attrice gli darà ragione e consacrerà la Hepburn al ruolo di Cenerentola glamour del grande schermo (Sabrina, Cenerentola a Parigi). Ma i meriti di Wyler vanno ben oltre la semplice operazione di casting: la sceneggiatura delicata e intelligente di John Dighton e Dalton Trumbo (sostituito dal nome di Ian McLellan Hunter nei titoli a causa dei suoi problemi col maccartismo) trova nella sobrietà della messa in scena di Wyler la cornice più adatta a contenere l'energia esuberante dell'ambientazione romana. L'efficacia della regia la si riconosce in campo lungo quanto nel piccolo dettaglio, nel giocare a carte scoperte con lo spettatore sia quando si sottolinea la noia dell'ufficialità nobiliare con le continue dissolvenze incrociate della scena del ricevimento e il dettaglio della scarpetta della principessa, sia nella sequenza a Castel Sant'Angelo, che scandisce il tumulto di pugni, chitarre usate come mazze e flash fotografici con la grazia di una coreografia.
Alla fine, l'onestà di Wyler rende Vacanze romane più un'avventura romantica che una fiaba alla Frank Capra, un'evasione che conosce il senso della misura e per la quale il valore dell'attimo e di una chiusa efficace risultano più importanti di qualunque happy ending. "E a mezzanotte, me ne tornerò, simile a Cenerentola, là da dove sono evasa." - dice la Hepburn a Peck. Al che lui le risponde: "E sarà la fine di una bella favola".

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
VACANZE ROMANE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
Infinity
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 13 gennaio 2010
riccardo-87

Capolavoro di indescrivibile delicatezza, “Vacanze romane” si fa latore di un messaggio non compreso dai più, di quelli che si leggono solo tra le righe; certo il genere a cui si attribuisce questo splendido film – a cui è una vergogna dare solo due stelle e mezzo – è quello della commedia, ovviamente sullo stile romantico, eppure io noto in questo una fortissima attenzione al concetto di “libertà”. [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 maggio 2015
Luigi Chierico

La Seconda Guerra Mondiale in Italia è finita da appena 8 anni ma a Roma gli americani ci tornano in vacanza, fra i tanti il regista William Wyler con gli attori Gregory Peck, Eddie Albert, Audrey Hepburn, Artley Power, Hartley Power. Il regista, forse affascinato dal Colosseo e dai Fori Romani girerà pochi anni dopo Ben Hur, il colossal che collezionerà 11 Oscar.

mercoledì 4 maggio 2011
mondolariano

Commedia che per alcuni anni tenne bando, soprattutto per essere stato il trampolino di lancio della bellissima Audrey Hepburn. L’attrice vinse la gara niente meno che con Liz Taylor, candidata per la parte, come Gregory Peck vinse su Cary Grant. I primi piani della ragazza sono dunque protagonisti, specialmente il taglio di capelli giustificato - nel film - dal desiderio di evasione della principessa. [...] Vai alla recensione »

martedì 16 novembre 2010
Lady Libro

Un film bellissimo. Un film che ha permesso al mondo di conoscere una delle sue stelle più belle e luminose del cinema: Audrey Hepburn. E' questo il film che l'ha lanciata nel mondo dello spettacolo e nella mente e nel ricordo di infinite persone: una principessa oppressa dai suoi doveri che si concede un giorno di vacanza a Roma, trovando, oltre ad un giorno di riposo e completo divertiment [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 maggio 2015
minnie

Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2010
Renato C.

Ci sono due tipi di films americani girati in Italia: quelli che vorrebbero fare giochetti turistici e vengono fuori films simili ai nostri "musicarelli" con degli strafalcioni tipo i gondolieri veneziani che cantano canzoni napoletane! Quelli che invece vogliono valorizzare alcuni aspetti delle bellezze dell'Italia e del caratere degli Italiani, ed allora vengono fuori dei bei films come "Vacanze [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 luglio 2013
emmylemmon XD

Durante uno dei suoi numerosi viaggi diplomatici, la principessa Anna (Audrey Hepburn) giunge a Roma. Una notte però, sfinita dai numerosi obblighi che la sua posizione richiede, fugge da palazzo desiderosa di libertà... Mentre vagabonda per Roma sotto l'effetto di un sedativo, Anna s'imbatte in Joe (Gregory Peck), un affascinante giornalista, che, provando tenerezza per lei, [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 luglio 2010
paolomiki

Il dopoguerra italiano fa sempre tenerezza.Chi lo avrebbe mai detto che saremmo diventati una potenza economica nel mondo? Grazie alla nostra bravura sicuramente ma anche grazie agli Americani che ci hanno sempre aiutati.Anche questo film è una cartolina italiana imbucata nel momento giusto. La solita storia della principessa annoiata che ha voglia di "normalità" l'abbiamo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 maggio 2011
*Claire*

Un film semplicemente bellissimo ed emozionante. Gregory Peck e Audrey Hepburn formano una coppia eccezionale. Tutti dovrebbero, almeno una volta, vedere questo capolavoro!

mercoledì 30 giugno 2010
tinuccia

un film che mi fa sperare e sognare

venerdì 27 novembre 2009
Tony71

Due i protagonisti indiscussi di questo bel film di Wylerm la Hepburn e Roma. la Capitale assolata fa da sfondo alle avventure della principessa in vacanza. al di la della trama un pò scontata molte scene, come il giro in vespa, sono rimaste nell'mmaginario.

venerdì 13 novembre 2009
eakes

Troppo carino, la coppia Gregory Peck- Audrey Hepburn è bellissima! il film è delizioso, un grande omaggio alla bellissima Roma. E Audrey...cosa non farei per avere il suo sorriso!

giovedì 20 agosto 2009
NancyB

temo di uscire un pò fuori dal coro..ma lei l'ho preferita in colazione da tiffany!!in ogni caso due stelle sono pochissime :-(

mercoledì 14 ottobre 2009
Ekkyla

Quando questo film è uscito non erano nati nemmeno i miei genitori e l'unica cosa che mi faceva venire in mente la frase "Vacanze romane" era la canzone dei Matia Bazar. Fino a quest'anno. Fino a quando non mi sono ritrovata a sbirciare tra i DVD in offerta della collezione anniversario della Hepburn. Così ho deciso di spendere quei 10€ per un film "vecchio", come si dice spesso.

sabato 4 aprile 2009
MiPiaceIlCinema

Perchè è così difficile fare film del genere ai tempi di oggi? Delizioso!

venerdì 13 novembre 2015
Barolo

Affascinante e accattivante,questo film anche se visto e rivisto tante volte, regala sempre  grande divertimento e finale con la lagrimuccia.Come la Hepburn anche noi ci inoltriamo nelle strade di Roma per catturarne le immagini,sentire i rumori ,carpire la magia di questa città millenaria e come la meravigliosa attrice anche noi finiamo con l 'amarla e col pensare"Si [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 aprile 2015
dariotto

un film d amore senza tempo , peccato che non abbiano fatto un secondo film come si usa ora con un lieto fine .mi sono innamorato della hepburn quanto era brava e bella grande pek. bellissimo film divertente con sapore amaro nel finale

sabato 14 febbraio 2015
il befe

una bellissima hepburn

Frasi
Anna: E a mezzanotte me ne tornerò, simile a Cenerentola, là da dove sono evasa, e sarà la fine di una bella favola.
Joe: e sarà la fine di una bella favola.
Una frase di La principessa Anna; Anya Smith (Audrey Hepburn)
dal film Vacanze romane - a cura di ali
winner
miglior attrice
Premio Oscar
1953
winner
miglior soggetto
Premio Oscar
1953
winner
migliori costumi per film in bianco e nero
Premio Oscar
1953
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati