Indigènes

Un film di Rachid Bouchareb. Con Jamel Debbouze, Samy Naceri, Roschdy Zem, Sami Bouajila, Bernard Blancan Titolo originale Indigenes. Drammatico, durata 125 min. - Francia 2006. MYMONETRO Indigènes * * * - - valutazione media: 3,00 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,00/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * - -
Jamel Debbouze
Jamel Debbouze (45 anni) 18 Giugno 1975 Interpreta Saïd
Samy Naceri
Samy Naceri (59 anni) 2 Luglio 1961 Interpreta Yassir
Roschdy Zem
Roschdy Zem (55 anni) 28 Settembre 1965 Interpreta Messaoud
Sami Bouajila
Sami Bouajila (54 anni) 12 Maggio 1966 Interpreta Abdelkhader
Bernard Blancan
Bernard Blancan   Interpreta Martinez
Said, Abdelkader, Messaoud e Yassir, sono "soldati indigeni" che, come 700.000 altri algerini, combatterono al fianco della Francia nella seconda guerra mondiale.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Soldati a tutti gli effetti ma senza diritti
Francesca Felletti     * * * - -

Algeria, 1943. Al richiamo dell'arruolamento per liberare la "patria" francese dai tedeschi, risponde il giovane e povero Said (Jamel Debbouze, il buffo protagonista di Angel-A, bravissimo in questo personaggio orgogliosamente umile), che parte lasciando sola la madre addolorata. Insieme a lui, Abdelkader, Messaoud e Yassir e tanti altri "soldati indigeni" cui l'esercito riserva un trattamento diverso rispetto ai commilitoni francesi. Ai soldati africani non è concesso lo stesso rancio, né le licenze, le promozioni o i ruoli di comando che invece spettano ai francesi. Ma combattono come i loro compagni, muoiono come loro, soffrono come loro e alla fine con dignità e valore conquistano la stima e il rispetto del sergente del battaglione. Combattimenti sanguinosi: Italia, Provenza, Vosges, Alsazia, ricostruiti con un realismo semplice e espressivo, lontano dagli effetti hollywoodiani, si alternano alla vita da campo descritta attraverso i particolari legami psicologici e affettivi che si instaurano fra i soldati. Il regista francese-algerino Rachid Bouchareb racconta un episodio della Storia trascurato dalla memoria collettiva per parlare dei suoi antenati, per trasmettere la grande umanità di un popolo e di una nazione. E lo fa con il respiro ampio di un cinema di guerra classico, profondo e emozionante, privo di ogni retorica.

Stampa in PDF

Premi e nomination Indigènes

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Festival di Cannes
1
0
Critics Choice Award
0
1
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Indigènes adesso. »

Dal Maghreb all'Alsazia contro la Germania nazista

di Roberto Nepoti La Repubblica

Non c'erano solo, a combattere in Italia, i soldati marocchini che violentano Sophia Loren e la figlia nella Ciociara. C'erano migliaia di altri uomini in divisa provenienti dal Maghreb e caduti su tanti fronti della guerra mondiale. Il film in concorso Indigènes, di Rachid Bouchareb, inizia con la partenza di alcuni giovani dall'Algeria e dal Marocco, spinti chi dalla miseria, chi dal desiderio di crearsi un destino, chi dal richiamo della "madre-patria" francese. Che, aldilà della retorica alla quale ricorre volentieri, si rivelerà molto ingrata verso di loro (anche non pagando, nella realtà, le pensioni di guerra ai reduci africani). »

La rivincita degli «indigeni»

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Cinema algerino. Che ormai si incontra quasi soltanto ai festival, spesso però con una certa soddisfazione. Come questa volta, con la presentazione in Piazza Grande (pioggia permettendo) di un film polemico già fin dal titolo, Les indigènes e cioè «Gli indigeni» un termine non certo rispettoso con cui gli ufficiali francesi, nell'Algeria fra il '44 e il '45, definivano gli algerini che avevano arruolato per andare a liberare la Francia dall'esercito di occupazione tedesco. Ce lo spiega, e vi svolge tutte le implicazioni conseguenti, un noto regista nato a Parigi, ma di ascendenze algerine, Rachid Bouchareb, che porta in primo piano soprattutto quattro magrebini partiti volontari, al momento della costituzione di un reggimento «coloniale», ciascuno con motivazioni diverse. »

"Indigènes" di Bouchareb, l'amaro prezzo dell'integrazione

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Erano algerini, marocchini, senegalesi. Nella seconda guerra mondiale combatterono spesso eroicamente con la Francia, ma non avevano certo gli stessi diritti dei francesi. La loro storia non era ancora stata raccontata dal cinema. Lo fa ora con molti mezzi e linguaggio solido, sorvegliato, efficace, il franco-algerino Rachid Bouchareb. Applauditissimo dalla stampa, Indigènes culmina in Provenza e in Alsazia. Fra una battaglia e l'altra sfilano ingiustizie, incomprensioni, rivolte, amori, sogni; e il patriottismo inculcato a forza dagli ufficiali, che divide gli "indigeni" ma finisce per attecchire, specie contro il nemico nazista. »

Maghrebini anzi soldati francesi

di Valerio Caprara Il Mattino

Finalmente un buon film in concorso, ancorché poco appoggiato dal tam tam giornalistico e sprovvisto di credenziali autoriali doc. Si tratta di Indigènes, del giovane francese maghrebino Rachid Bouchareb, che impagina con grande disinvoltura professionale le avventure del battaglione formato da coscritti delle colonie francesi del nordafrica che si coprirono di gloria e di maldicenze combattendo contro i nazisti agli ordini degli Alleati. Recitato alla grande, scandito da un montaggio mozzafiato, realistico nelle scene a tutto schermo benché del tutto alieno dagli effetti speciali, rigoroso nelle referenze storiche, Indigènes non tenta di beatificare la lunga strada verso la vittoria del pugno assai speciale di soldati: se tanto cinema usa collegare questa marcia alle barbarie delle razzie e degli stupri tramandati, per esempio, da capidopera del livello de «La ciociara», Bouchareb si guarda bene dal sorvolare sugli episodi vergognosi (come quando i nostri derubano i cadaveri), ma poi risolve i rapporti interpersonali, l'acme dei carnai, le pause di sconsolata felicità con un piglio degno di classici come «Il grande Uno rosso» o «Salvate il soldato Ryan». »

Indigènes | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Festival di Cannes (4)
Critics Choice Award (1)


Articoli & News
Link esterni
Sito Ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità